username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Filtri di ricerca
  • La poesia contiene la parola
  • Nome autore

Poesie

“Uno sguardo vergine sulla realtà: ecco ciò ch'io chiamo poesia”
Edoardo Sanguineti


Le poesie dei nostri autori sono tutte raccolte qui.
Se vuoi inserire le tue poesie in una pagina a te riservata, iscriviti ora e scopri come fare!

elementi per pagina
  • 28 luglio 2015 alle ore 18:28

    E' tanto difficile oggi capire che non siamo fatti tutti per chiunque?
    Che ci sono persone che anche se non amate, quando hanno qualcuno nel cuore non si gettano altrove?! E quando di fronte a questo ti senti rispondere: "Ma se non ti vuole che fai stai sola/o"!? Ecco che a me cadono le braccia e forte... Superficialità di oggi... Perchè non ci vogliono, allora via nel letto di qualcun altro.. Sarebbe amore questo? E' si, questo è l'amore che regna oggi, questo il modo di amare di oggi ... A tutti quelli che vivono così dico che arriverà il giorno in cui vi renderete conto che scaldare bene un letto non è una priorità... Un letto si scalda bene anche con il cuore, la testa e le emozioni compromesse... Il giorno in cui vi renderete conto che ciò che non vi interessava e che avete accuratamente e volutamente trascurato forse era proprio ciò che contava di più spero non soffrirete troppo per il rimpianto. 
    Quando si ama, corrisposti o meno se si ama davvero serve tempo e se rimpiazzi in 1 secondo non hai mai amato. Se una presenza, una pelle, un bacio vale l'altro allora non è amore.

  • 28 luglio 2015 alle ore 17:21

    Continuate a considerarmi cattiva. asociale e stronza. Oppure come mi hai appena definita tu: "Fredda e incapace di provare emozioni"! Non me ne frega, non me ne frega più niente. Quello che sono lo mostro solo a chi decido io, quello che sono davvero mi basta lo abbia capito chi mi vuole bene. Il resto è solo "contorno"! Non mi ferisce più il vostro giudizio e non mi ferirà mai più il vostro schifoso vittimismo e nemmeno le vostre offese che mi lanciate solo perchè non abbocco

  • 28 luglio 2015 alle ore 11:50
    Il Mondo Piange

     
     
     
    Le lacrime di quest’oggi
    Sono simili a quelle di ieri
    Uguali a quelle di domani
     
    Sono lacrime limpide-torbide
    Che si miscelano alle acque
    Chiaro-scuro del mio mare
     
    Sono lacrime musiciste
    E si perdono nel frastuono
    Che respira il dì e la notte.
     
    Il mio cuore prodigo
    Semina amore puro
    Ma raccoglie dolore.
     
    Lo so nessuno vive per scelta
    O per invocare la sua morte
    Ma il mondo vive la sua fine.
     

     

  • 27 luglio 2015 alle ore 21:56
    Colonne

    [Essendo tutto compiuto, Salomone diresse i lavori del tempio con l’assistenza di tutti i maestri; e tutto tornò alla pace. Elifas Levi]

     
    I due gelsomini
    hanno grovigli nudi
    nell’inverno
    e di norma altri nomi.
    Oggi sono loro Boaz e Jachin
    nel nostro tempio.
    Il basculo per nuovi gatti
    muove nelle correnti;
    il sole apparecchia tavole 
    nel sottobosco.
    Un fantasma umido
    vaga sulle cime bonarie
    qui, d’intorno.
     
    Non siamo soli neppure
    in questo universo domestico.
    E se anche fosse…
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
    14 febbraio 2014

  • 27 luglio 2015 alle ore 21:32
    Sopportare soprusi e rimanere inerme

    Quì

    in quest'inferno chiamato terra

    dove il potere è un alibi perfetto
    e l'èlite saccheggia le emozioni
    rendendo schiavi i sentimenti

    sto a chiedermi se la follia
    può essere un'àncora di salvezza

    una scintilla capace di accendere
    ancora la volontà d'amare il mondo

    E cerco di tenere a bada i mostri
    che si annidano dentro il mio cuore

    alieni chiamati anime

    e combattere con loro
    per rimanere lucido e calmo

    nel sapore di ruggine e ossa

    ...e di vendetta
    .
    cesaremoceo
    diritti riservati
    Segnala abuso

  • 27 luglio 2015 alle ore 21:23

    La verità è che le persone non cambiano e quindi anche tu non cambierai mai.
    La verità è che io ho bisogno di persone vere che sappiano cosa sia voler bene davvero a qualcuno e non di chi ti reputa qualcosa e non qualcuno. Io sono una persona fin troppo piena di valori per amare persone come te, troppo superficiali e che saltano da una parte all'altra facendo le cose solo quando sono fine a se stessi. Io nella vita non ho bisogno di trofei e tanto meno voglio essere il trofeo di qualcuno.

  • 27 luglio 2015 alle ore 19:08

    Piango per l'impossibile ed ecco che il possibile mi passa vicino e non lo vedo... Magari è un possibile fantastico, un possibile che lascio sfuggire e che potrebbe rendermi felice. Mentre non mi rendo conto che sto perdendo tempo, qualcuno da qualche parte usa il suo tempo per arrivare a me e io.... Io potrei non accorgermene perché sto ancora guardando altrove... Un "Altrove" che non ha mai guardato me.

  • 27 luglio 2015 alle ore 17:45
    Ti raggiungerò

    Ti raggiungerò
     
    per sentieri di mirto
    nella Luce bianca
    del mattino,
     
    all’incontro delle Voci,
     
    le nostre,
    la Canzone d’Acqua
    e la mia immaginazione,
     
    romantica
    e cosparsa di fiori,
    infinita.
     
    Come l’Anima.
     
    Alata.
     

  • 27 luglio 2015 alle ore 17:39
    Amarci

    Amarci
     
    era Luce
     
    che dava forma
    alle Parole
     
    profumate
    di boschi sacri e vento
    di mare.
     
    Vita
     
    la nostalgia dei nostri corpi
    e il respiro libero del cuore,
     
    la fedeltà alla Luna.
     
    Immortale
    su casti lidi di alloro.
     

  • 27 luglio 2015 alle ore 17:37
    Al vento

    Al vento
     
    danzeranno le ore
     
    nel nostro correrci incontro,
    all’abbraccio.
     
    Segreta
    mi aspettavi da sempre,
    nel magico istante
    rifulse l’Inizio.
     
    Un bacio,
     
    e un altro, un altro ancora,
    i corpi d’edera,
    il respiro di adolescenti
    al primo amore.
     
    E dei fiori di ginestre lo Splendore.
     

  • 27 luglio 2015 alle ore 17:35
    Luccichio d'oro

    Luccichio d’oro
     
    da un canto d’ onde
     
    invisibile agli occhi,
    memoria di conchiglie.
     
    Quell’amore ineguagliabile,

    fiore
     
     
    di poesia in mezzo al mare.

  • 27 luglio 2015 alle ore 11:38
    La Guerra (Corsi e Ricorsi )

     
     
     
     
     
     
     
    Gli Angeli del Cielo
    Hanno ripulito l'aria
    Dalle rotte inquinate
    Da uccelli impazziti.
     
    C'è molta confusione lassù
    Intrecci di oggetti meccanici
    Strani rumori frutto di morte
    Vapore nei vapori di gas tossici.
     
    I divieti del Paradiso
    Scandalosamente violati
    I volti cupi delle Anime
    Intristiti dai ricordi terreni.
     
    Cosa succede laggiù!
    I nostri brividi si domandano
    Ma che vita donate alle verdi età
    Con quelle strane opere immotivate?
     

     

  • 26 luglio 2015 alle ore 20:58
    Il potere della redenzione

    Pronto nello scatto
    d'orgoglio e di coscienza

    che imprimo alle mie risalite

    anelo a rimanere con Voi

    accompagnandovi giorno per giorno
    nella storia avvincente e affascinante

    tra complotti e tradimenti
    di diabolici intrecci

    che dovrete raccontare
    alla fine del vostro viaggio

    nell'amore nella guerra e nell'anima
    intrisa del dolore della sconfitta

    E piangere insieme

    affamati d'amore

    dentro silenzi sacrali

    offerendo con il cuore
    magia e redenzione
    .
    cesaremoceo
    diritti riservati
    Segnala abuso

  • 26 luglio 2015 alle ore 17:01
    OSSESSIONE

    Sognami
    Di giorno e di notte
    Cercami
    Quando ti offusco la mente
    Trovami
    Prima della morte
    Seducimi 
    Quando il cuore ti batte velocemente
    Portami
    Ove il buio ci avvolge
    Restiamo 
    Finchè il sole non risorge
    Toccami
    L’anima e il corpo
    Stringimi
    E non darmi scampo
    Infuocami
    Come un sole rovente
    Rilassami
    Come una brezza rinfrescante
    Amami 
    Perchè sono la tua mania
    Amami ancora
    Quando andrò via
     
    Eugenio Flajani Galli 
    © RIPRODUZIONE RISERVATA

  • 26 luglio 2015 alle ore 13:08
    Squarci

    Nel lento cadere
    è boato il tonfo
    Lacrima squarcia radice
    Petto s’apre e sradica
    rami d’esistenza.
     

  • 26 luglio 2015 alle ore 10:14
    Sarai ancora madre

    E ringrazio Iddio d'averti fatto donna

    essere eletto

    privilegio della natura
    d'eccezionale sensibilità
    e magica fecondità

    a partorire prodigi

    incanti
    miracoli che stupiscono
    e commuovono

    nel saper cogliere
    e significare l'anima della vita

    e penetrare nel profondo dell'intimità

    Sarai ancora madre
    a rafforzare la Tua libertà

    nel profumo del figlio
    che stringersi tra le braccia

    tra le carezze d'amore che donerai
    in questa nuova alba di vita

    dove ogni giorno sarà gioia
    .
    cesaremoceo
    diritti riservati
    Segnala abuso

  • 25 luglio 2015 alle ore 21:27
    L'irredimibilità della società

    Con l'anima effusa

    dentro l'essenzialità
    di silenzi divorati

    come fossero
    pane giornaliero

    ho portato senza vergogna

    i calzoni rammendati
    con le toppe della dignità

    Ora

    in quest'oggi
    in cui è possibile il tutto
    e il suo contrario

    vivo immerso
    nel fascino della trasgressione
    vestita di disperazione

    ad accettare l'imposizione
    d'atteggiamenti irritanti

    di menti d'alto ceto
    che puzzano di muffa

    pesanti da sopportare

    E mi accorgo
    che la schiera dei veri uomini
    si va assottigliando
    .
    cesaremoceo
    diritti riservati
    Segnala abuso
     

  • 25 luglio 2015 alle ore 15:40
    dove trovare l'amore

    dove trovare l'amore?
     per quanto ne sappiamo sotto questo pallido sole
     e questa fitta nebbia tutt'intorno
    potrebbe essere in un sorriso regalato
     senza ricevuta di ritorno

     Marco Bo
    http://cantidallaperiferiadelmondo.blogspot.it/2015/07/dove-trovare-lamore.html
     

  • 25 luglio 2015 alle ore 10:11
    Spiraglio Di Luce

     
     
     
    Quel mondo di luce
    Modella le ombre
    Nel miraggio delle attese
    Dentro e fuori del cuore
     
    Impigliato nel mistero
    Di una notte selvaggia
    Accarezza un sussurro
    Mi svuota e mi appaga
     
    Un corpo di donna
    Baciato dal sole
    Tra i colori del cielo
    Profuma altre attese.
     

  • 24 luglio 2015 alle ore 21:55
    Iettatore

    Ho coltivato campi di fortuna
    vegliati dagli amici gatti neri
    che in ogni ora mi furono graditi.
    E' inutile che ti armi di macumbe,
    numeri diciassette e riti neri
    che fanno scompisciare i polli.
    Il tempo perso non ritorna 
    ed io non ho né voglia, né pazienza
    di ascolare le tue inutili idiozie.
    Ho già il mio bel da fare,
    organizzare a come spendere
    la mia felicità 
    e giuro, non riparo,
    non tengo botta 
    al sole che ho didentro.
    E in mezzo a tutto questo
    tu m'vuò fà
    o' iettatore?
    Ma vafangulo, va!

  • 24 luglio 2015 alle ore 19:47
    Stagioni (Fiore di seta)

    Toccare le tue gambe
    è poco più che permesso,
    toccarti il seno è poco più che permesso.
    Toccarti, più che permesso.
    Non sai che fare
    e mi servi il caffè come farebbe una ragazza o una donna.
    La mano che bacio sa di caffè,
    il braccio che bacio sa di caffè,
    e il petto tuo è torrido.
    Ho nel naso l’impressione che mi ami.
    Morbida e dolce, aspra ed amara,
    frutto estivo che desidererei assaporare per ore.
    Sussurri in me stagioni sconosciute,
    parole che non mi hanno mai detto,
    che non avevano significato.
    Per me lasci scivolare la tela dei tuoi vestiti
    e della tua bellezza, del tuo essere una donna.
    Richiesta dominata a monte
    di ogni risposta.
    Vuoi ballare mia dolce?
    Il cuore è molle abbastanza
    per accompagnarti.

  • 24 luglio 2015 alle ore 19:46
    Calma d'acqua (Fiore di seta)

    Come una colomba
    sei scesa a trasformare l’ansia
    e la trepidazione in calma.
    Calma d’acqua, col tempo delle gocce,
    e su quei cerchi liberi il tuo spirito
    a vedermi. Steso.
    Mi hai toccato timidamente
    e con passione ti ho risposto,
    con onde di mare.
    Con le onde che sono le tue mani
    su di me, che vanno e vengono.

  • 24 luglio 2015 alle ore 19:46
    Fiore di seta (Fiore di seta)

    Fiore di seta, ti aspettavo
    per insegnarmi l’amore con il cuore,
    con lo spirito,con il corpo.
    Nessun gesto, nessuno sguardo,
    nessuna notte ci vedrà persi.
    Vola su di me come gabbiano sul mare.
    Sfiorami e tuffati io ti accoglierò.
    Ti sei stesa ovunque nelle mie mani,
    e ora sei il dolce equivoco dell’anima mia.
    Sensibile, disinteressata,
    ignara, ti svolgi tra le certezze mie
    piantate e grosse come alberi.
    Ma non le togli, tu come il vento
    le sposti e ritornano.
    Io un diaspro sensibile
    all’affiorare delle tue lacrime, dei tuoi baci,
    delle tue mani

  • 24 luglio 2015 alle ore 19:44
    Al tempo (Fiore di seta)

    Ai cieli di questa terra,
    alla bellezza giovanile della tua età,
    chiedo le risposte del mio cuore,
    perché non ne posso chiedere ad altri,
    perché nessun’altro me ne può dare,
    perché ne di giorno ne di notte
    io mi stanco mai di cercare,
    di galoppare come un cavallo baio
    nelle macchie ventose e rocciose
    dei miei pensieri notturni.
    Goccia a goccia prendo la verità,
    morso a morso,
    spina a spina,
    lacrima a lacrima,
    passo dopo passo,
    al tempo.

  • 24 luglio 2015 alle ore 19:43
    Inés (Fiore di seta)

    Come vorrei Inés, vederti appoggiata al mio balcone
    a farti baciare dall’alba,
    mentre cantiamo ancora quella nenia di notte profonda,
    io a presentarti il mio corpo nudo e tu il tuo,
    dimenticando l’imbarazzo e la malizia,
    distesi nell’oceano in cui dormo ogni notte,
    troppo grande per me solo.