username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Nicholas Caporusso

in archivio dal 18 giu 2007

31 marzo 1981, Bari

20 giugno 2007

Ad un poeta

La poesia piange lacrime
sbiadisce le pagine
la memoria di parole sudate di nero.

Sul terreno il sangue scorreva
sulle foglie bagnate dall’alba
fuori dal corpo spento.

Occhi immobili, spenti,
piangono il silenzio.

Tre lacrime,
tre fazzoletti al vento
per l’uomo, per il poeta, per il mondo intero.

Tre pugni
e la terra tutta si stringe in un solo lamento,
in una veste inutile e fredda.

Tre parole.
Nei versi nessun commento.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento