username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Filtri di ricerca
  • La poesia contiene la parola
  • Nome autore

Poesie

“Uno sguardo vergine sulla realtà: ecco ciò ch'io chiamo poesia”
Edoardo Sanguineti


Le poesie dei nostri autori sono tutte raccolte qui.
Se vuoi inserire le tue poesie in una pagina a te riservata, iscriviti ora e scopri come fare!

elementi per pagina
  • 16 gennaio 2017 alle ore 14:08
    Giungimi intorno

    Musica mia
    così lontana, così poesia
    vira ogni tua nota a ponente
    prima che il sole sfugga
    all'umano sguardo
    prima che sia tardi per amare
    prima che si attardi 
    l'ombra monca del domani

    E giungimi intorno
    destando il mio sogno di te.  

  • 16 gennaio 2017 alle ore 14:03
    Il viso un sole il lembo di un istante

    Si sta così bene
    nel mio spazio liquido
    ora che gli occhi galleggiano
    insieme alle cose ripescate da laggiù:
    il viso un sole il lembo di un istante

    Quest'ultimo più di tutto
    schiaccia ogni dubbio
    sul tuo alloggiarmi dentro
    anche dopo che giunse settembre
    ad imbrattar con la tua assenza i giorni

    E ancora adesso mi sei per intero 
    e in me sarai 
    fino a quando non ti disferai
    verso l'imbrunire 
    di quel lampo felice.

  • 16 gennaio 2017 alle ore 13:39
    Di quel viaggio

    Di quel viaggio ricordo tutto
    odori, sapori e me
    che non mi avevo appresso
    e te, che eri bello
    come il mare quando è aperto

    Ricordo tutto
    ricordo le donne di Santa Lucia
    esili labbra di rose appassite
    tra libri di preghiere inascoltate

    Ricordo tutto
    ricordo il vento che al vento inveiva
    là dove fummo per quell'unica notte 
    trascorsa ad amarci i corpi 
    più che altro, più che noi

    Di quel viaggio ricordo tutto
    ricordo soltanto come sarebbe stato
    e forse, perciò e per nient'altro
    non mi sono mossa di qua
    poiché comanda iddio
    che mai l'amore sfugga all'alba. 

  • 16 gennaio 2017 alle ore 13:27
    Agli occhi del cuore

    Si rivela utile 
    talvolta anche il chiasso
    quando trabocca dalla fronte
    finalmente

    Quale scusa migliore 
    per il mio pensiero felice
    di poter zampillare dalle orecchie
    il tanto esatto perché d'intorno 
    sia tiepido oceano taciturno 

    E succede persino che tu 
    non manchi più di esserci
    così che tutto appaia perfetto 
    agli occhi del cuore. 

  • 15 gennaio 2017 alle ore 20:46
    Le soglie dei ricordi

    Accerchiato da strane
    e piacevoli sensazioni

    trepidazioni degli occhi
    mansueti e soffrenti

    rivolti a guardar l'anima

    ingiallita negli orli

    irrigiditi dagli anni nello sbriciolarsi dei giorni

    coltivo ancora

    la mia voglia di vita
    in ogni angolo del mio futuro

    E vado avanti
    lasciando tracce di me

    nell'incanto di un'eredità
    da far rivivere ai miei cari

    a regalar loro

    il mio Cielo sgombro da nuvole

    e righe d'inchiostro a riempire il vuoto
    di quello che non ho saputo dire

    E varcar le soglie dei ricordi
    tra i raggi del sole e dei sogni

    nel cinguettio di quell'Eternità
    dove realizzare i nostri prossimi incontri
    . © ®
    Cesare Moceo

  • 15 gennaio 2017 alle ore 20:39
    Pensieri e parole

    Punire ricompensare
    deludere appagare dividere

    Il mio scrivere
    piccolo teatro della parola

    tappeto a diventare arazzo

    inesauribile abbraccio d'emozioni
    spinte dai soffi muti delle passioni

    a creare dolcezze d'inchiostro

    stupende preghiere dell'anima in pena

    unghiate di passioni

    a scintillare al sole del vivere
    mandando bagliori melliflui al cuore

    intimidito e fiero di sé

    e empiendolo di calde ombre
    vive di sentimenti e di voluttà

    E guardo in faccia le mie sofferenze

    mentre urla di silenzio m'esplodono
    in corpo

    disperazioni a soffocare le angosce
    e farmi sapere d'esser vivo
    .
    Cesare MoceoAltro...
     

  • 15 gennaio 2017 alle ore 19:59
    Forma e consistenza

    Mi avvolgo
    del calore amoroso
    del tuo tatto,
    contatto innamorato
    tra le mie mani
    e la tua pelle.
    Come un bambino
    che scopre la materia
    travasando l'acqua
    dai bicchieri,
    ti sento in mezzo ai denti
    che dolci stringono
    i tuoi fianchi
    e accarezzandoti,
    allungo le mie mani
    verso i piedi
    strizzando piano i tuoi
    gommini delle dita.

  • 15 gennaio 2017 alle ore 18:39
    Dialogo: di me e muta nota

    Son quei toni bassi
    Quei bemolli
    ch’a sottopelle bramo
    a elevar al cielo
    e in centro terra
    nota
    È discorrer muto
    il nostro dire
    Un sollevar di nebulose
    insiem’a lunghe trecce
    di sospese terre
    È là ch’il nostro tempo impera
    e si conduce
    È là ch’io nacqui
    e ritornai.
     
     

  • 15 gennaio 2017 alle ore 17:03
    Momenti

    Hai accarezzato
    il mio viso
    con gli occhi...
    Stupendo
    messaggio d'amore 

     

  • 14 gennaio 2017 alle ore 20:56
    Io,cavia dei miei tormenti

    Moleste bulimie
    mi fan sopportare condanne
    di menzogneri pensieri
    di donata libertà
    nel triste inganno che è la vita
    Cavia dei miei tormenti
    sopporto con ardore
    accuse di empietà
    perpetrate in danno
    delle mie virtù
    Io con la saggezza di riconoscere
    involontari errori
    conseguenze d'involontarie vergogne
    a abitare questo tempo
    che mi spinge
    verso fragili attimi d'imperfezione
    incoronati di tormenti
    nell'assenza della mia presenza
    E sospiro immerso nella mia natura
    medicina vitale
    a risanare la mia fragilità
    e le ferite da essa provocate
    nel voler scardinare il buio
    delle parole non dette
    nel sereno spogliarmi
    dei peccati commessi
    . © ®

    Cesare Moceo

  • 14 gennaio 2017 alle ore 20:53
    Il mio cammino

    Vorrei dimenticare
    il mio esistere nei ricordi

    e spegnermi tra i flutti
    del rinnegamento

    per questa vita confusa
    tra le grida dell'agonia

    Scappare

    e rifugiarmi nel silenzio

    unico luogo di libertà
    intriso della felicità
    dell'anima in fermento

    e là coltivare ingenue speranze

    tra ruscelli di pianto
    e desideri di vita

    d'entusiasmo e d'amore

    E proseguire così il mio cammino
    d'uomo nato libero
    . © ®
    Cesare Moceo

  • 14 gennaio 2017 alle ore 12:49
    Sotto il cielo di Polonia ( Auschwitz)

     La strada è uguale a mille altre
    il colore dell’erba pare ancora amico
    e l’odore del grano appaga la mia pace
    solo il grido è diverso e implorante
    aiutami tu che sei Uomo

  • 13 gennaio 2017 alle ore 21:05
    I giardini di casa mia

    Anima imperfetta
    vivo all'ombra della sofferenza

    e nei sensi spogliati
    di martire della Verità

    scampoli d'essenza
    a rivestire l'anima

    e penetrare le passioni 

    con le azioni a pungere le coscienze
    e con gesti di pace insegnare la vita

    Insofferente alle meschinità

    nel mio sentirmi
    albatros dalle larghe ali 

    attraverso cieli di silenzi astratti

    lontano da odiosi sentimenti 

    a cercare le migliori occasioni per amare

    E mi fermo tra i fiori rigogliosi
    dei giardini di casa mia

    a ridere di me 

    del mio rimanere assorto dentro i pensieri
    e del mio donarli a questo mondo

    effimero paradiso
    del mio saper d'essere il Nulla
    .
    cesaremoceo
    proprietà intellettuale riservata
    copyright

  • 13 gennaio 2017 alle ore 20:36
    Piangerò,fino al quietarsi dell'anima

    Nascoste tra i sotterfugi dell'indifferenza

    ombre sornione ogni dì
    raccontano di calzari consumati

    nello scalare le montagne dello sconforto
    per raggiunger agognati e inutili miraggi

    fiori malati umiliati da piogge non cadute

    fantasiose passioni di dolori e pazzie
    abortite e poi rinate

    a raccontare l'aspra realtà della vita

    Dura è la condanna che m'hai inflitto

    mio Dio

    a vedere il mio vivere con occhi diversi

    attraverso specchi d'orizzonti
    convessi tra l'anima e il cuore

    a riflettere il mio cantar di rime
    al di là delle latitudini dell'odio

    E verso lacrime di dolcezza a circuire il sole
    e avvolgerlo di silenzi e sussurri

    e ancor di preghiere per nuove primavere

    nel cui splendore

    nuovi germogli d'amore potranno sorridere
    a questa ingrata terra
    . © ®

    Cesare Moceo

  • 13 gennaio 2017 alle ore 14:17
    Il filo

    Torna la tua voce, Mare
    a cantare la notte
    così spietata, ruvida.
    Indifeso il cielo respira
    la magrezza del tempo
    sul sentiero di uomini
    confinati alla meta.
    A chi importa brandire
    queste parole, giovinezza
    di disperate chimere,
    triste rinuncia la nebbia
    ad issare la vela.
    E io continuo ad esistere
    a cambiare rifugio
    benchè sia già tardi
    e quel filo di luce,
    di dovuta speranza
    resta impigliato
    al tuo muto ricordo.

  • 13 gennaio 2017 alle ore 12:12
    La Dipartita

     
     
     
    La mente fatica
    A digerire gli eventi
    Che il tempo porta via
    Quando
    Una persona cara
    Vola verso Dio.
     
    E già!
     
    Una parte di noi
    Se ne va con lei
    Quella parte buia
    Che affidiamo
    Al nostro Angelo
    Per farla purificare.
     
    E cosi noi rimaniamo
    A meditare e pregare
    Arricchiti nell’anima.
     
     

     

  • 12 gennaio 2017 alle ore 23:26

    Non è vero che non sono sensibile... Sono solo qualcosa di meraviglioso, dimenticato per troppo tempo dietro li altissimi muri che le delusioni hanno costruito. Muri che non sono mai stati scalfiti da qualcuno che fosse in grado di guardarci oltre. Muri che nessuno ha mai trovato la forza di abbattere. Poco conta quanto siano alti, quando il volere spinge il muro si sgretola.

  • 12 gennaio 2017 alle ore 20:31
    Le mie notti

    Notti

    a chiacchierare per ore
    con le lacrime e con il passato

    a spaventarmi del pensare che ciò
    che abbia fatto detto o scritto

    possa esser stato causa involontaria
    di cancerogene idee

    pronte a spiccate il volo
    nella libertà della società cosciente

    E m'accetto nei riflessi degli specchi d'attorno

    nel ricordo del mio sapere
    e nel Baudelaire a modo mio

    della mia anima livida di fredde illusioni

    "ridicolo uomo,le tue sofferenze sono le mie !
    Alla vista dei tuoi pensieri penzolanti,sento l'amaro fiume dei miei dolori alzarsi come vomito fino ai denti.O Signore,mio Dio,dammi il coraggio di contemplare senza disgusto la mia mente lacerata e la mia anima infetta!"

    E mi rallegro nella fragilità del mio Essere

    a conservare ancora intatte

    nella fosca solitudine
    di quei momenti tenebrosi

    le essenze dei miei più profondi sospiri
    . © ®
    Cesare Moceo

  • 12 gennaio 2017 alle ore 14:11

    Dicono che li piaccio per il mio essere schietto, intelligente e vero. Poi non si sa come mai, quando la mia schiettezza è rivolta a loro non va più bene e divento la "Cattiva". State lontani da quelle come me e cercatevi qualcuno che vi dica sempre "Si, hai ragione" oppure solo ciò che volete sentirvi dire. Io non sono così e per quelle come me serve molto di più di provocazioni e vittimismo. Certe atteggiamenti scatenati dal vostro "Senso di inferiorità" ho imparato a ignorarli da secoli. 

  • 11 gennaio 2017 alle ore 21:41

    Io sono una persona semplice, che vive bene nella sua semplicità. Quella è l'unica cosa che mostro al mondo e che è visibile a tutti... sia in apparenza sia se mi guardi più a fondo. Io non sarò mai qualcosa di agghindato o apparentemente troppo bello. Io non programmo mai... Io semplicemente "Sono"! Tutto ciò che è dietro alla mia semplicità, ciò che mi rappresenta più in profondità lo dedico a pochi. Non ho smesso di guardare nelle anime delle persone perché in pochi hanno saputo guardare nella mia. Io sono e resto una di quelle persone che ama "Portare l'esempio"!

  • 11 gennaio 2017 alle ore 21:22
    Avrei bisogno di una stella

    Combattuto tra le ansie dei timori
    e la rassegnazione ai disgusti per gli abissi

    vivo momenti di trascinamento
    in limbi di buio

    da cui mi riesce sempre più difficile
    fare ritorno

    E partecipo al canto delle onde

    al volo dei gabbiani

    al senso del vivere
    e alle sue tracce d'immensità

    incontrandomi ogn'ora con me stesso
    in questi giorni di pioggia

    concubina delle mie estasi invernali

    a farmi distendere ali di fantasie e di fascino

    sorrisi e tristezze abbracciate
    alla voce misteriosa e magica dei venti

    E mi ritrovo nei lamenti del mio Essere

    nell'atmosfera luminosa dell'intimità

    tra le pieghe più svariate del quieto vivere
    a sventolare le mie rime

    ora forte ora fiacco

    sulle amenità
    fiori di cristallo tra le attese e le delusioni
    .
    cesaremoceo
    proprietà intellettuale riservata
    copyright
     

  • 11 gennaio 2017 alle ore 20:41
    Senza torcicollo

    Crisantemi e ingenue speranze
    adornano i sentieri del non ritorno

    che ripidi s'inerpicano

    tra le foreste intricate
    delle moralità e dei sospiri

    memorie da appendere
    alle pareti del passato

    vibrante sorte dell'andare ramingo
    in questa vita che più non è

    Spossato da un lungo peregrinare
    e dalle infamie che mormora
    su di sé il mondo

    supplico il tepore dell'amore

    a colmare di letizia i vuoti dei giorni perduti

    trascorsi nel silenzio più crudele

    col cuore a cercar alibi
    ai fiori senza petali d'ogni vivere

    ricordi inutili d'infatilismi

    germogli ormai appassiti
    dell'odio e del non senso

    E cerco ristoro nella fede
    e nella famiglia

    con la speranza d'incantarmi
    in gesti d'amore

    che il tempo non sfregi né intacchi
    . © ®
    Cesare Moceo

  • 11 gennaio 2017 alle ore 20:29
    Alla luna

    Arde nuova luna sulla pelle,
    dalla cima innevata incendia
    giudiziosi ciliegi.
    Irrompe nel silenzio
    dell'ingiuria, scorre
    lungo i crinali
    e inquiete acque.
    Parole, insanguinate lame
    nell'oscurità scintillano,
    trafitta la notte
    versano nettare e oblio
    nei calici degli dei.
    Dimora in questa valle
    la memoria dei vinti,
    indomita poesia
    di selvagge reliquie.

  • 11 gennaio 2017 alle ore 8:24

     Anch'io ho scelto me... Per la "Pochezza" che ho trovato negli altri. Per la capacità di volerle tutte e non sapere amarne una. Ho scelto me e continuo a scegliere me e non mi importa se mi dicono che non va bene, che soli si sta male.... chi sta male solo è perchè ha "bisogno" di qualcuno... Io no. E quando succederà che scelgo, se succederà.... sarà perchè ne vale davvero la pena... Fino ad allora w me solo ed esclusivamente ME!

  • 10 gennaio 2017 alle ore 20:38
    I "mustazzola" di mamma Caterina

    Catoio

    piccolo

    buio

    penitenza della vita
    inflitta da carestia e volontà divina

    e Tu madre

    a creare nuovi vincoli di fede
    di riconoscenza e gratitudine

    alla Speranza del poco

    ladra

    a dimenticarsi di noi

    pronti sempre a gioire nel cercarla

    E rimembro ancor quei tempi

    d'amore senza nome
    in balìa di sentimenti sperduti
    nel trascorrer degli anni

    E più non freme quella speranza

    ormai svanita nel riflesso impuro
    di quel buio senza fondo
    . © ®

    Cesare Moceo
    (mustazzola-mostacciuoli,dolci tipici siciliani)