username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Filtri di ricerca
  • La poesia contiene la parola
  • Nome autore

Poesie

“Uno sguardo vergine sulla realtà: ecco ciò ch'io chiamo poesia”
Edoardo Sanguineti


Le poesie dei nostri autori sono tutte raccolte qui.
Se vuoi inserire le tue poesie in una pagina a te riservata, iscriviti ora e scopri come fare!

elementi per pagina
  • 14 aprile 2014 alle ore 21:58
    La mia strada

    Angelo imprigionato per punizione

    per avermi assistito
    nell'equilibrio instabile
    fra tante altre anime

    a cercare solide basi
    dalle quali ripartire

    raccolgo il mio coraggio
    e l'orgogliosa indipendenza

    senza ledermi in altre suscettibilità

    a inquinarmi e deformarmi

    penetrare dentro
    il fascino inquietante della vita

    ad accettare l'efferata malinconia
    delle aspettative deluse

    e schivare consistenti perigliosi ostacoli
    nel mutare profondo
    degli atteggiamenti e delle esigenze
    .
    cesaremoceo

  • 14 aprile 2014 alle ore 21:58
    Introverse ombre

    L'anima a seguirmi
    nelle mie peregrinazioni selvagge

    dentro eterni deserti

    e subire il dolore

    di non poter esprimere
    quel che ho in corpo

    Lacrime essiccate

    raccolte negli occhi
    prosciugati dall'amore
    nutrito dalle false speranze

    nella colpa delle rime
    che battagliano con gli accenti

    e le parole a franare

    pietre che rotolano
    a distruggere ogni gioia 
    che incontrano lungo il pendio

    La penna che stride
    a strappare il foglio

    e defraudare il piacere
    di potermi esprimere
    per quel che sono

    Introverse ombre
    di sole spento...
    .
    cesaremoceo

  • 14 aprile 2014 alle ore 20:25
    Binari

    Passa e ripassa il treno
    di passeggeri e merci
    carico di pensieri
    nel pendolare viaggio
    porta talvolta sogni
    di chi migra lontano
    sorride ai cinguettii
    d'un comodo turismo:
    questo dicon binari
    di lustro ferro e liscio.

    Antico sferragliare
    panche di duro legno
    con gli scaldini diacci
    e il fumo del respiro.

    Valigie di cartone
    sbarcate nella nebbia
    per guadagnarsi il pane
    in una estranea terra.

    Tempi mai da obliare
    dall'agio conquistato
    col posto nel vagone
    piacevolmente giusto.

  • 14 aprile 2014 alle ore 19:14
    Tua moglie, non sono io.

    Vorrei esser stata tua moglie,insieme a te gioire del l'attesa d,un figlio...insieme fare un viaggio...insieme dormire,piangere,sorridere...insieme camminare per strada senza destare scalpore,senza dover sentire il peso delle parole biforcute di chi vede solo le nostre differenze...vorrei esser stata tua moglie,per abitarti nella vita in maniera quotidiana e naturale,in quel modo che stanca,che poi fa litigare che poi ti fa prendere e andare...vorrei essere una donna,per starti accanto come vorresti...in un modo che non mi chiederesti ma che infondo speri,cerchi,insisti...
    Vorrei essere altro,ma se fossi altro da me...non sarei ciò che sono con te...
    Qualcosa senza descrizione,perché la perfezione non si può descrivere...mi abiti nelle braccia con la serenità incastonata nella faccia,un sorriso dolce che sa di dolore...che mi stringe infondo al cuore...non fa rumore la felicità...riesco solo a ridere stolta...ho paura...troppa,molta!!!
    Non voglio partire,non me ne voglio andare...dammi tu il coraggio...
    Dammene ancora...ancora e ancora...

  • 14 aprile 2014 alle ore 18:07
    Da mani a mani

    Da mani
    a mani bugiarde
    passa l’animo muto,
    un panno già sporco
    di falsi sorrisi,
    sciacquato nell’acqua
    d’ innocue menzogne,
    di grandi paure.
    Di grandi paure
    di panno innocuo vestite.
    Da mani
    a mani bugiarde
    passa l’animo muto
    in acque sporche si lava
    e più sporco si pone,
    si scambia il bianco in sorriso
    di denti lavati di fresco
    in bocche già sporche
    di falsi e morti sorrisi.
     

  • 14 aprile 2014 alle ore 15:32
    L'Amore di San Francesco

    Col tuo saio logorato
    cammini a piedi nudi
    fra i sassi e la natura,
    contemplando,
    parlando agli animali,
    tendendo la tua mano
    al selvaggio lupo
    e al suo lato umano.
    Tra rinunce,
    gesti d’amore
    e privazioni
    vivesti avvolto
    nella luce del Signore
    con le tue mani sanguinanti
    che s’intrecciavano
    in una preghiera
    per la salvezza
    di ogni anima esistita.
     

  • 14 aprile 2014 alle ore 10:55

    Il fatto è che può capitare di tutto,può succederti qualunque cosa, ma quando entri nelle mura di casa tua e sei al sicuro, sereno, felice perché qua hai tutto ciò di cui hai bisogno, tutto il resto non conta. Quando vedo mio figlio, il suo sorriso... I miei amici e le loro risate, le telefonate di chi perché mi vuol bene e mi cerca. Quando sento che dentro me sono a posto con la mia coscienza ecco che sento che sono in pace con il mondo intero. Ecco che so quale sia il vero valore della vita! 

  • 14 aprile 2014 alle ore 10:54

    Ciao figlio mio, vorrei dirti che il mondo è così come lo vedi e lo immagini adesso. Che le persone saranno sempre pronte a giocare con te, ad aiutarti, proprio come fai tu con i tuoi amichetti e i tuoi compagni di scuola. Purtroppo figlio mio , ti dovrò insegnare a difenderti, ad aver coraggio e forza. Dovrò farti vedere il mondo anche sotto l'altro lato, quello peggiore. Figlio, incontrerai persone buone e persone cattive. Le buone tienile strette e difendile. Difendi il tuo rapporto con loro e sii sempre onesto e leale. Con le cattive, impara a non dar troppo peso alle loro parole, a quelle storie assurde che spesso la gente ama inventare, impara a non prendertela, a fregartene perché quando avrai imparato questo credimi, sarai a buon punto. Non dovrà mai mancarti la forza di provare e di rischiare! Perché ti devi ricordare che per la tua umiltà, che spero conserverai, tu non sei migliore di nessuno... Ma ricordati sempre che nessuno e' migliore di TE!

  • 14 aprile 2014 alle ore 10:50

    Voglio brindare a tutte le volte che grazie al mio autocontrollo non ti ho spaccato la faccia. A tutte le volte che la mia intelligenza mi portava a ragionare e capire che non meriti nemmeno un briciolo di rabbia da parte mia. A tutte quelle volte che grazie alla sicurezza di me stessa di fronte alle tue stupide e infantili provocazioni ho sorriso fiera di essere ciò che sono e di non avere i tuoi “problemi”. A tutte le volte che voltandomi ho continuando a scalare la mia vetta lasciandoti la in basso dove meriti di stare! 

  • 14 aprile 2014 alle ore 10:03

    Per gli amici ci sono sempre, per quelli veri però... Per chi ha bisogno cerco sempre di fare una mano, lo faccio senza scopi e senza interesse. Per chi è triste cerco di dare sempre un buon motivo per sorridere e per non stare male... Ma purtroppo la vita mi ha anche insegnato che spesso esserci non garantisce che gli altri poi ci siano per te. Che aiutare è giusto ma questo non significa che sarai aiutato. E soprattutto cercar di far cessare le lacrime e riaccendere un sorriso non sempre è ricambiato, anzi a volte sulle tue di lacrime trovi anche chi rincara la dose!

  • 14 aprile 2014 alle ore 10:00

    Vergognati ! Vergognati per la brutta persona che sei! Vergognati perché la tua vita è fatta dei "cazzi" della vita degli altri. Vergognati perché pensi che ti si "debba" ascoltare quando a chi un minimo di intelligenza ce l'ha non te se fila proprio! Vergognati perché parli di me inventando trame che solo un infame può elaborare, perché certe storie e azioni solo una mente perfida e malata le può mettere in moto! Vergognati perché non ti rendi conto che qui nessuno ti deve nulla e tanto meno deve dimostrarti nulla per il semplice motivo che dell'opinione di una squallida persona non se ne fa nulla nemmeno un "cane"! E quando dico cane offendo il cane, perché vicino a quelle persone come te non possono essere chiamate BESTIE!

  • 14 aprile 2014 alle ore 10:00

    Si avvicina la festa della donna.. Essa ha bisogno di rispetto tutto l'anno ed ogni giorno e tale rispetto lo merita anche l'uomo, laddove porta alti certi valori e tiene nel cuore certi sentimenti. basta violenza, basta abusi e maltrattamenti. Verso uomini, donne e bambini! Festeggiamo principalmente la vita perchè rispettando essa cominceremo ad avere un occhio di riguardo anche per quella degli altri che spesso invece calpestiamo. la vita di nessuno ci appartiene ricordatevelo...

  • 14 aprile 2014 alle ore 9:52

    Ho imparato che non c'è rimedio alla cattiveria che regna sovrana nell'animo di qualcuno. Che certe persone non si fermano di fronte a niente! E mentre si vestano di lucenti valori, delle giuste parole, di credenza in un Dio che non parla però di pace ma solo di guerre... In realtà l'unica cosa che sanno covare dentro l'animo è rabbia e frustrazione! Ho imparato che non si fermano nemmeno di fronte al peggio, distruggono vite, nomi e dignità solo per il piacere di farlo. Vivono nella loro convinzione di essere perfetti, impeccabili e di non avere difetti. Convinti al massimo di ciò che al mondo raccontano e ci credono pure loro alle loro bugie, così tanto ci credono che ne vestono ogni giorno la loro vita come abiti quotidiani!

  • 14 aprile 2014 alle ore 9:51

    Mi hai asciugato le lacrime, sia quando eri seduto vicino a me e sia quando eri lontano. Hai ascoltato ogni mia paura e ogni mio tormento, cercando di trasformare il mio dolore in pace. Hai aspettato che i miei silenzi tornassero ad essere parole e hai saputo interpretarli così bene da non rendere necessaria nessuna spiegazione. Hai avuto la pazienza di aspettare che le mie lacrime si tramutassero in sorrisi, anche fragili, deboli o appena accennati sul mio volto. Hai avuto quella costanza che può appartenere solo ad un vero amico.

  • 14 aprile 2014 alle ore 9:50

    Le persone pazze non sono quelle che dicono la verità, ma quelle che di verità conoscono solo la loro! Le persone false sono la dimostrazione di quanto il fallimento gravi sulla psicosi umana e porta a distruggere le persone che invece nella vita hanno avuto forza, coraggio per arrivare. Non si distrugge la verità ne l'essere di nessuno... tanto meno potrai farlo cara mia con la menzogna, l'invidia, la cattiveria e la tua falsa "Apparenza"! Quando la vita ti sarà scorsa sotto i piedi e l'avrai sprecata giudicando la mia allora capirai quanto poco vali. L'unica cosa che mi dispiacerà che non potrò gustarmi il tuo fallimento perché io quel giorno darò già molto ... AVANTI!

  • 14 aprile 2014 alle ore 9:50

    Voglio bene a chi me ne vuole, a chi mi ha dimostrato che è felice che io faccia parte della sua vita. Voglio bene a quelle persone che sanno donarmi sollievo e serenità, che sanno anche per poco tempo far sue le mie angosce e le mie paure. Voglio bene a chi anche in silenzio non si dimentica che esisto perché trova sempre il modo di rendermi partecipe della sua vita. Ho smesso di voler bene a chi poco ha da dare, pretendendo invece di avere. A chi non ascolta, ma sa solo parlare. A chi fa della mia vita il suo sparlare quotidiano. Io vivo bene vicino a chi come me sa "Essere" sempre sincero e soprattutto "Vero"!

  • 14 aprile 2014 alle ore 9:43

    Ciao, mi chiamo "Amore" e so che non mi credi più. So di averti deluso e dimostrato che spesso non regalo gioia ma dolore. Io non so perché di me si fa tanti usi diversi; c'è chi mi accetta cosi' semplicemente per quello che sono, chi mi rispetta e purtroppo c'è chi mi usa e mi getta. Non posso prometterti che non ti imbatterai mai più in un falso che usa il mio nome per arrivarti al cuore e poi spezzartelo, ma posso solo pregarti di non smettere di cercarmi, di credere nella mia esistenza! Ti giuro anima delusa che in qualche parte del mondo, in un angolo nascosto, sotto milioni di lacrime IO sto proprio cercando TE! Te cosi' come sei, te che cerchi disperatamente me cosi' come sempre mi hai sognato!

  • 14 aprile 2014 alle ore 9:38

    Nel momento in cui avrai finito di scaricare su di me la tua rabbia, il tuo senso di inferiorità, la tua invidia. Quando avrai terminato di gettare su me fango che non mi appartiene, storie mai avvenute, parole mai dette... Sappi che per me non sarà cambiato nulla. Cioè che dalla tua bocca, dalla tua fantasia esce non mi apparteneva, non mi appartiene e non mi apparterrà mai! Non mi cambiava ieri, non mi cambia oggi e non mi cambierà domani! Ero, sono e sarò sempre ciò che sento di essere, cioè che so di essere... Perché io a differenza tua "SONO"!

  • 14 aprile 2014 alle ore 9:31

    Non voglio più i complimenti freddi letti sopra ad un pc. Non mi basta una Buonanotte in un sms. Non e' abbastanza un buongiorno sul cellulare. Voglio sorrisi e sguardi. Voglio un abbraccio prima di dormire e un bacio al mio risveglio accompagnato dal profumo di un buon caffè. Voglio correre mano nella mano verso una vita nuova e ridere, ridere a crepapelle fino a stare male! Lacrime di gioia a volontà e un pizzico di paura di perdere tutto questo. La paura se non è troppa non distrugge, ma aiuta a proteggere e a non trascurare la fortuna che ci è capitata tra le mani!

  • 14 aprile 2014 alle ore 9:25

    Caro cuore deluso, maltrattato e usato. Care emozioni sprecate e vissute nell'illusione. Cara mente che non riesci mai a spuntarla con i sentimenti e a far valere la ragione su essi. Vi chiedo scusa... Scusatemi se sono una persona che vive di sentimenti e che in certi valori ancora ci crede. Scusa cuore se ho permesso ad alcune persone di ferirti. Scusatemi emozioni se non ho valutato bene a chi donarvi. Scusa mente mia, che mi illumini sempre, mi consigli con quel tuo sesto senso ma pur di seguire il cuore non ascolto. Scusate se sono una persona che vive di emozioni e crede nell'amore.

  • 14 aprile 2014 alle ore 9:24

    Rialziamoci sempre. Dopo ogni caduta, ogni delusione... Rialziamoci! Non serve restare a terra, non serve arrendersi, mollare non aiuta! In piedi, anche se fa male da non respirare! In piedi anche se ti sembra di morire! So che le gambe non avanzano, tremano e temono un altro colpo, ma tu resta comunque in piedi e ti renderai conto che piano piano riprenderai il cammino. Continua, avanza e vedrai che poco a poco la fiducia, la forza e il sorriso torneranno!

  • 14 aprile 2014 alle ore 9:23

    Nella vita prima o poi arrivi al limite in cui le parole dette "a caso" vengono ad oltranza superate. Arrivi al punto in cui non si può più parlare ma solo agire. Non si può più ascoltare l'istinto o la rabbia ma è ora di dar voce all'intelligenza e dare a chi "insiste" ciò che veramente merita!!! E quando il momento arriva, non potranno esserci sconti, non esiste ne pena ne pietà e tanto meno un "mi dispiace". Non ci saranno orecchie per un: "Scusa ho sbagliato" ma ci sarà solo un'enorme voglia di vederti affondare assieme a ciò che hai costruito! E assieme a te tirerai a fondo anche chi con te ha oltrepassato i limiti perché quando si arriva al livello massimo non c'è sconti per nessuno!Tanto meno nei confronti di chi per te non ne ha mai avuti!

  • 14 aprile 2014 alle ore 9:23

    Sono parte di me i ricordi legati a quelle persone che anche se adesso sono lontane hanno lasciato un segno dentro di me. Alcuni di loro mi hanno insegnato ad essere più forte. Altri a cosa vuol dire piangere e soffrire. Molti mi hanno fatto scoprire il valore di un momento condiviso, che anche se breve può restare immenso. Pochi invece mi hanno dimostrato che in tutti c'è qualcosa di buono, proprio perché troppo spesso mi hanno fatto vedere che l'unica cosa che abita certe persone è solo ed esclusivamente cattiveria!

  • 14 aprile 2014 alle ore 9:23

    Ti posso dire che nessuno è perfetto. Che ognuno ha i suoi limiti, le sue paure e i suoi difetti. Posso anche dirti che in pochi ti capiranno nei così detti: "momenti peggiori" ma posso anche dirti che ci sarà chi proprio in quei momenti saprà dimostrarti quanto più di altri ha saputo capirti. Posso dirti che niente è facile e nulla è dovuto, ma se non sei tu il primo a lottare per quello in cui credi non aspettarti che ti spostino la sedia per farti accomodare e servirti ciò che vuoi su un piatto d'argento. In poche parole amico mio impara a cavartela da solo, ad essere fiero di ciò che porti dentro e sii sempre te stesso!

  • 13 aprile 2014 alle ore 22:48
    Ali di cera

    Solo ciò che si perde
    si possederà in eterno

    All'ombra del mio lavoro

    arso dall'esaurimento

    trascorro i giorni
    nel buio dell'inquietudine

    Mi dimeno stravagante
    nell'incapacità
    di esprimere il mio spirito

    specchio del mio presente

    Mille ansie dilaniano la mente
    a soffocarla senza un attimo di quiete !

    E parlare e scrivere

    con la voglia di rispondere al mio tempo

    attraversando a piedi nudi
    il ponte tra passato e futuro

    senza perdere l'attualità

    nel tentativo di sopprimere
    lo squilibrio tra il cuore e la ragione

    In questo infinito dolore
    si compie il mio destino

    volando incontro al suo calore
    con le mie ali di cera 

    a celebrare la vittoria
    con la perdita di tutto
    .
    cesaremoceo