username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Filtri di ricerca
  • La poesia contiene la parola
  • Nome autore

Poesie

“Uno sguardo vergine sulla realtà: ecco ciò ch'io chiamo poesia”
Edoardo Sanguineti


Le poesie dei nostri autori sono tutte raccolte qui.
Se vuoi inserire le tue poesie in una pagina a te riservata, iscriviti ora e scopri come fare!

elementi per pagina
  • 24 minuti fa
    Dubbi

    Se vivrò, saprò
    Se saprò, morirò
    oppure no
    Sarà morte vera
    Sarà morte presunta
    oppure no
    Sarà morte comunque
    perché l’anima non vivrà
    oppure no.

  • 3 ore fa e 52 minuti fa
    Il dono

    Lo hai avuto
    quel dono sognato
    atteso voluto.
    Lo guardi lo tocchi
    lo ami lo coccoli
    lo porti con te
    lo pensi se lontano.
    Cresce con i tuoi anni
    accoglie dubbi e speranze
    vittorie affanni.
    Improvvisa non attesa
    l'immagine riflessa ti guarda.
    Ogni ruga ogni colore
    segna il tuo tempo
    la scalata alla vetta
    dell'ideale plasmato
    a creare la vita vera
    vissuta amata
    a rendere essere il pensiero
    a dare forma all'afflato.
    Ogni ruga ha un nome
    un cuore un amore
    desiderio e battito
    scavato sul tuo viso.
    Quel viso ti guarda
    profondo stanco sognante.
    L'abbandono
    all'assenza di dimensione
    di profumo di suono
    fa esplodere una luce 
    senza riflesso
    senza ombre
    un infinito fatto presente.
    Hai scordato il tuo dono ?
    lo hai abbandonato
    nella fuga dal tempo ?
    Osserva attento
    il tuo dono è con te
    in te
    ora e per sempre
    te.

  • 6 ore fa e 40 minuti fa
    Le virtù della clemenza

    Vittorie ottenute contro le eresie, contro gli empi tormenti che, come onde marine, s'insinuano tra le pieghe dell'anima. Trionfi acquisiti contro il potere delle tenebre, portati in gloria dalla dignità mossa e commossa dalla miseria umana. Successi, raggiunti nella speranza ardente delle memorie antiche apportatrici di Pace. Apoteosi mirabilmente intrise nella Fede e abbracciate al meraviglioso spettacolo che donano il Cielo e la Pietà Divina . Cesare Moceo

  • Ieri alle 21:19
    Il ballo

    Era un ballo
    dentro un cerchio di fuoco,
    era un ballo
    che non avrei voluto,
    era quello che il destino
    per un tempo aveva deciso,
    era un andare
    senza preavviso.
    Non conoscevo i passi,
    avevo scarpe pesanti
    e continuai a ballare
    a piedi scalzi.
    Era un ballo in cui trovavo
    l'ombra della vita,
    era un varco da cui vedevo
    piovere sul mio passato;
    in un giardino della memoria,
    poi, il ballo si è fermato
    e libera ho dimenticato.

  • Ieri alle 20:31
    Sympathia

    Vorrei alleviare
    il tuo immenso dolore
    Anche di un solo grano

    Lo sento mio
    Profondamente mio

    E vorrei rivedere il tuo sorriso

  • Ieri alle 19:25
    Il tuo Volere

    Adesso il tuo volere mi è chiaro nella mente
    Mi hai dato il dono di aiutare la gente,
    tutti con me si vogliono sfogare
    il mio compito e doverli ascoltare,
    chiunque cerca conforto in me  sostiene
    che i miei consigli  li fanno  stare bene ,
    come una missione mi hai ingaggiato
    è questo il percorso che mi hai indicato,
    anche nella più atroce sofferenza
    ascolto e consiglio con tanta pazienza,
    porto il peso del dolore senza obbiettare
    perché forse sai che lo posso sopportare,
    è il tuo volere e lo rispetto
    questo è il mio compito e lo accetto.
     
    Genny Caiazzo

  • Ieri alle 19:13
    Il Dolore

    Il dolore scacciarlo non posso
    è una cicatrice che resta addosso,
    rispetto la sofferenza di tutti quanti
    tengo il mio dolore e vado avanti,
    senza volermi ribellare
    sei tu quel dolore e devi restare,
    anche una ferita puo essere speciale
    la voglio dentro di me anche se fa male,
    avrà più senso ogni singola lacrima
    con te nel cuore e il dolore nell’anima.
     
    Genny Caiazzo
     

  • Ieri alle 19:13
    Sarà sempre colpa tua

    Come al solito ci caschi,
     nella trappola dei maschi,
     poi ti senti sfortunata e depressa,
     Ma devi prendertela solo con te stessa,
     decidi di smetterla di soffrire,
     Non è difficile Devi solo reagire,
     prendi consapevolezza e salvati,
     trova l'autostima è amati,
    la tua vita sei tu che la domini,
    non lasciarlo fare agli uomini,
    è un terreno tortuoso la strada del piacere
    apri gli occhi sei tu che non vuoi vedere,
    nessuna storia d’amore vive solo in un letto
    la colpa sarà sempre tua se non pretendi rispetto.
     
    Genny Caiazzo

  • Ieri alle 19:12
    Questa persona

    Voglio una persona che mi porti rispetto
    Che mi faccia sentire al sicuro e protetto,
    puo insegnarmi delle cose senza farmi sentire sbagliato
    deve difendermi in pubblico e correggermi in privato,
    una persona giusta che accetti ogni mio difetto
    che mi abbraccia e mi accarezza prima di portami a letto,
    quando sono felice,triste o in piena crisi di follia
    voglio semplicemente che ci sia,
    che insieme a me si arrabbia e si emoziona
    che mi tiene il muso e poi mi perdona,
    mi aspetto  che non si arrenda e che tra noi funziona
    ecco! al mio fianco cerco voglio questa persona.
     
    Genny Caiazzo

  • Ieri alle 19:11
    Una via d'uscita

    Non fai nemmeno in tempo
     a metabolizzare un dolore
    Che il destino ti spara un altro colpo al cuore,
    sai che è troppo e non lo puoi gestire
    ma devi comunque per forza reagire,
    la rabbia e l’angoscia ti devasta
    urli a Dio per favore basta!
    Inevitabilmente ritorni a pregare
    Sai che è l’unica cosa che puoi fare,
    Ritorno da te sono ancora io
    Ti imploro di nuovo aiutami Dio!
    La paura è implacabile
    Crollare è inevitabile,
    ho fede e non cedo
    Dio mi fido e ti credo,
    la felicità è inafferrabile
    nessuno di noi è intoccabile,
    è un tatuaggio la sofferenza
    sembra quasi dipendenza,
    avresti mille cose da dire
    ma a niente possono servire,
    del perché non c’è traccia
    quando una diagnosi ti sbattono in faccia,
    devi prepararti ed accettare
    combattere e non mollare,
    fuoco e dolore nella testa
    che vuoi farci la vita è questa!
    Quanti ostacoli sul percorso mio
    Ma se li posso superare ti ringrazio Dio,
    apprezzi ancora di più la vita
    quando mi regali sempre una via d’uscita.

    Genny Caiazzo

  • Ieri alle 19:10
    Vieni da me

    Senza di te il mio cuore è diventato di ghiaccio
    Per scioglierlo ci vorrebbe un tuo abbraccio,
    non so più dare senso alle speranze
    da tutto e tutti prendo le distanze,
    come un pupazzo chiuso in vetrina
    niente più ormai  è come prima,
    quasi tutto mi è indifferente
    non faccio avvicinare la gente,
    mi hai lasciato da solo ma perché?
    Aggredisco chiunque mi  parli di te,
    il mio cuore non lo sopporta
    tu per me non sei morta,
    non è possibile mi sto logorando
    la mia vita senza te sta cambiando,
    ti immagino bella e piena di luce nel tuo paradiso
    ma qui sono rimasto  al buio e senza sorriso,
    io e te stavamo sempre insieme
    ci volevamo un mondo di bene,
    il dolore è troppo immenso
    io senza di te non ho senso,
    vieni da me anche solo in un sogno
    ti prego abbracciami ne ho bisogno.
     
    Genny Caiazzo

  • lunedì alle ore 6:48
    Respiri celesti

    Che spettacolo stamane il mare, infervorato da creste spumeggianti; l'aria frizzante rilascia fragranze e profumi di sale, la sabbia turbata che parla nervosa a una coppia accalorata in momenti d'amore. Il sole sbiadito del suo fulgore dorme sommerso nelle onde eccitate; dal cielo a frange di cupo colore clandestine stelle furtive sotto nuvole gelose riflettono sull'acqua il loro opaco splendore. Fremiti segreti catturano la mente, invitano a fermarmi a parlare con Dio del tempo che scorre, trovar ristoro in parole d'amore, aprire il cuore a nuove speranze e... non aver bisogno d'altro. . cesaremoceo Proprietà intellettuale riservata Copyright

  • domenica alle ore 23:58
    In te vedo esistere l'assoluto

    Non ho potuto essere molto,
    non sono un esempio
    che richiama una vittoria,
    sono i sussurri di un canto
    cantato di nascosto,
    sono i passi fatti
    per tracciare amore
    nella mia storia.
    Sono diventata un quadro
    che ho dipinto,
    un quadro che ho messo
    in un angolo per dimenticarlo,
    sono viva solo nel tuo sguardo
    e ti guardo,
    perché in te vedo esistere
    l'assoluto.

  • domenica alle ore 19:59
    Frammento

    Ti sei donata
    a me
    senza donarti

    Mi hai dato
    l'anima
     

  • domenica alle ore 13:13
    Il profumo dell'anima

    E resto qui, così estasiato a guardare nella vaghezza dell'orizzonte indefinito. E mi sento immerso in una sorta di contemplazione affettuosa, difficile da raccontare, quasi fosse un abbracciare intimo di sensazioni dell'anima vestita di soprannaturale il cui profumo s'espande gradito al mondo. E resto ancora così abbagliato di Luce Divina, a far tesoro di meditazione consapevole, nella fedeltà ai miei principi, ai miei valori, a me stesso. . Cesare Moceo vecchio ragazzo del 53 Destrierodoc @ Tutti i diritti riservati

  • sabato alle ore 17:49
    Interrogativo

     
    Io ero
    Io
    Ora sono
    Io.
     
    Lei era
    Lei
    Ora è
    Lei.
     
    Gli altri
    Erano gli altri
    Sono gli altri.

  • sabato alle ore 17:47
    Forse ero fuori la tua casa

    Forse ero fuori la tua casa,
    forse era lì,
    su quella strada
    con gli alberi d'argento,
    che quando arriva sera
    sembra un ritaglio di cielo stellato
    e da lontano il verso dei grilli
    accompagna la dolce fatica
    che si porta nei passi
    e ha portato me
    con le malinconie dei miei anni.
    Forse ero proprio fuori la tua casa,
    dove vivi il tuo tempo sacro,
    dove scrivi i tuoi sogni
    per non farli svanire,
    dove il tuo amore è nella cura
    di ogni cosa.

  • sabato alle ore 17:45
    Il mio silenzio

    Il mio silenzio trattiene parole
    che hanno radici nell'anima
    e foglie che ti accarezzano
    i pensieri,
    foglie d'autunno che cadono
    come baci sul tuo viso.
    Il mio silenzio tiene strette
    malinconie
    dietro finestre socchiuse,
    dove cerco stelle
    per dare luce a nuovi sogni
    e portarli a te.
    E' la tua voce che cerco
    nel mio silenzio.

  • venerdì alle ore 19:19
    Ricordo

     
     
    Ricordo:
     
    Un tempo remoto
    Nella grotta segreta
    Nascosta tra i melagrani.
     
    Ricordo:
     
    Un paziente ascolto
    Con il pianto nel cuore…
    L’ inizio di un lento percorso.
     
    Ricordo:
     
    Lunghe preghiere
    Per un amore spuntato
    Avvolgente e coinvolgente.
     
    Ricordo:
     
    Una freschezza inebriante
    Di vivere allegre emozioni
    Di estasianti promesse. 

  • venerdì alle ore 13:03
    Noi,due anime fuori dal mondo...

    Soffriamo spalle al sole oltre il nostro destino, senza mai arrenderci ai tetri umori celati tra i brividi dei giorni, noi a abbracciarci alla grazia di Dio, alla Sua anima, sempre pronti a imparare ad amarci, sicuri del nostro successo. E nelle emozioni invisibili frutto dell'intima ricchezza che ci doniamo, tracce di genialità e d'irruenta fierezza, miste a lacrime dolci e fatui rimproveri, s'accendono fosforescenti tra le rughe del vivere la nostra bella età lungo la strada in salita che porta verso la felicità.

  • giovedì alle ore 22:25
    Poi, c'è stato il risveglio

    Ti ho amato avendo addosso
    solo la luce di un tramonto,
    eravamo soli,
    ognuno perso nel desiderio
    dell'altro,
    eravamo nascosti
    e contenti di esserlo.
    Ti ho amato mentre il cielo
    ci portava le prime stelle,
    ti ho amato con le mie cicatrici
    sulla pelle,
    che tu in silenzio hai coperto
    con una lacrima e una carezza.
    Ti ho amato,
    poi, c'è stato il risveglio,
    il sogno mi ha lasciato
    un ricordo che non è esistito.

     

  • giovedì alle ore 16:46
    distrazione

    Ogni volta che avevo bisogno di te
    Ho attraversato mille cieli 

    Ed ho visitato tutte le tue esposizioni,
    Tu non mi avrai notato,
    ma la mia ricerca di te
    È stata retroattiva

    Ed ho fatto mille volte il percorso 
    Da casa tua al lavoro
    Seguendo i tuoi passi
    Calpestandone l' ombra

    Ed ho immaginato
    La faccia che fai
    Quando ascolti una canzone che a me piace 
    Come se piacesse anche a te

    Ed ho pensato
    Al tuo sorriso
    Quando alle volte per distrazione
    Ricordi una mia battuta per sdrammatizzare

    Perché io la realtà l'ho sempre rifiutata
    Ed ho preferito prenderla in giro.

    Ed ho pensato che un giorno
    Per distrazione o finzione
    Davanti ad un cappuccino
    Capirai
    Di non poter più vivere 
    Senza di me.

    Ma tu sei analfabeta dell'amore
    È una grammatica che non sono riuscito a farti imparare.

  • giovedì alle ore 14:48
    Le emozioni,frutti per l'intimità

    Intimità evocative, a far sentire a ognuno qualcosa, qualunque cosa, sia essa triste,allegra, romantica o inebriante Ogni intimità deve essere ipnotica, capace di attrarre a sè emozioni che la penetrano, calde e sensuali, adagio, con passionevole discrezione e senza alcuna malinconia che possa in qualche modo offenderla, cosicchè,dischiusa in un'adolescenza senza freni, ognuna possa accogliere e gustare il suo voluttuoso frutto.

  • Ed è stata come una condanna il mio desiderio continuo d'estraniarmi tra gli istinti. Dentro false realtà, dove poter esibire il sapere in uno spreco di pensieri e di vuote emozioni. Là cercai tra la mia bravura la speranza di potercela fare e ora queste scarne parole, al coltivar di quel sogno, dicono al mondo che forse ce l'ho fatta. . Cesare Moceo vecchio ragazzo del 53 Destrierodoc @ Tutti i diritti riservati

  • giovedì alle ore 14:46
    Voglie

    All'acuminato pensar vengon da sè sanguigne parole, là trovano spazio motivi d'accanimento e di glabra noia e, in quella petulanza senza emozioni, apprezzare il silenzio e la sua eccitazione al gusto di dolci malizie, in brandelli di piaceri di tormenti e di speranze, sventolanti gelide e crudeli, che s'inseguono in un vortice di desiderio scomposto tra sogni che mai vanno oltre il tramonto . Cesare Moceo vecchio ragazzo del 53 Destrierodoc @ Tutti i diritti riservati