username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Michele Prenna

in archivio dal 10 apr 2011

19 ottobre 1946, Venegono (Varese) - Italia

mi descrivo così:
Estroverso e comunicativo sono da sempre onnivoro lettore con grosse curiosità intellettuali. Sposato con due figli grandi, terminata la carriera d'insegnante di lettere, ho scoperto la scrittura poetica e la fotografia: hobbies che sinergicamente abbino.

16 settembre 2016 alle ore 14:37

Enea a Didone

Ci sorprese la pioggia, ricordi?

Avevo negli occhi l'incendio
della mia patria distrutta
ed il tuo cuore piangeva
il talamo con i suoi geli.

Ci spinse per questo la grotta
al dolce rapitoci da tanto dolore
e il cuore riprese forza da amore.

Dopo volevi tenermi per sempre
accanto a te amato sposo
e non compresi che a morte
l'abbandono mio t'avrebbe portato.

All'alba sciolsi le vele
a settentrione puntando
così Pallade volle
forzandomi a seguire la Sorte.
 

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento