username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Nello Vittorio Maruca

in archivio dal 20 apr 2011

03 dicembre 1937, Falerna - Italia

segni particolari:
Nessuno

mi descrivo così:
L'umiltà è la mia forza.

20 aprile 2011 alle ore 19:13

L'arranco

Al fine d'onorare il suo carisma
che gli animi seduce da fantasma
a Cacciatore dedico quest'inno
per dire dell'arranco,forse indarno.

A traghettare anime dall'altrui sponda
trovossi, per tant'anni, con Caronte.
La barca vecchia,non regge alla fort'onda
perciò s'adagia a spiaggia ch'é di fronte.

Nella palude incaglia e, lì affonda
ma il nocchiero tenta la fort'onda;
a nuove leve rivolge idee ardite
mentre le vecchie tenta tenere unite.

S'appresta, indi, a far la nuova conta
onde saper la schiera a quant'ammonta;
se al recupero tornar di vecchia barca
o di veliero issarsi d'altra marca.

La schiera di pria spera l'abbia ancora
e suffragio crescendo risulti ognora.
La ciurma ch'avea prima l'ha tuttora
e arricchita è ora più di allora.

L'idee son chiare, non é dubbio alcuno:
La rotta invertire deve del naviglio
ed indietro riportare tutti e ognuno
e, non lasciare alcuno in quel groviglio.

Col fare suo suasivo e diligente
ad una ad una accosta la sua gente,
cerca persuadere chi digrigna il dente
e quì dimostra quanto ch'é valente.

Con le bandiere rosse ammainate
sono al ritorna stanche, amareggiate
quell'anime che pria avea deposto
in quello che diceva giusto posto.

Era l'orgoglio del Partito rosso,
era la speme della gente mesta
or si è posato nel partito grosso
ed ha lasciato quella gente onesta.

Ah! Se in vita tornasse l'Alma eletta
resistere non saprebbe a tanto sfascio,
non capirebbe mai perché dalla riscossa
si sia adagiato sul deprecato Fascio

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento