username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Nello Vittorio Maruca

in archivio dal 20 apr 2011

03 dicembre 1937, Falerna - Italia

segni particolari:
Nessuno

mi descrivo così:
L'umiltà è la mia forza.

20 aprile 2011 alle ore 18:08

La yena

Una turpe figura, carca di lordura,
da capo a piedi naviga nel fango.
Pelosa e brutta, verme di trattura
confà dei striscianti al tristo rango.

Di corpo tozzo,dall'aspetto rozzo,
da petto prospicente a mò di vacca
che par'essere tutt'uno al mento gozzo
ch'accompagna lo stomaco in risacca.

Pare un porcone, tant'è cafone;
solo sembianza ha d'umana gente,
diventa yena accanto alle persone,
per essa il male é il bene più fervente.

Indegnamente siede in posto altrui,
in loco non adatto a villania;
qualcuno va piangendo:Ah! dov'io fui:
Quel posto l'ha ridotto ad osteria.

Se,poi, parlar potessero i canneti,
se dir potesse il loco detto Tonnara,
se disquisir potessero gli abeti
direbbero:Dei vermi é ancor men cara.

Or ch'à raggiunto il sospirato trono
l'ha reso lordo e pieno di vergogna
perché le yene ch'anno l'oro in dono
gradiscono più d'esso le carogna.

Poiché incapace in movimento
vive la yena in circoscritto ambiente,
raspa nel fango con il muso e il mento
giacché di forza d'intelleto assente.

La dignità per essa é cosa astrusa,
per due lenticchie ha dato il corpo untuoso,
donato l'ha come si dona cosa:
Vergogna è di famiglia e dello sposo.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento