username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Filtri di ricerca
  • La poesia contiene la parola
  • Nome autore

Poesie

“Uno sguardo vergine sulla realtà: ecco ciò ch'io chiamo poesia”
Edoardo Sanguineti


Le poesie dei nostri autori sono tutte raccolte qui.
Se vuoi inserire le tue poesie in una pagina a te riservata, iscriviti ora e scopri come fare!

elementi per pagina
  • 22 agosto 2015 alle ore 20:41
    Finalmente ho capito cos'è l'utopia

    Razionalizzare e soffrire

    per criteri di gestione della vita
    imperfetti e impuri

    con l'angoscia a farmi compagnia

    e sedimentare sull'anima
    gli esiti del passato
     
    nutrendola con sentimenti
    orgogliosi della loro purezza

    Trovare indomiti coraggi
    tramutandoli in fervori ardenti

    intrisi di nostalgico candore

    concreto e non effimero

    a sopportare lividure e tumefazioni
    sparse nei giorni

    provocate dalla rassegnazione
    di vedere le cose belle che ho donato

    senza alcuna risonanza al mondo

    E sorpasso le ombre del mio declino

    nella fierezza d'aver conservato la libertà

    proiettando gli ultimi pensieri
    dall'altra parte dell'Universo

    a rimanere aperto e recettivo
    a ciò che è senza posa nuovo

    per superarmi senza mai cessare

    come tassello pronto a completare
    un mosaico di possente drammaticità
    e sovrumana bellezza
    .
    cesaremoceo
    diritti riservati
    Segnala abuso

  • 22 agosto 2015 alle ore 16:08
    Verso l'alba di un nuovo mondo

    Ondeggia il barcone tra i marosi
    teme il migrante per la vita sua
    ma nel futuro pone la speranza,
    dorme il barbone nelle estive
    notti sopra una panchina poi
    nel rigore dell’inverno un letto
    di cartone, i ponti una stazione,
    sogni gli stessi in tutte le stagioni,
    tirano la cinghia, poche in casa gioia
    allegria da tempo, il disoccupato
    come pure  il vecchio pensionato,
    guerre uccisioni atrocità dando
    lo sguardo al mondo da lontano
    e guardando di nuovo più vicino
    negli ospedali vedi sofferenze
    quanti carcerati e quanti derelitti,
    tanti, cosa accomuna ciascuno l’uno
    altro? Che sorga, dopo le notti buie
    di dolori di lamenti e stenti tanti,
    le passate e ingannevoli fallaci albe
    false, quest’alba agognata e vera:
    che dal mondo, dalla vita da oggi
    si cancellino per sempre il nero
     il brutto, si muti tutto nel più bel bianco
    tanto: pace libertà dignità salute lavoro
    qualche euro in più e  a ognun un tetto.
     

  • 22 agosto 2015 alle ore 14:11
    A Natale

    Prendo pochi
    fiori
    giusto per raccoglierli.
    li donerò a te
    che nulla m'hai dato,
    se non adesso
    per trattenere un vecchio
    dolore.

  • 22 agosto 2015 alle ore 14:10
    Cuore apatico

    C'è troppo casino
    là fuori
    e dentro casa, da soli,
    diventa insopportabile.
    Milioni di piedi marciano
    in ogni direzione
    lungo le strade della fatica.
    Nessuno porge le mani,
    nessuno affronta il tuo sguardo.
    E' più semplice guardare altrove,
    infinita è
    la paura di mostrare amore.
    Troppi natali, troppi anni;
    il mio cuore batte apatico,
    adesso,
    e termina il giro di giostre.

  • 22 agosto 2015 alle ore 14:09
    Vincolo

    Questa tristezza,
    tenuta al guinzaglio,
    lasciala vagare.
    Da sola imparerà
    a riconoscere le rugiade,
    gli alberi e le api
    le mosche e i rettili.
    Lasciala vagare
    fuori dalla tua mente,
    dentro il corpo del mondo
    che un po'
    non t'appartiene
    e lo contiene.

  • 22 agosto 2015 alle ore 14:08
    Le Madri uccidono

    Le madri uccidono.
    Uccidono i loro figli
    col loro asfissiante amore,
    li annullano
    dentro brutti vestiti da idioti
    e fiorellini e bottoni
    grossi come borchie.
    Le madri sono brave
    ad assassinare le loro prede,
    la loro prole.
    Le madri uccidono,
    per il loro orgoglio,
    per la loro vittoria sugli altri
    e ancora e ancora.
    Dimostrano tutto l'amore,
    carezze con unghe affilate,
    rimproveri assordanti.
    Le madri distruggono
    e fingono di non saperlo,
    fingono come nell'amore
    e nell'amore i figli sono
    già morti!

  • 22 agosto 2015 alle ore 11:03
    Notte Solo Mia

    La neve ha smesso di fare silenzio
    Il nuovo sole si è addormentato
    Alzo gli occhi al cielo desideroso
    Di penetrarlo per vedere Dio.
    Mi viene sete
    Mi viene fame
    Ho fame
    Ho sete di buio e d'amore.
    Ormai la vita dei vivi volge al termine
    Aspetto che tutti dormono
    E che nasca il buio.
    Sento che questa notte e mia.
    È La mia notte.
    Pigiama di luna sulla pelle
    E via per i miei vicoli deserti
    Voglio ritrovare l'amore perduto
    E mentre cammino con i miei pensieri
    Una dolce voce mi penetra il cuore
    Comincio a sentire le pene dell'amore
    Inizia una notte di malattia
    Che piange amore da ogni stella.
    Ho ritrovato l'amore!
    Ora che l'ho ritrovato
    Vorrei arginare il fiume
    Per non farlo trascinare verso il mare
    Insieme ai miei sogni rinati
    Vivi negli occhi
    E nel cuore dell'anima.

  • 21 agosto 2015 alle ore 22:15

    Non "MI PERDO" mai nel cuore di chi non sa amare. Non mi perdo mai per strade che non hanno meta. Non mi perdo mai per rincorrere qualcuno. Mi perdo solo per chi conta, per chi vale, per chi si perderebbe per me e con me. Non "PERDO" mai... Perchè se faccio goal allora ne valeva la pena se invece non marco non fa niente, perchè nella vita perde solo chi sceglie di non giocare, di restare in panchina aspettando che gli passino la palla giusta! Io invece la palla giusta me la vado a prendere a costo di commettere fallo rischiando un RIGORE! 

  • 21 agosto 2015 alle ore 21:27

    Nascondiamo il dolore, le lacrime e con grande orgoglio indossiamo un sorriso che maschera tutto... Ma può davvero mascherare tutto?! E soprattutto può farlo di fronte a tutti?! Io credo che chi ci ama davvero legge dietro a quel sorriso il vero stato d'animo. Perchè chi veramente ti conosce ai tuoi occhi non scappa e capisce... Così come mille volte ho capito io guadando i tuoi... Per vedere poi che tu nei miei non leggevi mai niente ed è capendo che nulla provavi che indossando lo stesso sorriso me ne sono andato/a!

  • 21 agosto 2015 alle ore 21:27

    Nascondiamo il dolore, le lacrime e con grande orgoglio indossiamo un sorriso che maschera tutto... Ma può davvero mascherare tutto?! E soprattutto può farlo di fronte a tutti?! Io credo che chi ci ama davvero legge dietro a quel sorriso il vero stato d'animo. Perchè chi veramente ti conosce ai tuoi occhi non scappa e capisce... Così come mille volte ho capito io guadando i tuoi... Per vedere poi che tu nei miei non leggevi mai niente ed è capendo che nulla provavi che indossando lo stesso sorriso me ne sono andato/a!

  • 21 agosto 2015 alle ore 21:21
    Ho incontrato un'ombra

    Grida

    balenio di voci

    oligarchie sonore

    Orecchie tese

    ad ascoltare il nulla
    che parla a vanvera

    E continuo a respirare
    arie melense

    buone solo a rincorrere
    rischi di alienazione mentale

    nella simbiosi di titoli senza averi

    Sudiciume d'onore
    da rinchiudere con le catene dell'oblio

    E vedo l'ombra sfocata del mio Essere

    ad accettare la felicità
    che sono capace di sopportare

    nel sogno di me
    che forse non esisto
    .
    cesaremoceo
    Segnala abuso

     

  • 21 agosto 2015 alle ore 19:06
    Gli occhi del pittore

    Il tuo, 
    mi sembra una sguardo complessivo,
    mentre osservi la mia bocca parlare,
    i miei occhi seguire la tua inquisizione,
    le mani disegnare nell'aria i miei pensieri;
    uno sguardo ampio,
    che attende un dettaglio inatteso
    o un aspetto essenziale.

  • 21 agosto 2015 alle ore 19:03
    La playa

    Soy una playa de arena, en que dibujo mi vida,
    cumplo caminos.
    Soy mi alma de espumas, acostada, indiferente,
    que en esta arena borra mis pasos y vuelve.

  • 21 agosto 2015 alle ore 18:57
    Autunno portoghese

    Esistono, tra gli altri, 
    dei giorni in cui sono suscettibile alla bellezza vaga,
    piú capace di amareggiarmi, per la mia solitudine
    che viene, 
    come un'aria densa, ineluttabile.

  • 21 agosto 2015 alle ore 14:15
    Canzone per te

    Non occorrono
    belle parole
    per dar corpo al sentimento
    che, prepotente, sgorga
    dai meandri intimi
    dell'anima.

    Non occorrono
    artifici
    per descriverne
    i magnifici colori

    Puoi sentirne
    il profumo
    ch'esso espande
    come fosse poesia

    Puoi sentirne
    il calore
    nel mentrescorre
    nelle vene

    Puoi coglierne
    l'immensa forza
    nella sua delicata
    tenerezza

    Non occorrono
    esami
    per capire
    se sia vero

    Questo...
    mio sentimento è!

     

  • 21 agosto 2015 alle ore 9:59
    la vita aspetta

    silenzio intarsiato d'ansia
    sospiri come sabbia nel vento
    più aspetto meno ricordo la strada
    ma il Sole la Pioggia e la Terra sanno il mio nome
    e mi riporteranno a casa
    sì,
    è tempo di tornare sul cammino
    la vita aspetta

    Marco Bo
    http://cantidallaperiferiadelmondo.blogspot.it/2015/08/la-vita-aspetta.html

  • 21 agosto 2015 alle ore 9:40
    Timida Fanciulla

     
     
     

     
     
     
    Fanciulla luminosa
    Il tuo viso di sole
    Arrossisce nella luce
    Timidamente
    Ti celi nella notte
    Per rinascere purificata
    Nel nuovo giorno
    Che ti aspetta.
     

  • 21 agosto 2015 alle ore 7:28

    Mi arrabbio quando sento che non c'è sincerità da parte di chi ho di fronte. Mi arrabbio se presa in giro, calpestata e usata. Ma costa tanto la sincerità?! Capisco la crisi, ma un po di sincerità ha davvero un prezzo così alto per alcune persone?! Io dico che alla fine della corsa vi costeranno molto più care le vostre amate bugie! La vita rende tutto prima o poi... A volte corre talmente veloce che non ha tempo per rateizzare il conto e chiede un unico saldo! Vi auguro di essere in grado di pagarlo!

  • 21 agosto 2015 alle ore 2:29

    In alcuni casi arriva piano lieve... Si insinua nelle fessure del cuore, lungo i condotti dell'anima e sotto ogni poro della pelle. Cammina, a volte lento altre volte in modo deciso. Non avvisa, non lascia scegliere e non se ne va nemmeno se lo "Cacci" ! Spalanca ogni porta e abbatte ogni barriera. Non si preoccupa di niente, se lui vuole ottiene: mete, persone, posti, attimi e li porta con sé nel tempo. In altri casi, arriva improvviso, subdolo e dietro alla peggiore delle maschere ti raggiunge. Da grande "Attore" recita il suo "Copione"! Ti guarda, ma non mostra mai la sua vera identità. Entra nei cuori, li possiede per poi farli a pezzi. Nemmeno lui chiede il permesso, dietro la sua finta identità raggiunge i suoi scopi: mete, persone, posti, attimi fugaci... Ma a differenza del primo li lascia dietro se non appena raggiunti... Senza portarli con se nel tempo. Questi... I due volti dell'AMORE!

  • 20 agosto 2015 alle ore 19:38
    Me vistes...

    Me vistes...
    Ayer, entre palabras y risas,
    anécdotas y momentos,
    recibí el consejo exacto...
    ¿De dónde podía provenir
    si no, de la simplicidad,
    de la autenticidad?
    Tu, querido, me dijeron,
    debes tener a alguien,
    que te vista...

    ¿Porqué? Pensé...
    ¿Tan mal me visto?
    Mientras sonreía...

    Si, que te vista, que exalte
    lo que eres, que sea
    parte esencial de ti...

    Que sea tu complemento,
    como un bel vestido
    que te calza a la perfección...

    Y si, tenías razón, amiga,
    no solo lo necesito,
    lo quiero, en fondo a todo.

    Es verdad, que me siento
    desnudo, avergonzado
    de seguir por la vida así.
    Desnudo, en pelota,
    y tu, si, tu, lo sabes
    que me vistes...

    Si, tu, que te escondes
    en los meandros
    de mis deseos...

    Lo sabes, que eres
    el vestido justo,
    a la medida...

  • 20 agosto 2015 alle ore 19:34
    Y te dije...

    Y te dije...
    Déjate simplemente amar...

    Y tu respondiste:
    ¿Mmmm así?

    Ahora las palabras
    fluyeron, los versos
    se hicieron claros
    en mi mente,
    el sueño creció
    y aun así,
    nada cambió,
    solo el hecho...

    Tu, déjate amar
    simplemente...
    que el amor
    no es como el agua,
    no sigue la corriente...

  • 20 agosto 2015 alle ore 18:21
    Astri

    Brillano lontane, impassibili
    Spettatrici, mentre noi ruotiamo
    E il nostro filo si allaccia
    Con altri, antico ordito.
    Luci, questo sembrano, ma
    non sono, energia partita
    millenni fa ed ora giunta
    per brillare per un navigante
    dei mari o delle coltri, per illuderci.
    Si, illuderci, che questo siamo
    quando guardiamo i vecchi
    amici a cui demmo nomi di dei.
    Li guardiamo pensando alla vita
    ma sono gli ultimi resti di
    giganti potentissimi andati,
    morti di una morte spettacolare. 

  • 20 agosto 2015 alle ore 18:19
    Nudos

    Desatando los nudos del alma,
    desató aquellos en la garganta
    que no grita...
    Y cerrando los labios
    hace silencio gritando
    en el fondo de sí,
    su nombre,
    deletreando cada palabra
    lentamente...

  • 20 agosto 2015 alle ore 17:59
    Logico y natural

    Quererte es lógico y hasta natural,
    amarte aun mas lógico y mas natural...
    De hecho, todo, fue lógico y natural...
    ¿Perdonarte y confiar en ti...?
    Sería de una idiotez mítica...
    También esto es lógico y natural.

  • 20 agosto 2015 alle ore 17:22
    Il mondo vale

    Ti regalo
    il sorriso perlaceo della luna,
    il giallo caldo
    del bel tulipano,
    il forte odor di mare
    che dal molo sale,
    il gesto di una mano
    che afferrarti sa
    quand'è burrasca.
    Tutto per dirti
    che questo mondo vale.