username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Filtri di ricerca
  • La poesia contiene la parola
  • Nome autore

Poesie

“Uno sguardo vergine sulla realtà: ecco ciò ch'io chiamo poesia”
Edoardo Sanguineti


Le poesie dei nostri autori sono tutte raccolte qui.
Se vuoi inserire le tue poesie in una pagina a te riservata, iscriviti ora e scopri come fare!

elementi per pagina
  • 24 settembre 2014 alle ore 10:45

    Ad alcune persone le cose non le devi nemmeno spiegare. Ad alcune persone non devi dare proprio spiegazioni. Sono quelle persone che giudicano, che osservano e poi traggono le loro conclusioni. Sono quelle che hanno la convinzione che il loro dire , fare e pensare sia Divino. Sono quelle persone che conoscono un'unica strada da percorrere... Quella fine a se stesse! 

  • 24 settembre 2014 alle ore 10:44

    Vivi e non pensare troppo, non fermarti troppo ad aspettare perché un giorno ricorderai i sorrisi forzati che hanno nascosto una delusione. Le lacrime che a fatica trattenevi per non dare la soddisfazione di aver vinto a coloro che le avevano provocate. Ricorderai i teneri momenti mano nella mano, i baci e le carezze. Quel batticuore senza tregua e che trattenevi a stento. Ricorderai la strada percorsa, anche quella che è stato difficile praticare. Ricorderai le cadute, le sconfitte e il dolore. Ricorderai i momenti migliori, quelli fatti di allegria, di magiche compagnie. Ricorderai amici e piccoli momenti divisi con persone che poi non hai più rivisto. Sarà li che seduta/o da qualche parte, con la debolezza degli anni ti ricorderai,con gli occhi inumiditi di lacrime e il cuore colmo di emozioni ogni momento, il meglio e il peggio e tra sorrisi e malinconia capirai di aver vissuto.

  • 24 settembre 2014 alle ore 10:43

    I momenti difficili lasciano cicatrici profonde. Spesso sono proprio quelle più grandi a non vedersi, sono proprio quelle più difficili da mostrare, sono quelle nascoste dentro l'anima, in fondo al nostro “IO”. Sono quelle cicatrici che portiamo in silenzio, ma con orgoglio perché anche se non si vedono ci permettono di camminare a testa alta mostrando ciò che esse ci hanno insegnato. 

  • 24 settembre 2014 alle ore 10:43

    Chiamala “Freddezza” questo mio essere un po' distante. Chiamala “Presunzione” questo mio essere sicura di me. Chiamala “Prepotenza” questo mio essere schietta, diretta e sincera. Chiamala come vuoi questa mia personalità, additala e giudicala se vuoi. Però poi “Evitala”! Evitala, perché questa persona non sa essere diversa da ciò che è. Lei non sa riempirti di dolcezza se non le sei arrivato al cuore, lei non sa tremare davanti a te se sa di essere al tuo pari, lei non sa mentirti, dirti ciò che vuoi sentirti dire se non è ciò che pensa veramente.

  • 24 settembre 2014 alle ore 9:55
    Nella Luce Divina

     
    Nasce l’alba
    Di un giorno
    Splendente
    Ed io
    Cammino
    Nella luce
    Sino a sera.
     
    Nella notte!
     
    Sotto un cielo
    Senza nubi
    Senza stelle
    Avvolto
    Dentro
    Me stesso
    Mi ritrovo
    Nella luce
    Divina.
     

  • 24 settembre 2014 alle ore 9:55
    Dolce Silenzio

     
    Dolce silenzio
    Caro amico mio
    Tienimi compagnia
     
    Questa notte ribelle
    Graffia i miei sogni
    Già al calar della sera.
     
    Eventi di altri tempi
    Storie da cancellare
    Ricordi nel vento.
     
    Oh! dolce Sovrano
    Del tempo che vola
    Disegnami la luce.
     
    Oh! dolce Sovrano
    Acquieta l'angoscia
    Di questa notte ribelle.
     
    Oh! dolce Sovrano
    Segnami la via del cielo
    In una notte densa di luci.
     

  • 23 settembre 2014 alle ore 11:25
    Insoddisfazione

    Sommi i mugugni e ne fai montagna
    che scure fa le stelle e notte il giorno.

    E' questo un modo di sdegnare il mondo
    lo sfogo forte del cuor che s'amareggia.

    Solo diresti tu additi i mali ed incompreso
    lanci più strali ai tanti che hai bersaglio.

    Certo che a te un ego grande pesa
    ad implorare almeno un po' d'ascolto.

    Amore a mio parere non hai amico
    che dalle tenebre tue tiri la rosa.

  • 23 settembre 2014 alle ore 9:25
    Frugando Nel Nuovo Mattino

     
    In un cielo grande
    Con stelle tremule
    Nella sinfonia serale
    Si leva la luna piena
    Sulle ombre della notte.
    In questo mite scenario
    Mi addormenterò
    Sulla riva del mare
    Fra silenzi ed echi d'onde
    Di un mare che sospira
    All'atteso mattino.
    Singhiozzando nell'anima
    Sotto le luci del firmamento
    Ritroverò il tuo viso perduto.
    Come un fiume limpido
    Ti ritroverò nuda e pura
    Mentre danzi nell'aria
    Nella musica del vento.
    La tua soave presenza
    Non sarà illusione
    Di un'alba fuggevole.
     

  • 23 settembre 2014 alle ore 9:24
    Fortuna

    Danza il mare
    Sotto l'azzurro
    E le luci delle stelle
    Mentre mamma luna
    Domina i suoi movimenti
    E non solo con quelli
     
    In questo teatro cosmico
    L'aurora cerca la notte
    E la notte cerca l'alba
    Senza un attimo di sosta
     
    In questo mare
    Di cielo
    Di terra
    E di storie
    Vi sono luci ed ombre
    Cuori abbandonati
    Cuori che cercano
    Diamanti e smeraldi
    Nel celeste di una stella.
     

  • 23 settembre 2014 alle ore 0:25
    Nube viola

    Nube viola
    tra occhi e gola.

    Deflagra 
    l'nsopportabile zavorra
    nell'attesa.

    Fall-out
    su scomodi ricordi
    e sulle gioie.

    Tabula rasa.

  • 22 settembre 2014 alle ore 23:58
    Oscurità

    La notte resta
    impigliata fra gli spigoli
    dell'anima, affascinante
    e pericolosa.

    Gli animali notturni
    ci sguazzano, la mordono,
    facendosi dilaniare
    dal suo potere corrosivo.

    La notte si spande e offusca
    i contorni, crea immagini,
    divertendosi ad ingannare
    chi la abita.

    Buio che nasconde
    il lamento di chi sbatte
    contro quelle immagini,
    vagando senza meta nella notte.

    Buio che deve esistere e pulsa
    di vita nelle vene delle creature
    che la vivono, come possono,
    come sanno.

    I cacciatori notturni in cerca
    del pasto, i randagi di un riparo,
    i dormienti di un sogno,
    i sofferenti di un'altra illusione
    a cui rimanere impigliati.

  • 22 settembre 2014 alle ore 16:49
    Haiku - "Siamo tutti diversi"

    Sembro diverso
    Anche tu lo sei per me
    Dammi la mano

  • 22 settembre 2014 alle ore 16:44
    Haiku- "Il diverso da noi"

    Ha i petali blu
    in un prato di rosso
    Fiore stupendo

  • 22 settembre 2014 alle ore 10:10
    Follie

     
     
     
    Niente lacrime
    Devo trovare la forza!
     
    Non avevo il coraggio
    Di guardare la realtà
    Mi sono bendato gli occhi
    Ed esclamato
    Verrà un giorno migliore
    E quel giorno è venuto
     
    Niente lacrime
    Ho trovato la forza
    E con la forza
    Ho cercato un nuovo amore
     
    Oggi è venuto
    La mia donna
    Mi ha coronato
    Di nuovi sogni.
     

  • 22 settembre 2014 alle ore 10:09
    la vita ancora

    la vita ancora
     un piccolo e sognante viaggio
    un solo passo

     un piccolo ed eterno cammino 
    per riconoscere lungo il percorso
    almeno per una volta, 
    il giusto groviglio 
    che ci salverà 

    la vita 
    ancora

    Marco Bo
    http://cantidallaperiferiadelmondo.blogspot.it/2014/09/la-vita-ancora.html

  • 21 settembre 2014 alle ore 23:18

    LETTERA A MIO FIGLIO:
    Vorrei poterti dire che va tutto bene e che tutto sarà semplice. Invece figlio mio devo dirti che non sarà così. Ti dico che la vita è un grande dono, ma fatto di delusioni, dolori e sacrifici. Ti dico che le cose te le dovrai guadagnare, poche volte le raggiungerai e a volte non arriverai nemmeno a sfiorarle. Ti dico che la vita va vissuta con coraggio e umiltà, ma che non devi mai abbassare la guardia. Che dovrai voler bene alle persone che ti cammineranno a fianco, ma scegli sempre bene a chi dare le spalle perché “Fidarsi” è facile tanto quanto restare feriti. Ti dico che le tue ali si spiegheranno per mete certe e piene di gioie, ma pur augurandoti con il cuore che tu possa raggiungerle tutte, ti dico che a volte ti capiterà di imbatterti in chi quelle ali le spezzerà e non sarà facile trovare di nuovo il coraggio di “Volare”. Ci saranno persone che sceglierai di tenerti vicino, quelle persone che chiamerai “Amici”. Saranno loro a darti coraggio e  forza quando lo perderai, loro ad asciugarti le lacrime e a condividere con te grandi e piccole gioie. Ma devo dirti amore mio che potrà capitarti che proprio alcuni di loro ti infliggeranno le delusioni più grandi, perché quando è un amico a tradire la nostra fiducia lascia un dolore e un'amarezza diversa da qualunque altra delusione. Tu devi camminare con fierezza, coraggio e forza. Non ti devi fermare solo perché qualcuno ti dice che devi farlo. La verità non vince sempre, anche se così dovrebbe essere, ma tu con quella nel cuore devi vivere e camminare sempre. Sappi che spesso troverai chi nella bugia, nella falsità e nell'ipocrisia vive bene e ne va fiero. Ti accorgerai che spesso è più facile mentire, ma tu no amore non farlo... Di sempre ciò che pensi anche se ne pagherai le conseguenze. Devi essere circondato da chi ti ha “Scelto” per come sei e non da chi ti ha “Scelto” per come ti faceva comodo essere. Amati ! Amati sempre, ma senza egoismo... Ama chi ti ama ma non dimenticarti mai di te mentre ami qualcuno che ti sceglie solo perché “Di meglio non c'è”!  Non è strano credimi che io cerchi di insegnarti che essere se stessi, sorridere ai più deboli, non giudicare chi  è inferiore è la cosa più giusta. Sentiti sempre al pari di tutti amore mio, accetta sempre che non tutti ti capiranno, ma non permettere mai a nessuno di dirti che sei peggiore o inferiore. Porta con te la certezza che in alcune cose riuscirai meglio di alcuni e in altre peggio, ma sappi che accettare i limiti, riconoscere difetti è il primo passo per diventare migliore. Io sono certa figlio mio che sarai migliore di me in questo  e che difenderai con forza tutto ciò in cui credi.

  • 21 settembre 2014 alle ore 22:26
    Amare con la "A" maiuscola

    Amare è adagiarsi al bacio delle labbra, carnose e calde
    soprassedendo al verbo delle parole più fredde
    in una atmosfera ricca d’emozione
    il cui stato d’animo è tutt’uno...
    Amare è alimentare,
    istante per istante
    momento per momento
    l’attenzione per una fanciulla indifesa....
    Amare è condividere ciò che si ha
    senza il bisogno di molto altro
    il cui soddisfacimento è reciprocità d’intento...
    Amare è sorridere senza pensiero di riflessione
    sconfinando nella gioia più tenera e dolce...
    Amare è promettersi il possibile
    nei limiti dell’impossibile
    scavalcando ogni ostacolo
    porgendosi per tempo la mano...
    Amare è accarezzare
    il percettibile più oscuro,
    l’intenso più superfluo, l’essenziale
    innescando brividi oltre maniche...
    alchimie che gli esseri ammaliati
    possiedono nei teneri cuori
    dal cui pulpito si evince l’essenza
    dell’Amare con la “A” maiuscola.

  • 21 settembre 2014 alle ore 21:28
    Ri-Flessioni

    Avverto l'autunno della vita 
    nel desiderio di rassettare il mio equilibrio
    compromesso dalle onde imponenti
    che mi travolgono e mi soverchiano
    in questo mare agitato che è la vita
    E sentire ancora tra i gangli
    il vento piacevole delle svolte
    approfittando di fraudolente estasi 
    con i sentimenti a rischiare l'ammutinamento
    nel nulla della quiete dell'anima
    E farsi bastare anche una parola
    detta nel buio di quelle tenebre
    per dimenticare le offese
    al cuore e all'orgoglio
    e vincere la paura di strisciare
    nel ricordo di quel che avrei voluto essere
    e invece non sono mai stato
    .
    cesaremoceo(c)

  • 21 settembre 2014 alle ore 21:28
    Memorie incustodite

    Ricco di vita e d'esperienza cerco
    spinto dalla forza irresistibile degli istinti
    ancor ora l'origine della mia sensibilità
    E rimango impelagato a vorticare
    in burrasche di motivazioni e risposte
    false come la schiuma dell'acqua
    a illudere pienezza 
    astratti turbinii dove il vento suona
    a ricreare il fascino delle luci colorate
    a rasentare l'anima
    e creare pretesti d'incontri
    nella mia precaria umanità
    a scrivere e manifestare ciò che ho vissuto
    sotto diverse vesti 
    nell'illusoria speranza
    di conciliare il corpo e lo spirito
    .
    cesaremoceo(c)

  • 21 settembre 2014 alle ore 21:26
    Amori marciti

    I giorni scivolano un dietro l'altro
    tra sottili strisce d'ombre
    e suggestioni che si perdono
    a barattare la propria libertà
    con sacrifici che sgomentano l'esistenza
    e farne fondamenta per il futuro
    Discese ardite e risalite
    ad artificiare i sentimenti dell'anima 
    e parlar d'amore
    a chi non ha mai amato
    Anime mute
    sperdute nelle steppe del cuore
    chiuse a soffocare
    germogli di voci gravide di veleni
    .
    cesaremoceo(c)

  • 21 settembre 2014 alle ore 18:51
    Il tempo passa e non mi aspetta

    Il tempo passa e non mi aspetta...
    Sono rimasta aggrappata ai miei anni verdi
    ho tanti ricordi e ritorno a vederli.
    Mi chiama sempre il mio passato
    dove i miei sogni ho seppellito
    e li compiango come in una tomba di un defunto.
    Son cresciuti dentro me e non riesco a dimenticarli
    sono come figli strappati dal cuore di una madre,
    mi sento impotente non riuscire a portarli in vita.
    E intanto il tempo passa e non mi aspetta...
    Ho imparato a seminarne altri
    come fiori li annaffio di fede e speranza per farli crescere,
    ma temo che qualcuno possa calpestarli
    mi animo di forza e premura per difenderli
    li guido con il pensiero fino a quando posso raggiungerli.
    Comincia la mia corsa per recuperare il tempo perso,
    ma poi la malinconia mi blocca arrestando i miei passi.
    E intanto il tempo passa e non mi aspetta...
    Sento in fondo al cuore la loro voce che mi chiamano,
    non posso abbandonarli per lasciarli morire un'altra volta.
    Trovo la forza per rialzarmi e proseguire la mia strada
    prendo la rincorsa per sfidare il tempo,
    perché il tempo passa e non aspetta.

  • 21 settembre 2014 alle ore 10:27
    Londra

    Sterminata area
    variopinta città
    alta camera
    insolita letizia.

  • 21 settembre 2014 alle ore 9:50
    Amore Qualunque

     
    Sotto un cielo
    Senza nuvole
    Muore
    Una lucciola
    Come
    La luna solitaria
    Tra fiori in lacrime.
    Il mio cuore riflette
    Sui pensieri
    Di un amore
    Senza radici.
    Siamo noi
    Sono io
    Sei tu
    Quello che varca
    La strada dell'iride
    Canta
    Canta una canzone
    Farfalla solitaria.
     

  • 20 settembre 2014 alle ore 22:33
    Haiku

    Diario conserva
    ricordi, ignorati
    dal tempo

  • 20 settembre 2014 alle ore 17:57
    Amicizie Al Vento

     
     
    Un tramonto che danza
    Un problema morale
    È la tragica origine
    Di una storia di ieri
    Al confine della realtà.
     
    Storia di fuoco
    Storia universale
    Di pianura o montagna
    Storia del cuore
    Che ci appartengono.
     
    Da Nord a Sud
    Un incendio doloso
    Malessere terreno
    Strategia malefica
    Del petto e della mente.
     
    Assurda decisione
    Moralità nel vento
    Amicizia in fumo
    Per via di una mela.