username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Filtri di ricerca
  • La poesia contiene la parola
  • Nome autore

Poesie

“Uno sguardo vergine sulla realtà: ecco ciò ch'io chiamo poesia”
Edoardo Sanguineti


Le poesie dei nostri autori sono tutte raccolte qui.
Se vuoi inserire le tue poesie in una pagina a te riservata, iscriviti ora e scopri come fare!

elementi per pagina
  • 18 aprile 2016 alle ore 22:04
    Solo la tua voce

    Ho scelto il silenzio
    Stasera nessun rumore
    Solo la tua voce
    puo' svelare
    il mistero del mio dolore

  • 18 aprile 2016 alle ore 22:00

    L'unico che può permettersi di starmi "Al culo" è un uomo che sappia amarmi e proteggermi! Un uomo che oltre che "Sbattermi" sappia anche rimettere al suo posto i pezzi che la vita a volte mi scompone dentro! Un uomo che non calpesti, ma rispetti quello che da me riceve. Un uomo che si senta amato altrettanto nel vedere che la persona che ha di fronte apprezza ogni giorno ciò che lui la fa sentire ed essere.

  • 18 aprile 2016 alle ore 21:27

    Non esiste in me l' Egoismo! Sono sempre stata una persona che ha messo da parte se stessa e le sue esigenze per aiutare le persone che amava. Una persona come me quando dona qualcosa lo fa con il cuore, a pieno battito e non se ne pente mai, nemmeno quando in cambio riceve merda! Io so di non essere un numero UNO, del resto l'umiltà è una delle cose che fanno parte di me. Però con le persone come me si deve stare molto attenti: Tirare troppo la corda, non solo mi porta ad essere egoista nei confronti di chi lo fa, ma anche ad essere cattiva. Perché i buoni hanno un cuore, ma sanno nasconderlo bene a chi ha saputo solo sfruttarlo! Le persone come me "Ci sono" ma non conosco la parola "Tornare indietro" quando decidono veramente di non esserci più.

  • 18 aprile 2016 alle ore 20:35
    luisa

    Si..sono io che ogni tanto ti porto una rosa. Dove di te non è rimasto più niente. E a me..solo il ricordo. Il ricordo pallido annebbiato e sbiadito di lacrime.

  • 18 aprile 2016 alle ore 20:29
    scrivo

    Scrivo, e scrivo lettere umide..in fogli chiusi con i pugni. Lasciati a terra come bianche rose..ad ornare questo ambiente.. che sa di niente. Scrivo e mi lamento, scrivo e ci ripenso. Scrivo e vado avanti, anche senza il mio consenso. Scrivo perché amo, scrivo perché muoio.. scrivo perché vivo.

  • 18 aprile 2016 alle ore 20:21
    Life

    Il piccione ha ragione.
    La tortora ha torto.
    Ma tutte e due beccano l'orto.
    Tutte due volano assieme.
    Tutte e due, per un solo seme.

  • 18 aprile 2016 alle ore 19:28
    Sangue

    Vi porto una rosa dove sotto il ciel e oltre si riposa.
    Vi porto il profumo vi porto l'essenza.
    Vi porto ció che avete lasciato nella vostra esistenza.

  • 18 aprile 2016 alle ore 17:12
    Il Fieno Maturo

    Haiku – Poesia breve.

     

     
    L’erba secca
    Sul prato odoroso
    Fieno diventa.
     
    Cit. “L’erba falciata si trasforma in fieno che odora e nutre la vita che corre.”

  • 18 aprile 2016 alle ore 17:11
    Il Ruscello

    Haiku: Poesia breve.

     
    Corre veloce
    Fragorosa l’acqua
    Luce riflette.
     
    Cit. “Il ruscello corre veloce sul suo letto come il tempo vola.”

  • 18 aprile 2016 alle ore 17:10
    L'Estate

    Haiku: Poesia breve.
     
     
    L’ Estate
     
    La calda estate
    Arrossisce la pelle
    Al calmo mare.
     
    Cit. “Il mare calmo rasserena l’animo.”

  • 18 aprile 2016 alle ore 16:42
    Le tue mani

    E mentre in quel letto, le tue mani cercavano le mie, le mie labbra, nel sonno, sorridevano.
    Sentivo tutto il tuo calore, attraverso quel tocco che mi arrivava al cuore.
    Ancora un ricordo ci lega.
    Un altro piccolo attimo di felicità.
    Se non ci sarà mai più altro, mi farò bastare i ricordi.

  • 18 aprile 2016 alle ore 16:41
    All'improvviso

    Riesci a farmi vibrare anche solo con il pensiero.
    Pensiero di te, sempre presente anche quando non ci sei.
    Basta un fugace ricordo, per far piegare le mie labbra in un dolce sorriso.
    Così, all'improvviso, mi ritorni in mente, e poi non mi lasci più.

  • 18 aprile 2016 alle ore 15:32

    Finiamola di fare i cocchi dell'Ave e Maria e facciamoci un esamino di coscienza ogni tanto. Finiamola di pretendere di essere accettati per ciò che siamo vivendo puntando il dito sulle diversità che troviamo negli altri. A casa mia questo si chiama "Chiacchierare bene e razzolare male"! Fatela finita! Nessuno è perfetto e se non imparate a riconoscere i vostri difetti non vedrete mai i pregi degli altri. Scendete in basso, sotto la convinzione e cominciate a camminare al pari degli altri. Credetemi, a molti farà anche comodo, dato che stanno non più in alto ma molto più in basso di tanti altri!

  • 17 aprile 2016 alle ore 23:05
    Magiche voglie

    Abitiamo l'incedere
    del nostro passato

    senza ombre

    senza rimpianti

    fantasie ricorrenti e ossessive
    sedate dallo scorrer degli sfoghi

    magiche voglie rinchiuse
    nei recinti delle malinconie

    aggrappate alla solitudine
    delle tragedie subite

    le nostre albe
    dagli occhi vispi

    i nostri tramonti
    nei volti  affranti

    Noi

    bambini dall'infanzia perduta

    a contemplare l'eternità
    delle nostre opere

    liberi

    abili a ritrovarci
    nell'estasi dell'amore

    travolgenti onde
    segnate dalle rughe del tempo

    a colmare il desiderio di Noi

    nella felicità di poterci amare

    oltre la vita

    oltre la morte
    .
    cesaremoceo
    proprietà intellettuale riservata
     

  • 17 aprile 2016 alle ore 21:13

    Difetti io?! Uh... Quanti ne volete! Sono una rompicoglioni di quelle numero uno. Sono una che si arrabbia e non poco se ritiene di essere nel giusto. A volte comprendo e altre attacco e in modo verace! Soffro di cose anche piccole se mi vengono fatte senza ragione. Piango per giorni se vengo ferita da persone in cui credo. Però lasciatemi dire che preferisco i miei difetti a quelli che noto in molte delle persone che hanno la faccia di "Giudicarmi"! Io non dirò mai A se penso B. Io non ti accarezzerò mai per poi pugnalarti alle spalle. Io do valore anche ad un semplice "Ti voglio bene". Io sarò molte cose sbagliate, ma almeno vanto di essere sincera, schietta e non falsa e perbenista. Io sono quella che si prende della zoccola stando nel suo e se lo prende proprio da chi ha fatto corsi acrobatici nei più svariati letti. Sono quella che si prende della stronza perché si volta e se ne va regalandoti il silenzio proprio da chi continua a parlarmi alle spalle per mesi e mesi. Lasciatemi i miei difetti che dai vostri non ho nulla da imparare... E se per caso vi venisse un piccolo e sensato momento di lucidità imparate voi qualcosa dai miei pregi.

  • 17 aprile 2016 alle ore 20:30

    Quelli come me il cuore lo danno veramente. Non trovano scuse per risparmiare il proprio e usare quello degli altri. Quelli come me danno un valore alle persone, ma non deluderli o passo dopo passo ti danno il prezzo che meriti... Anche zero! Quelli come me non sanno fingere, mentire o restarti vicino dicendo: "Buona faccia a cattivo gioco" perché quelli come me di faccia una sola ne hanno e quel che meriti ti danno!

  • 17 aprile 2016 alle ore 17:42

    Ho poco da dire sull'amicizia, tranne che bisogna esserci. Parole di circostanza, presenze di interesse, tempo a scopo proprio ... Questa non è amicizia. Bugie, cose nascoste, mancata serietà... Questa non è amicizia. Ridere, giocare insieme, ma sparire se insieme si deve piangere... Questa non è amicizia. Belli miei, prima di definirvi amici valutate se siete meritevoli di questo appellativo; perché a far del male si fa presto, ma credetemi chi soffre non perde mai, non sarà lui a restare solo... Valutate prima di agire, perché quando sarete voi a piangere; e credetemi capita a tutti prima o poi... Io non so se troverete mai una spalla su cui farlo. Io personalmente sarò sicuramente a godermi la vita altrove o ad asciugare le lacrime di qualcuno meritevole del titolo di "AMICO"!  

  • 17 aprile 2016 alle ore 13:06

    L'essenza di una persona positiva la senti. La percepisci dentro. Ogni volta che la guardi, che la ascolti e che gli sei vicino lascia qualcosa che resta, che non svanisce mai. Queste sono le presenze che insegnano, che arricchiscano e che meritano un posto nella tua vita. Siamo l'essenza di ciò che la vita ci ha dato, ci ha tolto e di ciò che ci ha imposto senza pietà. Chi ha imparato da tutto questo mantenendo la sua umiltà e i suoi valori non può che aver imparato a scegliere che alcune presenze sono solo una punizione che ci auto infliggiamo. La vita ce ne fa incontrare di persone sbagliate, ma lascia a noi la facoltà di scegliere se accettarle o liberarcene. 

  • 17 aprile 2016 alle ore 11:50

    Ci metto un po di tempo, ma poi ci arrivo. E quando arrivo al dunque e traggo conclusioni e risultati, mi vesto di una calma tale da far invidia anche ai morti. Quella calma straordinaria che vestono solo coloro a cui non gliene frega più niente. Quella calma di chi sorride guardando dall'alto colui che riteneva "Grande" rendendosi invece conto di quanto "Piccolo" sia. Torno a vivere e sorrido ironicamente su me stesso... Per essere stato così cieco.

  • 17 aprile 2016 alle ore 10:27
    La Campagna

    Haiku: Poesia breve.
     
     
    Verde campagna
    Maturano i frutti
    Uomo Nutrono.
     
    Cit. “Una buona stagione è sinonimo di utile abbondanza.”

  • 17 aprile 2016 alle ore 10:25
    L'Erba

    Haiku: Poesia breve.
     
     
    L’Erba
     
     
    L’erba cresce
    La pioggia l’alimenta
    Il sole secca.
     
    Cit. “ L’erba è come la vita  la terra ti nutre il tempo ti distrugge. “

  • 17 aprile 2016 alle ore 10:25
    Maggio

    Haiku: Poesia breve.
     
     
    Il caldo regna
    L’erba odorosa
    Profuma fieno.
     
    Cit. “La campagna di maggio odora di erba profuma di fieno.”

  • 17 aprile 2016 alle ore 7:49
    come ogni mattino ritorna il Sole

    dopo la tormenta delle nostre incomprensioni,
    esco a camminare e disegno
    un inconclusa illusione in matita e pastello 

     pochi passi nel silenzio
    e poi, così come ogni mattino ritorna il Sole,
    proviamo ancora
    ad ascoltare
    e parlare

    Marco Bo
    http://cantidallaperiferiadelmondo.blogspot.it/2016/04/come-ogni-mattino-ritorna-il-sole.html
     

  • 16 aprile 2016 alle ore 10:14
    Erfoud

     
    Un tempo qui acque oceaniche profonde
    vita marina fatta da specie e da colori
    tanto tra lor diversi svariati fascinosi
    oggi la solitudine il silenzio del deserto
    dove il vento spesso domina e impera
    petraie dove giaccion memorie del passato
    morti fossili che puoi toccar con mano
    e come per magia riveder quel mondo
    antico e ridestar quelle vite e quei colori
     

  • 15 aprile 2016 alle ore 22:03
    Melodia

    Musica che sgorghi
    dentro
    la mia anima
    e che lenisci
    le tensioni 
    del cuore
    dammi quella nota
    per cantare alla vita.
    (composta il 14 Aprile 2016)