username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Filtri di ricerca
  • La poesia contiene la parola
  • Nome autore

Poesie

“Uno sguardo vergine sulla realtà: ecco ciò ch'io chiamo poesia”
Edoardo Sanguineti


Le poesie dei nostri autori sono tutte raccolte qui.
Se vuoi inserire le tue poesie in una pagina a te riservata, iscriviti ora e scopri come fare!

elementi per pagina
  • 11 marzo 2014 alle ore 11:26

    Quando sei stanco di essere tradito e preso in giro non solo impari a voltare le spalle e andartene, ma impari anche a non ripensarci più e a non guardarti mai più indietro. Ognuno di noi ha il suo limite, possiamo voler bene quanto vogliamo a qualcuno, ma se veniamo ripetutamente delusi e feriti il bene finisce e si trasforma in amarezza. Quell'amarezza che senti quando ti accorgi che ciò in cui hai creduto e riposto la tua fiducia non era nemmeno minimamente ciò che credevi fosse.

  • 11 marzo 2014 alle ore 11:25

    Impara a voltare le spalle a chi ti critica per ogni cosa. Non serve cercare di fargli capire i motivi e le ragioni delle tue azioni e delle tue scelte. Chi critica e giudica con estrema facilità non solo non capirà, ma non è nemmeno capace di ascoltare. Si credono "Migliori" e si sentono nel "Giusto"! Ma niente sono di tutto questo. Vivono di un vizio chiamato Superbia e navigano in un mare chiamato Ipocrisia. Prigionieri di una mente Ottusa priva di Intelligenza. Fanno tutto questo senza sapere che prima o poi annegheranno nel fango di una subdola melma da loro stessi dilagata. 

  • 11 marzo 2014 alle ore 11:24

    L'eleganza e la morbidezza di un animo non lascia traccia di arroganza e presunzione. Naviga dentro l'umiltà e la sensibilità di saper comprendere. La sua capacità di ascoltare e di saper far aprire anche i cuori più duri rende queste personalità ineguagliabili agli occhi del mondo. 

  • 11 marzo 2014 alle ore 11:24

    Ho blindato il mio cuore. L'ho blindato per proteggerlo. Non voglio farlo vivere in solitudine, ma solo scegliere da oggi chi può o non può avvicinarsi a lui. Non voglio che muoia di solitudine, ma voglio che da oggi sia donato a chi è degno di averlo. Non intendo dire che non lo aprirò mai più a nessuno, ma voglio solo difenderlo da chi ha avuto il coraggio di giocarci e da chi potrebbe farlo ancora. Voglio togliere quelle catene e renderlo libero di amare, ma questa volta pretendo che sia anche amato come merita! 

  • 11 marzo 2014 alle ore 11:23

    Ho visto il tempo fuggire lontano da me. L'ho visto passare inesorabile senza che io potessi far nulla. Il dolore e le lacrime mi tenevano inchiodata in un angolo. Era il silenzio e il vuoto a scandire il rintocco dei minuti e delle ore. A volte anche dei giorni in cui lo lasciavo passare senza far nulla per me e per viverlo al meglio. Ora so che il tempo non torna indietro e so che nessuno può ridarmelo. Io voglio godere di esso e voglio dedicarlo a chi merita. E da oggi questa sarà per me una delle priorità.

  • 11 marzo 2014 alle ore 11:23

    Grazie! Grazie a chi si è preso cura di me anche quando magari ero nel torto. Grazie a chi mi ha lasciato essere quello che sono, senza impedirmi di essere me stessa/o. Grazie a tutti quelli che nel bene e nel male hanno dedicato il loro tempo a me. Non tutto il male viene per nuocere e non tutto quello che ci capita anche nel male è negativo. Grazie perché ho imparato a distinguere, a scegliere e a valutare. Grazie perché ho imparato a capire quanto sia importante saper scegliere chi portare con se. Grazie perché pur non essendo uguale a molti ne diversa da tanti sono comunque una persona che sa cosa sia vivere al meglio, per cosa rischiare e per cosa non vale nemmeno la pena parlare.

  • 11 marzo 2014 alle ore 11:23

    Ho sentito parlare di donne ferite e tradite da uomini di pochi valori. Di quanto disonesti spesso siano e di quali abili giocatori di sentimenti si celino dietro molti di loro. Ma non ho mai sentito parlare di uomini feriti. E questo mi dispiace, perché ci sono. Hanno spesso assaggiato anche loro il rovescio della medaglia. Vittime di donne meschine e subdole. Pronte a farli innamorare perdutamente e poi manovrarli come pedine a loro piacimento. Anche un uomo può soffrire, e a volte capita anche a quelli che hanno amato giocare. In questo caso poco mi dispiace almeno avranno capito cosa significa soffrire, piangere e credere in qualcuno per restare delusi.

  • 11 marzo 2014 alle ore 11:22

    Se devo dire qualcosa lo dico e non mi nascondo mai dietro mezze parole. Sono schietta e diretta come persona, una di quelle fin troppo sincera. Preferisco essere odiata per aver detto quello che penso che essere apprezzata per languide e finte parole di apprezzamento nei confronti di chi non sopporto. Provo schifo per coloro che regalano parole solo a seconda della convenienza. Provo pena per coloro che recitano un copione uguale per tutti come se la loro vita fosse un film impeccabile. La comparsa non la faccio io della mia vita sarò sempre la protagonista!

  • 11 marzo 2014 alle ore 11:22

    Noi donne, angeli e diavoli. Noi, che non ci fermiamo un secondo ne con la mente ne con il corpo. Abbiamo energie da vendere, risorse nascoste di forza e coraggio. Versiamo lacrime per sciocchezze, per piccole parole di troppo e restiamo spesso deluse e ferite perché la nostra onestà e lealtà non viene ripagata a dovere. Innamorate troppo spesso di uomini sbagliati, di coloro che egoisticamente sanno chiedere ma mai dare. Noi che cerchiamo la bellezza dei sentimenti puri e finiamo sempre nella rete di persone meschine e finte. Noi che non ci arrendiamo mai, che veniamo distrutte mille volte, ma troviamo sempre la forza e il modo di rialzarci. Siamo DONNE e niente e nessuno ci può cambiare. Amateci per quello che siamo, per i nostri momenti lunatici. Per quei silenzi non spiegati, per le parole di rabbia e la fragilità che mostriamo in alcuni casi. Amateci in qualunque modo perché questo siamo.

  • 11 marzo 2014 alle ore 11:22

    Non siamo noi spesso a scegliere, ma sono i nostri sentimenti, il nostro sesto senso a farlo per noi. Ci sono affinità di un valore inestimabile che si incontrano e si fondono in uno di quei rapporti fatti di affetto profondo, di sincerità e complicità assoluta. Sono questi i rapporti da salvaguardare e proteggere e non quelli che non sanno far altro che chiedere e ricevere senza mai ripagare il nostro cuore e la nostra anima di qualcosa di concreto e vero. 

  • 11 marzo 2014 alle ore 11:21

    Le belle parole d'amore le sanno scrivere tutti. Fosse così semplice far durare un amore. Magari bastasse riempire fogli bianchi di promesse e languide parole. Vorrei anch'io che tutto ciò che ho letto per me fosse verità, ma i fatti che hanno tardato ad arrivare, le dimostrazioni inesistenti hanno fatto si che io capissi che l'amore non è fatto di parole. L'amore trova la sua vera forma e concretezza dentro i fatti, le dimostrazioni e la coerenza !Quindi uomini o donne non fa differenza; parlate e promettete meno e dimostrate di più!

  • 11 marzo 2014 alle ore 11:21

    Ho visto milioni di modi di vedere differenti. Ho visto persone accettarli e rispettarli. E ho visto persone aggredirsi e pretendere ragione. Ognuno di noi è libero di pensare come vuole. Giusto o sbagliato che sia ognuno ha il suo modo di vedere il mondo, il suo canone di valutazione nei confronti delle persone e delle azioni ricevute. Non per questo, non perché si è diversi nel modo di pensare si è per forza nel giusto e gli altri nell'errore. Ricordarselo ogni tanto farebbe bene a tutti, soprattutto agli ipocriti convinti che il loro “dire” e il loro “fare” sia migliore di quello degli altri.

  • 11 marzo 2014 alle ore 11:19

    Ho scelto te come amico per tanti motivi. Ti ho scelto tra mille occhi disperati e spaventati. Tra mille sguardi vuoti e speranzosi. Ho scelto te perché mi hai guardato con dignità e fierezza senza chiedere niente. Ho scelto di averti con me e ho continuato a sceglierti ogni giorno perché non mi hai mai fatto mancare un segno d'affetto. Perché non ho mai sentito freddo e paura. Perché la solitudine non so cosa sia. Ti ho portato con me ovunque e ho scelto di impostare la mia vita calcolandone a pieno la tua presenza. Non perché dovevo ma per scelta mia... Perché volevo. Ho pianto lacrime amare durante la mia strada e tu hai saputo darmi sempre un rifugio sicuro e appagante. Abbiamo assaggiato la fame e la paura di non farcela, ma insieme con coraggio ce l'abbiamo sempre fatta. E' stato un percorso durato 18 anni. Un percorso che mi ha segnato profondamente. Oggi ho dovuto scegliere di nuovo e questa volta ho dovuto scegliere di lasciarti andare. La tua strada non poteva più essere la mia. Il tuo cammino stava per prendere una direzione diversa. Non importa dove sarai nei prossimi giorni, nei prossimi anni perché io ti sentirò vicino a me sempre come un tempo, e sono certa che sarà lo stesso anche per te. Adesso vai, ti lascio libero di correre per quelle immense praterie del cielo e da lassù ogni tanto guardami perché gli occhi del mio cuore saranno sempre su di te. (Dedicata al mio amico peloso) .

  • 11 marzo 2014 alle ore 11:19

    Se l'immagine raffigurata non è molto fine e delicata poco mi importa. Ma è una di quelle immagini che rispecchiano alla perfezione l'unica risposta da dare agli imbecilli. Imbecilli: elementi che nel percorso della vita hai la "disgrazia" di incrociare. Piccoli esseri sporchi nell'anima, pronti a farti la morale quando una morale nemmeno ce l'hanno. Piccoli e viscidi esseri umani pronti a giudicare e distruggere la tua persona quando loro non hanno nemmeno saputo mai essere una "persona". A volte hanno le sembianze umane e si comportano da Bestie. A volte hanno parole di conforto, ma poi tra le mani nascondono un coltello. Uno di quelli che ti configgeranno nella schiena appena ti volterai. Se il mondo fosse privo di queste persone sarebbe più pulito. Non serve pregare in punto di morte per essere scagionato da certi peccati. Non serve pentirsi in fin di vita di certe cattiverie. Dio non si nomina soltanto! La fede viene dal cuore e queste persone cuore non hanno.

  • 11 marzo 2014 alle ore 11:18

    Sei stato/a la chiave giusta di tutta la mia vita. Sei stato/a la chiave che ha riaperto il mio cuore trovando le combinazioni giuste tra milioni di lucchetti e sigilli che le delusioni avevano prepotentemente messo. La chiave che ha riscoperto l'esistenza di un'emozione e della grande forza dei sentimenti. La chiave che ha riaperto il cassetto della voglia di donare, di donarsi e di fidarsi ancora. La chiave che ha trovato la serratura giusta per cancellare ogni lacrima, ogni paura e ogni sensazione di rabbia. La chiave che mi ha riaperto la porta giusta perché io potessi riaffacciarmi nuovamente al mondo con fiducia e serenità.

  • 11 marzo 2014 alle ore 11:18

    Ho rinunciato a sogni che erano importanti. Li ho visti crollare e assieme a loro è crollata quella parte di me fatta di speranza e fiducia nel domani. Ho rinunciato a loro rassegnandomi e accettando che non tutto si può raggiungere. Ho visto persone gioire di questo e altre soffrirne con me. Ho ascoltato consigli, opinioni ed anche molti: "Te lo avevo detto"! Ma malgrado tutto questo non ho rinunciato a sognare. Forse lo faccio in modo diverso, ma continuo a farlo.

  • 11 marzo 2014 alle ore 11:17

    Ci sono persone che sanno ascoltarti. Spesso non importa nemmeno che parli, gli basta guardare i tuoi occhi. Loro restano in silenzio, ma in realtà già sanno che qualcosa ti angoscia. Ti osservano e poco a poco ecco che sanno far in modo che tu ti apra e tu possa dar voce a quel dolore, a quel tormento a quel senso di preoccupazione che ti spegne. Poi ci sono persone che non sanno ascoltare e non sono capaci di comprendere. Non capirebbero il tuo dolore nemmeno se glielo spiegassi. Non so se sia egoismo o cattiveria la loro, ma è sicuramente un limite. Non ci arrivano a guardare dentro un'anima, non sanno leggere dentro due occhi e non sapranno mai rassicurarti.

  • 11 marzo 2014 alle ore 11:17

    Le donne come me hanno solo un volto. Non piegano la testa per convenienza ne per azzittire una situazione. Quelle come me lottano e si fanno in mille pezzi se è necessario. Non hanno paura di una parola di troppo, ne quando la ricevono ne quando devono regalarla. Non temono le conseguenze e fanno solo ciò che sentono giusto. Amano, aiutano e lasciano e distruggono se vengono ferite. Le donne come me hanno bisogno di avere vicino persone vere e decise. Amano il carattere e la determinazione nelle persone. Quelle come me fanno paura per la troppa intelligenza e coerenza. Spesso messe da parte per donne di facili valori, ma ricercate troppo tardi quando ci si rende conto che un letto caldo non basta se non si ha qualcuno che sa scaldarci il cuore.

  • 11 marzo 2014 alle ore 11:16

    Siamo fatti di piccole emozioni e di grandi sentimenti. Usiamoli bene, perché quando si sceglie di stare vicino a qualcuno è importante trasmettere positività e non tristezza. Lasciare dentro le persone una ventata di serenità, quella maledetta cosa chiamata "Serenità". Quella serenità che oggi in molti non riusciamo più a trovare. Doniamocela con amore e sincerità. Rassicuriamoci, appoggiamoci e aggrappiamoci uno all'altro senza paura ne vergogna. Soli possiamo stare, ma si ha sempre bisogno di una mano amica, di una voce rassicurante, di un abbraccio sincero. Spesso la vita ci insegna che una spalla su cui piangere, che non sia fatta solo di parole, vale molto più di tutto il resto.

  • 11 marzo 2014 alle ore 11:15

    Dico a te che hai saputo solo giudicare, a te che non hai mai guardato abbastanza a fondo per poter anche valutare. Tu che non esprimi opinioni ma squallidi e brucianti giudizi. Tu che fai dei valori e delle regole qualcosa che vale solo per te. Tu che il rispetto non lo chiedi ma lo pretendi senza pensare che come prima cosa si dovrebbe portare. A te che hai sorriso di fronte a un mio fallimento e a te che smetterai di sorridere quando capirai che nemmeno quello mi ha fermato. A te che alle spalle sei il male e di fronte il finto perbenismo. A te che nella vita hai avuto poco non perché è stata dura e ingiusta, ma perché l'hai sprecata osservando, valutando quella degli altri. TU! Che ami vivere di tutto questo sappi che invece a me piace starci dentro a pieno nella vita e ovviamente nella mia! 

  • 11 marzo 2014 alle ore 11:14

    Si ha paura di ricominciare quando non siamo riusciti per più volte a vedere un inizio ma solo la fine. Si ha paura di fidarsi quando per troppe volte dopo averci provato ti sei domandato chi avessi avuto di fronte fino ad oggi. Si ha paura di amare quando il tempo ci ha insegnato che spesso l'amore porta dolore, lacrime e grandi delusioni. Si ha paura anche di rispondere ad un sorriso a volte per la paura che possa non essere sincero e vero quanto il tuo.

  • 11 marzo 2014 alle ore 11:14

    Siamo tutti diversi, siamo opinioni, punti di vista e modi di pensare opposti. Siamo giusti e sbagliati. Onesti e disonesti. Siamo verità e menzogna. Ognuno di noi ha pregi e difetti. Quello che rende però una persona vera diversa da una persona subdola è quella capacità di saper esternare il peggio di se solo laddove viene colpito. La persona subdola invece distrugge vite e persone solo per il gusto di farlo. Facendo di questo metodo il suo stile di vita.

  • 11 marzo 2014 alle ore 11:13

    Purtroppo nella vita non si dimentica quasi niente. E' molto più facile accantonare e rimuovere momentaneamente piccoli attimi di divertimento e serenità che ferite e delusioni. Chi ti fa del male non lo dimentichi mai, e non basterà una vita intera per perdonare azioni e fatti subiti. Non c'è perdono giusto e meritevole per certe persone. Puntargli il dito contro non serve, accanirsi con loro non serve, nemmeno parlargli aiuta, ma l'indifferenza e il silenzio che riceveranno da te e dal resto del mondo gli dimostrerà che vicino a loro potranno vedere solo i loro "simili"!

  • 11 marzo 2014 alle ore 11:12
    LA MOSCA

    Mi diceva la mamma
    che una mosca,
    caduta in una ciotola di acqua,
    nuota e si affanna per venirne fuori
    con tutte le sue forze,
    ma, salvata che sia,
    a bordo piatto,
    muore.
    Noi umani ci affanniamo,
    ogni giorno,
    nel nostro piatto d’acqua,
    per nuotare
    portando a compimento le giornate.
    Un nuoto, a volte,
    persino divertente:
    riuscire in un intento
    quale sia:
    l’esame di patente,
    l’esame di una laurea,
    gli esami della vita.
    Il sentimento ci fa battere
    veloci,
    le ali dell’amore
    e finché le battiamo,
    anche se stanchi,
    non contano le ore.
    Guardiamo ad una riva,
    quale sia,
    di volta in volta
    la vediamo giungere,
    sembra che sia la sponda,
    ma poi: via, verso un altro traguardo,
    un’altra meta.
    A pensarla così si può decidere
    che non valga la pena di tentare
    una salvezza,
    un porto da cercare.
    Ma se una mano ci portasse in salvo,
    in un posto di quiete
    ad asciugare dalle nostre ali l’affanno,
    chissà che proprio allora,
    senza mete da vincere e raggiungere,
    non si possa, come la mosca,
    arrendersi e morire…
    dunque?
    Meglio nuotare…
     
     

  • 11 marzo 2014 alle ore 11:10

    Ho tante cose da fare nella mia vita. Persone da incontrare e conoscere. Altre da continuare ad amare e anche alcune da lasciare alla sua strada. Ho ancora molto da imparare perché mai si finisce di imparare nella vita. Ho voglia di scoprire cose nuove e di riscoprire me non una ma mille volte. Voglio ancora cadere per provare quella enorme gioia nel momento in cui mi rialzo. Voglio semplicemente vivere a 360° perché la mia vita non me la restituisce nessuno.