username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Maurizio Cortese

in archivio dal 27 ott 2009

12 marzo 1956, Verona

mi descrivo così:
Sono un uomo colpito dalla bellezza che lo sguardo coglie e la parola veicola, ma sono anche convinto che tale bellezza è un dono offerto e talvolta immeritato.

27 ottobre 2009

Alla ricerca di una traccia

Ancora non so cosa mi spinge
a porre l’orecchio trepidante
negli angoli riposti della casa.


E’ forse la mancanza inaccettata
del suono dolce di una tua risata
del tono fermo di una tua parola.


Solo il silenzio si offre inusitato
la calma vincitrice tutto ammanta,
ma il regno invisitato dello studio
a me rammenta gesti quotidiani.


Oggi la sera si apre ospitale
a volti nella grazia già cambiati;
sgranando lenta la corona familiare
infine sento nelle voci oranti
un’eco che non si addice loro:
così la tua presenza è manifesta,
certezza di un legame che continua.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento