username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Matteo Cammisa

in archivio dal 01 ago 2006

31 ottobre 1985, Lucca - Italia

16 settembre 2009

Pensami

Pensami, ti prego.
Pensami di notte
quando si fa vivo
dentro al cuore spugna
l’olio di dolore
memore del noi
ferro come d’una
frusta nera sangue.
Decadente quadro.
Scorre come fame
d’astinenza in crisi
ricordare me
il fottuto noi
presto andato perso
conto di un destino
vinto e reso morto.
Pensami, ti prego
facile bastardo!

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento