username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Patrizia Solazzi

in archivio dal 20 set 2007

30 maggio 1955, Milano

mi descrivo così:
Sono una scultrice, scrivo per dare lentezza alla polvere che troppo rapida passa tra le mia dita.

21 settembre 2007

Il corteo

Resta,
quel muto corteo
sfilando nella cruna,
aghi per trame
sottese
pronte
per sudari candidi.

 

Mesti
andremo svelti
al desiderato verso
nel controverso
controcanto.

 

Resta,
le mani di pioggia colme
mentiremo su noi
di controvento il caos
a carte coperte
i castelli fantastici.

 

Sdràiati ,
al limite dell'onda leggera
fiume placido e grigio
di nebbie umide
sui ciotoli bianchi.

 

Resta,
si alzeranno le Alzavole
tra i canneti mormoranti
e nuovi nell'acqua
saranno presto
i girini impazienti
tra le dita
dei nostri piedi nudi.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento