username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Menotti Lerro

in archivio dal 15 nov 2006

22 febbraio 1980, Milano - Italia

mi descrivo così:
Nota Biografica: http://biografieonline.it/biografia.htm?BioID=2257&biografia=Menotti+Lerro

27 aprile 2015 alle ore 14:23

2084. Il potere dell'immortalità nelle città del dolore

di Menotti Lerro

editore: Zona Contemporanea

pagine: 240

prezzo: 12.75 €

Acquista `2084. Il potere dell'immortalità nelle città del dolore`!Acquista!

Una "full immersion" tra presente, passato e futuro, alla ricerca di un senso e di frasi o lettere apparentemente senza senso. Un viaggio, quello percorso da Lerro Menotti, al confine tra la fantascienza e l'illusione di vedere come il mondo potrebbe apparire se fosse privo di ospedali, di malattie, di dolore. Una sorta di panacea che tocca il mito dell’immortalità e rende l'uomo così capace di vincere la paura della morte stessa, e del tempo che passa.
Avventure che si susseguono, tagliate da flashback e scandite da ricorrenze, luoghi, persone, accomunati dalla volontà di vivere con consapevolezza anche l'inconsapevole.
Dettagliato nella descrizione, anche cruda, di quanto l'uomo possa essere azione/reazione che conduce il suo intimo in equilibrio precario, tra la ragione e follia.
Storie intrecciate, come quella di Gilda, Albert, Dominic, Andrew, Carlitos Clown, Vladimir, Niňo, che narrano di amore, odio, paura, rabbia, frustrazione; suddivise in tre parti, utilizzando tre modi diversi di scrittura: diario, lettera, narrazione.
Tre forme, che possono metaforicamente essere interpretate come l'Io, l'anima e il corpo, o i tre "IO" dell'analisi transazionale psicologica. Transizioni che trasportano lo scrittore attraverso stati d'animo diversi: "io-genitore" (con richiami epistolari alla figura paterna e educativa per eccellenza), "io-adulto" (ove non mancano osservazioni e stimoli dati dalla contingente situazione vissuta o dalle esperienze avute nel corso degli studi/viaggi) e "io-bambino". In quest'ultima l'esplosione della creatività, della spontaneità e della grande forza di intuire come il mondo nel 2084 possa esprimere una posizione esistenziale, e strategie, atte a carpire nel quotidiano, le risposte al cinismo, alla futilità materiale e sicurezza. Un iter contro le lesioni che troppo spesso sono la causa lacerante del malessere umano. La ricerca di complicità è a volte maniacale, ma è la stessa strada che conduce poi alle origini e alla vera libertà. 
Chiaro è il riferimento al romanzo distopico per eccellenza: "1984" di George Orwell, dove l’utopia di avere in mano il controllo dell’esistenza, catapulta verso la demolizione della stessa.
"Chi controlla il passato controlla il futuro. Chi controlla il presente controlla il passato".
Un coraggioso sentire, che accompagna Menotti all’abbattimento di muri, sia materiali che psicologici, riscoprendo nell'apparente follia, la sana verità, che ha il potere di vincere le imposizioni, i cambiamenti e l'amaro distacco.

recensione di Dulcinea Annamaria Pecoraro

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento