username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Filtri di ricerca
  • La poesia contiene la parola
  • Nome autore

Poesie

“Uno sguardo vergine sulla realtà: ecco ciò ch'io chiamo poesia”
Edoardo Sanguineti


Le poesie dei nostri autori sono tutte raccolte qui.
Se vuoi inserire le tue poesie in una pagina a te riservata, iscriviti ora e scopri come fare!

elementi per pagina
  • 05 novembre 2016 alle ore 19:30

    Quando ascolto "Bugie" ho come un fastidioso prurito addosso. Un fastidio che poi cammina frettolosamente insinuandosi dentro ogni poro della pelle. Prosegue il suo percorso dritto e certo verso le mie vene ed entra in circolo... E quando arriva al cuore lo fa pompare di un battito ben scandito che prende il nome di "Mavatteneafanculo"!

  • 05 novembre 2016 alle ore 19:02
    La parola

    E’ poesia,
    la parola che penetra l'aria stagna di bruma,
    che sfida il limite del tempo,
    che spezza la schiavitù della materia. 

  • 05 novembre 2016 alle ore 17:20
    Dipinto

    Rosicchia tutti i sensi
    il colore sulla tela
    in note di placenta
    s’intinge:
    Olimpi
    in preziose pietre incuneati
    Rubino
    ogni senso
    Agata e ametista
    ogni riflesso
    Vorticano
    penetrando e fuggendo
    - i colori dei sensi -
    Plasmano e palpano
    la vergine tela
    Orgasmo e parto eterico
    il dipinto.

  • 05 novembre 2016 alle ore 15:55
    È il paradiso

    Non so cosa darei per poterti vedere tutte le mattine, appena sveglio.
    I tuoi occhi che si aprono e incontrano i miei, le tue labbra che accennano un sorriso.
    La tua calda mano che si solleva ad accarezzarmi il viso.
    Il calore del tuo corpo vicino al mio.
    E la dolce sensazione di trovarmi in paradiso

  • 05 novembre 2016 alle ore 11:35
    Io e te

    Soli a vagar nel pozzo profondo;
    la miseria di una vita sciupata;
    irresponsabile condotta
    di esistenza annullata;
    esseri inutili
    giocano con illusioni futili.
    io e te:
    a cercar la notte
    che avvolge le nostre colpe.
    Io e te:
    stiamo per esaurire
    tutte le più edificanti risorse.
    E la nostra giovinezza,
    sfiorita nel giardino delle idee,
    lamenta in silenzio
    errori consapevoli,
    cercando conforto
    in un soliloquio con la morte

  • 05 novembre 2016 alle ore 10:37
    pioggia

    Il cielo piange d'amore 
    per la sua terra
    e ogni goccia d'acqua
    diventa poesia.

  • 05 novembre 2016 alle ore 8:05
    Scrivere a Cefalù

    Nel nostro legame inscindibile a esprimerci l'un l'altra manifestazioni di particolarità di pensiero e d'espressione di vita,Cefalù diventa la mia "stanza dell'anima" ;il luogo dove le immagini emozionali superano la realtà, dove la mente,nella sua condizione in balia del vivere quotidiano,conversa con se stessa e con la stessa anima;il luogo dove mi rifugio per attingere alla mia creatività per forgiare il mio mondo attraverso le mie parole sposate alle sue immagini che infondono profondità d'animo e una ricchezza interiore capace di esternare tutta la sensibilità nell'affrontare i comuni temi del vivere quotidiano E scrivere diviene,così, una vocazione che va alla ricerca del proprio destino.

  • Ho già percorso la strada
    che porta dal verme all'uomo

    inciampando spesso
    in atti di sopraffazione

    balzelli da pagare
    a occhi chiusi e orecchie sorde

    nell'interpretazione della realtà

    Uomini "allegri" a raccontare
    nelle loro facezie brividi e sussulti

    e suonare al mondo
    ognuno il proprio motivetto

    di idee che dovrebbero imporsi

    grazie alla sola forza
    della loro coerenza logica

    E giù antiche alleanze a ingrangersi

    altre a ricomporsi
    nelle menti di uomini

    che sanno d'essere soli

    nell'immensità dell'universo
    da cui sono emersi per caso

    E non capiscono
    che il loro destino è già scritto

    e che sta a noi decidere
    se scegliere la luce o le tenebre

    E Io a soffrire l'elevatezza dei miei principi

    per non essere uno che se le beve tutte
    .
    cesaremoceo
     

  • 04 novembre 2016 alle ore 20:33
    Paese mio

    E la sera

    quando il tramonto
    assume il color vermiglio
    degli amori vissuti

    il tuo spirito sensuale e seducente
    riempie ogni notte di luna

    E i sorrisi di giovani e vecchi

    emanano essenze
    di polverose giornate
    di consumato lavoro

    a far divenire i gesti

    zattere d'una pace

    deliziosamente sincera
    e teneramente romantica

    fervida testimone
    di quei cuori

    messi a nudo
    nell'oblio doloroso e folle
    d'ogni incertezza
    .
    cesaremoceo
    proprietà intellettuale riservata
    Copyright

  • 04 novembre 2016 alle ore 20:31
    Tuttavia,nonostante

    Afflitto dai demoni comuni dell'esistenza

    taciturno
    e poco incline a star in loro compagnia

    pecco d'assaggi di passioni

    brezze fragranti dello scorrer delle ore
    a dar dubbi al mio essere reale

    Con l'esperienza a sopraffare il buonsenso
    e farne motivo di sentenze

    mi perdo con frequente assiduità
    nei labirinti della mente

    coinvolto negli inquietanti e impervi colloqui
    tra i conflitti d'ogni dì
    e i momenti delle emozioni smarrite

    a supplicare compassione ai miei pensieri
    .
    cesaremoceo
    proprietà intellettuale riservata
    Copyright

  • 04 novembre 2016 alle ore 19:53

    Arriva un momento nella vita in cui assumersi le proprie responsabilità non è qualcosa che dovresti fare, ma qualcosa che viene naturale. Qualcosa che è già "Consapevolezza" nel momento in cui fai una scelta o una determinata azione. Arriva un momento nella vita in cui non c'è più qualcosa da vincere o da perdere, perché niente ha più la forma di un "Gioco", se non i bei momenti di spensieratezza trascorsi con chi senti affine. Arriva un momento nella vita che devi fare un bilancio di ciò che sei "Diventata/o", di ciò che hai imparato e valutare se con la tua coscienza puoi combattere ad armi pari.

  • 04 novembre 2016 alle ore 12:01
    IL GIORNO DEI MORTI

    Perchè chiamare col nome di vita
    quello che è, invece, cammino
    che, certo, ti porta:
    chi tardi, chi presto
    a quel ch'è, di tutti, destino?
    Oggi è 'l giorno che si fa memoria
    di tutti: sia "scuri", sia noti,
    che sian citati ne' libri di storia,
    che abbiano o no, a ricordo una tomba.
    E' il giorno che nei Cimiteri
    avvengono incontri fra gente
    non vista da tempo,
     costretta ad andare lontano per lavori
     non trovati nei luoghi di vita.
    Quando, nei Cimiteri d'un tempo,
    le salme erano in terra sepolte,
    quanti fiori, quante candele
    ad ornare le povere fosse!
    Oggi: non più tumuli neri,
    ma statue e marmi preziosi;
    non più moccoli accesi,
    ma lampade fredde tu vedi.
    O Camposanto, ricordo d'infanzia!
    Questo era 'l giorno atteso dai bimbi
    che, fin da presto il mattino
    la cera prendevan che, sciolta e rappresa
    dal freddo, lungo il cero colava.
    Il giorno dopo la si vendeva,
    per pochi soldini, al ceraio
    che in città operava.
    Chi, primo, entrava nel Camposanto,
    sceglieva con cura il suo "campo"
    dove, sperava che molte candele
    venissero accese.
    Non era giorno di pianto
    quel giorno, lontano nel tempo.

  • 03 novembre 2016 alle ore 21:31
    Asprignità

    Nel tormento che opprime

    antitesi di profanità
    rimuovono valigie piene di vita

    per farne sgabelli da salotti

    e gettarli assieme alla scritta sulla croce
    dentro ciuffi di piume ornamentali

    antefatti di vicissitudini
    a dar la caccia ai segreti svelati

    triste miseria a far del bene
    senza inquinare banchi di nebbia fitta

    e produrre scintille a ogni inizio di tragedia
    da spegnere con sangue innocente
    .
    cesaremoceo
    proprietà intellettuale riservata
    Copyright

  • 03 novembre 2016 alle ore 21:12
    Essere o non essere

    Urlo

    e non mi riconosco
    in questi acri odori

    che hanno rapito al sole
    la sua luce

    e fan lacrimare gli occhi
    d'ombre e perdizioni

    mentre corro nel mio vivere

    a osservare i giorni e le ore
    e cullare i miei attimi in mille parole

    E mi ritrovo a essere quello di sempre

    robusto nel mio aleggiare

    a gridare al mondo
    i ricordi e le incertezze
    .
    cesaremoceo
    proprietà intellettuale riservata
    Copyright

  • 03 novembre 2016 alle ore 21:08
    Accarezzo il tempo che scorre

    Attendo

    maledettamente curioso

    il mio futuro

    incalzando il mio scrivere

    rinchiuso nelle stanze
    delle mie afflizioni

    angoli di Paradiso
    a nascondere i pensieri e i miei versi

    vizio assurdo ma anche reale
    delle mie grida sottaciute

    Sono essi vita di settembre

    terra del mio sangue

    che vanno e vengono nel presente
    e nei miei sogni

    E mi chiedo cosa ne sarà di queste fughe
    e dei ritorni di questa ossessione

    che mi ordina e deforma la mente

    ne ritaglia i confini e ne brucia l'ardore
    .
    cesaremoceo
    proprietà intellettuale riservata
    Copyright

  • 03 novembre 2016 alle ore 15:18
    Sali sole, sali.

    Sali sole.
    Sali.
    Brucia.
    Allo Zenith.
    Sali e brucia.
    Sole.
    Brucia questo cuore.
    In cenere.
    Almeno cessa di bruciarmi.
    Sali sole.
    Sali.
    Sali.
    Metti a letto la notte.
    Sali sole.
    Sali.
    Brucia questi occhi.
    In cenere.
    Almeno smettono di cercare.
    Sali sole.
    Sali.
    Brucia queste orecchie.
    In cenere.
    Almeno smettono di ascoltare.
    Il nulla ripetuto.
    Sali sole.
    Sali.
    Brucia questi ricordi amari.
    Quelle strade invase da silenzi e ricordi di risate.
    Quegli alberi.
    Sali sole.
    Sali.
    Brucia il bosco delle nostre mattine.
    Sali sole.
    Sali.
    E brucia questo uomo.
    Almeno smette di bruciare.

  • 03 novembre 2016 alle ore 15:18
    E se anche il sole muore

    E se anche il sole muore
    Cosa vuoi che conti
    Se  da  sempre  il  girasole
    Metronomo de’ tramonti
    Col gambo par che vuole
    Inchinarsi a te dai solchi
    Battendo come lingua
    Dove il dente duole.
    Cosa vuoi che conti
    Se anche il sole sorge
    Più alto delle altre stelle
    Se lui sempre indifferente
    Solo verso di te si muove?

  • 03 novembre 2016 alle ore 11:42

    Ti ho guardato bene, da mille angolature diverse. Ho osservato e tenuto presente che era con la ragione che dovevo guardarti e non con il cuore. Malgrado il percorso sia stato lungo e non facile perché il cuore aveva il maledetto vizio di soccombere la ragione... Poco a poco sei affiorato alla luce per ciò che veramente sei. Averti "Idealizzato" dentro me non è servito a non fare i conti con la verità. La cosa che più mi rammarica non è il tempo che ti ho dato, ma il vedere come in te ci sia un mondo bellissimo che tu stesso riesci a distruggere con quei tuoi lati "Oscuri" che farebbero schifo anche ai "Peggiori".

  • 03 novembre 2016 alle ore 10:31
    Se intanto tu non tramonti

    Mi battono addosso nocche di vita
    da quando non scaccio il pensiero di te
    ed è tutto un dischiudersi lento di sensi
    che mi tuffano a piccole dosi
    dentro un'alba paziente

    Non lo so quanto manca
    per esserti in pieno
    ma che importa se intanto
    tu non tramonti mai.

     

  • 03 novembre 2016 alle ore 8:17
    Di Sole e di Luna

    Disse il sole alla luna,
    come possiamo incontrarci sempre
    e non sfiorarci mai?
    Ella rispose al suo calar sorridendo,
    quel che dici è verità,
    ma è in quel nostro breve incontro,
    che sta il mio amor per l'eternità.
    Non sarebbe stato peggio mio sole adorato,
    se io non t'avessi mai incontrato?
    Tacque la luna a quelle parole,
    legandole strette attorno al suo cuore.
    Non vi è giorno senza la notte,
    e in quel viceversa, v'è l'amore
    e le sue eterne lotte.
     

  • 02 novembre 2016 alle ore 21:06
    Ironia

    E mi ritrovo i sensi rinchiusi
    tra le dispersioni della mia identità

    nell'infinito spazio antifrastico
    della materialità d'ogni tempo

    che calcola il valore di un poeta

    salvandolo dalle lamentazioni
    e dall'eccesso d'amor proprio

    sommando ogni parola e ogni pensiero
    nella prospettiva d'ogni suo verso

    e nella coscienza critica della sua arroganza
    .
    cesaremoceo
    proprietà intellettuale riservata
    Copyright

  • 02 novembre 2016 alle ore 20:54
    Sogni

    Riannodo i legami con il passato
    nei viaggi della memoria ancora nitida

    sognante e poetica

    Pensieri semplici a custodire

    i ricordi che hanno costruito
    il senso della mia vita

    immagini chiare seppur sbiadite

    a far riemergere
    il mio Essere di ragazzo scalmanato

    cresciuto a botte e pane duro

    greve cammino d'un'infanzia sofferta

    Ora sogno quei luoghi

    quei pomeriggi di quiete post-scolastica

    trascorsi a confrontarmi con me stesso

    con la mia solitaria adolescenza

    a guerreggiare immerso
    nella serenità commossa di quegli affetti
    .
    cesaremoceo
    proprietà intellettuale riservata
    Copyright

  • 02 novembre 2016 alle ore 15:38
    Fresche esigenze

    Anima le strade mie
    l'illusione d’oleandri
    a salutar protèsi.

    Occhi, di viaggiatore
    fanno nuovo il mio cammino.

    In giochi, mi muovo,
    d’alberi riflessi
    e crisi d'ortensie.

    Inganni d’acqua ambita.

    Cresce in me il desìo
    di tempo all’ombra,
    a un tavolo di pietra

    a contemplar le mosche bianche

    e dell’anima il sudore.

  • 02 novembre 2016 alle ore 15:25
    Cuore mio

    Traccerò sentieri
    attorno a queste mura.
    Camminerò
    finché le forze
    non m'avranno abbandonato.
    Siederò
    all'ombra della rosa
    stanco e saldo.
    Cocci di vetro nemici
    spettacolo si faranno
    di lucciole e falò lontani.
    Mi perderò in
    caleidoscopici
    giochi di lacrime.
    M'assopirò sognando
    speranze fatte terra.
    Saluterò il sole
    raccontando l'incanto.

  • 02 novembre 2016 alle ore 12:39
    Natale Italiano

    Beati i poveri,
    tamagotchi d’abbienti
    salutisti mangia yoghurt,
    democratiche perline
    fronzoli su fronzoli,
    vegani tutto bio, so tutto Io.

    Si sprechino i brindisi dunque,
    in questo Natale di renne zoppe,
    nell’ipocrisia dei cristalli,
    in promesse riciclate, mai mantenute,
    ricalcolate da bianche narici e
    d’oscena arroganza.