username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Filtri di ricerca
  • La poesia contiene la parola
  • Nome autore

Poesie

“Uno sguardo vergine sulla realtà: ecco ciò ch'io chiamo poesia”
Edoardo Sanguineti


Le poesie dei nostri autori sono tutte raccolte qui.
Se vuoi inserire le tue poesie in una pagina a te riservata, iscriviti ora e scopri come fare!

elementi per pagina
  • 30 aprile 2008
    Ogni secondo di noi

    Chi mi restituirà
    ogni secondo
    di te ?

    Ogni cosa di questo mondo
    invecchia
    senza tregua;
    invecchierò anch’io
    nella follia
    del ricordo di te, che si dilegua
    per la tua assenza, che è la mia
    condanna eterna.

    Chi mi restituirà
    ogni secondo
    di noi ?

  • 30 aprile 2008
    In te

    L’indescrivibile è descritto.

    Ogni parola
    uscita dalla tua bocca
    prende forma
    e personifica emozioni,
    ogni sguardo
    dei tuoi occhi disegna
    momenti di passione,
    ogni gesto
    delle tue mani colora
    l’aria di arcobaleni.

    In te
    ogni vissuto
    diventa un sogno,
    in te
    ogni secondo
    diventa una vita
    piena di te,
    indescrivibilmente
    descritta
    da te.

  • 30 aprile 2008
    Guardando la Luna

    Perché mai sorgi
    ogni sera
    a illuminare
    la distanza
    che ci separa
    e la realtà
    che ci divide?

     

    Perché mai sorgi
    ogni sera
    ad infliggermi
    i riflessi
    di questo specchio
    di crudele verità ?

     

    Oscurati !
    Sparisci dalla mia vista !
    Lascia che la notte sia notte
    e di sogni d’amore
    la realtà sia vestita,
    lascia che il buio sia buio
    e nei chiusi occhi miei
    la distanza mai sia esistita.

     

    Perché mai sorgi
    ogni sera
    a dar romanticismo ai cuori
    se lei non è qui con me
    a dare cuore
    al mio romanticismo
    e
    amore al mio amore ?

  • 30 aprile 2008
    Dio è bellezza

    Dio è bellezza
    e ama la bellezza!

    Come faccio a saperlo?
    Ha sognato
    pensato
    dipinto
    te.

  • 30 aprile 2008
    Così vicina

    Così vicina mi sei
    e così addentro, nelle mie vene,
    che fuggire lontano da te
    è fuggir da me stesso...

    Così vicina mi sei
    e così addentro, nel mio cuore,
    che amando te
    amo me stesso...

  • 30 aprile 2008
    Sei così

    Sei così bella
    ai miei occhi
    che mi fai dimenticare
    il valore delle cose,
    persino il valore di me stesso
    tanto che a volte
    mi svenderei pur di averti
    e già l’ho fatto.

  • 30 aprile 2008
    Confutatis maledictis

    Non conta più nulla,
    nessuna certezza.
    Sublimato il tempo, la carne,
    l'orrore e la dolcezza
    in un feticcio di sentimenti,
    pronto per i giorni della solitudine,
    esiliato nell'indice dei titoli,
    dove si è spenta ogni vanità.

     

    Confusi i maledetti,
    perduti in cerchi nell'acqua,
    complici le troppe emozioni
    e un miracolo senza nome
    dove ho posato il mio
    febbricitante sguardo.

     

    Asportato il cancro dell'amore
    non rimane che la felice
    sicurezza della morte.
    Ti presto la mia pietà
    in cambio delle tue scuse,
    perché non sarò mai troppo lontano
    dalla bocca del leone.

     

    Se sapessi parlarti
    non scriverei poesie di nascosto,
    tra una rinuncia e una bugia.
    Se riuscissi a parlarti
    non capiresti il mio silenzio.

  • 30 aprile 2008
    LUNA

    La luna ti bacia
    da nubi nascosta
    nutrice furtiva
    osserva ogni cosa
    sorride dal cielo
    nel buio tutto colora

    La luna brillante
    di rosso clamore
    sosta nel nero
    dove risplende dal sole.

  • 30 aprile 2008
    Corsie

    Esausto
    sul ciglio dell'autostrada
    la testa s'appoggia alla linea continua
    un suono
    interrompe
    la lagna noiosa,
    fari,
    poi niente
    nel buio frastuono.

  • 30 aprile 2008
    Dove

    Navi ricolme
    solcano mari neri
    per arrivare
    oltre spiagge di marmo.

    Navi solitarie
    in lontananza
    spariscono tornando esuli.

    Dove?
    Denutrite ragazzine,
    pallide,
    sostano allegramente
    sotto un albero di pesco
    indecise sul da farsi
    si addormentano
    alla sua grossa ombra
    svegliandosi sole nel buio,
    stringendo tra i denti
    spazi ansimanti.
    Trovandosi all'alba,
    mentre si spende
    l'ultima goccia di sangue muto
    nella polvere maleodorante
    ansimando
    striscianti...

  • 30 aprile 2008
    Solo

    Cospargendo di lamentele
    un suolo sterile
    invecchiano,
    mentre,
    sospesi nell'inconsistenza
    ondeggiano episodici,
    spavaldi
    a testa bassa.
    Sussurrano,
    nostalgie di sogni accennati,
    scaturiti
    da ciò che abbiamo rimosso.
    Piano,
    pesantemente,
    ricade al suolo
    una goccia di mercurio...
    Tintinnio
    nel vento senza forma,
    suppliche invidiose
    mangiano i secondi
    ingorde e fameliche...
    ... lentamente,
    delicati frastuoni
    si susseguono.

  • 30 aprile 2008
    Animali

    Spaesate
    formiche guerriere
    si cimentano
    in una nuova conquista,
    spazientite.

    Sperduti
    in un rifugio nascosto
    un gallo e una marmotta
    sonnecchiano tranquilli.

    Li guardano dall'alto
    pacifici
    una cicala e un falco,
    come sempre in volo.
     
    In lontananza
    una civetta canta,
    strilla tra la folla
    come un demone.

    Smaniosi di carezze
    gatti bianchi
    si strusciano su lastre d'acciaio tagliente.

    Fringuelli striduli
    ci assordano
    con i loro accordi storpi.
     
    Imbavagliateli!

  • 30 aprile 2008
    L'inizio

    Cospargendo
    di inefficenze
    un paradiso inequivocabile
    la terra prese forma.

  • 30 aprile 2008
    Vette

    Spaventosi
    dirupi scoscesi
    si inerpicano
    maestosi...

    ... ammutolitosi
    lo sguardo tace tremante.

  • Dopo chi valat su sole sas arbules nighedas
    s'accattan in bona cumpanzia
    chin s'iscuricore.
    Sa luche arta de sa tzittade las colorat
    comente una caratza 'e biudas dae meda.
    Sos ulimos 'e di s'iscoricosu si cossolan
    chin sos canes 'e su de notte,baulande,
    chin su grodde in chirca 'e verveche,
    sos chercos 'e su vergiu morin a ziccu a ziccu.
    Est s'iscuriore bandidu echene luna in su chelu,
    sas animas sunu cuvadas time time,
    sas nues picchidas la fachet de mere.
    Su mare est nighedu e male presu,
    sas barcas paren vestires vezzos de su vresu,
    imboladas in s'arena zarrosa.
    In foras è caientu comente sa braja in su brajeri,
    sa temporada est in arribu, muda e traitora.
    Notte lezza pro sos bonos sentimentos
    notte pro zente mala, pro mortorgios a ziru,
    sparos e bombas a s'assamudada.
    E nois,animas in pena, nos tenimos astrintos
    e abbrazzaos in s'assamuda e pessamu a
    su manzanu e a sa noa die...

  • Arbules nighedas in su caminu
    comente su coro de ambos,
    arbules chi sun pranghende
    s'umidacu 'e sa tzivilatade
    chin mossos de verru tostu
    comente su coro issoro.
    Ulimos e istiarjos accurzu,
    pranghende a su traghinu
    a supra 'e su mastruzzu
    e sa matha 'e ciusa chin
    sa puppusa in fiore.
    Chercos in frore pranghende
    dae sa sufferenza de sa rucca
    maniccantina e suzzadora,
    perdent sa vozza caduca.
    Su virde 'e sa campagna
    est unu ammisciu de milli colores.
    Su virde de sa murta ammorat
    chin su companzu 'e sa chessa,
    su virde de su viore pudesciu
    vachet cumpanzia a su mudecru.
    Paret su virde de sos ocros tuos,
    su chelu est su propriu,
    su vrade de cussos ocros
    e vinzas su chelu est de cussos colores.
    Su caminu est nighedu che su coro nostru
    e che sas arbules li vachene cumpanzia
    che a un'interru de sa vida.
    Sa punta 'e sa turre de su cumbentu 'e
    sa tzittade est luchente che su sole,
    nues nighedas sun vughinde dae sa vorza
    de sa natura scoppiande.
    Proite non t'apperis su coro a custa vesta
    de sos milles colores de custa terra?
    Poite non dassas prangher sos ulimos
    e sos irtiarvos in su mastruzzu accurzu
    'e su traghinu chin s'abba luchente?
    Tanca cussos ocros e ismenticca su nighedu
    de sas arbules offesas dae sa malazente,
    apperidi a su bellu 'e su chelu e a sos
    mille colores 'e sa matha 'e ciusa ,
    de sa puppusa e sa viola e su campu.
    Pessa chi semus pro arribare a sa domo
    'e su mare celeste comente su chelu,
    a s'arena bianca de cussa cuviletta
    inghiarada dae sas tuppas 'e ghineparu,
    e dae sas rundines in su volu pro di dare
    su saludu,cumpanza mea 'e su coro.
    Dassamunos isseccus sos montes artos
    che sos ulimos de su traghinu,
    montes artos 'e e bellos che a tie,
    e chin sos colores 'e su mare
    e de sa predera 'e coccorroci.
    E nos amus a piccare chin amore...

  • E' una notte magica come le stelle splendenti
    nel cielo e posso scrivere i più versi felici
    senza oppressione:
    scrivere che la notte è splendente come
    la luna piena e il mare ne rispecchia
    il suo profilo con il dolce rumorio delle onde.
    Confesso che ti amo tanto stanotte,
    ti amo più di come ti ho amata, ti amo
    sempre più forte,
    come le rose si amano per il loro colore,
    per il verde e bleu dei tuoi occhi splendenti,
    per l'aroma dei rampicanti in fiore amano
    le rose inebrianti.
    In notti come queste,vorrei stringerti forte,
    baciarti tante volte sotto il cielo infinito.
    Come non amare i tuoi grandi occhi verdi
    come il mare, blu come le onde lontane,
    io ti amo perché so che mi vuoi tanto.
    Sentire l'immensità della notte magica,
    la notte immensa con te al mio fianco
    e il verso scende dentro l'anima come la
    luce della luna scende sul mare e sul prato.
    La notte è stellata e tu sei con me,
    mano alla mano,
    poco importa alla magica notte dei grilli
    e i cuculi canterini accompagnano il
    nostro tete a tete
    in quel mare da sballo,
    in quella sabbia lucente e invitante,
    ammaliante come le stelle
    e sulla sabbia ti amo ancora di più
    di come ti ho amata, dolce creatura
    con gli occhi verdi smeraldi.
    Questo è tutto. Lontano, qualcuno canta,
    lontano qualcuno suona la nostra canzone,
    s'ode l'arpeggìo di una chitarra
    e le note de "creuza de mar".
    Sento, in questa notte da fiaba
    nel mio cuore che batte forte
    di amarti per sempre,dolce compagna
    con gli occhioni verdi e blu come il mare...

  • 30 aprile 2008
    I sussurri della tua voce

    I sussurri della tua voce
    ascolto con attenzione
    mentre tutto tace
    nella mia contemplazione
    silenziosa, di te, e giace
    nei miei occhi, lo stupore
    di chi si compiace
    ed è schiavo d’un tremore
    di mani, ma interiore,
    per un sussurro
    della tua voce,
    soffio leggero
    che l’anima mia scopre,
    dolce incanto tenero
    che il tempo mio ricopre
    di vissuto,
    e una strada indica
    di futuro mai avuto
    in una lontananza cinica
    che neanche il sussurro
    della tua voce
    può colmare,
    in questo presente
    in cui
    anche il silenzio sente
    e tace.

  • 30 aprile 2008
    Splendore svelato

    Resto a guardarti
    e sei apparizione
    e splendore svelato
    dello creazione.

    Resto a guardarti
    e c’è tutto
    il mistero della vita
    in questa visione
    di te.

  • Muore lentamente chi evita una passione,
    chi non si lascia trasportare dai sensi,
    chi mette i puntini sulla "I" e preferisce
    il nero sul bianco,
    piuttosto che allo tsunami delle emozioni,
    quelle che fanno scendere le lacrime,
    proprio quelle che fan brillare gli occhi,
    quelle che fanno battere il cuore
    davanti all'errore e ai sentimenti.
    Muore chi non rischia la certezza
    per l'incerto pur di inseguire un sogno,
    chi non si permette, almeno una volta,
    di fuggire dal suo tran tran.
    Muore lentamente chi non legge, chi non viaggia,
    chi non ascolta la musica,
    chi non si mette in gioco.
    Muore lentamente chi distrugge un amore,
    chi non si lascia aiutare.
    Muore chi si passa i giorni a lamentarsi,
    della propria sfortuna
    o della burrasca del mare,
    chi abbandona un progetto prima del tempo,
    chi non fa domande sugli argomenti
    che non conosce.
    Evitiamo la morte a piccole dosi,
    ricordando sempre che l'essere vivi
    richiede uno sforzo maggiore
    del semplice fatto di respirare.
    Soltanto l'ardente pazienza,
    ci condurrà a raggiungere
    una splendida felicità
    dolce ragazza dagli occhi azzurri,
    io tuo compagno di vita
    con gli occhi neroscuri ,
    nella nostra casetta del monte
    con il colore dei nostri occhi e
    il verde del mare
    in lontananza...

  • 30 aprile 2008
    Terrore

    Ammirevole
    indistinguibile umanità
    abbagliata,
    genuflessa nell'inconsistenza
    applaude ridendo.
    Lacrime
    scivolano incredule
    sulle sue guance affaticate.
    Lacrime
    nella gioia inaspettata
    solleticano
    carezzando
    suadenti attimi
    di terrore abbacinante.

  • 30 aprile 2008
    Suoni

    Aroeggi funesti
    alla finestra s'affacciano,
    inchidano note
    come spilli trafiggono sospiri.

    Rintocchi bagnati
    scandiscono
    tempo fuggente,
    mentre
    topi increduli
    smaniano leccornie altrui.

  • 29 aprile 2008
    Arbeit macht frei

    Dicono che è importante
    brillare sempre di luce propria
    anche quando si parla senza riflettere/

    Che è importante
    sapere, saper fare, saper essere/

    Che è importante
    riuscire a mettere sempre
    il nero sul nero, ed
    il bianco sul bianco/

    Che è importante
    credere, obbedire, combattere per
    prendere il prima di tutto e
    lasciare il dopo di niente/

    Da questi inutili consigli
    - sempre lontano e foresto -
    il mio senso di incertezza
    continua a non tacere/

  • 29 aprile 2008
    Creperie Saint Germain

    Malchiusi e malcelati
    questi debordanti
    pensieri che ritornano
    prepotenti e
    su tremolanti e incerte
    scale della memoria
    arrancano dolenti

     

    Maldestre e malsinistre
    le mie mani
    che parlano
    una lingua diversa
    e si stupiscono ancora
    osservando l’immobile viaggio
    di queste coraggiose parole

     

    Rubate al tempo
    mute e straniere
    mi crescono dentro
    e strappano le ultime foglie
    dall’ingiallito mosaico
    di questo morente autunno

     

    Parole

     

    vuote a perdere
    in quest’aria ferita
    dai volti taglienti
    di manichini di carta.

  • 29 aprile 2008
    Platonica lontananza

    Assuefatta alla polvere
    l’impronta tua sulla soglia dei
    miei ripensamenti
    serenamente assente
    torna
    dove la fine è nota
    lasciando grumi di
    rabbia sotto unghie e ciglia
    - platonica lontananza -
    sei vertigine e
    del pensiero
    divergi le zolle.

     

    Se anche
    dell’incerto camminare
    potrei
    ad ogni andirivieni
    serbarne il ricordo
    so che nella vita non
    t’appartengo,
    ma del seguirti non mi stanco.