username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Pierpaolo Ciracì

in archivio dal 11 feb 2012

27 dicembre 1992, Brindisi - Italia

12 febbraio 2012 alle ore 0:02

io aspetto un tuo abbraccio

Colorare i tuoi occhi d'azzurro con un pennello preso dal cielo, è quello che farei se il mio tempo incontrasse il tuo almeno una volta.
Smetterei di guardarti in quello specchio rotto appeso all'altezza del petto e comincerei a sorridere dentro, non solo con il viso.
Pensandoci sarebbe più facile cogliere un fiore dal sole che dal tuo giardino, ma il solo ricordo del tuo volto mi dà la forza per commettere ogni atto folle.
Non sai quanto ti amo. Dubito che qualcuno mai proverà le sensazioni che provo io pensando a te.
Ogni litigio brucia come una ferita aperta nell'immensità dell'oceano ed ogni pensiero mi trafigge la mente con milioni di spine avvelenate, questo mi impone di capire che il mio è un sentimento unico.
Invece no. Giuralo e dì ancora di amarmi, voglio sentire la tua voce. voglio ricordare i momenti che passavo con te nei miei sogni da bambino.
E' tanto dolce la pena dell'attesa, specie quando il desiderio atteso non ripaga la nascita di lacrime e la morte di sorrisi.
Chiudo gli occhi e sento il vento sulla pelle.
Apro gli occhi e ti vedo sospesa da terra,in volo tra le mie braccia per colmare vuoti e pensieri malsani che mi ricordano soltanto che ti amo e ti amo da morire.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento