username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Patrizia Chini

in archivio dal 14 mag 2011

Roma - Italia

mi descrivo così:
Scrivo racconti e poesie... passioni a cui ho potuto dedicarmi maggiormente da quando, smesso l’abito di maestra elementare, sono pensionata…. Amo anche il disegno, la pittura e la musica ma soprattutto i due nipotini con i quali gioco e a cui leggo favole.

05 gennaio 2018 alle ore 23:49

Animale ingrato

M’inchino a te anno novo
che sei venuto ar monno
la notte der 31 urtimo scorzo
T’avemo aspettato
T’avemo preparato un po’ de botti
na bottija de spumante frizzantino
e ’n panettone tajato a fette grosse
Sei nato a mezzanotte
quanno er celo de Roma era fiorito
de mille e mille fochi d’artificio
Tutti a fasse “I più sentiti auguri”
abbraccci e baci e...“Volemose bene”
Caro Anno Nuovo
all’inizzio è così,  tu sei er più bono,
er più bello de tutti quelli
che t’hanno preceduto
Ma cor passar der tempo
vedrai che nun te se fila più nessuno
diranno che è corpa tua pure
se l’IVA aumenta
o se va tutto male
spesso te diranno
“Sei 'n anno disgraziato!”
perché devi sapè
che l’omo a vorte è...
‘n’animale ingrato

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento