username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Noemi Leigh

in archivio dal 02 apr 2007

19 aprile 1981, Samoe Islands

mi descrivo così:
La mia vita è la mia arte... la mia musica il mio cielo... il mio mondo un urlo di disapprovazione.

02 aprile 2007

Il viandante

Un giorno un viandante
posò la sua mano sulla mia
e mi chiese di accompagnarlo
in un viaggio senza fine.
Accettai, e seguii il suo folle cammino.
Mi portò in una terra magica
che tanto avevo desiderato vedere.
Mi portò in riva al mare
e mi dimostrò che l'amore
poteva anche fare volare.
Mi costruì un castello
e là vivemmo,
tra pareti di illusioni.
Ma le pareti erano fredde
e le illusioni erano solo le mie.
Un giorno
il viandante mi ha abbandonata.
Mi ha detto:
"Ora segui la tua strada",
e mi ha lasciata sola.
Lo aspetto ancora,
tra le nuvole del cielo
che l'ha portato via da me,
ma i viandanti,
a volte,
non tornano più.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento