username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Filtri di ricerca
  • La poesia contiene la parola
  • Nome autore

Poesie

“Uno sguardo vergine sulla realtà: ecco ciò ch'io chiamo poesia”
Edoardo Sanguineti


Le poesie dei nostri autori sono tutte raccolte qui.
Se vuoi inserire le tue poesie in una pagina a te riservata, iscriviti ora e scopri come fare!

elementi per pagina
  • 07 luglio alle ore 14:35
    Ilvalore delle parole

    Sono consapevole che a volte cio' che scrivo non e' frutto del mio volere ma sono le parole stesse che venendomi incontro incitano la mente a far muovere la penna su un foglio bianco E familiarizzano tra loro scambiandosi timide vanterie di significati e emozioni ansiose di dimostrare quanto valore abbiano sconsiderate di passione e accoccolate d'amore a raccontare la loro storia . Cesare Moceo destrierodoc @ Tutti i diritti riservati

  • 07 luglio alle ore 11:13
    Guardarsi dentro

    Dietro ad una finestra
    inseguo ricordi
    del mio passato
    cerco invano
    di afferrarli
    il presente
    è avvolto in una nube
    voglio ancorarmi al passato
    ho paura del futuro
    così voglio passare il mio tempo
    scoprendomi  più adulto
    guardandomi dentro il mio animo.
     

  • 06 luglio alle ore 21:02

    Un uomo ed una donna da soli possono essere qualcosa di grandissimo, ma insieme possono anche diventare invincibili. Riescono a completarsi, a sostenersi e a distinguersi. Possono isolarsi dalle cattiverie, dalle invidie e vincerle. Possono tutto, ma solo se dentro hanno qualcosa di ancor più grande di ciò che si può vedere al di fuori solo guardandoli...
    Principi, valori, rispetto e amore reciproco!

  • 06 luglio alle ore 10:36
    La stirpe dei poeti

    Con radici aggrappate al vento
    e la morte ai suoi piedi
    torna alla luce
    la stirpe dei poeti.
    Continente sommerso, prole di tempesta
    nelle alcove del crepuscolo
    il seme del silenzio
    feconda parole.
    Trema l'aria al suo passaggio
    si accendono le costellazioni
    fino a tradurre gli orizzonti
    in violente vertigini.
    Non la gloria, l'onore del nome
    nè medaglie sul petto trafitto
    va sperando
    ma pace, oblio e abbandono,
    l'onere della solitudine
    va chiedendo
    senza che nessuno si accorga
    di quanta strada ha fatto
    e di quanta ancora
    ne manchi per l'inverno.

  • 05 luglio alle ore 13:16
    Pigro lembo

    Il tempo si è fermato
    sorpreso è rimasto appeso
    a frali fili alla finestra
    Non c'è vento
    a spronar le sue ali
    Dimentico rimane
    in postura supina
    Indolente segue
    le nubi incastrate
    nel pigro lembo di Creato.

  • 05 luglio alle ore 0:05
    Come uno strappo dorato

    uno di quei giorni
    che s’interrompe il respiro
    indecifrato nitore riaffiora
    della parola taciuta- rimani
    agogico pulsare, ancora
    ti ho visto in un salto di luce
    e non c’ero, non io
    la chioma al tuo vento
    come se si andasse
    come se non si tornasse

  • 04 luglio alle ore 20:45
    La "differenza" dei pensieri malati

    Comprendere come

    in ogni pensiero malato

    conviva la pluralita' dell'anima
    a esaltarne l'essenza

    senza mortificarlo

    Anzi

    assecondarlo nella sua eccellenza
    e supportarlo verso la guarigione emotiva

    facendolo divenire "differenza"

    e condurlo
    attraverso le porte della vita
    .
    Cesare Moceo destrierodoc @
    Tutti i diritti riservati

  • 04 luglio alle ore 20:44
    Piacere e sofferenza

    Molte volte
    in sere come questa
    mi siedo
    sul bordo del vivere
    dal mio lato
    con la testa tra le mani
    a raccontarmi la giornata
    appena trascorsa
    e cercare di capire meglio
    cio' che ho detto e fatto
    E non ci capisco granche'
    in quei minuti
    che scorrono lenti tra i tormenti
    esasperati della mente
    mentre avanti e indietro
    vanno pensieri
    che rompono il silenzio
    con profondi sospiri
    che assomigliano a gemiti
    a causarmi piacere e sofferenza
    .
    Cesare Moceo destrierodoc @
    Tutti i diritti riservati

  • 04 luglio alle ore 16:41
    Quartina lunare

    Astro lucente mi serbi rancore
    resti sospeso muovendo ogni cielo,
    destino amaro dolersi d'amore
    guardando le stelle fartene velo.

    Matteo Cotugno

  • 04 luglio alle ore 13:23
    La notte

    Notte...
    Gli amanti s'accordano
    senza parlare
    Pura melodia

  • 04 luglio alle ore 10:31
    Mancanza di parole

    Parole non trovo
    per esprimere
    tutto ciò che mi accade
    in questa fuggevole vita
    con la mia amata Milly
    un amore così grande
    mai provato prima
    questo mi resta
     pensando al nostro futuro
    di vita di coppia
    dolci ricordi
    di giovani amanti
    innamorati per l’eternità.
     

  • 03 luglio alle ore 23:36
    Raccogli

    Raccogli quei capelli, l’acqua continua 
    a defluire, la voce generosa 
    che reclama: traspare.
    Sfuocato taglio dove si genera
    la felicità, il tempo è poco 
    e l’occhio va al disordine prima di partire
    ti dici è presto col mare in cuore 
    e poi sistemi un libro, calze che gli piacciono 
    strappi alla rosa un petalo
    il bacio di ricambio -credi? 
    non sarà un tombino che l’accoglie
    sotto una suola 
    profumo di disperso per lontana cura 
    sospiro, dedizione?

  • 03 luglio alle ore 19:54
    Le stelle sopra di me

    Resto qui affacciato
    alla mia finestra sul mondo
    con gli occhi persi
    nella profondita' di questo buio
    che mi unisce al cielo
    a guardare il mare
    E mi sento
    innamorato e sopraffatto tanto
    da quella visione
    che nella solitudine
    di un fantasioso sogno
    m'immergo in quelle onde
    nell'illusione
    di divenir con loro una sola cosa
    a affrontare fulmini e tempeste
    E nell'insonnia di questa notte
    che m'avvolge
    in sentimenti piu' profondi
    voglio credere ancora
    alle stelle sopra di me
    e alla loro immensa luminosita'
    .
    Cesare Moceo destrierodoc @
    Tutti i diritti riservati

  • 03 luglio alle ore 19:52
    Amore o dovere?

    M'innamorai di Te
    Vita
    e da te son venuti i miei sogni
    Penso
    al tempo che scorre
    senza soffermarmici troppo
    ricordando solo
    i suoi baci ardenti
    e con quelli
    aiutarmi a rinnovarmi
    E credere sempre
    in ogni giorno che arriva
    quando si apre il sipario
    d'esser pronto
    a saltare nel baratro
    .
    Cesare Moceo destrierodoc @
    Tutti i diritti riservati

  • 03 luglio alle ore 19:50
    Io amo gli amimali

    E potreste mettermi
    un libro in bocca
    pel mio silenzio
    al posto d'una pietra
    che tanto ha voluto dire
    in un recente passato
    a evocare pensieri e volonta'
    Il mio silenzio
    come quel voler dire
    nell'orgoglio della mia poesia
    sia tanto assordante agli orecchi
    e devastante nelle menti
    nel rifiuto che conferma l'esistenza
    da risvegliare bonta' e carita'
    per noi
    per i nostri figli
    per il mondo intero
    ...e oltre
    .
    Cesare Moceo destrierodoc @
    Tutti i diritti riservato

  • 02 luglio alle ore 23:16
    La baia delle balene

    Avanza nella baia ad origliare il nulla 
    il suo cuore d’alga, s’incupisce 
    di quanto inverno copre le acque vuote.
    Era uno di loro, la mano di lama 
    violenta tra code arenate 
    pietre dopo che il guizzo, 
    ultimo, donava il suo rosso 
    al sonno imbelle e sinistro.
    Lo annienta il mare
    la squama enorme impacciata 
    che rimescola, silenzia, torna sul fondo. 
    Un’onda d’oceano 
    accorre e non dà sollievo
    ricacciata in bocche di sabbia.
    Lui la segue, con il lamento di tutti i lamenti 
    di madri, figli e vecchie balene 
    pronte a morire dove si piega, in pace 
    la musica del mare.

  • 02 luglio alle ore 20:22
    La notte è, per me

    Fuggenti e suadenti note
    ha fra le pieghe delle dita
    per me
    Sgrana effluvi di suoni
    che al giorno
    sconosciuti restano
    - La notte è per me -
    M’incanta
    in morbidi silenzi
    che silenzi non sono
    s’involano
    piuttosto
    in onde dall’alfa all’omega
    Vagano
    Trasportano
    Rapiscono
    Invergano
    Di vita
    mi stordiscono e seducono
    -La notte è per me-
    Amante amata.

  • 02 luglio alle ore 11:43
    Intrigante

    Bacerei
    il tuo corpo nudo
    Un desiderio in crescendo
    che fa vibrare
    l'anima...
    Nella sua più profonda
    intimità

  • 01 luglio alle ore 21:56
    Entusiasmo e futuro

    Caparbieta' e fatiche
    avvolgono il cuore
    nell'inseguimento dei propri sogni
    quando con la mente
    pensa di capire quell'universo
    Cambiare i rivelatori del futuro
    unendo insieme pensieri e volonta'
    e scegliere sempre
    curiosita' che spiegano
    i giorni e il vivere
    riempiendoli di novita'
    per se stessi
    e entusiasmarsi
    per gli altri nell'infinito
    .
    Cesare Moceo destrierodoc @
    Tutti i diritti riservati

  • 01 luglio alle ore 19:51
    Il mio ironico nichilismo

    Regali quotidiani
    mascherati d'imbroglio
    accetto dalla vita
    nella coscienza di sapere
    che anch'essa e' inganno
    Mi nutro di questa verita'
    per sopravvivere
    alla distanza che mi separa
    da quell'inganno
    ancor nella coscienza
    che questo nutrimento
    si ciba dello stesso inganno
    E mi condanno e mi assolvo
    in quest'accettazione
    nel piacere sublime
    che qualsiasi sentenza m'arrivi
    sia solo e sempre un inganno
    .
    Cesare Moceo destrierodpc @
    Tutti i diritti riservati

  • 01 luglio alle ore 19:50
    Vita

    Ciao Valeria... Quante volte t'ho cercata,Vita tra le briciole che hai lasciato lungo la strada tortuosa del vivere So gia' che anche tu mi cercherai e quando non mi troverai guarda tra le persone che hai ucciso . Cesare Moceo destrierodoc @ Tutti i diritti riservati

  • 01 luglio alle ore 19:48
    Gli accordi della mente

    Pianti al pensiero di quante stupidita' si son commesse nella fretta che si ha avuto a viverle e cosi' sciupare il bello che si ha avuto attorno dimenticando il sentore interiore di volersi conoscere Accorgersi di scrutarsi sottocchio quasi fosse la prima volta che ci si vedesse e autorizzare l'anima a rintracciarsi lungo i sorrisi di saluti ipocriti falsamente affettuosi che l'avvolgono impregnandola di calma inaspettata E guardarsi sorpresi della fame di vita che invade gli accordi presi con se stessi . Cesare Moceo destrierodoc @ Tutti i diritti riservati

  • 01 luglio alle ore 19:46
    Il colore dei pensieri

    Spingo certe porte a chiuderle dietro di me rivolgendo alla mente cenni di tacito sgomento anche se imbarazzato nel guardarmi in faccia per quei silenzi Ciuffi di pensieri color nero corvino incorniciano quei momenti venuti fuori dalle avversita' della vita e abbelliti in giorni di diverso colore dalle cicatrici che ancora segnano indelebili il mio presente intarsiato dei segni degli angeli scesi dal Cielo apposta a donar diversa vivacita' al color de' miei pensieri . Cesare Moceo destrierodoc @ Tutti i diritti riservati

  • 30 giugno alle ore 12:09

    Ho vinto quando ho smesso di preoccuparmi di quello che la gente poteva pensare o dire, perché si può dire ciò che si vuole, si può pensare infinitamente male di me, ma io non sarò mai ciò che la gente dice o pensa. Ho vinto quando le parole che provenivano dal "Fango" le ho lasciate sospese tra il niente e l'ignoranza di chi le aveva pronunciate. Ho vinto quando ho chiuso definitivamente alcuni legami "Malati", che da tempo mi rubavano energie, rendendo il mio umore fragile e instabile. Ho vinto quando ho lasciato fuori dalla mia vita quelle mezze presenze degne solo di legami di convenienza, persone prive di concetti sani, ma colme di un'ipocrisia senza limiti. Ho vinto quando non ho più messo al bando la mia amicizia, il mio essere donna, la mia dignità, ma ho preteso rispetto e lealtà dando priorità all'amore per me stessa.
    Se prima di amare... Ti ami... HAI VINTO!

  • 29 giugno alle ore 21:46
    Il pane della mia cesta

    Cerco un posto oltre l'arcobaleno dove un grande festival di colori e pensieri diano vita al piu' bello spettacolo del mondo E metto da parte lo scetticismo della mia mente cresciuta tra grigiori e illusioni per comprendere ancora la giusta via da percorrere all'ombra del mio bosco sacro dove poter distribuire il pane della mia cesta . Cesare Moceo destrierodoc @ Tutti i diritti riservati