username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Filtri di ricerca
  • La poesia contiene la parola
  • Nome autore

Poesie

“Uno sguardo vergine sulla realtà: ecco ciò ch'io chiamo poesia”
Edoardo Sanguineti


Le poesie dei nostri autori sono tutte raccolte qui.
Se vuoi inserire le tue poesie in una pagina a te riservata, iscriviti ora e scopri come fare!

elementi per pagina
  • 06 dicembre 2015 alle ore 11:51
    Battito

    Stupirsi ogni momento di uno sguardo.
    E quegli occhi ti portano in paradiso.
    Nell'anima il sorriso s'intrufola
    come una folata di vento.
    Sospiri dettati da un ricordo.
    E quella follia che vale una vita
    è il tuo battito di cuore.

  • 06 dicembre 2015 alle ore 11:48
    Il silenzio

    Librarsi d'ali e di ricordi,
    in un angolo di mondo incantato.
    Un sorriso indefinito
    accende l'anima che arde.
    E il pensiero vola altrove,
    dove nulla ha fine e tutto tace

  • 06 dicembre 2015 alle ore 11:47
    Istanti

    Una fioca luce
    risiede in quel cuore perduto.
    Quel silenzio assordante
    si sente ovunque.
    Rumori di pensieri
    scomposti e distanti.
    E gli istanti ci sfuggono di mano

  • 06 dicembre 2015 alle ore 9:27
    in questi tempi di tremore

    in questi tempi cupi 
    si cerca un nome per la paura
    si cerca un volto per lo spavento

    eppure sotto questo grigio cielo di periferia
    in questi tempi di tremore
    anche i muri a volte 
    trasudano dolore

    Marco Bo
    http://cantidallaperiferiadelmondo.blogspot.it/2015/12/in-questi-tempi-di-tremore.html

  • 06 dicembre 2015 alle ore 4:56

    A volte devo ricordare a me stessa che "Esisto". Mi devo ricordare che respiro, cammino e che il mio cuore batte. Magari non lo sento, magari non lo ascolto, ma lui batte. Il suo battito significa che io sono viva, ma io non me ne accorgo, non me ne rendo conto e non mi sento "Viva". A volte mi devo perdonare così tante cose che non trovo il modo per cominciare. Perdonarmi i silenzi che ho regalato ai miei giorni perché di parole ne avevo sentite fin troppe. Perdonarmi le notti insonne chiuse in un baratro senza uscita. Mi devo ricordare cosa sia voler bene a qualcuno, forse ricordandomelo tornerò a volerne di più a me stessa. Mi devo ricordare che io ci sono per molti e forse ci sono stata per troppi così a fondo senza ricordarmi che anch'io dovevo esserci per me. Ho dimenticato cosa siano le cose che a fatica avevo imparato. Dove sono finiti i frutti delle mie esperienze, la crescita e la mia maturità... Mi sono persa... Piango, poi sorrido tra le lacrime e penso che prima o poi, come ogni volta mi ritroverò.

  • 05 dicembre 2015 alle ore 23:14
    Au revoir Lousien!

    Lousien passeggia lungo il ponte del paese; accanto a loro un lungo fiume addobbato di lucciole festose che ondeggiano lungo il percorso del rivo. 
    L’amour, le France, a dream, nostalgie!
    Caro Luosien, perir d’amor non è mai convenuto a nessuno, tanto meno ai cuori fragili e sognatori come i nostri.
    La poetry is heart, ma se non c’è anche nella mente, poco possiam fare, friend caro.
    Or dunque, goodbye, bonnenuit, ce se vede!

    Se non c'è tempo per un istante, non ci sarà tempo per niente.
    Quindi, triste ed affranto, Lousien, continua a passeggiare; prima o poi una luce splenderà in questo rivo desolato di lucciole affamate.

    Quindi, good luck, au revoir! Ti mando una stella, un bacio, quel che si voglia (tanto, ormai, già sai che più di questo, manco a pagà)!
     

  • 05 dicembre 2015 alle ore 21:33
    Ipocrisia

    Cerco spiragli di luce
    tra le tenebre più profonde
    e mutarli in suoni armoniosi
    a soddisfare i bisogni dell'anima
    e alleviare la fatica di vivere
    in questo ingiusto mondo
    corroso dalle vergogne
    imbrigliate tra le redini dell'odio
    e perso nei miasmi dei paradossi
    senza rispetto per ciò che ci circonda
    e non ci appartiene  Noi che siamo
    solo gli usufruttuari per conto dei nostri figli
    e fingiamo di coltivare pazienza e mitezza
    per ingannare il destino

     

  • 05 dicembre 2015 alle ore 20:52

    Quando ti senti l'ultima ruota del carro, l'imbecille di turno o quella che sbaglia sempre, piacere non fa. Servirebbe troppo amor proprio per urlare così forte quello che si prova dentro al petto! Sono questi i dolori che ti cambiano davvero; quelli che non riesci a gettar fuori perché sono troppo grandi! Quelli che ti consumano dentro, che sfasciano le pareti dell'anima! Quelli che ti fanno incazzare a tal punto da non sentire più la pietà, il rimorso o il dispiacere... Senti solo il dolore! Ti senti piccolo, stupido e inadeguato! Sono questi i dolori che faranno di TE qualcuno di diverso... Troppo diverso.

  • 05 dicembre 2015 alle ore 12:50
    Briciole

    Agli antipodi del mondo.
    Voluto e desiderato.
    Eri dolce eri quello che mi mancava!
    Anni di sogno,
    pugnale al cuore a viso aperto.
    Sei senza maschera crudele e senza pietà.
    Profeta smascherato di qualcosa che già si sa.
    Forse si,ti ho amato in quei sogni..
    eri gli abbracci rifiutati di quando illusa e disillusa
    fuggii dalle tue braccia e fuggisti tu.
    Le sicurezze vacillano e il cuore trema.
    Amanti fugaci e ardenti.
    Amara tristezza,
    di dolcezza neppure l'ombra!..
    E la fragilità al tuo cospetto mi sgetola
    in briciole...di niente.
     

  • 05 dicembre 2015 alle ore 0:58

    Serve tutta la mia pazienza per proseguire e sopportare. Serve tutta la mia intelligenza per non sprecare parole. Serve carattere e personalità per capire che con certe "Convinzioni" non si lotta è guerra persa! Essere come me è la vera forza... Saper tacere di fronte a chi si sente in potere di "Comandare" situazioni e persone estranee ai fatti! Solo DIO deciderà quando io smetterò di esistere... Siediti comodo/a... Armati di pazienza... E ASPETTA!!!

  • 04 dicembre 2015 alle ore 20:52
    Le utopie della mente

    "Una vita senza sogni
    è come un giardino senza fiori"

    Gettare lì a casaccio

    ai piedi dell'esperienza

    emozioni che inalberano
    alte e forti passioni

    ognuna d'ispirazione personale

    vissute negli istanti frustranti della vita
    e ornate dai fiori della giovinezza

    con i petali del calore
    ancora e sempre ardenti

    Sprovvedute vittime
    dei complotti orditi dalla vita

    che sporcano di delusioni
    le ingenue aspettative d'ogni uomo

    raccontiamo la quotidianità
    attraversando attimi di confessionalità

    nelle storie amate dal mondo
    di abissi e redenzioni

    fino a che emozionati e commossi

    lasciamo che il cuore s'acqueti
    e impari ad ascoltare le utopie della mente
    .
    cesaremoceo
    diritti riservati
    Segnala abuso
    Copyright

     

  • 04 dicembre 2015 alle ore 20:09

    Non ho mai curato molto il mio aspetto fisico e non mi sono mai preoccupata molto di essere una di quelle tutte tacchi, profumo e minigonna. Non mi è mai importato nulla dei regali al "Femminile". Non sono mai impazzita per scarpe, borse e vestiti! Io ero quella da jeans a zampa di elefante e da anfibio carrarmato! Ero quella da giacca in pelle, capello lungo e nero e bandana! Ero quella che non aveva paroline delicate, ma toni e modi sempre schietti e decisi. Io, che sono cresciuta curando valori, principi e arricchendo la mia personalità di esperienze vere e uniche. Io che ho dato priorità a persone, all'amicizia e all'amore. Io che mi sentivo Donna solo dietro un modo di pormi, un atteggiamento e una serietà che faceva da protezione alla mia dignità! IO... Oggi mi domando: In un mondo come quello in cui mi trovo a vivere, quanto pago adesso tutto questo? Quanto serve oggi essere persone come me?! Forse niente... Ma serve a me per sentirmi perfetta nelle mie imperfezioni. Pulita nella mia coscienza e preziosa per quei pochi che mi avranno.

  • 04 dicembre 2015 alle ore 18:50
    Con che colore guardi il tuo mondo?

    Ho peccato; ho cercato negl’occhi di un altro l’oggetto perduto, ma in quegl’occhi innocenti intrisi di diversità terrena, vorrò ancora perdermi.
    Che siano smeraldo, oceano o foglie d’autunno;
    che siano pece, cristallo o tenebra verde, potrei scorgevi in tutti essi la stessa luce;
    la diversità dell’animo che portano che non uguale all’unico che unico, ora, non è più.

    Baciando la mia voglia, stringo le singole mani lasciando che l’anima mia venga trasportata con esse fin dove ella può.

    Fermerò il mio cammino sprovveduto per cercar radici in chissà quale colore.
    E tu, amabile lettore, con che colore guardi il tuo mondo?

  • 04 dicembre 2015 alle ore 17:40

    Non mi interessano quelli a cui non piaccio e non ho interesse nel pretendere di piacere. Semplicemente me ne frego! Semplicemente non mi sono mai piaciuti tutti e schifo quelli che invece vanno d'accordo con tutti pur di non discutere. Prima di tenermi vicino chiunque, preferisco mettere i puntini sulle "i" e non trascinarmi dietro gente che reputo "Ignorante e stupida"! A volte dicendo la tua opinione in modo diretto puoi risultare una persona che manca di rispetto agli altri... Ma vi posso assicurare che non dirla ed essere forzatamente educati con tutti è una grandissima mancanza di rispetto verso se stessi! Scusate, ma credo che se non imparo a rispettare per prima me come persona, è inutile... Non imparerò mai a rispettare gli altri, ma soprattutto non imparerò mai A FARMI RISPETTARE!

  • 04 dicembre 2015 alle ore 15:50
    Tra le lame dei ricordi

    Camminare su un filo invisibile,
    in bilico tra le lame dei ricordi
    che si intrecciano con la realtà.
    Un soffice paracadute
    attenua la caduta.
    Effimero bisogno d'amore.

  • 04 dicembre 2015 alle ore 11:26
    Luci di festa

    Luci e sorrisi
    accendono a intermittenza
    giornate di condivise pene,
    malcelati guai
    e oscuri spettri.
     
    In stanze con colori
    che col tetro del fuori fanno a pugni,
    un filo sottile ma robusto si tende…
     
    la voglia che il più sano rispetto verso l'altro
    si configuri nel suo valore pieno,
    le differenze pur nutrite sciolga
    e si dissolva in un brillante arcobaleno
    che più colori unisce e, strenuo seppur evanescente, difende!
     

  • 03 dicembre 2015 alle ore 22:20
    a che scuola vai?

     "a che scuola vai?" 
     mi chiese il predicatore?

    io, in equilibrio instabile sul filo teso del dubbio eterno, 
    in bilico tra una lacrima e un sorriso, una rosa ed un tormento,
     non seppi cosa rispondere in quel momento

    in quel tempo, avendolo sperimentato, sapevo soltanto, 
     che per contare usavo le mani
    e tenevo a mente 1, 2 e 3
    e sommavo

    poi invertivo gli addendi
    e tiravo ancora la somma, e non a sorte,
    e il risultato era sempre lo stesso

    così mi avevano insegnato da quando avevo alzato il viso dalla terra per la prima volta
    soltanto quello sapevo per certo
    ma allora, non ebbi il coraggio di cantarlo nel vento
    e adesso lo lamento

    la libertà ha sempre un prezzo
    a volte quello del pentimento

     Marco Bo
    http://cantidallaperiferiadelmondo.blogspot.it/2015/12/a-che-scuola-vai-ha-chiesto-il.html

  • 03 dicembre 2015 alle ore 22:11
    La possibilità di non morire mai

    Aggrovigliato
    nell'inquietudine più intensa

    cerco nell'aria qualcosa
    che mi rappresenti la vita

    il vero senso della mia esistenza

    In questa pioggia d'emozioni
    mi rifugio sotto i tetti di parole impulsive

    a volte anche ruvide

    nella felicità di appartenere
    a indomite correnti di pensiero

    nella fermezza delle idee
    che si cela mimetizzata tra i dolori

    e che danno ai giusti
    il dono dell'eternità 
    .
    cesaremoceo
    diritti riservati
    Segnala abuso
    Copyright

  • 03 dicembre 2015 alle ore 18:11

    Per chi non mi sopporta non sono un peso io a destra e voi a sinistra e chi si è visto si è visto. Per chi mi ama, sarà mia priorità continuare a fare in modo che "Scelga" di camminarmi a fianco. Per chi mi sostiene ci sarà sempre del tempo che ricaverò per loro nel momento del bisogno... Anche quando tempo non ne ho... Lo trovo. Per chi mi delude, ferisce e tradisce ci saranno solo silenzi... Attendendo che la vita mi porga la possibilità di restituire il favore. Il tutto in ogni caso e circostanza fatto con affetto ed estrema sincerità.

  • 03 dicembre 2015 alle ore 15:48

    Provo pena per quelle donne che non hanno una propria personalità. Che cercano di invadere la vita di qualcuno, pretendendone un posto in prima fila senza concentrarsi sul "Guadagnarselo"! Ma preferiscono concentrarsi sulle altre presenze già affermate nella vita di quella persona. Un consiglio: rosicate meno; e soprattutto invece di concentrarvi su come eliminare "Le altre" provate ogni tanto a concentrarvi su come guadagnarvelo... E se non avete le armi giuste, non rompete le palle ha chi c'è riuscito. Io i posti che ho me li sono guadagnati senza calpestare, distruggere o voler screditare l'immagine di altre persone!

  • 03 dicembre 2015 alle ore 12:47
    Verrà un giorno

    Travagliato nell'arsura di una genuina sete di giustizia vivo attimi diffusi di sensi di smarrimento da cui affiora tutto il mio pessimismo di una vita pervasa dallo sfacelo e prossima al naufragio E cerco un'ancora appuntita alla quale aggrapparmi e pungermi affinché quel sangue liberatorio sia collante dei disinganni rosi dal malessere e dalla consunsione E mi perseguitano incubi di canaglie graduate che mangiano nel piatto del popolo affamato di nulla capaci se non del ruolo di sanguisughe pronte a concedersi autoassoluzioni in esclusive solidarietà tra associazioni a delinquere di qualsiasi stampo esse siano. cesaremoceo diritti riservati Segnala abuso Copyright

  • 02 dicembre 2015 alle ore 23:48

    Fa freddo, è notte, ma tu decidi comunque di andare sul terrazzo a fumare una sigaretta. Esci e la brezza ti irrigidisce, guardi il cielo e riesci ad intravedere poche stelle tra troppe nuvole. Ti metti li seduta e ti immergi in uno di quei momenti di riflessione. Scorri indietro, un anno, tre anni, cinque anni, dieci anni.... E ti vedi sempre la... In qualche posto... Fragile, delusa e poco serena. Allora cominci a cercarli quei rari momenti in cui la vita ti ha regalato qualche gioia, qualche piccolo momento di felicità. Sono pochi, ma immensi e te li ricordi bene. Ti ricordi la sensazione di quelle sere, di quei giorni e il crollo che li segue. Ti ricordi il dolore, la delusione, la caduta e l'immensa forza di volontà che hai dovuto trovare per superare. Ti accorgi di quanto sei cambiata in ognuno di quei momenti, quanto coraggio ti hanno insegnato le lacrime, quanta forza ti ha donato l'anima che si sgretola e quanta maturità hai appreso quando hai capito che di persone vere ce ne erano davvero poche. Ecco che capisci che diventare diffidenti non è egoismo, ma autodifesa. Capisci che imparare a guardare dritta in faccia anche la peggiore delle verità non è spavalderia, ma intelligenza. Capisci che rimandare un dolore coprendosi gli occhi ti regalerà solo una delusione più grande. Torno alla realtà, mi guardo adesso e mi rendo conto che quello che sono oggi lo devo ad ogni dolore, ad ogni lacrima e ad ogni persona sbagliata incrociata sulla mia strada. Lo devo ai momenti difficili, alle prove durissime e alle dannate difficoltà che a volte mi hanno quasi uccisa. Mi guardo e sento che anche se mi viene da piangere, ho una sensazione di orgoglio dentro che mi invade. Sono viva, sono in piedi e se sono arrivata fino a qui, superando tutto quello che ho appena rivisto dietro me.... SO CHE OGGI POSSO ANDARE OVUNQUE!

  • 02 dicembre 2015 alle ore 20:35
    Luminosa opacità

    Nelle parole scritte
    più che in quelle pronunciate

    trovo il modo d'esprimere
    tutte le mie passioni

    scelta istintiva
    dettata dal mio essere asincrono

    e desideroso di autoritrarmi
    contemplarmi estasiarmi

    E mi trasfiguro nei versi

    a stimolare incessanti rinascite
    nelle parole che mutano le immagini del cuore

    Raffigurare la realtà

    e guardarla con gli occhi dell'anima
    nella scrittura che fissa le memorie del tempo

    a incidermi l'Essere

    Io narrante del mio romanzo

    nel rincorrersi dei ricordi
    che ne rendono affascinante il racconto
    .
    cesaremoceo
    diritti riservati
    Segnala Abuso
    Copyright

  • 02 dicembre 2015 alle ore 19:41

    Crescendo ci sono cose che non mi va più di fare:
    Non mi va più di correre per niente e per nessuno. Non mi va più di aspettare qualcosa o qualcuno. Non mi va più di capire tutto e tutti e tollerarlo all'infinito. Non mi va più di parlare di ciò che provo con persone a cui non è mai fregato niente di ciò che provo. Non mi va più di perdonare e giustificare. E soprattutto; non mi va più di vedere me stessa a pezzi e in lacrime, di sentirmi persa, sola e vuota. Non mi va più di subire e restare in silenzio... In certi casi della vita l'unica cosa che ancora mi va è alzare le braccia verso il cielo e gridare forte: " Non me ne frega più niente di nessuno! Del vostro pensiero! Del vostro giudizio! Non me ne frega più niente di capire e ascoltare! L'unica cosa di cui mi frega è RINASCERE e dirvi GRAZIE per avermi insegnato che ai VINCENTI cadere insegna a rialzarsi... Ai PERDENTI a restare immobili a terra a subire e piangersi addosso! Peccato; mi dispiace deludervi ma io appartengo ai primi e vi informo che MI SONO APPENA RIALZATA!

  • 02 dicembre 2015 alle ore 13:53
    Poesia perduta

    Un improvviso palpito d'ali
    nella luce rosea della Sera.
    L'imbrunire dei ricordi
    che spengono i sentimenti.
    E il riverbero di ciò che non fu
    copre i cuori di un acuto dolore.
    Poesia perduta
    di due anime innamorate