username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Maria Alonzo

in archivio dal 10 dic 2005

01 dicembre 1945, Milano

28 dicembre 2005

L'estranea

Con lo sguardo smarrito del viaggiatore

perso tra le vie clandestine

di una città di passaggio

avvolgi con gli occhi sgomenti

i patetici orpelli della tua casa

stancamente addossati ad ossute pareti

gravide di santini ignobili

non ricordi neppure quando

quei luoghi divennero tuoi

-semmai furono tuoi-

e quale parte della tua vita

in essi è trascorsa

con la lentezza dell’aqcua del fiume

con l’apparente immobilità dell’acqua del fiume

non riconosci la tua scrivania

i volumi nella libreria

gli abiti ammassati nell’armadio

neppure il talamo dove concepisti tuo figlio,

ridotto a un groviglio di lenzuola sgualcite.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento