username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Massimo Dagrada

in archivio dal 05 dic 2012

26 luglio 1957, Santa Cristina e Bissone (PV)

mi descrivo così:
Tristallegro a minuti alterni, insonne perenne, grafomane notturno, pensatore diurno. Sognatore sempre.

22 dicembre 2012 alle ore 14:55

Sòm fiò d'la pianura

Som fiò d'la pianura

Sòm fiò d'la pianura,
sòm fiò d'la campagna,
sòm fiò di riser,
cui ran e i airon,

d'la melga d'estad,
di marsid giasà. d'la nev inti prà,
c'andevat a cà
cui pè tut bagnà.

Sòm fiò di fòs,
d'andag a fà al bagn,
d'andà a sugà, tirà su bis e pès,
cui sanguet tacà dapartut.

Sòm fiò d'la nebia
c'at fà ved no i bòsc,
d'andà a fà i ciudin
tacà tac i cèp.

Sòm fiò ad Canal,
d'andag in barcè
e no cul mutur,
par ved ben i riv,

i mòl, i prismà.
Par vèd anca i sut,
parchè cul barcè
at'pò andà dapartut.

Sòm fiò d'la pianura,
sòm fiò di me temp,
chi temp chi gh'en pù

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento