username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Filtri di ricerca
  • La poesia contiene la parola
  • Nome autore

Poesie

“Uno sguardo vergine sulla realtà: ecco ciò ch'io chiamo poesia”
Edoardo Sanguineti


Le poesie dei nostri autori sono tutte raccolte qui.
Se vuoi inserire le tue poesie in una pagina a te riservata, iscriviti ora e scopri come fare!

elementi per pagina
  • 29 gennaio 2015 alle ore 2:27
    Latte di mandorla

    Amari son gli sguardi
    figli di scevre forme
    e di sapori ispidi
    che si stampano 
    di sale appiccicoso
    sulle retine.

    Sotto il mandorlo
    ho colto a piene mani
    quel tuo sguardo dolce
    e l'ho bevuto
    mentre in testa costruivo
    un diadema di pensieri
    a farti da corona.

  • 28 gennaio 2015 alle ore 21:57

    C'è chi vive una vita piena di verità e fa di ogni cosa un qualcosa di unico e c'è chi fa della sua vita un copione e da la colpa agli altri quando sbaglia una battuta. C'è chi cresce nell'amore e insegna cosa sia a chi incontra e chi l'amore lo loda, ma forse mai lo ha conosciuto veramente. C'è chi ti aiuta nelle difficoltà e chi ti ci affonda. C'è chi trova forza di migliorarsi nelle disgrazie e chi invece le usa per ottenere consensi e compassione. C'è chi è verità e chi è menzogna. Chi è pieno di valori e chi è solo pieno di se! 

  • 28 gennaio 2015 alle ore 20:43
    sogni di pace

    sono anni questi che non passano 
    sono anni uguali a poco o nulla
    e più scorre il tempo 
    e più  noi tutti diventiamo piccoli
    piccoli
    e gli spazi tra di noi si allargano 
    sono crepe profonde
    solchi di solitudine 

    eppure ci avevano detto che saremmo stati sempre più vicini, sempre più felici
    e ci avevano descritto il presente come un gioco e il futuro come un sogno senza fine senza zavorre e senza radici
    e invece stiamo sprofondando in un abisso, 
    un incubo di paura e di mille insicurezze

    forse dovremmo rimanere in silenzio ad ascoltare il vero sogno che abbiamo dentro
    fatto di terra di sole e di pioggia
    fatto di semina di sudore e di messi buone
    e poi ridere dovremmo con gli occhi del cuore 
    del nostro affanno 
    perchè in fondo sono piccoli anni questi 
    e tutt'intorno si sentono respirare, sospirare mille solitudini 
    lontane 
    lontane
    eppure
    forse quel sospiro nel temporale
    non è altro che l'estremo  tentativo dell'anima 
    di vincere l'ardua sfida
    è l'ultimo saluto, prima di partire per sempre l'ultimo addio prima che sia troppo tardi
    prima che non sia più
    piccoli anni e mille solitudini
    forse sogni di pace
    e nulla più

    Marco Bo

  • 28 gennaio 2015 alle ore 17:44
    L'Uomo Duro

     
     
    " Il taddato ! "
     
    Forma dialettale
    Per definire
    Un uomo duro
    Per natura
     
    Vale a dire
    Un tralcio di vite
    Indurito dal tempo
    Non potato e poco utile
     
    Una persona dall'aspetto
    Umile e buono per finzione
    Occhialini non graduati
    Con aria da Professorino.
     
    Un poeta dialettale alla buona
    In realtà… un cattivo per natura
    Che non tradisce  mai le origini
    Le quali vengono sempre a galla.
     
    Un " Trilussa Casereccio "
    Solamente nella negatività
    Vale a dire un Maialone
    Anzi un “Porco Maialone”.
     
    Un animale allo stato brado
    Che poetizza zozzerie
    Barattando l'arte poetica
    Con la bestialità animale.
     
    Un “Maialone Porcone”
    Unico e solo al creato
    A nutrirsi di infamità
    Come un affamato.
     
    " Il Taddato …"

  • 28 gennaio 2015 alle ore 13:21
    Appare stanco

    Il vento appare stanco
    non si misura con la tenacia
    delle corde che sono tese
    ed indurite per storie smarrite
    come tragici colpetti
    che risalgono in alto
    lì al sicuro, dove nessuno
    può prenderli e neanche punire.
    Sono irrangiungibili
    godendosi spettacoli atroci
    con perdite stratosferiche
    dell'immaginabile di menti
    intrappolate nell'agiatezza

  • 28 gennaio 2015 alle ore 11:11
    Vivere!!!

     
     
     
    Mi è successo di nascere
    E rinascere sulla sponda
    Della fiumara a valle
    E trasportato alla deriva.
     
    È successo e mi sono perso!
     
    Poi mi sono ritrovato
    A rinascere e dondolare
    Su onda vivace del mare
    È successo mi sono ritrovato
     
    Ora vivo la mia vita
    In una soffice nuvola
    Il momenti di  sogni
    E infiniti sorrisi
     
    Vivo per andare
    Dove mi porta il mare
    Fra calma e trepidazione
    Nell'aria e nel mio spazio.
     
    Per:
     
    Vagare
    Evadere
    Approdare
    In un cielo limpido
     
    Superba a capo chino
    In una sera inesistente
    È successo ragazza mia
    Che mi hai perso davvero.
     

  • 28 gennaio 2015 alle ore 7:47
    Tu, allá a lo lejos

    Tu, allá a lo lejos,
    escúchame...
    Lo sé que prometí,
    lo sé que quise hacerlo,
    lo sé que probé
    intensamente,
    lo sé...
    Lo susurraste a mi oído...
    has que todo haya valido
    la pena...
    Has que todo no haya
    sido en vano...
    Si, lo susurraste gritando...
    Lo susurraste a mi oído..
    lo susurraste con
    con las venas hinchadas
    y la tristeza en tu voz,
    lo susurraste deletreando
    cada sílaba...
    Lo susurraste a mi oído...
    Con intimas palabras.
    Sigiladas por el beso
    de un saludo furtivo...
    Por la añoranza de ayer
    y lo incierto del mañana.
    Lo gritaste, lo pediste,
    lo exigiste...
    Y yo, prometí de lograrlo...
    lo siento, no puedo...
    no está en mi el poder
    de hacerlo...
    Lo quise...
    Y Dios me es testigo...
    lo quise...
    Y mas pruebo y mas quiero
    mas cerca me encuentro
    del viejo camino...
    Solo, andando veredas
    que no son mías...
    Porque tu...
    No estas conmigo...
    Todo es vacuo,
    sin sentido...
    Lo sé, lo prometí...
    Pero el día se acerca
    con pasos gigantes...
    Y el tiempo ha llegado
    al final de sus días,
    ya no es tiempo
    es locura, vacío...
    Y mas lejos camino
    la via se estrecha...
    Y se vuelve...
    Un final sin salida...
    Perdona mi egoísmo,
    perdona mi huida...

  • 28 gennaio 2015 alle ore 7:45
    ¿Se puede saber de ti?

    ¿Se puede saber de ti?
    ¿Es que existes en otro lugar
    que no sea en mis recuerdos?
    La vida, es verdad
    no se mide según el numero
    de veces que respiras.,
    se mide por el numero
    de momentos
    que te han dejado
    sin aliento.
    La mía...
    es una larga apnea...
    Si estas allí
    y es cierto...
    Tu sabes cómo
    toca a mi puerta...

  • 28 gennaio 2015 alle ore 7:41
    Quieres descubrir...

    ¿Quieres descubrir la poesía?
    Entonces sé sutil...
    No descontada,
    no creas que yo esté
    aquí esperándote...
    No espero nada...
    de nadie...
    No deseo nada...
    de nadie...
    No busco nada...
    de nadie...
    Y si preguntas
    ¿Porqué?
    No sabría responderte,
    no lo sé...
    Y si sugieres que es
    tristeza, eso sí...
    lo sé...
    Lo sé, qué es...
    Es asco, es cansancio...
    Es mi deseo profundo...
    De no arriesgar el cor...
    De no sentir amor...
    Y si preguntas
    ¿Porqué?
    No sabría responderte,
    no lo sé...
    Y si sugieres que es
    despecho, eso sí...
    lo sé...
    Es siempre asco,
    es cansancio...
    es mi deseo profundo...
    de no arriesgar el cor...
    de no sentir amor...

  • 28 gennaio 2015 alle ore 7:16
    Mea nox

    Mea nox obscurum non habet, sed omnia in luce clarescunt...

  • 28 gennaio 2015 alle ore 7:12
    Addio Pino

    Aggio capito ra tempo
    che a' morte accusí é...
    Ingràt ca' arrivà sempe
    a cobràr o' contò
    L'aggio saputo sempe,
    tantu ca' nun me sorprènd,
    Ma oggì, teng o' core griggiò
    perchè l a mortè a portàt
    o' contò ad na' partè
    ro' mie core
    Napule oggi sta e' luttò,
    nun ci song piú e' colorì,
    o' cielò grigiò ra tristezzà.
    Oggi aie perzo nu' altrò figlie
    ca' te ha amatò.
    C verimm Pinuzzò,
    salutàc a Massimìn
    ca' sàrá felicè
    e' cantàr cu te
    a' 'ncoppa o' cielò.

  • 28 gennaio 2015 alle ore 7:11
    Y aun así...

    Y aun así...
    No es mentira,
    mas largos
    son tus silencios,
    mas profundo
    es el deseo
    de compartir
    tu mirada,
    uno, si,
    tan solo uno...
    de segundos...
    sin decir nada,
    solo eso,
    buscar respuestas
    en ella...
    que si llegan...
    dejen paz
    o turben,
    no importa..
    Basta que algo dejen...

  • 28 gennaio 2015 alle ore 7:09
    Ya no sé qué es amar...

    Ya no sé qué es amar...
    Cada instante descubro
    en mí de no saberlo.
    Hoy descubrí espacios
    escondidos en el fondo
    de mi sueños, y los soñé;
    hoy, dije, te amo, así
    simplemente, te amo,
    si decir una palabra.
    Hoy comprendí que
    mis nostalgias aún
    son profundas...
    Hoy encontré a mi
    mismo tejiendo versos.
    Acoplando notas
    vacías de ensueños
    que no existen...
    Hoy, descubrí
    otro arcano...
    Le dí vuelta
    al mayor de ellos,
    lo encontré cupo,
    triste, distraído...
    Hoy, no me dijo nada...
    ignoraba que yo existiera...
    Hoy se fue como el ayer
    y dije...
    Con palabras tenues
    mis versos mas tristes...
    Y aun así...
    hoy...
    se fue corriendo,
    dejando en mis manos
    texturas extrañas...
    Como aquellas
    que nunca he sentido...
    Hoy, ya no tiene sentido,
    no existe, no cambia...
    Hoy no es mas hoy,
    es ayer...
    perdido en nostalgias..

  • 27 gennaio 2015 alle ore 20:45
    Isola d'Ischia

    Angelica villa
    acque sulfuree
    stupendo mare
    breve vacanza
     

  • 27 gennaio 2015 alle ore 14:50
    In memoria

    L’ orrore più agghiacciante
    vi fu servito…
    le porte del più nero abisso
    furono per voi
    del tutto schiuse…
    il regno di un demone
    di nome uomo
    disciolse tutto ciò che foste.
    Nessun treno
    potrà più condurvi
    per il viaggio di ritorno,
    ma le vostre ferite,
    per sempre,
    lacereranno le nostre carni.

    ©G.M.

  • 27 gennaio 2015 alle ore 14:08
    Cuore Scarno

    Cuore scarno
    racchiuso nella prigione toracica
    tra esili, fredde ossa
    scandisci battiti di umana speranza.
    Scheletro d'infanzia persa
    occhi immensi
    spalancati alla sofferenza.
    Vivi, nel muto gridare della tua innocenza.
    In luoghi sconosciuti
    hai sacrificato i tuoi capelli
    le tue unghie, la tua vita.
    La tua storia percorre ancora
    strade di ordinaria follia
    abbraccia memorie
    in attesa di un riposo di pace.

          27/01/2015 Giornata della Memoria

  • 27 gennaio 2015 alle ore 13:08
    Briciole

    Briciole di un giorno

    che il tramonto raccoglie

    per mescolarne i suoi colori

    per renderli più bui

    finche' non arriva l'alba

    lasciando un nuovo sogno

    a ogni stella

    cercando sempre

    entusiasmandosi

    da qualche parte

    oltre l'arcobaleno

    una pennellata nei ricordi

    parole e immagini

    per sognare

    come i figli

    pronti a scoprire

    il mondo

    entusiasmarsi

    delle briciole

    dei giorni

    e poi sorridere

    per giocare

  • 27 gennaio 2015 alle ore 11:16

    Le persone perfette o per meglio dire che credono di essere perfette mi sono sempre rimaste sulle palle. Non sono nessuno, non mi sento nessuno e nemmeno ho interesse nel diventare qualcuno. Amo la mia imperfezione, la mia semplicità e soprattutto la mia umiltà... Quell'umiltà che mi ha sempre permesso di non sedermi da sola sopra a un trono di pregi che mi sono auto regalata. Sinceramente parlando preferisco i miei errori, i miei difetti alla convinzione squallida e superba di "Certa gente"! Scendeteci da quel trono, perchè la vita prima o poi vi fa tornare con i piedi per terra. Scendete quello scalino, che a volte essere meno "Convinti" è anche essere "Migliori". Rallentate la "Convinzione" perchè può arrivare  a fare male... Molto male!

  • 26 gennaio 2015 alle ore 23:45
    Mi chiamo Anna Frank

    Conto le lettere

    in assenza di stagioni

    mentre il buio solfeggia le ore

    e le mie mani

    sono spartiti d'epidermide

    alla ricerca di note

    che non vedranno l'alba.

    Bombe e lacrime

    mentre gli occhi s' addensan di preghiere

    nuvole e cenere

    rintocchi di morte

    e un colore acre

    ad incendiar la notte.

    Drappelli di bambini

    in file senza ritorno

    mucchi di stracci anonimi

    manciate di polvere

    in cieli innocenti

    e sguardi muti in cecità di stelle.

    Scrivo la mia storia

    sulle pagine di questo diario

    e firmo la speranza

    con le lettere del mio nome.

    Mi chiamo Anna. Anna Frank.

     

  • 26 gennaio 2015 alle ore 20:13
    appartenenza, circolarità

    a volte abbiamo paura
    e la paura cammina accanto alla sensazione di solitudine
    e nemmeno il sole riesce ad illuminare quel sentiero 

    intorno la notte sembra aspettare in silenzio un nostro passo falso
    e noi che ci affanniamo e cerchiamo un secondo di speranza
    un respiro di innocenza ancora
    e la sensazione di appartenenza,
    di circolarità

    appartenenza, circolarità
    una culla di pace dove dormire ancora
    per un minuto soltanto, per un anno interno o per un millennio
    che tanto è uguale, il tempo è un’illusione
    la nostra vita è tutta qua,
    terra pioggia e vento
    passato presente e futuro
    stazioni di un lungo viaggio
    uno specchio con la nostra immagine riflessa
    appartenenza
    circolarità
    e ritorno a casa
    che così sia

    Marco Bo http://cantidallaperiferiadelmondo.blogspot.it/2014/04/appartenenza-circolarita.html

  • 26 gennaio 2015 alle ore 15:37
    Addentro

    Saprò vedere i miei pensieri,
    passare come nuvole in cielo,
    lontani da me.
    Esaurirò la nostalgia,
    del cielo che non posso avere.
    Senza questo peso,
    le emozioni si espandono dentro,
    e le riconosco.
    Sento vicina la terra sotto la schiena,
    dentro,
    sento l'onda,
    il vulcano,
    il cervo, le radici, gli zoccoli,
    pelle su pelle,
    occhi negli occhi,
    battiti di ali
    e sospiri.

  • 26 gennaio 2015 alle ore 15:01
    Luna nuova

    La luna è nuova ,
    ció che semini,
    crescerá bene.

    Il mondo la fuori non mi interessa,
    le corse di
    madri e figlie,
    I padri e il tempo,
    possedere,
    la fame e la sete.

    La vita è con me,
    é questo fremito di tremula terra
    che ho tra la schiena e il petto,
    vento e acqua 
    labili nelle mie mani come candela,
    che bramo, per scaldare,
    che desidero sulle mie labbra,
    pelle su pelle, un palpito io uno tu, 
    una musica.

  • 25 gennaio 2015 alle ore 10:58
    Dedica

    Per te che mi tieni
    su questa punta di
    spillo
    danzando, e io che
    stando ferma
    mi pungo.

  • 25 gennaio 2015 alle ore 10:44
    La Poesia E' Di Tutti

    I pensieri puri
    Sono chiusi
    Nella cassaforte del tempo
    Fra gli abissi del mare
    E mai nessuno può dire no
    Alla propria fantasia
    Che scaturisce dopo
    Tanti respiri profondi
    Sbocciati ad occhi chiusi
    Dentro la solitudine
    Di una notte quieta
     
    Quando nel buio
    Il respiro si affioca
    E gli occhi smuoiono
    La mente si rasserena
    E partorisce dall' inconscio
    Frasi da elaborare nel conscio
     
    Vibra così una simbiosi
    Tra irrealtà e realtà
    Razionale ed irrazionale
    Che nel quotidiano
    La vivacità dell'anima
    Diviene poesia.
    Pensieri puri …

  • 25 gennaio 2015 alle ore 10:42
    L'Amore

     
     
    Il giorno
    La sera
    La notte
    Respiro la speranza
     
    Inebriato  nutro l'amore
    Sazio il mio cuore
    E non solo il mio
    C’è lei.