username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Maria Pia Damiani

in archivio dal 19 mar 2007

14 febbraio 1964, Genova

segni particolari:
Visita il mio sito e lo saprai.

mi descrivo così:
Non lottizzata, non raccomandata.

11 maggio 2007

In memoria

Il mio ricordo si perde in quell’autunno
Quando ebbri di giovinezza
Ci trovavamo insieme a quel raduno
Alberi novelli con incisi in cuore
Gemme di foglie e fiori
Petali di sogni intonsi
Turgidi e fulgidi affogati di colori
Essere o non essere
T’amo o pio bove
Vibrava di note cristalline
Il timbro della voce
Nei brani più impegnati a declamare
I suoni arditi e la dizione

 

Prima un caffè  però per darci forza
Nella piazzetta vicino all’auletta

 

E poi insieme a penetrar la notte
Negli antichi  meandri cerebrali
Di una città preziosa e ombrosa
Sentendoci protetti e più sicuri
Raccolti dietro  vecchi muri
Con i vetri appannati degli scuri
Sfamandoci in bettole a carbone
Di torte e farinate e vino bianco
E andando lieti a gorgheggiar
Negli anfratti di ogni  piano bar
Fino a strizzare l’occhio all’alba
Con la macumba della cucaracha
Ad ogni curva nella vettura pazza

 

Ma il vento sfoglia lesto il calendario
Di un vecchio film americano
E  i fogli vanno come sabbia al vento

 

Qualcuno oggi si ritrova  grigio
Qualcuno si è disperso suo malgrado
E purtroppo non è più tornato

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento