username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Pasquale Di Nitto

in archivio dal 23 nov 2009

19 gennaio 1973, Formia

segni particolari:
Giorgio Barberi Squarotti: 'Caro Di Nitto, il suo discorso d'amore è intenso e originale, al di là di tantissimi testi amorosi, antichi e moderni'

17 settembre 2010

In camera

Erano tristi un tempo i poeti
e sapevano confortarmi e stringermi come un figlio
non ancora giovani e già maturi
figli di una casa umida e di una triste sera
mentre rincasavano e poi svanivano
sempre alla stessa porta e alla stessa ora
le mie notti erano meno sole
già con un semplice lamento
un cenno del capo un’espressione del viso
confortevoli notti fino all’alba
e sì che preferivo allora non tardare
stringermi in casa in quelle veglie tiepide
tra le pieghe di un sorriso
un sussurro di conforto che mai finiva
scartando le pagine e sottolineando i pensieri
rimanevo spesso con la fronte incollata alle pareti
appena il sonno mi stordiva

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento