username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Marco Bo

in archivio dal 23 mag 2013

Periferie del mondo

mi descrivo così:
"Chi può dire di che carne son fatto? Ho girato abbastanza il mondo da sapere che tutte le carni sono buone e si equivalgono ma è per questo che uno si stanca e cerca di mettere radici, di farsi terra e paese perché la sua carne valga e duri qualcosa di più che un comune giro di stagione" C. Pavese

10 dicembre 2014 alle ore 9:48

lievi increspature di vita

al contrario di chi credeva di sapere tutto 
io sono partito presto
che al buio e al fresco si cammina meglio
e così sul cammino ho incontrato 
prima una certezza e poi un poteva essere 
una mappa del tesoro e poi un imbroglio
un segno di pace e poi un pedaggio
un miraggio un graffio al cuore e poi un bacio al vento
e alla sera al calar del sole
ancora un dubbio un nodo 
ancora un ingarbuglio da sbrogliare e tanti ricordi 
antichi che uno alla volta tornavano ad incontrarmi su questo sentiero 
di periferia

altro non ho altro non so se non che andrò avanti fino a che vedrò 
innanzi una prospettiva una profondità un crepuscolo da esplorare là 
davanti
una lieve increspatura di vita sulla linea spazio temporale

questo prego e spero 
sotto questo temporale
prego e spero che i miei occhi non vedano, non distinguano mai tutto
chiaramente
la linea dell'orizzonte 
e le mille sfumature
e così baciato dalla consapevolezza di non sapere andrò avanti ancora e ancora 
e che sia quello che deve essere presso questi grigi sentieri di 
periferia
e così sia

Marco Bo http://cantidallaperiferiadelmondo.blogspot.it/2014/12/lievi-increspature-di-vita.html

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento