username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Filtri di ricerca
  • La poesia contiene la parola
  • Nome autore

Poesie

“Uno sguardo vergine sulla realtà: ecco ciò ch'io chiamo poesia”
Edoardo Sanguineti


Le poesie dei nostri autori sono tutte raccolte qui.
Se vuoi inserire le tue poesie in una pagina a te riservata, iscriviti ora e scopri come fare!

elementi per pagina
  • Il quadro ha un taglio grosso
    Dal centro del fiume all'erba
    Senza corpo
    I ragazzi saltano  con gli agnelli
    Sulle spalle
    Una folata intera
    La zanna di luce avvolta per il buio
    Incredibile
    La luna stupra gli orli delle montagne
    Nei punti irregolari dei buchi

    Chi è Il narratore in questa scena?
    La figura più piccola s'inchinerà
    Davanti ai lupi della prateria?

    Croste sbiadite
    La voce fuori campo spinge la leucemia tra i visitatori
    In tratti occidentali
    Magliette da corrida e
    Da  flamenco lasciate affamate
    Ad avercelo un mago
    Con il sorriso ardente
    I lunghi capelli da rockstar
    Nel museo accartocciato
    Di una fredda estate

    (Saying-me- me- me- me- me- words get dirty)
     

  • 31 agosto alle ore 8:27
    3 haiku di fine agosto

    Va via agosto
    Un guscio di conchiglia
    dentro la mano

    Le ore brevi
    Un clangore di porte
    sui toni azzurri

    Otto di sera
    Un'ombra cade netta
    come un cappello

  • 30 agosto alle ore 21:48
    (La) vita è...

                                                                                              "Fottuta vita di merda,
                                                                                               devi cambiare" (un compagno                                                                                             autonomo) 

    La vita scorre veloce, passa come un fiume in piena
    e travolge ogni cosa,
    passa come un treno in corsa che mai si ferma,
    come un fiore in pena prima di appassire.
    La vita ti scappa via (di mano), sgusciante e subdola
    scappa via a volte, senza dare a nessuno
    il tempo di acchiapparla
    la vita può essere una brezza marina, lieve e sottile,
    che il volto ci accarezza nelle calde notti estive
    ed intenerisce l'anima nostra
    oppure un gelido vento, selvaggio e crudele
    che incessante soffia d'inverno, sul nostro cuore
    rendendolo un piccolo informe ammasso di ghiaccio.
    (La) vita è...
    in un soffio di polvere che l'aere pervade
    in un mucchio di terra sopra cui camminiamo;
    è...
    come un soffio di polvere di cui noi siam fatti,
    come un mucchio di terra a cui noi torniamo.
    (La) vita è...
    notturna nebbia o rugiada mattutina;
    è...
    neve candida o magica brina;
    (La) vita è...
    un luccicante sfavillio di colori
    è...
    un misterioso lunghissimo afflato,
    un lunghissimo misterioso viaggio.
    (La) vita è...sogno:
    il sogno di abbracciare la donna amata
    di notte e di giorno,
    di regalarle un sorriso
    ed un mazzo di violette e gelsomini;
    (la) vita è...
    il quadro d'una donna che sorride;
    è vera come lo sguardo d'un bambino,
    oppure è l'amore vero d'una madre 
    per il proprio bambino.
    La vita è come quella di un uomo o di un'auto
    che camminano controvento o contromano
    in un deserto o sull'autostrada: poco più d'un miraggio!
    (La) vita è...
    il tempo d'aprire la finestra
    affacciarsi a guardare per strada
    e poi richiuderla;
    la vita ti da appena il tempo d'aprire una finestra,
    affacciarti a guardare per strada
    e poi richiuderla;
    è un lucido miraggio, è...giusto un'illusione!
    La vita è come un magico flipper
    dove la pallina, seppur impazzita,
    non provoca mai (il) tilt;
    è come un'infernale giuoco, come la roulette russa
    dove la pallina non c'è, ma la posta in palio è...la vita stessa:
    un colpo solo
    nella canna della pistola puntata alla testa e,
    dopo aver premuto il grilletto
    si vive o si muore, sei dentro o sei fuori!!
    La vita è come una partita a carte
    giocata con un mazzo di carte
    senz'assi nel mazzo: ma quella partita non è truccata!
    La vita è un labirinto, come un labirinto
    da cui è difficile, a volte impossibile, uscire:
    è riuscire a trovare l'uscita di quel labirinto
    (La) vita è...
    riuscire a sciogliere 10 100 1000 nodi (per volta)
    è...
    sapersi districare in 10 100 1000 incroci (alla volta)
    è...
    dover trovare il bandolo della matassa, sempre e ad ogni costo!
    La vita ti delude sempre e ogni volta di più,
    ti prende spesso a calci nel culo
    ma ogni volta poi si torna ad amarla più di prima:
    (e) la si ama più di prima, la si ama come fosse una giovane tenera fanciulla!
    (La) vita è...domande e risposte
    è...soprattutto domande:molto meno risposte;
    è tante domande senza risposta: è...soprattutto
    domande senza risposta!
    (La) vita è...tutto e niente,
    è...soprattutto niente: molto meno tutto;
    (la) vita è...
    triste verità o sincera gentile menzogna
    è...la cruda realtà d'ogni giorno (gran bella rogna!)
    (La) vita è
    affrontare a viso aperto il destino: andargli incontro ad occhi aperti;
    ed alla fine, in fondo,
    ognuno è solo con sé stesso!
    (La) vita è...
    andare incontro al proprio destino,
    è...
    appuntamento con la morte:
    ed alla fine, in fondo,
    abbiamo tutti il conto da pagare!
    La vita è come un vecchio film già visto
    o come una vecchia canzone già ascoltata;
    è come un libro già letto,
    una frase già scritta
    o una parola già detta:
    ti sorprende sempre, però...
    maledetta fottuta vita di merda: sei bellissima!

    "Ma chi sa se la vita somiglia
    al fanciullo che corre lontano..." (Sandro Penna, 1906-1976).

    Taranto, 4 settembre 2012.

  •                                                                                  

                                                                                       Chissà perché ogni tempo                                                                                                   trascorso ci sembra più felice di
                                                                                       quello presente (Italo Calvino)

    Nostalgia bastarda:
    triste nostalgia del tempo.
    Nostalgia delle cose perdute della vita passata,
    di momenti vissuti delle persone amiche.
    Nostalgia dell'azzurro del mare:
    del mare azzurro terso cristallino;
    nostalgia dei tramonti (in riva al mare),
    dei felici orizzonti: ora
    soltanto cieli grigi, non mi illumino più di voi!

    Ricorda un giorno prima di oggi
    Un giorno in cui eri giovane
    Libero di giocare con il tempo
    La sera non arrivava mai
    (Richard Wright)

  • 30 agosto alle ore 21:25
    Ogni giorno

                                                                                                                                                           

                                                                                                                                                                                                                                 di: Nabila, donna di luoghi lontani 
                                                                                         dimenticati da tutti...anche da Dio.
    Laggiù
    fra sparuti e affamati alberi
    cerco riparo.
    Cerco riparo in un villaggio,
    un villaggio
    che mio non è.
    Un villaggio
    che mi fa da casa
    ma che mia non è.
    Ogni giorno
    questa casa
    combatte ostinata contro il vento,
    combatte stanca contro la pioggia:
    combatte.
    Ogni giorno
    questa casa
    si abbandona triste alla terra,
    si abbandona rasseganata a ciò che sarà:
    si abbandona.
    Ogni giorno 
    questa casa è quì,
    forte.
    Ogni giorno 
    questa casa
    mia non è. 

  • 30 agosto alle ore 12:50
    Tra petalo e petalo

    Ho incastrato con cura
    le emozioni di sempre
    tra petalo e petalo
    d’una rosa rossa.

    Quando li vorrai staccare,
    troverai di che ridere
    tra le rabbie per le lunghe attese
    e i silenzi di speranze invincibili.

    I ricordi premono
    sulla terra in cui l’ho colta,
    quella rosa,
    ma si diradano
    come nebbie
    che vorrei ancora attorno.

  • 29 agosto alle ore 13:14
    Forse speranzosa

    Voglio dirti
    che scrivo pensando a te
    nel greve silenzio
    di vuote parole
    so di offuscare
    arie e nello scrivere
    interrompere
    profondità di abeti
    con grosse radici
    che si incamminano
    e abbracciano il terreno
    inzuppato sotto un cielo
    nuvoloso, chiedendoti
    d'aspettare la nascita
    di un'altra alba
    forse speranzosa

     

  • 29 agosto alle ore 8:58
    Studenti

    Arrivano allungati
    con i sorrisi in dono
    e chili di entusiasmi
    nelle curve degli occhi.
    Saltellano,
    saltano al collo come grilli.
    E anche quelli schivi,
    stanno creando attimi d'empatia.
    Impagabili!
    Poi, come formiche
    iniziano l'opera di cercare
    chiedere, conservare
    riempire fogli
    mente e cuore.
    Fanno le riserve, per la vita.

  • 29 agosto alle ore 8:29
    In morte di un poeta

    Quando sara' notte

    e un refolo di vento

    soffiera' via la fiamma

    di questa candela,

    sorridero' al silenzio

    e m' inchinero' alla tenebra

    perche' sereno

    prendero' il mare aperto del tempo.

     

    Cosi' salpando verso remote isole

    lasciando al porto il penoso onere  dell' attesa

    dedichero'  ai miei scalmi la danza dei gabbiani

    issando altrove i remi di un' impassibile oblio

     

     

    In amaro ostaggio di parole senza piu' ali

    e sanguinari proclami

    si levera' infine una voce

    a cantare l' eco dell' immortale pietra

     

     

    "Malgrado radici aggrappate agli abissi,

    ad ogni passo strappandomi il cuore,  

    da Titano  intrapresi

    il cammino degli uomini.

    Poesia furono le mie altezze;  

    all' indifferenza del cielo

    risposi con l' insolenza delle nuvole”

  • 28 agosto alle ore 11:52
    Ifigenia (Ifigenia)

    Ifigenia
     
    Vittima di un istante fatale,
    nel paese strano e prodigioso della vita,
    fra trionfatori senza gloria né pericoli.
    Nascere per sparire,
    come sonnambula nel vapore torbido degli stagni.
    Intrappolata verso il turbine,
    sorpresa, vedesti acque che portavano succo dolente.
    Nei ricami del ferro solenne
    ci sono i tabernacoli del sole
    e negli occhi solitudine di ombra.
    Gelida soffia la delusione dell’oggidì
    e ruggisce silenzioso il disdegno.
    La tristezza aspetta,
    trema il mistero,
    e in agra melanconia,
    tra sguardi che fuggono intirizziti e vili,
    sconti il catalogo indistinto della colpa.
    La tua vita fantasma chiama
    nell’ostinazione dimenticata dell’abisso.
    Un’ignobile illusione, che si beffa astuta,
    ti chiama al riso per odiare e ferire.
    Bocciolo vero e unico
    attendi la sorte che ti truffa.
    La vita ti adocchia in uno strappo,
    nella meraviglia di una passione
    esaltata e oscura.
    Sei sola,
    per la solitudine di un’idea sconosciuta,
    di un pensiero insondabile,
    per essere segreta a te stessa
    nel ghigno implacabile di sgualcite affabilità.
     
    I tuoi nomi di spada vengono avanti,
    come duro sentiero ai miei occhi anelanti.

    Ifigenia
     
    Víctima de un instante fatal,
    en el país extraño de la vida
    entre triunfadores sin gloria ni peligros.
    Nacer para desaparecer,
    como sonámbula en el vapor turbio de los estanques.
    Entrampada hacia el vórtice,
    sorprendida viste aguas que traían zumo doliente.
    Entre los bordados del hierro solemne
    hay tabernáculos de sol
    y en los ojos soledad de tinieblas.
    Helada sopla la desilución del día
    y ruge callado el desdén oscuro
    La tristeza aguarda,
    tiembla el misterio,
    y en agria melancolía,
    entre viles miradas ateridas que huyen
    descuentas el catálogo indistinto de la culpa.
    Tu vida fantasma llama
    en la obstinación olvidada del abismo.
    Una innoble ilusión se burla astuta,
    te llama al sarcasmo para odiar, herir.
    Brote verdadero, único
    esperas la suerte que te estafa.
     
    La vida te acecha en un desgarro,
    en la maravilla de una pasión
    exaltada y oscura.
    Estás sola
    para la soledad de una idea desconocida,
    de un pensamiento insondable,
    para estar secreta a ti misma
    en la mueca implacable de una arrugada afabilidad.
     
    Y tus nombres de espada se acercan
    como duro sendero a mis ojos anhelantes.
     

  • 26 agosto alle ore 15:34
    Tele

     
    Balsami, profumi e balocchi
    devono avere adesso nuovi siti
    per celebrare al meglio i fasti
    d’una bellezza che non va dispersa.

    La città dove tutto si confonde
    dia spazio ai metri quadri dell’amore,
    al fascino dei suoi miglior segreti,
    ai prati incolti dei bambini d’oggi.

    In questo tempo che massacra le ore
    e malandrino sfiora i seducenti cuori,
    in questo tempo di presuntuoso millennio
    rischiamo di morire vivi, di dimenticarci.

    I colori, ammuffiti nell’indifferenza.
    Le beatitudini, cancellate dalle agende.
    Scolorano, le macchie dei pittori preferiti,
    eppure continuano a mostrarmi visi di Vergini.

    Il mare, il cielo e l’albero di ciliegio
    sono ancora splendidi, immobili primati.
    I veli di infinite Madonne vorrebbero aliti
    e non gli occhi della morte o dei gettoni d’oro.
     

  • 25 agosto alle ore 11:36
    L’alba di un’estate

    Ignorarsi a vicenda sapendosi così vicini, ma così lontani…
    stanco dei tuoi ineffabili silenzi, 
    stanco di rincorrerti in un sogno che inizia quando apro gli occhi e ti penso. 
    Due destini che s'appartengono – dicevi - ricordando quei momenti, 
    quel barlume di crepuscolo nei tuoi occhi sognanti ma dannatamente ostinati, 
    ricordando quell’odore di salsedine sulla tua pelle che mi faceva dimenticare i tuoi errori, 
    i tuoi silenzi infiniti…

    e il rumore delle onde sul sottofondo delle nostre tentazioni, 
    onde morbide, sinuose, avvolgenti curve del tuo corpo bagnato dal sole, 
    il solo che per un attimo eclissava l’ingenuità del tuo sorriso 
    e allo stesso tempo palesava tutta la debolezza della carne: 
    quanto eri insopportabile nel farti desiderare così tanto… oh quanto… 
    almeno quanto adesso mi risulta insopportabile leggere un tuo messaggio muto, 
    asettico, inutile, banale, mediocre… tardivo.

    Il viale dei nostri sogni è finito nell’alba di un’estate.

  • 24 agosto alle ore 16:31
    Gli zigomi

    se fosse vero vedrei darsi
    zigomi a un bacio d'aria
    se fosse, oh! un tatuaggio
    che non si assorbe
    perenne richiamando pori
    e il tutto, e ogni cosa ch'è di me.

  • 24 agosto alle ore 15:21
    Magie

    Molto prima che tu sia ricordo,
    proveremo a soggiogare il tempo
    muovendo guarnigioni di poeti
    e schiere di reclute romantiche.
     
    Intanto, tu, bellissima rimani
    tra le magie di questo pomeriggio
    depredato all'oggi del frastuono,
    ignaro delle morse del domani.
     
    Concederemo solo un’ora
    per aspettare che la sera scenda
    e incidere sull'imminente luna
    le musiche di Muse conniventi.
     
    Cattureremo stelle e stelle
    da detenere in celle ‘sì robuste
    che possano resistere nel tempo
    alla malinconia che premerà.
     
    Infine, sospenderemo il cielo
    e certi angeli di mala volontà
    pronti a schiantarsi sui cuscini
    al fin di regolar la sveglia.
     
     
     
    *
    Anno di stesura 2007
    (Tratta da “Appena finirà di piovere” Global Press Italia – 06/2010)
    (Pubblicata sul Mensile “Il Saggio” 01/2009)
    (Diploma di merito XII Ed. Premio di Poesia Il Saggio)
     

  • 23 agosto alle ore 17:51
    Spazio arreso l'amarsi

    Funi mai sciolte
    le redini dello spazio arreso,
    distanze di vertigini
    nell’abbraccio cerebrale
     
    Girano nudi gli istinti, dettati
    dal verbo involontario dell’amarsi
    Quale riparo…
     
    tempeste di silenzio
    s’abbattono
    su amanti senza tempo
    che ad altri non saprebbero donare
    la stessa disperazione
     

  • 22 agosto alle ore 22:39
    Vivrai

    Per un tempo
    che non conosciamo
    respirerai in me
     
    Vivranno questi versi
    -continuo a dirmi -
     
    e tu
    sarai
    la mia storia

  • 22 agosto alle ore 9:38
    Inutile rivolta

    Un bacio
    di ghiaccio
    mia amata,
    sul cuore
    mio pirata scagliasti
    e [lui] freddato rimase
    da quel fulmineo
    sguardo
    come una saetta.
    Rivoltoso
    il sole cercò
    di riportar
    pace tra
    quel tiranno
    bacio

    quel cuore
    malato: ma
    or anch'esso 
    giace
    in un campo
    di girasoli
    diafani e neri
    imprigionato dentro
    solitaria speranza.

    Taranto, 13 agosto 2018.

  • 22 agosto alle ore 9:34
    Risveglio

    Mi è giunto
    il tuo pensiero...

    Delicato
    Testardo

    Era quasi l'alba

  • 21 agosto alle ore 16:13
    Mi tengo tutto... tutto serve! (Pride)

    Mi tengo tutto ciò che ho, ben stretto
    (...tutto serve!)
    Mi tengo tutto ciò che ho: ciecamente,
    cinicamente e strenuamente.
    (...tutto serve!)
    Mi tengo il (mio) dolore,
    mi tengo la (mia) insicurezza,
    mi tengo la (mia) confusione,
    mi tengo la (mia) infinita nostalgia
    e tutta la (mia) dolcezza
    (...tutto serve!).
    Mi tengo i (miei) bagliori notturni,
    mi tengo il (mio) stupore,
    mi tengo i (miei) sogni diurni,
    mi tengo i sogni quelli chiusi in un cassetto
    mi tengo le parole che non ho (mai) detto,
    mi tengo il (mio) fervore;
    (...tutto serve!).
    Mi tengo le (mie) tristezze e le (mie) malinconie: 
    che sono tutte mie
    Mi tengo i (miei) ricordi belli ed anche quelli brutti
    e me li tengo proprio tutti;
    (...tutto serve!).
    Mi tengo il (mio) stupido orgoglio ferito,
    mi tengo le (mie) ferite,
    mi tengo i (miei) sbagli fatti: che tanto hanno influito;
    mi tengo il (mio) fare lunatico e tutte le (mie)
    inutili battaglie: quelle perdute e quelle vinte,
    quelle concluse e quelle (mai) finite...quelle finte!
    (...tutto serve!).
    Mi tengo le (mie) inquietudini
    mi tengo il (mio) passato e il (mio) presente
    mi tengo le (mie) strane manie e le (mie) cattive abitudini,
    mi tengo tutto quanto: che è sempre meglio di niente!
    (...tutto serve!).
    Mi tengo la (mia) naturale paura della morte,
    mi tengo la (mia) voglia di vivere, a volte;
    mi tengo la (mia) joye de vivre d'ieri, la (mia) voglia di
    morire di oggi, nonché le (mie) naturali ed insane emozioni,
    mi tengo le (mie) ipocrisie e le (mie) contraddizioni;
    (...tutto serve!).
    Mi tengo il (mio) pensiero libero ed il (mio) mondo,
    mi tengo il (mio) curioso sentire e vedere...le cose a tutto tondo;
    mi tengo le (mie) piccole e buone "cose",
    mi tengo il (mio) vivere alla giornata, senza futuro:
    né in grande o in piccola dose;
    mi tengo il (mio) mollare ed il (mio) tener duro!
    (...tutto serve!).
    Mi tengo il (mio) senso di vuoto ed i (miei) pensieri: tristi e cupi,
    mi tengo la (mia) misantropia e la (mia) testardaggine;
    mi tengo le (mie) fatue illusioni e le (mie) disillusioni:
    in dentro dei "dirupi" ,
    mi tengo le (mie) giravolte col tempo e la (mia) stupidaggine,
    (...tutto serve!).
    Mi tengo i (miei) sogni svaniti e quelli realizzati,
    mi tengo le (mie) occasioni perdute ed i (miei) fallimenti,
    mi tengo i (miei) pugni presi in...faccia (sui treni mai presi)
    e quelli dati
    mi tengo, sì, mi tengo i (miei) malcontenti i (miei) tradimenti,
    (...tutto serve!).
    Mi tengo le (mie) fantastiche allucinazioni e la (mia) ingenuità,
    mi tengo i (miei) alti e bassi ed i (miei) malumori;
    mi tengo le (mie) debolezze e la (mia) umana fragilità,
    mi tengo il (mio) romanticismo démodé e le mie fantasie: coi (miei)
    tanti languori!
    (...tutto serve!).
    Mi tengo la (mia) solitudine e la (mia) anima inquieta e ribelle
    mi tengo le (mie) insofferenze ed i (miei) beceri idealismi;
    mi tengo i (miei) qualunquismi ed i (miei) falsi moralismi,
    mi tengo i (miei) antiquati principi: trovati sotto cattive stelle
    vissuti sulla mia pelle!
    (...tutto quanto serve!).
    Mi tengo la (mia) indifferenza e la (mia) apatia,
    mi tengo (mio) immenso rimpianto di vita vissuta...passata!
    Mi tengo (mio) indelebile rimpianto per le persone amate
    (perdute) andate via,
    mi tengo la (mia) vita di merda...: che non l'ho cercata!
    (...tutto serve!)
    Mi tengo il (mio) inguaribile "male di vivere" ed il
    (mio) incurabile istintivo "spirito di sopravvivenza",
    mi tengo il (mio) cuore, a volte tenero altre di pietra: ma già
    pronto ad ogni evenenza!
    Mi tengo il (mio) grande cuore - che batte - spesso ferito, ed oramai
    inaridito spento;
    mi tengo il (mio) raziocinio e la (mia) razionalità, il (mio) momento,
    mi tengo il (mio) tenero dolce cinismo, la (mia) calda freddezza, il (mio) lurido
    fare di ghiaccio,
    mi tengo la (mia) sporca rabbia in corpo e (mia) fottuta vita:
    e con lei vò a braccio!
    (...tutto quanto serve!).
    Mi tengo (miei) castelli di sabbia: scivolati in mare;
    mi tengo (miei) ricordi di allora: di estati in riva al mare;
    mi tengo (miei) ricordi di estati: ad aspettare a nuotare,
    a ballare, a volare via a...
    (...tutto quanto serve!).
    Mi tengo tutto ciò di cui ho scritto in queste
    insulse righe:
    e lo porto sulle (mie) spalle,
    mi tengo tutto ciò di cui ho scritto in queste
    insulse righe:
    e lo vivo sulla (mia) pelle,
    mi tengo tutto ciò perché è (mio),
    mi tengo tutto ciò perché è quanto mi resta!
    (...proprio tutto serve, sì, tutto quanto serve!)...
    ma non so se mi basta!

    Taranto, 20 giugno 2013 (modificata in data 10 maggio 2016).

  • 21 agosto alle ore 14:59
    E'soltanto un funerale

                                                     da: Delio Tessa, poeta anarchico milanese.
    E'soltanto un funerale:
    cornacchie andate a male,
    suonano violini guzla
    e trombettieri del Piave;
    "Dove sono gli invitati?"
    grida un vecchio indiano
    con la stampella d'oro in mano:
    "Forse sono andati a male
    anche loro"
    risponde la moglie del morto.
    E'soltanto un funerale:
    la chiesa è chiusa, allora
    dritti al camposanto!

    a: Vladimir Majakovskji, poeta rivoluzionario (russo)...amante della vita!

     

  • Sempre = tutti = (li trovi li vedi li senti)
    da ogni dove, in ogni dove: migrantes!
    Parton tutti lontano da dove per andare...
    lontano da dove; pieni di sogni
    sono e di speranze, e di illusioni;
    parton tutti lontano da dove: carichi di illusioni ma
    senza soldi, disperati, senza nulla da perdere.
    Migrantes!
    Lasciano le loro case e le loro famiglie per
    andare in un punto, verso l'ignoto;
    per andare in un punto...lontano
    da dove: basta che sia lontano,
    lontanissimo dalla loro miseria, dalla
    loro fame di...sogni;
    basta che il vento, anzi, un vento di libertà
    li porti...lontano da dove: migrantes!
    Migrantes!
    Ma il porto d'approdo è
    pieno di trappole, migrantes,
    il porto d'approdo è scaltro,
    spietato con voi, migrantes;
    non lascia scampo a quelli come voi: migrantes!
    Il porto d'approdo, le terre di approdo
    non amano i viaggiatori come voi: perché
    han paura del vostro anelito di libertà;
    della vostra sete di nuove terre...
    hanno paura della vostra disperazione, migrantes!
    Migrantes!...
    Ma voi non vi lasciate abbagliare,
    e non vi lasciate accecare dall'odio (di quell'approdo,
    di quelle terre)
    non vi lasciate ingannare, non vi lasciate fottere,
    non vi lasciate illudere (da quell'approdo,
    da quelle terre...mai, migrantes!).
    Migrantes: non vi lasciate umiliare mai.
    E non perdete il rispetto di voi stessi;
    continuate a sognare, a lottare,
    a credere...
    nella forza della speranza e del coraggio: migrantes!
    Migrantes!
    Siate sempre fieri di voi stessi, abbiate
    sempre fede...(solo) in voi stessi;
    contate (sempre e soltanto)...su voi stessi, o
    migrantes!
    Migrantes!
    Mantenete intatta e pura
    la vostra dignità,
    la purezza dei primordi che è in voi;
    non smettete mai di sentire...il vento
    che spira forte da sud (quello è)
    il vento del cambiamento,
    migrantes!
    Migrantes!
    Abbiate sempre sete:
    di giustizia, di pace
    e fratellanza, migrantes!
    Migrantes!
    Non smettete mai
    di guardare: verso
    l'orizzonte,
    di cercare
    nel cielo il punto d'incontro
    con l'infinito, 
    di camminare lungo
    una strada chiamata...domani,
    di immaginare il sole
    che nasce;
    di camminare ed arrivare
    ad una strada chiamata...domani:
    quella è la vostra meta, migrantes!
    Migrantes!
    Non smettete mai
    di essere voi (stessi);
    di essere padri e figli,
    madri e sorelle,
    uomini e donne: ricordatevi
    quelli siete voi, migrantes!

    Taranto, 11 febbraio 2013.

  • 19 agosto alle ore 21:16
    Chissà

    Nella sala d'attesa...
    Ad aspettare il treno che
    non arriverà mai

    Se non fossi lì
    t'avrei persa per sempre

    Non è illusione
    È amore

  • 19 agosto alle ore 18:30
    Al confine di una chimera sbiadita

    Torneremo a voltarci indietro
    anche se non lo vogliamo,
    torneremo a ricucire
    quel cielo antico strappato
    che avevamo indossato,
    dove tutte le stelle
    si confusero con la luce
    dei sogni che avevamo
    contemplato,
    ma il nostro desiderio
    più grande
    rimase impigliato
    tra le pieghe di quel cielo
    onirico e stellato,
    dove vivono ancora
    gli inattesi e freddi
    buchi neri
    e la memoria di ciò
    che eravamo
    resta al confine
    di una chimera sbiadita
    nei nostri occhi
    dal sale bagnati.

     

  • 19 agosto alle ore 16:50
    Solo con te nei miei pensieri

    Sto qui al mare 
    Sempre a pensarti
    Senza goder mai più
    Della tua presenza

    Vorrei averti qui
    Ti cerco e non ti trovo più
    Rovistando tra i pensieri
    Felicità di ieri

    Mentre le onde s' infrangono
    Con violenza sugli scogli
    La mia mente come loro
    Ritorna nel suo perpetuo movimento

    Vorrei afferrarti per mano
    Sempre calda come il sole di oggi
    Certo più forte del pensiero
    Oscurato da un mondo senza te

    Gli stridenti gabbiani si avvicinano
    Planando per cibarsi
    Poi mi guardan minacciosi
    Scrollandosi le piume

    Mi avverton di andar via
    Ramingo allor vago per la spiaggia
    Solo con te nei miei pensieri
    Mia unica e cara compagnia

  • 19 agosto alle ore 10:44
    Al voto!

    Passano gli anni
    e ritornano le solite facce
    le promesse fantastiche
    sorelle alle frottole.

    Si scindono partiti
    s'inventano contenitori
    a intercettare sostenitori
    fra disgustati elettori.

    E' tutto un muoversi
    di soldi e sondaggi
    d'intese e di scontri.

    E' servizio al Paese
    confronto d'idee
    per chi ancora ci crede.