username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Filtri di ricerca
  • La poesia contiene la parola
  • Nome autore

Poesie

“Uno sguardo vergine sulla realtà: ecco ciò ch'io chiamo poesia”
Edoardo Sanguineti


Le poesie dei nostri autori sono tutte raccolte qui.
Se vuoi inserire le tue poesie in una pagina a te riservata, iscriviti ora e scopri come fare!

elementi per pagina
  • 31 luglio 2016 alle ore 12:47
    Fiocco di grano

    Aspira fiocco di grano.....occhi di cespuglio color volpe....lambisci finestre campestri....di olio e ginepro.....bianco incolore di bambino stupore.....venerea alchimia....ramastra empatia.....

  • 31 luglio 2016 alle ore 5:10

    Questa sembra una di quelle notti che non finisce mai sai? Chissà dove sei adesso amica mia. Chissà da quale nuvola o stella ti affacci per guardarci e prenderci in giro come solo tu sapevi fare. Eri vita pura, energia spaventosa... Eri corrente e fiume in piena che senza pietà trascinava con se chiunque avesse vicino. Con te si aveva sempre il cuore a palla, sorrisi al massimo e quando c'era da essere seri sapevi esserlo con una profondità unica. Io ti vedo ancora li, con la tua bandana, la tua treccia bionda e quel sorrisetto "Dispettoso" che ti rendeva unica. Avevi il potere di rendere magico e vivo tutto ciò che toccavi. Ed eri anche tosta e "Cazzuta" come una vera donna deve essere. La vita ti aveva dato prove durissime, sfide che in pochi avrebbero accettato e tu da gran signora senza lamentarti mai le avevi vinte tutte. Poi quest'ultima sfida, che ti ha vista lottare con la stessa tenacia. Quella tenacia che caratterizza chi è nata guerriera e non codarda... Ma questa volta amica mia sembra che tu abbia trovato un fiume con la corrente più forte della tua e ti ha trascinata via con se. E io stanotte resto qui... A ricordarti alla festa del tuo ultimo compleanno... Per rivederti  ballare, ridere come se niente fosse cambiato... Quando in realtà la tua vita era già stravolta  e ribaltata in modo notevole. Sei una di quelle donne che sono degne di essere ricordate come esempio. L'esempio della serietà e dell'onestà. Una di quelle persone che dimostrano che anime prive di cattiveria, invidia e malignità esistono. Una di quelle anime che continueranno a sorriderci sempre e non conta in quale posto esse siano. Una di quelle amiche che metteva sempre il "SUO" in secondo piano se il "TUO" era motivo di angoscia. Una di quelle persone per cui non smetterai mai di ringraziare la vita per avertela fatta conoscere. Grazie per le ore, i minuti, le giornate e le serate che abbiamo condiviso. Certe "Condivisioni" restano per sempre anche oltre l'ultimo battito. Quindi alzo il bicchiere e ti dico come mi dicevi tu: "Oh bimbaaaaa... SALUTE"! Ciao Cinzia.
    (Dedicata a Cinzia Santi 30.07.2016)

  • 30 luglio 2016 alle ore 14:32
    Tornerò ...

    Tornerò piu forte dal giorno che son partito debole,
    Camminerò basso a piedi nudi per non volare alto e cadere con le scarpe,
    Sarò sincero finché l'uomo che mi tradirà possa rendersene conto, senza apprezzarmi,
    Amerò le cose semplici perché dalle più complesse non darei più me stesso,
    Saprò ascoltare più che parlare perché dalle parole altrui posso imparare, e non insegnare
    Sarò fortunato perché avrò conosciuto questo Mondo che mi accompagnerà nell'altro senza nulla, nudo come alla mia nascita.

  • 30 luglio 2016 alle ore 14:30
    50 anni

    Mezzo secolo di ricordi
    Un percorso tracciato
    Dalle impronte di un tragitto
    Un tempo sconosciuto.
    Oggi un sogno
    Che rivivi apprezzandone
    Ogni istante
    Quei momenti che vorresti
    Che fossero infiniti
    Infinito come la voglia di vita.
    Vita che apprezzi con la conoscenza
    Quella sicurezza che toglie tempo
    Quel tempo che vorresti fermare
    Ma, Impossibile se non dai ricordi.
    Bella é la vita
    Troppo facile buttarla senza obiettivi
    Senza apprezzarne i colori
    La sua essenza, la natura.
    Un giorno tornerò polvere
    E li avrò capito il vero senso
    Dei miei 50 anni.

  • 30 luglio 2016 alle ore 14:27
    Il Tempo

    Credo che l'immagine
    di ciò che ci circonda
    sia frutto del tempo
    che spesso imprime 
    nelle nostre mente ,
    a ricordo di ciò che è passato,
    l'impronta sempre più attuale
    di un presente proiettato al futuro,
    di una speranza senza fine.

  • 30 luglio 2016 alle ore 11:00
    Zattera

    La poesia 
    è la mia zattera
    preziosa
    quando il mare
    si fa burrascoso
     

  • 30 luglio 2016 alle ore 1:10

    AAA FIDANZATO CERCASI:

    - BRUTTO

    - POVERO

    - RINCOGLIONITO

    Almeno nessuno lo guarda, nessuno lo invidia e soprattutto quando spara cazzate e si arrampica sugli specchi è giustificato. 

  • 30 luglio 2016 alle ore 0:14
    La mia poesia

    La poesia è la mia nave
    La poesia è la mia barca
    La poesia è la mia zattera

  • 29 luglio 2016 alle ore 21:39

    Non paragono mai un amore ad un altro. Ognuno sarà speciale a modo suo e ti farà tua a suo modo. Ognuno di loro ha un sapore diverso e cercare in un nuovo amore che nasce lo stesso sapore di quello appena tramontato non ha senso. Avvicinati a qualcuno solo nel momento in cui quel tramonto è ormai lontano e hai voglia di veder di nuovo spuntare l'alba, il sole e la luce!

  • 29 luglio 2016 alle ore 21:12

    Ma cosa te ne importa uomo o donna che tu sia del mondo che viaggia al contrario. Delle bocche bugiarde e infami. Delle presenze che lasciano solo vuoto e solitudine. Delle parole che ti annullano e ti fanno sentire sbagliato, ma cosa te ne importa. Quando sei autentico/a non hai bisogno delle loro approvazioni, perché con queste persone non ti confonderai mai. E se per caso, sbagliando ti sei mischiato a qualcuno di loro per un breve periodo, getta via tutto ciò che ti hanno lasciato: dolore, delusione e rabbia. Mentre prosegui però ricorda: Non è smettere di usare il cuore a fare in modo che non sbaglierai ancora, ma saper tenere gli occhi aperti e prima di far aprire le ali al tuo cuore metti bene in moto l'intuito, il sesto senso e la ragione. E se per caso danno validi segni di dubbio, questa volta ascoltali! 

  • 29 luglio 2016 alle ore 15:05

    Chiedo scusa se non so essere sempre educata, raffinata e per benino, ma sapete a me certe cose fanno altamente girare le palle! Non tollero invadenza, falsità, ipocrisia e tutti coloro che vogliono per forza mettersi su un trono che non gli appartiene. Il trono va meritato! Chi distrugge la strada altrui non lo merita! Lo merita chi costruisce nuove strade per se stesso. Al traguardo giungi vincente se ci arrivi con le tue di gambe; perché se ci arrivi trascinato dal fango che hai seminato, annegherai prima del traguardo.

  • 29 luglio 2016 alle ore 14:40

    Voglio vedere milioni di albe ancora. Le voglio vedere con occhi diversi. Voglio vederle con gli occhi di oggi, gli occhi della consapevolezza. Crescere significa dare valore diverso alle cose, un'alba che nasce è un nuovo giorno che arriva... E' ancora vita, aria e tempo che ti viene concesso... Non sprecarlo più.

  • 29 luglio 2016 alle ore 8:41
    Una rosa

    Una rosa
    per ammazzare l’orco.
    Non basta certo
    a renderti la luce dentro gli occhi.
    Ma questa, e non l’orrore,
    è l’immagine che avrei voluto per te
    prima di addormentarti.

    Una rosa
    per ripulire l’erba.
    Non basta certo a cancellare tutto
    e a riportarti il sangue nelle vene.
    Ma è la carezza che avrei voluto per te
    prima di addormentarti.

    Una rosa per un dolore in meno.
    Una rosa per ridonarti il seno. 

  • 29 luglio 2016 alle ore 1:33

    La felicità non l'ho provata in amori impossibili, in baci tanto desiderati o in sogni irraggiungibili. Io la felicità l'ho trovata in quel poco che avevo di certo. In quelle piccole cose che al sorgere del sole erano ancora la. Io la vera felicità non l'ho trovata nei tuoi occhi quando mi hanno detto che mi amavi per poi ferirmi. Nelle sere a cena a lume di candela che poi si sono spente nel nulla come la serata. Io la felicità l'ho trovata negli occhi di mio figlio che hanno continuato a guardarmi con lo stesso amore. Nei pranzi più umili a casa mia o a casa di amici. Io la felicità l'ho sentita in tutte quelle cose che spesso trascuriamo. Quelle cose che oggi a pensarci bene sono quelle che ricordo con più gioia. Io la felicità l'ho assaporata ridendo con gli amici, ridendo assieme a qualcuno senza una vera ragione. L'ho trovata nelle lacrime di un: "Mi dispiace" e nella timidezza di uno "Scusami"! Io ho ascoltato la felicità nelle confessioni di un'amica o di un amico e nel loro cuore che si apriva a me donandomi fiducia. Io ho provato la felicità ogni qual volta sono stata scelta da qualcuno che poi ha dimostrato che ero la scelta giusta, quella scelta che avrebbe rifatto altre mille volte e che non avrebbe mai barattato con nulla. E' strano, ma la felicità sta proprio nelle cose che abbiamo quotidianamente di fronte e che spesso trascuriamo per cose stupide, per persone che non valgono nemmeno la metà di quel poco che di certo abbiamo.

  • 28 luglio 2016 alle ore 23:38

    Sono fatta a modo mio e forse sono fatta male. Con le miei idee e i miei principi del cazzo che oggi valgono meno di zero! Però quello che sono non lo cambierei con niente al mondo. Non voglio presenze, amori o altro che mi facciano sentire sola. Perché io sola con me stessa ci so stare, e anche se a volte mi perdo un po non mi accontento più. Io ho imparato a scegliere... PER ME!

  • 28 luglio 2016 alle ore 21:54
    Voglie

    Impeti di cupidigia m'accendono nell'immaginare il mio futuro sofferente la fuga della miglior parte di me Fuochi di giorni di miserie vissute angosce del rammarico nel dolorante travaglio interiore m'han plasmato il supplizio dello scorrere del tempo in giorni che si rincorrono nella loro inutilità lasciandosi dietro il profondo rimpianto di una vita consumata in se stessa nella fiamma inestinguibile dei desideri repressi ardori di piaceri e passioni non appagate . cesaremoceo Proprietà intellettuale riservata Copyright

  • 28 luglio 2016 alle ore 21:21
    E lascio tracce del mio passaggio

    Mi sfugge a volte la certezza del mio possesso mentre rivedo le emozioni tutte accumulate nel silenzio che m'invita a trattenere le parole con la paura di disperderle e smanie di tumulti e agitazioni si aggrovigliano nell'anima raccogliendosi in lacrime di felicità a bagnare il mio vivere e il mio ardore . cesaremoceo Proprietà intellettuale riservata Copyright

  • 28 luglio 2016 alle ore 21:18
    Il rumore dei miei passi

    Smarrito mentre la vita fugge via mi costringo a riserbi cortesi ormai quasi freddi profondi e senza lusinghe Ammaliato da un sole declinante m'appresto al tramonto avvinto alle memorie seducenti di ricordi diletti E là gli spiriti pervasi dalla consuetudine ai miei sogni poetici mi rimandano a tante prossime albe sbigottite dalle angosce di quei riesumati fantasmi . cesaremoceo Proprietà intellettuale riservata Copyright

  • 28 luglio 2016 alle ore 21:15
    Ancora il Nulla

    Vedo riflessa la mia ansia in ogni cosa che mi si muove attorno e in esse s'indebolisce l'attesa della mia natura maledetta nel suo patema morale che ricerca nel mondo il complicato diletto dei sensi la commozione dei sogni e l'abbandono ai sentimenti più puri E invece trova solo impeti di brutalità dove alberga ancora il Nulla . cesaremoceo Proprietà intellettuale riservata Copyright

  • 28 luglio 2016 alle ore 21:11
    Virtù e palpitazioni celate

    Spesso negli artifizi che sperimento e vivo metto il meglio di me espandendo a piene mani tutto il mio spirito al punto di rimanere ingannato dai miei stessi inganni insidiato dalle mie insidie e ferito da quelle stesse armi E rimango prigioniero dell'incanto dei miei voluti incantesimi nel turbamento dei sospiri compiacenti d'ignude presenze soprannaturali . cesaremoceo Proprietà intellettuale riservata Copyright

  • 28 luglio 2016 alle ore 18:15

    Non ho bisogno di un diario per scriverci ciò che per me conta. Le cose più importanti le ho scritte su di me: I sentimenti più belli li porto nel cuore. Le ferite più grandi le porto sulla pelle e i ricordi più importanti mi invadono l'anima. Io sono loro e loro sono me.

  • 28 luglio 2016 alle ore 13:04

    Anche se sbagliato, tu vivi in me. In me vive colui che un tempo credevo tu fossi. In me vive il vuoto che hai lasciato annegato nel dolore di qualcuno che probabilmente non esiste e che avevo solo idealizzato. Non serve dire addio a qualcuno materialmente se poi non gli dici addio dentro di te, se non riesci a sganciarlo dal cuore non sarà mai un vero addio. La verità è che io preferisco te nel cuore che chiunque altro al mio fianco. Non a caso ho scelto di portarti sulla pelle. 

  • 27 luglio 2016 alle ore 22:02

    Guarda che sei bellissima. Sei bellissima anche con le tue paure, le tue insicurezze e le tue fragilità. Perché nasconderle e limitarsi nell'essere completamente se stesse. Cavolo! Quella sei tu! Anche la parte più fragile e più sciocca è parte di te. Non gettarla, non negartela perché se sei speciale è anche grazie a quei lati. Devi essere guerriera durante la battaglia, ma puoi essere di vetro in un abbraccio sincero. Puoi essere di ferro durante la difesa, ma puoi crollare come sabbia di fronte a qualcuno da cui non devi difenderti. Sei bellissima così come sei Donna, non cambiare perché chi non ama anche queste tue sfumature... Non ti ama!

  • 27 luglio 2016 alle ore 21:29

    Vedo molte cose che non mi piacciono, atteggiamenti, parole, gesti e soprattutto menefreghismo ed egoismo. Ho scelto di guardare oltre a tutto ciò, ma sopratutto ho scelto di non lasciarmi cambiare da tutto questo. Voglio restare quella che sono. Voglio restare buona, anche se non troppo e soprattutto voglio ancora soffrire, perché quando arriva il dolore sai di aver messo in gioco dei sentimenti, sai di essere ancora una persona vera e capace di amare ed è questo che fa la differenza tra me e loro.

  • 27 luglio 2016 alle ore 13:34

    A pensarci bene a volte sono stata anche fin troppo educata e comprensiva. Ho lasciato correre e ignorato cose che avrebbero fatto saltare un embolo anche a un santo. Ho dato tempo a chi non aveva capito molto di me credendo che io ne avessi da vendere, quando in realtà a me nessuno me lo regala. Ho sprecato parole dove non sarebbero mai state ascoltate, credetemi i convinti non ascoltano mai. Loro hanno ragione a prescindere e sono certi che tu non sei "Nessuno"! Credetemi questa non è sfiga, ma è semplicemente la vita. Una vita ormai fatta di un mare di ipocrisia e cattiveria dove pochissime volte si cavalca l'onda della sincerità e dell'umiltà!