username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Massimo Gramellini

in archivio dal 24 set 2013

02 ottobre 1960, Torino

segni particolari:
Il mio corsivo "Il Buongiorno" sulla Stampa è un vero e proprio cult del giornalismo italiano, paragonabile alla rubrica "L'amaca" di Michele Serra.

mi descrivo così:
Sono un giornalista e scrittore italiano. Sono partito raccontando il primo scudetto del Milan di Berlusconi, sino ad arrivare a pubblicare "Fai bei sogni", un romanzo che ha venduto oltre un milione di copie.

24 settembre 2013 alle ore 8:52

Fai bei sogni

di Massimo Gramellini

editore: Longanesi

pagine: 209

prezzo: 12,67 €

Acquista `Fai bei sogni`!Acquista!

"Fai bei sogni" è un romanzo autobiografico e introspettivo, redatto dall’acuto giornalista e scrittore Massimo Gramellini. E’ il racconto della sua vita. E’ la storia di un bambino che perde la mamma in circostanze che subito non riesce a comprendere e che poi però, divenuto adulto, non ha il coraggio di guardare in faccia. L’elaborazione del lutto dura quarant’anni, ma l’autore alla fine, grazie anche all’amore di Elisa, riuscirà a superare il terribile trauma infantile e a comprendere l’importanza del perdono. Grazie a questo tortuoso e doloroso viaggio interiore, Gramellini riuscirà ad ottenere quella felicità che ogni uomo avrebbe il diritto di vivere. Per dirla alla Dante, per arrivare in Paradiso bisogna prima passare per l’Inferno e il Purgatorio; ecco il motivo per cui l’autore per superare la sofferenza deve innanzitutto immergersi in essa e affrontare un percorso intriso di quella angoscia che poi lo porterà alla serenità esistenziale.
Il libro è davvero bello e consiglio di leggerlo, ma una breve nota critica mi sento di esprimerla ugualmente, essa concerne la parte iniziale. Personalmente credo che in alcuni passaggi il suo proverbiale umorismo, visto il drammatico tema, si riveli un po’ forzato e pertanto non l’ho particolarmente gradito.

recensione di Enza Iozzia

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento