username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Patrizia Chini

in archivio dal 14 mag 2011

Roma - Italia

mi descrivo così:
Scrivo racconti e poesie... passioni a cui ho potuto dedicarmi maggiormente da quando, smesso l’abito di maestra elementare, sono pensionata…. Amo anche il disegno, la pittura e la musica ma soprattutto i due nipotini con i quali gioco e a cui leggo favole.

24 maggio 2013 alle ore 15:42

Fatte 'sta 'nsalata

Quanno l’afa t’abbiocca...
uno deve pur magnà,
ma sicuro nun te va
né pajata né minestra...
te va mejo ‘n insalata
preparata la per là...
Voi sapè come se fa?

Sceji ‘n cetriolo fresco
che sia giovane e gustoso
taja er pezzo der picciolo,
poi strofinalo cor resto
così perde ‘n po’ l’amaro
in più è propio delicato

Poi lo sbucci e lo riduci
a fettine o a “dadolini”
come dice “Antonellina”
che s’intenne de cucina.
Ce poi aggiunge ‘n pommidoro
‘na carota a la julienne
‘na cipolla fina fina
fatta co l’amandolina

Ce va pure, te lo dico,
‘na  fojetta de basilico
e der sellero più tenero
quattro o cinque  costoline...
e pe finì sta leccornìa
butta olio a volontà
spargi sale quanto basta
e ‘na saggia dosatina
dell’aceto de cantina.

Je voi dà ‘n po’ de colore?
Quarche striscia de radicchio
due olive baresane
tanti rossi ravanelli
e poi... basta!
Che artro voi?

L’insalata pe’ esse bona
nun ce serve tanta robba
ma ha da esse strapazzata,
maneggiata e ‘carezzata
come fa ‘n omo a ‘na donna
ner momento dell’amore
quanno se la strigne ar core.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento