username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Filtri di ricerca
  • La poesia contiene la parola
  • Nome autore

Poesie

“Uno sguardo vergine sulla realtà: ecco ciò ch'io chiamo poesia”
Edoardo Sanguineti


Le poesie dei nostri autori sono tutte raccolte qui.
Se vuoi inserire le tue poesie in una pagina a te riservata, iscriviti ora e scopri come fare!

elementi per pagina
  • 26 giugno 2014 alle ore 6:36
    primizie, l'amicizia

    l'amicizia non é altro che una carezza fresca di giornata
    una carezza ricevuta
    e una carezza regalata
    e così sia

    Marco Bo
    presso un mercato di periferia
    http://cantidallaperiferiadelmondo.blogspot.it/2014/06/primizie-lamicizia.html

  • 25 giugno 2014 alle ore 19:01
    Sessuale

    Ti vedo là fissa,
    Come un quadro alla parete
    Gelida bellezza
    Mortalmente eterna.
    Ogni tuo respiro
    È come un coro d’ angeli
    Che cantano liete nenie
    Di morte e carità.
    Il tuo seno è la fonte
    Da cui sgorga la vita,
    è la terra natia
    che, come Odisseo,
    anelo baciare.
    I tuoi gemiti sono musica
    Al cui suono danzano le stelle,
    come i nostri cuori
    che battono in contempo.
    Mi sento male al solo pensiero
    Che questo momento
    non tornerà mai più,
    mi strugge sapere
    che la nostra unione
    è si pura quanto breve.

  • 25 giugno 2014 alle ore 12:15
    Giugno

    Baciami, come quel giorno sul ballatoio
    In cui nulla aveva importanza se non
    Le nostre labbra, lingue ed i corpi.
    Baciami, senza timidezza ma con passione
    Allontana questa nuvola fredda che ho nel cuore
    Con il calore della tua morbida sostanza.
    Baciami, come sai fare e come vuoi fare
    Con quella foga e quella sete di amore
    Lasciami stremato e senza fiato a raccogliere
    Pezzi di piacere dalla tua pelle bianca,
    lasciami estasiato e disorganico a cercare
    tutta la bellezza dei tuoi capelli e dei tuo occhi.
    Baciami, e non lasciare che il passato
    Obnubili quello che stiamo facendo ora.

  • 25 giugno 2014 alle ore 10:58
    Farfalla

    Leggera, accarezzi lo stelo
    di un fiore con tocco fatato.
    Poi, schiudendo le ali iridate,
    riveli al mondo
    la tua elegante bellezza.
     
     

  • 23 giugno 2014 alle ore 23:31

    A volte pensi che la vita ti dia contro. Che niente possa regalarti... E poi ecco che all'improvviso in un solo attimo tutto cambia. Ecco che qualcuno porta nuovi colori nella tua vita, colori che tu non vedevi da mesi, da anni... Essere felici non è un delitto... ma un diritto e se io per molto tempo con pazienza, costanza e forza ho atteso adesso questa felicità merito di stringerla tra le mani e farla MIA completamente! 

  • 23 giugno 2014 alle ore 19:07
    La vita

    la vita di ritorno
    la vita senza che dormo
    la vita dei sogni
    la vita dei occhi senza soldi

  • 23 giugno 2014 alle ore 18:07
    Virgole

    Suoni, vibrazioni molecole

    Cellule, fragmenti momenti

    Corse, momenti silenzi

    Rumori, canzoni emozioni

    Silenzi, corse momenti

    Colori, lampi nel tempo

    Vetri, in corsa inviolati ruggenti

    Vagiti, sorrisi sui denti

    Pianti, guaiti sbarrati

    Sguardi, annaspanti sguaiati

    Occhi, in lacrime urgenti

    Paura, nel Tempo nel Vento

    Urla, coprenti il sonoro

    Squarci, di petti senza decoro

    Suoni, vibrazioni molecole

    Cellule, impazzite frementi

    Corse, momenti silenzi

    Silenzio:

    l'alba è ora qui.

  • 23 giugno 2014 alle ore 7:12
    equilibrista sul tuo sorriso

    il mio spazio vitale è del tutto compreso nel tuo bel sorriso

    il tuo sorriso è un sorso di vita a inizio estate

    e io rimango qui stupefatto così

    come un gatto in fuga sul tetto 

    rimango così appeso ad un filo 

    in attesa di un tuo sguardo d'intesa

    e così sia

    Marco Bo
    http://cantidallaperiferiadelmondo.blogspot.it/2014/06/equilibrista-sul-tuo-sorriso.html
     

  • 22 giugno 2014 alle ore 18:21
    Meraviglia!

    Il profumo di lei
    vestita di rosa
    le gambe di seta pregiata
    le mani su corde di violino
    il sorriso di gioiosa bellezza
    E' entrata così, nel sogno
    prima che la luna svanisse nel blu

     

  • 22 giugno 2014 alle ore 15:01
    Il tempo non ha segreti

    Lui non ha segreti
    li depone credendoli
    sempre uguali
    come discrete delizie
    da conservare delicatamente
    parlandone in silenzio
    con uno sguardo scaltro
    fra mura di cristallo
    mentre il sole si alza
    e scruta occhi tranquilli
    per appoggiarsi piano
    alla tristezza che piange
    e non fa rumore
    ma composta si nasconde
    dietro ai sipari socchiusi

  • 22 giugno 2014 alle ore 11:26
    Cielo grigio

    Un cielo estivo intristito
    stilla piccole gocce di pioggia
    che, posandosi una ad una,
    formano piccoli stagni dove
    i piccioni, poggiando il becco,
    trovano ristoro.
    Questo, il quadro che la natura
    dipinge fuori dalla mia finestra.

  • 21 giugno 2014 alle ore 18:48
    Sogno di dolce sposa (per Alina)

    Lacrima si posa d'improvviso, 
    su prezioso petalo di rosa...
    Lacrima di gioia...: 
    <<così fragile ed affettuosa,
    così serena...; deliziosa>>.
    Ora che Lei riposa
    in una vita meravigliosa,
    nulla distoglierà giammai l'immenso sogno... 
    che la rese Eterna sposa.

  • 21 giugno 2014 alle ore 7:27
    la grande assenza

    alla deriva in questa continua fuga virtuale
     in avanti e indietro 
    e ancora
    è evidente come consciamente o inconsciamente 
    l'essere umano stia un po' alla volta perdendo 
    confidenza con la fisicità la sacralità, la spiritualità del tempo presente

    e se la caratteristica sempre più frequente è l'assenza, 
    il non essere qui adesso,
    è inevitabile che la compassione non sia più di casa 
    presso queste periferie del mondo
     allo svincolo con questi presunti tempi civilizzati e moderni 
    all'incrocio con le mille effimere occasioni  perse, eventuali e possibili....

    la realtà è che non solo la vita 
    ma soprattutto la morte stessa 
    è stata uccisa ancora e ancora
    sotto questo grigio cielo di periferia

    è forse questo il peccato originale?

    Marco Bo
    http://cantidallaperiferiadelmondo.blogspot.it/2014/06/la-grande-assenza.html

  • 20 giugno 2014 alle ore 21:42
    Allegria

    Con dolci e brevi accenni
    allieti i miei giorni
    allevi i miei bui pensieri
    rendi vivi i nostri ricordi
    I tuoi d’amor slanci
    mi rimangono impressi
    come travi nei tetti
    come perfette frasi
    Tutti i tuoi motti
    celano soli
    rari sentimenti
    d’affetto pieni
    Sempre amici
    saremo noi
    come viti
    insieme avvitati.

  • 20 giugno 2014 alle ore 13:42
    Le colline di Damasco

    Non ci sono più fiori
    sulle colline di Damasco
    solo impasti di polvere
    e carcasse di cenere
    a ristorare i corvi.

    Non ci sono più sorrisi
    per le strade di Damasco
    solo pupazzi vestiti di morte
    e piedi stanchi
    ad implorar l'Altissimo.

    Non ci sono più aromi
    per le vie di Damasco
    solo olezzi di carni imputridite
    e mosche sazie
    di bracieri improvvisati.

    Non ci sono più colori
    al mercato di Damasco
    solo il nero pece
    come sentenza d'untore
    che non lascia via di scampo.

    Non ci sono più risate
    sotto il cielo di Damasco
    solo  il fragore di bombe e mine
    come starnuti d'elefante
    a deflagrar la notte.

    Non ci sono più lettere
    per descrivere Damasco
    la guerra ha distrutto intere pagine
    d'un libro
    che non ha più capitoli da leggere.

  • 20 giugno 2014 alle ore 12:04
    Sinfonie per Cortazàr

    Che differenze è la differenza dei mondi tra me e voi 
    Il confine labile dei tunnel vibrazionali d'un io conchiuso e l'universo
    unito dall'umano essere. Essere noi nel tutto

    Le sequenze i sincopati ritmi del jazz e le bave del diavolo
    dello sconosciuto ragazzo dileguato 
    smembrato e ricostruito dall'occhio reporter 
    Mangia della realtà i frammenti e piange solo ricostruendo quel puzzle scomposto
    del pomeriggio a Manhattan

    Non è solo
    non siamo soli
    partecipiamo ovunque
    allo spettacolo del mondo

     

  • 20 giugno 2014 alle ore 8:53
    un giorno trascorso senza dire grazie

    un giorno trascorso senza dire grazie 

    è come un sole che non ha nulla da illuminare....

    e alla fine della corsa che cosa rimane?

    ed è già troppo tardi

    fine

    Marco Bo
    http://cantidallaperiferiadelmondo.blogspot.it/2014/06/un-giorno-trascorso-senza-dire-grazie.html

  • 19 giugno 2014 alle ore 20:48
    Gli aromi delle mie stagioni

    Nutrirsi di pensieri

    dal sorgere del sole
    al suo tramonto

    ad accompagnare la passione
    di viaggiare con le parole

    e accarezzare i ricordi dell'infanzia

    ultimo retaggio di un tempo
    che non c'è più

    a dare un significato
    alle sofferenze dell'anima

    E non cercare alibi alla presunzione
    di ottenere giustizia attraverso le vendette

    con l'egoismo a nascondersi
    nell'oscurità dei sentimenti

    ma elevarsi alla purezza
    che proviene dal Cielo

    e là ci riconduce

    E donare in eredità
    idee alternative

    al futuro di chi è preso
    da voglie di trasgressioni

    e giovarsene per ambire
    ad un'eternità illibata.

     

  • 19 giugno 2014 alle ore 17:51
    Conosci l'amore (Riflessioni)

    Conosci l'amore
    ma non sai cos'è
    il perdono, lo confondi
    tra miriadi di stelle
    che attendono di essere
    amate mentre il vento
    si inclina al tuo cielo
    grigio, di illuse speranze
    quando pensi d'esserti liberata
    da quelle prigioni, dove
    urlare non puoi
    e raccontare nemmeno
     

  • 19 giugno 2014 alle ore 15:18
    Alina in ogni cuore

    Cosa è un anno senza te, per chi t'amò; 
    per chi strinse al suo petto la mano delicata, 
    vellutata come l'anima che plasmò, 
    che animò... il corpo gioviale e limpido 
    al chiaro della rossa luna, 
    nella perfetta notte dopo il silenzio.
    Tramonto...! bellezza senza tempo protrae le sue braccia 
    al Dio che sta lì, 
    <<amorevole e senza età...>>,
    porgendo sacrificio, battito di cuori, 
    meraviglioso incanto di girasoli 
    messi a baciar gli occhi di giallo splendore. 
    Girasole innalzato a contemplare il sole del nuovo giorno, 
    dell'anno che passò tra dolore ed afflizione; 
    dell'anno che verrà!
    Che bello il sole; che bella la luna; che belle le stelle... 
    Essenze meravigliose,
    pronte ad illuminare il fragile mondo d'autentica speranza. 
    Si, son tutte belle le mie essenze d'amore.
    Ancor di più...perchè dentro ognuna di esse, ci sei tu; 
    Cara Alina.

  • 19 giugno 2014 alle ore 12:45
    In fondo a te, di me.

    In fondo a te, di me,
    vivono repliche 
    di riciclati pensieri
    in atto unico.
    In fondo a te, di me,
    si organizzano corsi
    di sopravvivenza
    alla realtà.
    In fondo a te, di me,
    legami di parole
    trapassate 
    a miglior morte.
    In fondo a te, di me,
    iniziazioni al dolore,
    compulsivi privilegi
    di superficialità.
    In fondo a te, di me,
    lieti presagi 
    di sventure
    mai annunciate.
    In fondo a te, di me,
    accoppiamenti
    di addii in calore
    più soli di noi.
    In fondo a te, di me,
    non
    importa
    nulla.

  • 19 giugno 2014 alle ore 8:58
    Riflessione

    In questa notte fanciulla
    Nella  quiete di giugno
    Con i pensieri tremuli
    Via, via più intensi
    Inseguo la casa dei sogni.
    Oltre la tempesta
    Dei miei sentieri
    Solo al cospetto
    Di tanti cipressi
    Che pungono il cielo
    Nella calma prossima a morire
    La sola consolazione negli occhi
    Sono le storie passate e diverse
    Pur sempre sepolte nella vita che fugge
    E che ora rifioriscono nella mente
    Prodiga a nutrirsi per vivere meglio.

  • 18 giugno 2014 alle ore 22:47
    troppo tardi

    a volte mi sembra di scrivere con zampe di elefante
    sono pigre le parole, sono pesanti
    non si staccano dal foglio
    rimangono schiacciate lì
    sono colme di poco o nulla 
    le parole

    altre volte scappano con ali di farfalla e non tornano 
    i versi che per un attimo mi hanno dissetato
     non mi cercano più

    forse era troppo grande l'illusione
    forse era già troppo tardi ancor prima di iniziare
    non mi è dato di sapere
    rimane solo il tempo di chiudere il foglio
    e volare  via

    Marco Bo
    http://cantidallaperiferiadelmondo.blogspot.it/2014/06/troppo-tardi.html

  • 18 giugno 2014 alle ore 22:09
    Ogni attimo della vita

    La mia mente vola nel futuro
    per cogliere ogni attimo della vita.
    Realtà e sogno si contrastano
    e mi confondono.
    Ogni volta è un concatenarsi di sensazioni
    e di emozioni che
    vibrano di luce e di bellezza.
    La Vita è bella,
    voglio viverla, conoscere il suo respiro,
    ogni battito del suo cuore,
    lo splendore del suo amore.
    Ho scoperto l’amore,
    il suo cuore amo,
    la mia mano
    la depongo sul suo cuore
    con infinito amore.
    Nell’azzurro del cielo
    brilla il sole
    tra i petali di un fiore.
    Volano gioiosi gli uccelli,
    si apre la vita a
    un felice giorno nuovo.
     

  • 18 giugno 2014 alle ore 21:34
    L'arte di arrangiarmi

    M'immergo spesso nel rischio
    di viver la vita di tutti i giorni senza sussulti
    a rincorrer il nulla 
    con la volontà d'andare oltre
    nei momenti d'inquietudine
    e la consapevolezza
    che c'è chi sta peggio
    Addolcisco le mie intime atmosfere
    passeggiando tra i giardini
    ombreggiati della mente
    a procurarmi sollievo
    e incantarmi nella contemplazione 
    dei fiori del pensiero
    che lì germogliano
    A riflettere la vastità del cielo
    nell'immensità dell'anima
    in una fusione poetica
    a rappresentarne il legame che li unisce
    deliziarne le fragranze
    e stimolare la fantasia e l'arte di arrangiarmi
    .
    cesaremoceo(c)