username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Filtri di ricerca
  • La poesia contiene la parola
  • Nome autore

Poesie

“Uno sguardo vergine sulla realtà: ecco ciò ch'io chiamo poesia”
Edoardo Sanguineti


Le poesie dei nostri autori sono tutte raccolte qui.
Se vuoi inserire le tue poesie in una pagina a te riservata, iscriviti ora e scopri come fare!

elementi per pagina
  • 16 agosto 2016 alle ore 17:09
    L'inferno

    L'inferno:uno stato dell'anima
    costretta a girare su se stessa,
    alla disperata ricerca di una pace
    inafferrabile.
    Madida di sudore,
    implora una stilla d'acqua
    al suo persecutore.
    Quel diavoletto urla e bestemmia,
    tra le gole infuocate.
    Fornisce all'anima
    acqua e sale,
    per arrecarle sommo dispetto.
    E la punzecchia agli arti
    con un forcone ben affilato.
    Escoriazioni e ferite
    si aprono a perdifiato.
    Il despota sanguinario
    è incatenato come uno schiavo.
    costretto a servire
    i capricci di Lucifero.
    Mai perfetti e ben accetti
    sono quei servigi;
    bisogna ripeterli all'infinito.
    Senza lode e premio di tesoro,
    l'anima del potente
    geme in sinistro coro.
    perdutamente ossessionato
    dal rifiuto dell'amore di Cristo.

  • 16 agosto 2016 alle ore 15:07

    Puoi provarci in mille modi, ma se il mio cuore appartiene a qualcuno, la mia risposta non cambierà. Poco conta se quel qualcuno è al mio fianco oppure no, purtroppo i sentimenti non guardano oltre ciò che provano e se avessimo il potere di comandarli ci sarebbe meno dolore. Dobbiamo essere almeno all'altezza di chi si vuol "Cancellare" se vogliamo provare a "conquistare" il suo posto.

  • 16 agosto 2016 alle ore 14:43

    Lasciatele stare le persone che hanno obiettivi e concretezza. Continuate a vivere della vostra superficialità. Non trascinatele nella vostra vita per poi lasciarle a vagare nel vuoto, perché per uscire dal vuoto serve un'immensa forza e un'enorme quantità di tempo e loro tempo da perdere non ne hanno.

  • 15 agosto 2016 alle ore 19:54
    Mondi separati

    Resterei eternamente qui con te;
    non smetterei di fissarti
    sei la donna ideale:
    fornita di ottimi attributi.
    Sorriso accattivante:
    parole suadenti;
    solo sentir il tuo tonodi voce,
    il core intraprende una lunga corsa
    senza sosta.
    Due vite non marceranno insieme;
    due pianeti non potranno mai avvicinarsi.
    Compartimenti stagni,
    impossibilitati a comunicare.
    E' nella natura dell'uomo:
    il carattere non si confonde con un altro.
    L'egoismo
    non cede il suo potere.
    Se dona ricchezza
    prima o poi la rivuole indietro.

  • 15 agosto 2016 alle ore 11:46
    Non chiedermi baci

    Con questo caldo che appiccica
    non chiedermi baci
    sconvenienti al sudore che gronda
    sul corpo a rivoli.

    Facciamoci un bagno o una doccia
    e poi...
    vediamo se torna la voglia!

  • 15 agosto 2016 alle ore 3:21

    Un po di te resta in chi hai amato invano, essi si porteranno via parte dei lati più belli che hai. Un po di te resta intrappolato in ciò che avrebbe potuto essere, ma non è stato e questo spegne alcune lampadine di speranza che difficilmente vedrai illuminarsi ancora. Un po di te rimane tuo per sempre, perché tu possa dare vita a nuovi lati di te, nuove emozioni e nuove speranze che accenderanno nuove strade. 

  • 14 agosto 2016 alle ore 22:11
    Rimpianti

    Come un fiume in piena, tu vivi nella mia mente, inalienabile.
    Desiderio di ciò che è irrealizzabile.
    Unico tormento.
    Unico rimpianto.
    Ma ho un solo momento di gioia, vissuto tra le tue braccia...e questo basta.

  • 14 agosto 2016 alle ore 22:10
    La tua magia

    E come per magia, ti sei divertito a sorprendermi.
    Occhi negli occhi, cuore su cuore.
    Le tue mani a proteggermi.
    E io sono solo un'onda che s'infrange sempre su di te

  • 14 agosto 2016 alle ore 16:51
    L'odore della paura

    Viali di mandorli e melograni m'avvolgono in stretti abbracci per trasportarmi dentro pensieri creativi imprese ardue da realizzare servite in un fatiscente santuario d'inezie Volontà pigre scorrono tra le rive franate dei ruscelli dove gracidano le delusioni e i desideri infranti decori di fiabe racchiuse nelle illusioni che dall'anima vanno dritti al cuore nell'intimità raffinata a vergare di niente le pagine dell'esistenza . cesaremoceo diritti riservati Segnala abuso Copyright

  • 14 agosto 2016 alle ore 16:48
    Gioventù,svoltai l'angolo e non ti vidi più

    Errante tra i pensieri inseguo la vita accettando i silenzi che si annidano tra le parole che non ho ancora scritto nella complicità che s'abbraccia agli urli dell'anima alla deriva Io uomo d'intelletto educato al rispetto mi ritrovo avido d'amore e di piacere tra le ingenuità torturate dagli ideali e dalla vulnerabilità della passione che uccide la mia volontà ammantata oramai dal Nulla . cesaremoceo Proprietà intellettuale riservata Copyright

  • 14 agosto 2016 alle ore 16:44
    Ravioli ripieni in salse di menti rasate

    Estate aspra e greve con le stanze dell'anima ornate e pronte a donare ruvidi languori nell'aria E nella Luce dell'intelletto tramutare prostrazioni e nostalgie in sogni capaci d'impadronirsi a forza del cuore ansioso adagiato tra spiritualità e merletti luccicanti senza brividi parole infantilite da malinconie e capricci fragranti ire intrecci di corvi e vipere vittime della gogna d'occhi accesi d'odio . cesaremoceo Proprietà intellettuale riservata Copyright

  • 14 agosto 2016 alle ore 16:36
    E aspetto...

    E aspetto…
    che un raggio di sole trafori
    l'increspata superficie dei pensieri
    e per magia la levighi
    come un serico manto di velluto
     
    Intanto,
    sui colori pieni del tramonto,
    la cupezza poggia il capo
    e diventa luce.
     

  • 14 agosto 2016 alle ore 16:06
    Il cielo dei sogni

    Il cielo dei sogni
    è un cielo
    turchese pastello,
    dove pendono sogni
    da ogni costellazione
    e dondolano
    come altalene
    nel mistero
    della loro origine,
    distendendo l’anima
    dalle contrazioni della vita,
    facendo sfumare i segni
    di ogni vecchia ferita.

  • 13 agosto 2016 alle ore 17:27
    Ore

    Vago nella mia notte per sfuggire al giorno,
    in questa vita scandita da lunghi intervalli
    a strangolare stagioni nell'asfissia di stretti spazi,
    alla ragione che soffoca il cuore nello sgretolare delle ore.
    Ore forzate da questo labile tempo. 

  • 12 agosto 2016 alle ore 19:36
    Chimera

    Lui ritrovò la sua adolescenza
    perduta e selvaggia
    nello sguardo impertinente
    di lei
    e lei sognò
    di essere condotta da lui
    alla scoperta dell'età adulta
    così 
    quando le loro labbra
    curiose si sfiorarono
    essi credettero di amarsi.

  • 12 agosto 2016 alle ore 17:35
    Un solo sguardo

    Uno sguardo di sfuggita, ci ricorda ciò che siamo stati.
    Non possiamo fare altro, se non vivere di ricordi.
    Il gusto del negato, assapora l'anima di tutto ciò che non c'è.
    E ciò che c'è, insegna a vivere

  • 12 agosto 2016 alle ore 14:59

    In me adesso c'è quella voglia prepotente di non ascoltare più nessuno, ma solo me stessa. Troppo il tempo in cui i bisogni altrui hanno fatto in modo che non ascoltassi i miei. Ho anch'io delle necessità, dei bisogni e delle aspettative e dove tutto questo muore io non intendo più restare. Fare finta di niente non mi aiuta, guardare in faccia l'evidenza all'inizio mi piega, ma poi mi fa rinascere.

  • 11 agosto 2016 alle ore 20:54
    La bella del sogno

    Veniva il sogno
    in forma di donna
    sulla battigia
    ove il flutto
    al largo in tumulto
    si quietava
    lambendole i piedi
    con onda carezzevole
    a bagnarsi invitante.

     La luna spiava
    vestita d'argento
    luminosa sul mare.

    E a notte fonda
    punteggiata di stelle
    si tuffava la bella:
    nuotante desiderio
    che con l'alba svaniva.

     

  • 11 agosto 2016 alle ore 17:43
    Danza

    Quattro passi stanchi
    per la palude stagnante.
    Aria acre lacrima gli occhi
    e brucia la gola.
    Bronchi chiusi in angusta stanza.
    Tossiscono secchi
    come ritmica danza.
    Rettili arcigni
    scendono silenziosi
    sulle sabbie roventi.
    Fissi occhi simili al vetro,
    mirano a una preda
    dal vestito tetro.
    Alligatori affamati
    cingono in cerchio
    l'animale isolato
    veloci come felini,
    ballano aspramente
    contendendosi l'atroce pasto.
    Aridità smisurata
    annienta i rettili
    senza dignità e onore

  • 11 agosto 2016 alle ore 16:35
    Nel silenzio dell'anima

    Tra le mille voci di questo mondo 
    che urla ogni giorno la sua ira, la sua vendetta,
    ascolto sempre la mia voce nel silenzio dell’anima.

    Cerco, con molta fatica, di distinguerla dalle altre
    per non perdere il mio senso di libertà, di vita, di fraternità.

    E, nel mentre il mondo continua a urlare,
    rimango con gli occhi di un fanciullo a osservare il cielo grigio,
    sperando che la smetta di piovere sangue.

    Ma le speranze sono come sogni,
    sogni che rimango tali, poiché il mondo lo sentirem sempre urlare
    e il cielo lo vedrem sempre grigio.

    Nel frattempo continuo ad ascoltar la mia voce nel silenzio dell’anima.

  • 11 agosto 2016 alle ore 14:39

    Milioni di libri e diplomi non insegneranno mai determinati valori... Insegnare qualcosa nel modo più semplice che ci sia... Determinati valori come il rispetto, l'onestà, la lealtà e l'umiltà non li apprenderai mai da un libro, ma da chi li porta dentro e ne fa uso! I valori solo un buon "Esempio" può insegnarteli... Non un libro!

  • 10 agosto 2016 alle ore 21:23

    Ciò che è misterioso indubbiamente affascina, ma quando perde credibilità, dimostrando assenza di intelligenza e buon senso... perde anche il suo fascino. Puoi puntare solo sulla tua collezione di "Si" ricevuti da chi non ha saputo resisterti, ma io sono certa che ti ricorderai di me a vita... Del resto tra milioni di "SI" un bel "NO" non si dimentica facilmente.

  • 10 agosto 2016 alle ore 18:24

    Le occasioni mancate, i sogni infranti, le aspettative deluse e le persone che credevi fossero, ma non erano restano come lividi sulla pelle. Restano come macchie di inchiostro sopra una pagina bianca che avresti voluto riempire di bellissime parole. Restano significative per l'esperienza e per la crescita interiore, il tempo alleggerisce il loro peso, ma il loro sapore amaro non lo dimenticherai mai.

  • 10 agosto 2016 alle ore 5:54

    Se tieni veramente a qualcosa o a qualcuno non puoi restare a guardare mentre scivola via. Tra “Rincorrere” e “Correre” c'è una finissima differenza: Non si rincorre niente e nessuno, ma se ci tieni davvero o impari a correre o impari a perdere.

  • 10 agosto 2016 alle ore 5:38

    Nella vita serve coraggio per ogni cosa. Serve coraggio per voltare pagine piene di sorrisi, ma terminate in lacrime e delusioni. Serve coraggio per ammettere i propri errori, per ammettere le debolezze, i difetti e anche i fallimenti. Serve coraggio per avanzare quando hai il vento contro e non hai una vela per gestire la situazione. Serve coraggio quando nel buio più totale ti sei perso e senza una bussola tenti a stento di ritrovare il cammino. In fine... Serve coraggio per guardarsi dentro senza aver paura di ciò che si trova perché nel bene o nel male dovrai affrontarlo, correggerlo e superarlo.