username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Mario Luzi

in archivio dal 12 mar 2007

1914, Firenze

2005, Firenze

segni particolari:
In occasione del mio novantesimo compleanno sono stato nominato senatore a vita della Repubblica italiana.

mi descrivo così:
Sono stato un poeta e scrittore italiano. Occupo un posto particolare nella famiglia dei cosiddetti ermetici e, insieme a Bigongiari e a Parronchi, si può dire che costituisco il culmine dell' "ermetismo fiorentino".

12 marzo 2007

Nella Hall

«Questo vuole il tuo tempo, perchè non gli vai incontro?»
rimugina senza ironia apparente costui
non molto lontano dal pensare
a un'anima nuova di zecca pronta per il cambio.
«Devoti sempre, devoti a qualcosa; e quando
non si crede più a niente devoti al nostro tempo»
gli risponde qualcuno, forse io,
forse lo stesso onnipresente automa
toccato da altra mano, in altro pulsante.
Né lui vede un amico d'altri tempi
in me che lo giudico e lo guardo
ugualmente estraneo, in questo vestibolo d'albergo,
ma un'incognita appena appena umana,
un volto forse, ma contaminato da un morbo.
«Neppure la natura è eterna» ricomincia ascoltando la sua
[ voce
che infatti prende quota nella penombra,
grave, con volo per un attimo di condor.
«Ma eterno è il suo mutamento»
gli dico io poco smanioso invero
d'afferrare quel filo troppo logoro
passato per la cruna della sua mente.
«Colpisci, colpisci a bruciapelo l'istante»
ammonisce affondato nel suo peso
quell'uomo che mi parla
quasi fossimo a due diverse altezze,
lui dove soffia lo spirito e io nel fango.
Mentre fuori è giorno, mentre la vetrata canta
scolpiti nella luce nuova i monti
e il lago raso rigato da un solo cigno.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento