username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Filtri di ricerca
  • La poesia contiene la parola
  • Nome autore

Poesie

“Uno sguardo vergine sulla realtà: ecco ciò ch'io chiamo poesia”
Edoardo Sanguineti


Le poesie dei nostri autori sono tutte raccolte qui.
Se vuoi inserire le tue poesie in una pagina a te riservata, iscriviti ora e scopri come fare!

elementi per pagina
  • 20 maggio 2016 alle ore 19:50
    Stato emotivo IX

    Figli di una stessa notte
    Abbracciati per un istante,
    ogni bacio è una salvezza
    che allevia tutti gli affanni.
    29/02/16

  • 20 maggio 2016 alle ore 19:31

    Quando ricevo gesti non carini e lo faccio notare, spesso mi sento dire: "Beh, io sono fatto/a così! Che ci devo fare"!? E' che ci devi fare? Possibilità ce ne sono:
    1. Potresti provare a cambiare, sai migliorarsi non è mai sbagliato.
    2. Potresti pensare prima di agire o di parlare.
    3. Potresti alimentare il cervello capendo che ciò che non piace ricevere a te, magari non piace nemmeno agli altri.
    4. Potresti crescere e scendere dal piedistallo e imparare a chiedere scusa... Perché l'Umiltà non ha mai ucciso nessuno.
    5. Se proprio non riesci in nessuna di queste... Potresti tranquillamente andare a fare in culo!

  • 20 maggio 2016 alle ore 14:00

    Vedo persone venire a impartirmi lezioni di vita. Leggere le frasi che scrivo e che pubblico e commentare asserendo che sono troppo dura, che giudico, che dovrei smettere di puntare il dito contro gli altri ecc.... Mentre lasciate questi commenti, mi domandavo se voi nella vita stringete la mano a chi vi prende a calci in culo, se dite "Grazie" a chi vi offende, se non avete mai conosciuto gente di merda e se non gli avete mai detto la vostra o non avete mai espresso la vostra opinione in merito. Detto questo aggiungo anche che ciò che leggete è la mia OPINIONE, il mio PENSIERO su qualcosa che IO ho vissuto, non voi... Che IO conosco non voi... Ricordate, solo la mia opinione. Mentre voi quando rilasciate determinati commenti, facendomi la morale, asserendo che tipologia di persona sono basandovi su quattro frasi scritte in una citazione... Ecco quello è GIUDICARE! 

  • 20 maggio 2016 alle ore 13:37
    La mano in alto tesa

     
    La mano in alto tesa  per oggi darti mamma
    una carezza  non al  caldo  tanto amato  viso
    che  muta fredda marmorea  foto toccan queste
    dita mie e poco lo so è questa mia carezza
    che pur con tanto amor lì  portata non scalda
    né riporta  in vita  te mia  fonte della vita, vita
    spesa negli anni tanti tuoi solo  per donare
    pur se fu tua  vita sofferta e dolorosa tanto:
    tolto ti fu bambina, quel lago, un caro tuo
    fratello,  matura donna poi la figlia bimba,
    mia sorella,tenero ramo dalla rapace falce
    nera  dall’alber tuo materno  un dì reciso,
    indi  nel tempo  dolori altri e tanti  tanti
    da forte spirito mutati pur vivo quel vasto
    tuo tormento interno in sorrisi dolci e gioia
    a chi ti avvicinava ed ecco infin come dicevi
    consolazione della vita tua quell’amor tanto
    sconfinato amorevol e amorevolmente dato
    a quel figlio mio figlio di tuo figlio frutto
    eran tue parole  dolce e assaporato a dar,
    dopo amarezza tante e prima del sonno eterno
    che or pian piano  or t’avvolge, l’ultimo vigor
    al tratto estremo della  vita tua come rinnovata,
    cade la mano mamma e  dopo la carezza dal labbro
    solo col singhiozzo nasce questa mia parola:
    grazie ……………………………………!
     
     

  • 19 maggio 2016 alle ore 22:57
    I tuoi silenzi

    Ho ascoltato
    i tuoi silenzi...
    Ho colto
    la tua intimità...
    Senza sfiorarti

  • 19 maggio 2016 alle ore 15:49
    Nel buio

    Nasconderci, per non far vedere al mondo quanto ci amiamo.
    Due ladri in un mondo di incomprensioni.
    La notte, la nostra amica.
    Il buio, l'essenza di noi.
    Non c'è un luogo davvero sicuro, per poter nascondere i nostri sentimenti.
    Amore immenso, costretto a nascondersi.

     

  • 19 maggio 2016 alle ore 14:50
    " E... spera"

    Solo silenzio infrangibile,
    avvolto , frapposto, inarrestabile.
    Anche l'aria è muta,
    in quell'attesa che non finisce.
    Solo l'anima parla,
    nella melodia della vita, 
    chiede, ascolta, freme.
    Lei non si adagia,
    vive, palpita, respira.
    E spera, nell'incredibile.
    @[email protected]

  • 19 maggio 2016 alle ore 13:21
    L'Albero

     
     
     
    Da un seme
    A dimora
    Una piantina
    La sua vita
    È bello immaginare
    Le sue radici
    Che cercano la terra
    I suoi rami
    Che cercano la luce.
    Aspettare che crescano
    Per salirci sopra
    E sederci insieme
    Sulle sue braccia
    Dondolare poi
    Guardare in alto
    Attendere i loro fiori
    E tanta frutta
    Questa è
    La preghiera della natura
    E la nostra al nostro Dio.
     
     
    Cit. L’albero è il ricordo dell’infanzia e l’amore per il Creato. “

  • 19 maggio 2016 alle ore 12:18
    Gli occhi dell'amore

    Con gli occhi dell'amore si vedono cose impossibili
    Sogni e fantasie mai esistite.
    A tutti i colori del mondo , se ne aggiunge sempre uno in più.
    Il cielo scintilla.
    I fiori irradiano luce.
    Il mare diventa argento e oro.
    Ogni cosa si trasforma in un armonico gioco di sentimenti puri.
    Gli occhi dell'amore, vedono oltre.

  • 19 maggio 2016 alle ore 0:39

    I miei sogni valgano quanto tutti gli altri. Valgano i sogni di chi non riesce più ad esprimerli perché troppo deluso. Valgano i sogni dei miei amici perché la loro felicità è anche un po la mia. Valgano anche i sogni dei miei "Nemici", perché se la vita gli avesse dato l'occasione di realizzarne qualcuno in più forze... Sarebbero diventati un po meno cattivi e non vivrebbero per distruggere quelli degli altri. 

  • Nel dolore delle parole da dire
    alla mia età sballottata
    in questi venti d'afflizione
    che odorano di falso
    con l'odio che parla all'odio
    nei gesti di chi mi precede
    e anche di chi mi insegue
    ascoltare guardare
    ricordare e raccontare
    nell'alta voce della mente
    e spianare il cuore
    a forza di nostalgie
    senza googlare alcun sentimento
    E vivo la mia vita bassa
    in attesa della redenzione dei tempi.

  • 18 maggio 2016 alle ore 22:21

    Giustissimo dire che se ti basta spogliarci dei vestiti non sei un uomo. Se toglierci qualche paura e darci sicurezze non ti arricchisce dentro non sei un uomo. Se arrivare a casa la sera e scioglierti in un nostro abbraccio non ti fa esser fiero di ciò che hai scelto non sei un uomo. Se puoi dormire vicino a qualsiasi compagnia, confondere la tua pelle a qualsiasi profumo e non sentire la mancanza dell'amore non sei un uomo. Però... Se usi solo il tuo corpo come arma seduttiva non sei donna. Se regali piacere come fosse un "Aperitivo" non sei donna. Se non ti prendi cura con amore di chi ti ha scelto non sei donna. Se ti piace essere amata, averli ai tuoi piedi, essere rispettata, ma ami mantenere il "Potere" sul resto del mondo maschile no.... Non sei donna. C'è un maschio "Bastardo" che ogni vera Donna ha pagato caro sulla sua pelle... E c'è una femmina "Da quattro soldi" che ogni vero uomo ha pagato in altrettanto modo. Questa è la vita... Incontrarsi "Giusti" di valori è un colpo di fortuna inestimabile. 

  • 18 maggio 2016 alle ore 21:42

    Per abbattermi non basta il veleno delle vostre lingue. Non bastano due promesse non mantenute per farmi smettere di credere che mi merito del bene. Non basta incontrare una "Faccia da culo" per perdere la mia educazione. Non serve provocare per farmi dimenticare che sono una persona intelligente. Però credetemi; basta sapere ciò che si è per far cadere le vostre parole. Basta imbattersi in una persona sincera per capire che non tutti mancano alle promesse. Basta conoscere un'anima vera per ritrovare la dolcezza perduta. Basta la mia intelligenza e avanza a farmi dire che le vostre provocazioni potete mettervele tranquillamente dove non batte il sole! 

  • 18 maggio 2016 alle ore 19:44

    Delle persone convinte di sapere tutto di me ne ho fatto collezione. Soffrono solo loro, hanno ragione solo loro, esistano solo loro, sono sempre innocenti e tu sei sempre la poveraccia, la sbagliata e quella che non vale niente. Peccato tutto questo, perché se avessero un minimo di intelligenza capirebbero quanto poco sanno di me e della mia vita, ma soprattutto capirebbero che alle persone come me dell'opinione di "Gente" come loro non è mai importato niente. Sapete io verso coloro che sono "Fuori" dalla mia vita non ho interesse nel concedere ascolto e tanto meno attenzioni.

  • 18 maggio 2016 alle ore 16:46
    La forza

    Non farti sconfiggere da ciò che ti delude.
    Ogni freccia che scheggia la tua corazza, serve a renderti più forte.
    Ogni piccola ferita, ti farà solo splendere di più.
    Il sole che hai dentro, è più luminoso di tutto il resto

  • 18 maggio 2016 alle ore 14:06
    " Ti guardano"

    La gente ti guarda e vede solo il tuo sorriso,
    non sa tutto quello che contiene!
    Non immagina quanta pioggia ti ha bagnato il volto.
    Quanto sole ti ha bruciato.
    Quanto dolore ti ha scavato,
    non sa quante emozioni hai nel tuo cuore.
    Ti guarda e vede solo il tuo dolce sorriso.
    E l'universo che hai in te, lo nascondi,
    e pochi sanno che c'è.
    @[email protected]

  • 18 maggio 2016 alle ore 13:21
    Giochi Del Cielo

    Con lo sguardo fuggevole
    In una notte di mezza estate
    A carpire la luna giocosa
    Dietro i pensieri del cielo
    E nel mentre mi spia
    Strizza l'occhio
    Quando fulmineo
    In un frammento di stella
    S'intinge un mio desiderio
     
    Aumentano le visioni
    E nel cielo si oscurano
    I riferimenti luminosi
    E come fotogramma
    Di un film già visto
    Elabora la fantasia
    Con storie passate
    Favole future
    Sogni novelli.
     
     
    Cit. “Quando le nuvole giocano con le luci del cielo, bisogna usare la fantasia.” 

  • 18 maggio 2016 alle ore 12:53
    Fiumara Mia

     
     
    Il ruscello
    Si nutre
    Si gonfia
    Si fa fiume
    Rumoreggia
    E si ribella
    Come l’Io
     
    Mentre
    Nel buio
    Del silenzio
    Spunta
    Una luce
     
    All'improvviso
    Si alza il vento
    E la sua corsa
    Si fa frettolosa
    Singhiozza
    E
    Rumoreggia
     
    Addio
    Pace certa
    Raggi dorati
     
    Avrei preferito
    Che si facesse sera
    Con la luna
    E con le stelle
    A supportare
    La mia anima
     
    Ora nel buio
    Mi domando
    È la mia anima
    Oppure no?
     
    Cit. “ La nostra anima senza i riferimenti si perde e noi non ci riconosciamo. “
     

     

  • 18 maggio 2016 alle ore 12:18
    Azzurri mari

    Per azzurri mari vorrei navigare
    in coralline acque pescose
    con generosi abbracci
    tra sponde e flutti
     
    Dove conchiglie sapienti,
    che dei fondali celano i segreti,
    sui lidi accolgono
    con promesse di miele
     
    Un ecumenico sole, intanto,
    su tutto stende poderosi raggi d'ambra
    e dispensa una saporosa pace.

  • 17 maggio 2016 alle ore 22:13

    Non salgo su treni a caso, io aspetto quelli giusti. Non gioco più da una vita, da quando la mia testa ha delle necessità chiamate: concretezza e serietà. Non ho un passaporto per tutte le anime e non concedo le chiavi di "Casa mia" a tutti. Sono fatta a modo mio: strana, isterica, testarda e a tratti stronza. Però non sono solo questo... Io ho un'anima straordinaria e non permetto a mani "Sporche" di sfiorarla... Però permetto a mani "Degne" di abbracciarla. 

  • 17 maggio 2016 alle ore 21:47

    Lascia le paure e le ferite. Lasciale cadere a terra insieme ai pezzi di te che ti hanno strappato. Lasciale... Lasciale andare e comincia a camminare. Dio solo sa il vuoto che sentirai ai primi passi, un vuoto che ti appesantisce. Strano, sentirsi completamente vuoti ma pesanti allo stesso tempo. Tu cammina, datti fiducia, credi nelle tue possibilità e non fermarti. Quei pezzi non ti servono più ormai. Dai a te stesso di nuovo fiducia e non voltarti mai.

  • 17 maggio 2016 alle ore 21:32
    Percorsi di vita

    Viaggi esistenziali
    sotto braccio all'essenzialità

    a mischiare continuamente
    "merda e cioccolata"

    tensioni miste
    a emozioni bruciate

    dai peccati commessi
    nella consapevolezza

    che ogni guerra
    deve avere i suoi eroi

    Giustificazioni della mente
    a rinverdire l'adolescenza

    in ideali tanto amati
    da prevedere quegli eroi

    E in quest'arpeggio
    arrogarmi il diritto

    di percorrer la vita
    senza sussulti

    anche se non capisco più 

    che cosa sono stato
    e cosa sono diventato
    .
    cesaremoceo

     

  • 17 maggio 2016 alle ore 19:10
    L'attesa

    Attenderti, in ogni momento.
    Sublime armonia di parole portate dal vento.
    Ogni attimo, sarà una deliziosa attesa, di pensieri passati e speranze future.
    Attenderti nel silenzio, o nel rumore, o nei giorni di tormento o della gioia.
    Una dolce agonia, che passa sottopelle e ti brucia l'anima.
    Attenderti...perché so che tu arriverai, e mi porterai via.

  • 17 maggio 2016 alle ore 19:07
    Come noi vorremmo

    Non poterti amare
    Non poterlo almeno sussurrare
    Non poterlo svelare
    Com'io vorrei
    Come tu senti di desiderarlo
    Come noi vorremmo gridarlo
    E' uno scandalo cosmico

  • 17 maggio 2016 alle ore 13:05

    Non scommetto mai con la vita... Perdo sempre! Preferisco le promesse... Promesse che faccio a me stessa/o. Promesse che manterrò perché non farlo sarebbe calpestarmi. Mi prometto di amarmi sempre e che a pochi concederò il privilegio di sedersi al mio fianco in quei pochissimi posti riservati agli "Intoccabili". Mi prometto che il tempo lo sfrutterò al meglio usandolo anche per rendermi "Giustizia". Mi prometto che non perdonerò più l'imperdonabile per evitare di ferirmi ancora. Mi prometto che avrò cura di ogni mio passo che sarà guidato dalle mie scelte. Mi prometto che sbaglierò ancora, perché è anche sbagliando che si cresce e non si arriva mai a non aver più niente da imparare.