username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Marguerita Duras

in archivio dal 07 feb 2013

04 aprile 1914, Saigon - Vietnam

03 marzo 1996, Parigi - Francia

segni particolari:
Marguerite Duras è lo pseudonimo di Marguerite Donnadieu. Tra i miei scrittori preferiti ci sono Steinbeck, Hemingway e Pavese.

mi descrivo così:
Scrittrice e regista francese diventata nota al pubblico internazionale con il best-seller L'amante.

07 febbraio 2013 alle ore 8:36

L'amante

di Marguerita Duras

editore: Feltrinelli

pagine: 128

prezzo: 5,95 €

Acquista `L'amante`!Acquista!

Per alcuni libri dovrebbe essere necessario spogliarsi. Approcciarsi in modo del tutto primigenio ad ogni singola parola e pagina. Bisognerebbe esser nudi, avulsi da percorsi e farsi ricamare addosso la materia.
Quella de ‘’L’amante‘’ è una storia persa. Una ‘’distesa desertica‘’ dalla quale urlare.
Siamo nell’Indocina degli anni trenta, sulle rive del Mekong s’affaccia un viso bambino contraddittorio nella fragilità degli anni. Volto che presto sarà invecchiato dall’esperienza, dall’afa, dall’incontro con l’uomo cinese ricco.
La Duras è struggente nella prosa scarna, terribile, ma al contempo dolce nel rivivere la sua non storia autobiografica.
La memoria è strumento evocativo nostalgico e violento, su uno sfondo familiare di anime intrappolate in una condizione da cui fuggir via.
La scrittura intensa sembra voler risucchiare da ogni evento una verità non detta. Tanto da rendere il romanzo un’espressione ermetica di pura poesia.
Un romanzo del corpo, quasi fosse espiazione di altri dolori lontani, inafferrati.
Così come s’espande il senso d’un amore viscerale ed evanescente. Mai aperto, né rivendicato.
Riconosciuto soltanto in traversata, sulle note d’una musica e nelle pieghe d’un viso ormai devastato.

recensione di Elisabetta Pedata Grassia

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento