username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Niva Ragazzi

in archivio dal 05 apr 2006

20 dicembre 1952, Poggio Rusco (MN)

segni particolari:
Nel Comitato dei Lettori dal 2011

06 febbraio 2009

Ragazzina

Intro: L’ingenuità, l’allegria e la voglia di vivere è più forte di qualsiasi cosa. Anche di un uomo che cerca inutilmente di farti capire quanto la vita sia sfuggevole.

Il racconto

Mi hai detto di parlarti seriamente, non sei più una bambina.
Ed io ho sorriso e ti ho carezzata.
Amore, tu sai solo di favole e non vedi che le regine non hanno più lacrime e sorrisi per questo nostro giorno.
Tu cammini lungo questa vita eterna e ti credi eterna anche tu, per un miracolo di primavera.
Il dolore è solo una parola brutta e tu sei così giovane e tenera che non sai guardare la sofferenza.
Perché non ci credi, ancora, e puoi solo soffrire di un gattino o di un fiore, ma senza molta convinzione.
Eppure, in fondo alla tua anima fresca di gioventù, senti sconvolgimenti strani, senti maree improvvise che tu non sai, che non ammetti.
Allora parli di malinconia e vieni di corsa a cercarmi per chiedermi con gli occhi grandi e tristi di aiutarti.
Amore, senti, vorrei dirti allora, lascia questo tuo rivestimento di incoscienza e cerca di capirmi bene.
Se io ti parlo di morte, non pensare solo alle candele; se ti parlo di guerra, non pensare solo ai film; se ti parlo d'amore, non pensare solo ai Baci Perugina.
Vorrei farti capire che oltre le stelle in cielo non c'è una Terra Sconosciuta e finalmente vedere nei tuoi occhi grandi la paura.
Amore mio, come posso aiutarti se tu non mi ascolti, se mi guardi solo e sorridi arrotolandoti un ricciolo bruno attorno alle dita?
Come posso farti capire che tu sei viva come io sono vivo, perciò un giorno morirai, amore, soffrirai di questo schiantamento dell'anima dal corpo e non sarai più su questa terra, ma solo carne putrefatta e polvere.
Ma tu ridi, mi metti le braccia al collo e ridi.
Ho voglia di farti male, ma sei troppo giovane.
Allora chiudo gli occhi e ti bacio.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento