username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Matteo Mazzoni

in archivio dal 04 lug 2009

07 settembre 1970, Firenze

segni particolari:
?

mi descrivo così:
Penso, scrivo, ho la testa confusa e il cuore ancora di più...

10 luglio 2009

Radio

Intro: Quando a farci compagnia in auto è la radio, non ci si sente mai soli. Succede al protagonista di questa storia “lampo”. Un ascoltatore che, come tanti di noi, si ritrova fermo nel traffico a dare il suo personalissimo concerto rock con tanto di “air guitar”.

Il racconto

To pass day... To pass night... Every day... And every night... Radio Subasio!

 


Almeno mi pare che dica così. Chissà perché l'ascolto solo in macchina. Per sentirmi in compagnia, forse. Quando ho comprato questa macchina non pensavo che ci avrei quasi sempre viaggiato da solo con Radio Subasio. E invece per ora la ragazza che ha viaggiato più spesso con me è stata Susanna Scalzi. A me le rosse piacciono anche, ma un po' meno stagionate... Oh, scherzo, Susanna, lo sai che amo solo te...


Ma se mi mettete "Amore bello" mentre sono bloccato nel traffico sotto la pioggia, per la mia depressione latente comincia ad essere davvero troppo! Allora passo su Virgin... Ma dov'è? La prima cosa che faccio quando salgo in macchina dopo che l'ha presa mio fratello è togliere Virgin Radio... E ora? Ora mi tocca fare tutto il giro, perché ho rotto il tasto e la frequenza sale e basta. Virgin è vicina a Radio Maria! Guarda un po'... Per attinenza? E chi c'è? Kid Rock? Vai!!!


- ...And we were trying different things, we were smoking funny things, making love out by the lake to our favourite song... Sipping whiskey out the bottle, not thinking 'bout tomorrow, singing Sweet Home Alabama all summer long...


Ma che sto cantando? E facendo... Altro che tamburellare con le dita sul volante! Che penseranno quelli che mi vedono suonare una chitarra elettrica immaginaria, che per di più sembra avere solo il manico? E se non fosse che muovo continuamente su e giù indice, medio, anulare e mignolo, il gesto sembrerebbe anche un po' equivoco... E imito pure il verso della chitarra elettrica con la bocca... Ho scoperto solo da poco che si chiama “beatboxing”. Intanto qui non ci si muove nemmeno per idea...

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento