username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Filtri di ricerca
  • La poesia contiene la parola
  • Nome autore

Poesie

“Uno sguardo vergine sulla realtà: ecco ciò ch'io chiamo poesia”
Edoardo Sanguineti


Le poesie dei nostri autori sono tutte raccolte qui.
Se vuoi inserire le tue poesie in una pagina a te riservata, iscriviti ora e scopri come fare!

elementi per pagina
  • 25 novembre 2015 alle ore 21:20

    Prendilo quel treno ogni tanto. Prendi tutto il coraggio che hai e saltaci sopra. Si parla di treni che passano una volta sola, ed esistono... Però il principale treno che passa veramente una sola volta è quello che si chiama "Vita"! Invece di aspettare il treno giusto nelle mille stazioni sbagliate, ogni tanto prova a considerare "Un treno giusto" proprio quel treno che ti porterebbe lontano da dove sei adesso, lontano dai mille treni giusti attesi e mai arrivati. Lontano dalle mille occasioni perse, dalle tante persone che hanno promesso e non mantenuto. Lontano da chi ti ha fatto male, da chi ancora ti fa soffrire, aspettare e sperare. Smetti di aspettare, smetti di sperare e prova a cercare qualche certezza. Prendilo quel treno che ti porta lontano da tutto ciò che non ha funzionato, prendilo e vai... Una nuova strada, una nuova pagina e se necessario un nuovo capitolo... Forse quello giusto!

  • 25 novembre 2015 alle ore 19:37

    Ho imparato a non ascoltare quella parte di mondo che non mi appartiene. Ho imparato a fregarmene, passando oltre a quelle parole pronunciate per puro divertimento. Ho imparato a calpestare la cattiveria che si abbatte sulla mia strada e a proseguire. Ho imparato a diventare "Cieca" di fronte allo stupido... "Sorda" di fronte all'ignorante e soprattutto "Muta" di fronte a chi ha bisogno di qualcuno che gli insegni che a volte "Restare in silenzio" è un atto di estrema maturità, intelligenza e superiorità. La vita insegna... Io vivendola ho imparato!

  • 25 novembre 2015 alle ore 11:16
    Il Mio Luogo

     
     
     
    Il sole
    Riscalda la collina
     
    Il cielo
    Abita la montagna
     
    Quel luogo
    Visibile e invisibile
     
    Quello spazio
    Incantevole e divino
     
    Quella natura
    Che accoglie e trasforma
     
    All’uomo che osa
    Conforta e converte.
     
     È il mio luogo.
     
     
    Cit.  “ L’uomo non è padrone della terra “

  • 25 novembre 2015 alle ore 11:15
    Brevi Sull'Amore

     
     
     
    è una pioggia di stelle,
    ti bagna di luna,
    non serve l'ombrello
    c'è sotto l'amore.
     
    ====^^^^====
     
    è una farfalla rossa,
    una farfalla bianca,
    una farfalla variopinta,
    che ti fa volare più in alto.
     
    ====^^^^====
     
    è un papavero rosso
    in un campo dorato,
    in un cuore vermiglio.
     
    ====^^^^====
     
    è l'erba verde che vive,
    quella secca che odora,
    il tuo profumo di fieno
    ed io che ci vivo dentro.
     
    ^^^^====^^^^
     
    il piacere dell'amore
    è nel piacere di piacere.
     
    ============

  • 25 novembre 2015 alle ore 8:29
    Vite diverse mi circondano

    Moralità distanti nell'intrinseca pienezza dei valori essenziali addobbate di dettagli che si cibano ognuna dei rifiuti dell'altra nella dignità perduta tra le voragini scavate dai malesseri interiori Osservo me stesso e i miei pensieri mani tese ad afferrare i suoni dell'universo e godere dei colori del cielo voci e concretezze che mi danno onore e aggirano le l'assurda vaghezza dei miei versi e del loro divagare. cesaremoceo diritti riservati Segnala abuso Copyright

  • 24 novembre 2015 alle ore 21:09
    Poeta della nostalgia

    Appartengo al mondo
    delle speranze urlate

    della riscoperta
    dei monologhi repressi

    sapori antichi
    di albe e tramonti

    vissuti nella crudeltà
    dell'adolescenza
    schiava della vita

    ricordi di giovinezza
    diventati piaceri

    cari alla mia anzianità

    In questa nera
    eternità del passato

    cerco le briciole

    lasciate apposta
    tra i meandri
    delle mie virtù

    ormai disperse

    E sogno ancora 
    pazzie e fantasie

    a camuffarle di modernità
    e acquietare le sofferenze
    .
    cesaremoceo
    diritti riservati
    Segnala abuso
    Copyright

  • 24 novembre 2015 alle ore 20:54
    Donna

    Ho pillole d'infinito

    nella scatola del tempo.

    Che cosa cercano i miei occhi

    se non contorni di luce

    per tener testa alla notte?

    Che cosa cercano i miei occhi

    se non contorni di luce

    per tener desta la notte?

    Ogni alba accesa

    non è che buio capovolto

    se i tuoi seni

    son vascelli di dolore

    ed i lividi

    han sorpassato i baci contromano.

    Ogni alibi è una sconfitta

    e non c'è deserto

    che legittimi l'assenza d'acqua.

    Ho pillole d'infinito

    nella scatola del tempo

    per donarle a te

    come intarsi di carezze

    in un cesto d'amore

    che contiene il tuo esser DONNA.

  • 24 novembre 2015 alle ore 16:34
    Amicizie Al Sole

     
     
    Albe indorate
    Solcano i cieli
    E tramonti sereni
     
    Un sole amico
    Caccia la bruma
    Schiarisce la festa
     
    Amicizie conforme
    Di passioni comuni
    Nella tela del mondo
     
    Le sagome mutano
    Per le valli di subito
    E la vita grida letizia
     
    Vibrazioni di umanità
    Nel canto del momento
    Di un giorno di allegria
     
    La speranza si alimenta
    Per viottoli valli e piane
    Con la fantasia rivolta al futuro.
     
    Cit. “Un dì, tanti giorni nella gioia di altre sane avventure nel salubre riandare”
     
     

     

  • 24 novembre 2015 alle ore 16:30

    Sei arrivato in un momento un po strano della mia vita. Uno si quei momenti in cui vedo solo la strada che appartiene a me. Una strada fatta per un'anima solitaria che non ha più voglia di mischiarsi a nessuno. In realtà tu hai insinuato dubbi, facendo vacillare questa mia certezza, aprendomi un varco verso una nuova strada. La tua mano stringendo la mia, mi ha condotto all'ingresso di essa... E senza prepotenza, ma con dolcezza aspetti che io sia pronta per questo nuovo cammino. Facendomi sentire che tra mille "NO" tu potresti essere il mio nuovo "SI"! 

  • 24 novembre 2015 alle ore 16:11

    La bellezza delle Donne come me è che amano senza riserve. Hanno la capacità di distruggersi per amarti. Le Donne come me, hanno un valore inestimabile non solo per i principi e i concetti sani che ancora portano dentro, ma perchè sono capaci di amare, soffrire, mettersi in un angolo e leccarsi le ferite... Assorbire il dolore, asciugare le lacrime e rialzarsi con una forza che tu, che l'hai lasciata andare non conoscerai mai. Quella forza potrai solo percepirla dal quel sorriso che le vedrai indossare. Il classico sorriso di chi adesso sa che sei solo il passato.

  • 24 novembre 2015 alle ore 8:18
    Le volontà del cuore

    Passioni mutuate da versi gettati quasi per caso con noncuranza a rappresentare visioni della vita che cambia Cogliere le paure dell'anima nei segni indelebili che lascia per non farsi coinvolgere dalle avventure del cuore avventure avviluppare all'essere con il cuore a esternare sentimenti di consumata esperienza sedimenti d'un insistente egoismo e prendere impegni al di là della sua volontà

  • 23 novembre 2015 alle ore 21:21
    E guardo lontano

    Nei passi consumati dal vivere
    muoiono i miei giorni

    Con questa stranezza
    racchiusa nella mente 

    percuoto ramingo
    l'oscurità dell'anima

    nell'apprensione del terrore

    d'essere stato incastrato
    dalla mia generosità

    nell'espormi e prendere posizione
    con i miei scottanti pensieri

    nella loro profonda
    confidenza con il cuore

    serbatoio inesauribile
    del mio coraggio
    .
    cesaremoceo
    diritti riservati
    Segnala abuso
    Copyright

  • 23 novembre 2015 alle ore 20:25
    Esperienza estiva

    Come sarebbe bello,
    di vacanza un periodo
    per ognuno;
     
    non tutti purtroppo
     una vacanza potranno
    permettersi quest’anno;
     
    in città troppo caldo
    tre settimane solo io
    per poter riprendere il lavoro con maggior zelo;
     
    con il Signore in breve periodo
    per capire meglio
    un mio cambiamento;
     
    Gesù non ti lascerò
    sarò sempre al tuo fianco
    come scelto soldato.
     

  • 23 novembre 2015 alle ore 17:13

    Voglio qualcuno che ami i miei difetti, che li rispetti e che tenti di migliorarli senza pretese. Voglio innamorarmi ancora e di qualcuno che veda me come la strada per la serenità. Voglio innamorarmi di te, che non so dove ti trovi adesso, ma so che ti manca ciò che manca a me. Ti manca quella parte che solo l persona giusta può riempire. Ti manca qualcuno che accarezzi la tua pelle in modo diverso da chiunque altro fino ad oggi. Ti manca quella persona che sa rispettare i tuoi silenzi, i tuoi momenti no e con un solo abbraccio rassicurarti. Senti la mancanza di quella presenza che non pesa ma rincuora.  

  • 23 novembre 2015 alle ore 13:24
    La codardia del benessere

    Uomini

    che dopo esser stati "fuori"
    a predicare la disonestà

    "tornano"

    a lanciare sfide di basso profilo 

    a nutrire irrazionali paure
    e gonfiare inquietudini popolari

    che s'intrecciano
    ai silenzi delle solitudini
    e si perdono nell'ambiguita'
    dei pensieri espressi

    confusi nell'estraniarsi dalle contese
    che oscillano davanti a occhi
    ipnotizzati dall'indifferenza
    .
    cesaremoceo
    diritti riservati
    Segnala abuso
    Copyright

  • 23 novembre 2015 alle ore 12:16
    Visione - Sogni in Regalo

    Visione
     
     
     
    Il sole danza
    In un luogo
    Familiare ed amico
    Balla una donna
    Vestita di luce
    Limpide e silente
    Cambia colori
    Anima mia
    Unica e misteriosa
    Tanta innocenza
    Pura e penetrante
    Nel mio prodigo
    Cuore.
     
     
    Sogni In Regalo
     
     
    Luoghi usati
    Dentro
    Luoghi incantati
    Il tuo viso riflesso
    Nel rosso della sera.
     
    Il mio cuore balbetta
    Attonito e smarrito
    Dentro sogni bagnati
    Da una pioggia battente
    Sulla nostra campagna
     
    Dalle luci di sera
    Sul tuo viso lucente
    Il tuo volto svanisce
    In una bolla d'aria
    Ferita da un raggio
    Di sole.
     
    Maledetta illusione!
     
    Cit. “ Un mare in fiamme illumina le mie notti di sogni. “

  • 23 novembre 2015 alle ore 12:11
    Poesia

     
     
    Emozioni
    Sensazioni
    Stati d'animo
    Realtà
    Irrealtà
    Sogni
    Ci siete tutti
    Vi amo.
     
    Cit. “ Una Sete Di Bontà “
     

  • 23 novembre 2015 alle ore 10:19
    Fantasmi che angosciano

    Inquietudini a scandire
    le ansie dell'adolescenza 
    e vivere nel buio
    dell'amore senza speranze
    nel passaggio dalla ludicita'
    propria delle illusioni
    alla cruda realtà della vita
    E credere che il traslarsi
    dall'una all'altra dimensione
    rispetti le soglie del non senso
    evitando i pianti e le angosce
    che albergano in cuori
    all'apice dell'assuefazione
    alle cattiverie più violente
    .
    cesaremoceo
    diritti riservati
    Segnala abuso
    Copyright

  • 22 novembre 2015 alle ore 21:18
    Nell'odio di questi giorni

    Intriso di sentimenti profondi
    e appagato dal mio passato

    regalo la mia comprensione
    a chi sconfitto non si rassegna

    E infondo entusiasmi
    camuffati di normalità

    nell'affrontare ipocrisie

    che occultano vuoti
    colmi di delusioni
    e sensi d'inadeguatezza

    imprigionati tra catene
    spesse di sensi di colpa
    .
    cesaremoceo
    diritti riservati
    Segnala abuso
    Copyright
     

  • 22 novembre 2015 alle ore 20:12

    Ci sono milioni di modi di dire addio. Ma il più duro non è quello che avviene in un faccia a faccia tra due cuori. Non è quello che subisci e te ne vai in silenzio tra le lacrime. L'addio peggiore è quello che arriva dentro di te, quando giunge il momento in cui ti rendi conto che stai per tagliare quel filo che ancora ti lega a quel qualcuno. La sensazione di malinconia che ti avvolge, nel preciso istante in cui senti che sei pronto, che ci siamo, che il momento giusto è arrivato è qualcosa di assurdo. Una malinconia che in quel brevissimo istante in cui quel filo si spezza ti fa ripercorrere attimi, parole, frasi e momenti da cui fino a ieri non volevi separarti. Ora ti guardi, ti ascolti e quasi stupita con un sorriso lieve che ti illumina il volto tagli finalmente l'ultimo filo riappropriandoti della tua più completa libertà. Consapevole che quel qualcuno farà in un modo o nell'altro parte di te per sempre, ma non sarà più quel "Vincolo" che separava TE dalla tua LIBERTA'!

  • 22 novembre 2015 alle ore 19:10
    La Mia Poesia ( Rivista)

    La Mia Poesia
     
     
    Razionale
    Irrazionale
    Ragionata
    Espressione dell’anima.
     
    Emozioni
    Sensazioni
    Meditazione
    Effusioni
    Sublimazione
    Vera poesia
    Semplice e diretta
    Con liberi messaggi.
     
    Medicina utile
    Per distillare
    Anima e corpo
    Della gente umile.
     
    Citazione: “Parlo poco per dire molto”

  • 22 novembre 2015 alle ore 16:42
    Magia

    Incorniciarti l'anima
    con soffici parole, 
    e i silenzi che si perdono
    nel chiarore della luna.
    Diamanti i tuoi sogni
    che sorvolano il cuore,
    e l'infinito racconta  i palpiti del vento.
    Dolore e amore,
    da sempre indivisibili ed effimeri,
    si contorcono nell'oblio
    di magiche sensazioni senza fine.

     

  • 22 novembre 2015 alle ore 15:16

    Sorrido sempre perché non ci sono persone o cose che possono impedirmelo. Non lo permetto e non lo concedo a nessuno il mio sorriso. Ho polmoni sani per respirare aria nuova e se per farlo devo spostarmi un po, semplicemente mi sposto. Allontanandomi da ciò che mi oscura il cuore, l'anima e il volto. Corro via da coloro che mi spengono, mi rattristano e schiacciano la mia serenità. Aria nuova a pieni polmoni e ben tornato sorriso.

  • 22 novembre 2015 alle ore 13:15
    Navigo senza affondare

    Martire dilettante dell'insistenza

    intellettuale di strada fattomi da me

    mi adopero al salvataggio
    delle idee e dei pensieri

    stati d'animo col sole dentro
    a illuminare il mondo e le sue bellezze

    nel tentativo di preservarli
    a stravolgimenti e enfatizzazioni

    E mi ascolto
    nelle domande di quest'oggi

    nel suo appartenere immediato al passato

    nei miei contributi di passioni
    animati dall'amore per la vita

    a scrivere d'umiltà e di modestie

    senza alcuna pretesa d'assomigliare
    a filosofi e dotti

    immersi a tutte l'ore
    nella malvagità d'arraffare il proprio potere

    nel ricordo nostaligico
    del loro essere che più non è
    .
    cesaremoceo
    diritti riservati
    Segnala abuso
    Copyright

  • 22 novembre 2015 alle ore 10:00
    Canzone ( Rivista)

                                                       
     
     
     
    Io dolce e puro bambino
    Rinato da un bacio
    Di due anime che m'appartengono
    Scivolato nel mondo 
    In una lacrima di un cielo stellato
    Mentre piange raggi di luce.
    La mia anima vestita di me
    Volerà in balia di una nuvola
    Per abitare tutta la luna.
    La mia casa sarà una stella
    E non solo quella
    Non ci sarà Inferno
    Non ci sarà Purgatorio
    E nemmeno il Paradiso
    Ma solo Sole
    Luna e Stelle.
    L'anima vagabonda dell'Universo
    Pregherà solo per essa
    Non avrà bisogno
    Dei vostri pensieri
    Non saranno necessarie
    Le vostre preghiere
    Perché non mi troveranno.
    Solo Dio sarà il mio amico
    San Padre Pio e l'Immacolata
    Le mie uniche guide
    Per una vita migliore
    E non più Così! Come!
     
    Cit: “  Pensieri in cammino verso albe rossicce. “