username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Martina Pensa

in archivio dal 15 gen 2012

19 ottobre 1990, Roma - Italia

segni particolari:
... i miei occhi sono sempre lucidi, sono la luna, ma come il sole vorrei essere...

17 gennaio 2012 alle ore 22:21

La casa di vetri

Una casa di vetri,
curioso spettacolo,
alla mia vista si pone.
La mano esitante,
della porta invetriata,
afferra la maniglia.
Con sgomento e dolore,
la presa si polverizza
tra le dita bagnate di sangue.
I palmi sofferenti
trovano sollievo
sfiorando i gelidi muri
della dimora stregata.
Le pareti, aizzate
da un rumore assordante,
con ritmo incalzante
tremano in preda
a convulzioni.
Traumatizzate dalla furia
delle incessanti vibrazioni
si infrangono
in un boato tagliente.
Paralizzati sono i muscoli,
le arterie, le cellule, ma
gli occhi seguitano a guardare.
Paesaggio vuoto,
nessun contenuto
all'interno della casa vetrata,
o forse,è abitata
da qualcosa di ignoto,
di inaccessibile,
di invisibile
alla razionalità del mio sguardo.
La casa di vetri
è la mia intima casa,
quella di cui ho paura,
quella che non vorrei conoscere,
quella dei miei sogni,
quella in cui abita
il mio solitario inconscio.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento