username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Filtri di ricerca
  • La poesia contiene la parola
  • Nome autore

Poesie

“Uno sguardo vergine sulla realtà: ecco ciò ch'io chiamo poesia”
Edoardo Sanguineti


Le poesie dei nostri autori sono tutte raccolte qui.
Se vuoi inserire le tue poesie in una pagina a te riservata, iscriviti ora e scopri come fare!

elementi per pagina
  • 01 febbraio alle ore 20:33
    Tutto il nostro amore

    ...a mia moglie,nel giorno del nostro 40esimo anniversario di nozze... Benevolo il destino a farmi incontrare Te esaudendo un desiderio che sapevo di poter avere E a farmi provare il gusto speciale d'assaporare la mia illusione con la speranza di una realtà che ho sempre cercato di farmi amare per ciò che lui stesso ha disposto Ora siamo qui a intristirci e incazzarci per ciò che non siamo stati all'indomani di tante battaglie perdute che han tracciato l'alba della nostra vittoria finale e che ci farà donare ancora a noi stessi e al mondo tutto il nostro amore . Cesare Moceo poeta di Cefalù Destrierodoc @ Tutti i diritti riservati

  • 01 febbraio alle ore 20:31
    Il piacere del silenzio

    "Guardai un paesaggio che era già dentro di me e sentii un’emozione che era già nel paesaggio." (Cinzia Marsala) Nella storia unica e irripetibile dei miei occhi rivolti al sole nascente soccombo alla luce dei miei pensieri fotogrammi di un'epoca che non tornerà più accorgendomi di quanto io sia felice ancora d'apprezzarne i fasci d'oscurità nelle ambizioni di conforto e consigli donati E con quelli amo coprire il pudore dell'anima per la vergogna dei suoi pianti nei singulti di vita che assaltano gli incancreniti vuoti dei miei sospiri che in bellavista fanno propaganda di sè Là sento il cuore martellarmi il petto nel mio riflettere su quanto ignorante sia io a non capire che ogni battito non è altro se non una staffilata di gemiti di dolore al sapere E preferisco sempre far passeggiate nell'interiorità sotto scorta delle passioni nel mio buio a incontrar i freddi fantasmi che intorpidiscono il piacere del silenzio . Cesare Moceo poeta di Cefalù Destrierodoc @ Tutti i diritti riservati

  • 01 febbraio alle ore 20:29
    Il qualcuno di tutti

    Mi travesto da re con in testa la mia corona di parole adornato d'emozioni nel mio mantello di rime a regnare nessuno di ognuno sulla coscienza delle passioni E mi risveglio da queste fantasie relegato nell'esilio di me stesso contento d'essere stato almeno nel sogno il qualcuno di tutti . Cesare Moceo poeta di Cefalù Destrierodoc @ Tutti i diritti riservati

  • 01 febbraio alle ore 20:28
    Rapidi lembi di cielo...scorrono

    È così bella la poesia ispirata dal mio andare con lo sguardo rivolto al mare dove gli occhi non imputridiscono per qualche rima che non vien baciata e non si offende o piange Mi siedo dove posso e scrivo parole che parlano in essa del futuro di quel che di essa potrà rimanere nei sentimenti sinceri emanati nelle emozioni intense che donano ansia alle passioni impossibili dalla nostalgia di ciò che non è stato al rimpianto per ciò che sarebbe potuto essere al tormento di non essere altro se non quello che nel nostro tramonto adesso noi siamo . Cesare Moceo poeta di Cefalù Destrierodoc @ Tutti i diritti riservati

  • 01 febbraio alle ore 12:05
    La notte mi prende per mano

    Ora che il mare aspro diventa
    e d’antracite la luna si veste,
    alta e discreta la notte s’accosta
    mentre la stasi mi fa prigioniero.
     
    Nella collina non più contornata
    dove presumo già dorma il borgo, 
    con ostinazione cerco una luce
    capace di darmi continuità.
     
    Lassù, non una stella intravedo
    che si riveli dell’altre più ardita
    nell’infinito di nero rigato,
    avaro nel dare spazio al respiro.
     
    Riporto lo sguardo dov’era prima
    e di una nave pretendo la scia,
    quel tocco bianchissimo a soppiantare
    il cupo disordine di onde folli.
     
    Vorrei ch’arrivasse l’aurora
    del tipo fucsia, netta, e impaziente
    d’aprire in cielo lo squarcio ribelle,
    l’effetto euforia di sistole errante…
     
    In quest’attesa del via alle danze,
    conforto mi è nel prendere tempo
    l’idea di essere non del tutto solo.
    É la notte che mi prende per mano.

  • 30 gennaio alle ore 19:42
    A un angelo pallido

    Spiritello senza peso
    oggi ti guardo da lontano:
    eri esile delicato e pallido…
    una luna timida quasi malata
    dalla voce di melassa
    e liquidi occhi affogati nell’anima.
     
    Mi chiedevo se la luna può
    mai essere maschio
    e poco mi sfioravano le tempeste
    che ti costruivano la scorza.
    Ma i corpi celesti
    hanno forse un sesso?
    la risposta si nascondeva
    dietro sorrisi malfatti
    e il senso di te scivolava
    nel pozzo dell’indifferenza.
     
    Oggi io t’ho compreso…
    il tuo errare così estraneo
    così scomposto
    cercava una sponda dove abitare
    e lo stesso sole che riscalda gli altri…
    quelli che sono forti
    quelli che sono uguali.

  • 30 gennaio alle ore 9:10
    La libertà dei pupazzi

    Se dovessi incontrarmi per strada probabilmente non mi saluterei anzi nemmeno mi guarderei negli occhi per la vergogna Io che oggi mi sento ridotto al nulla di una vuota speranza a un quadro che non ha più neanche l'onore di una cornice a un romanzo senza alcuna trama E come una foglia sbattuta dal vento su vecchi sentieri non più frequentati nel brulicare di oscuri eroi pavento la libertà di un pupazzo comandato a distanza che ogni tanto prende coscienza di sè muovendo la testa e prostrandosi a far la riverenza per mostrare d'essere vivo . Cesare Moceo poeta di Cefalù Destrierodoc @ Tutti i diritti riservati

  • 30 gennaio alle ore 9:08
    È un nuovo giorno

    Allegrie pervadono il cuore al risveglio nella felicità di esaudite preghiere per malesseri risolti in chi ieri doleva il suo vivere E diviene passione il sentir l'aria fresca al mattin sulla pelle pel giorno che inizia sotto migliori auspici Sorgi tranquillo nuovo sole per chi ancor ti crede e va incontro al suo fare allegro di speranze in questo scorrer di vita a goder d'improvviso sollievo donato a scrocco dal destino benevolo mentre io apprezzo spettatore felice il mio vivere e il suo amare . Cesare Moceo poeta di Cefalù Destrierodoc @ Tutti i diritti riservati

  • 29 gennaio alle ore 15:06
    Cammino e spero

    Oggi è un'altra giornata di freddo e di pioggia l'aria è color grigio neve pallido come bianco sporco triste nel suo spirar di fredda volontà nelle tonalità tenui di pensieri che volano via privi di ali sballottati dal vento a dirigersi verso dove più lor conviene E io cammino e spero Spero che ciò che scrivo si comprenda e spero ancora che quando sarà compreso potrà essere anche capito così chi scriverà dopo di me con il suo inchiostro tra il bordeaux e l'azzurro non resti meravigliato d'avermi letto . Cesare Moceo poeta di Cefalù Destrierodoc @ Tutti i diritti riservati

  • Percorro le mie ore tra una lettura e uno scritto nella viscosità divisa a metà tra l'astrattismo e il realismo lasciando a margine di tutto rivoli esterni di sentimenti lacrime che gocciolano sopra la coscienza repressa Vado consenziente a me stesso rasentando il mio fallimento incupito dalla stanchezza dei sogni e sperduto dentro il "nulla" delle mie aspirazioni con i raggi del sole insufficienti ad accendere i giorni e scaldare i pensieri . Cesare Moceo poeta di Cefalù Destrierodoc @ Tutti i diritti riservati

  • Ebbro degli sguardi percepiti in palpebre che sfiorano le orbite strizzate di chi mi conosce ma non mi riconosce sento vicina l'ombra errante dei miei errori commessi nel mio istinto infantile e sulle spalle il calvario delle intenzioni migliori E mi struggo sconvolto e umiliato nel ricordo fragile del mio anonimato quando usavo il mio fascino per cavar dagl'impicci le risposte mai godute che han fatto soltanto lievitar le domande . Cesare Moceo poeta di Cefalù Destrierodoc @ Tutti i diritti riservati

  • 29 gennaio alle ore 15:00
    O mie speranze d'incanto

    Siamo immersi tutti assieme nella grigia monotonia dei nostri giorni nell'inesistente differire fra gli oggi e i domani irritazione latente a farci godere soltanto dei nostri lamenti che tengono le anime sveglie a parlar con i cuori E convinti sorrisi aiutan la mente a cercare l'accordo col nostro volere a trovare la voglia ancora di fare nella speranza divina e nell'amore profondo che mai ci abbandona . Cesare Moceo poeta di Cefalù Destrierodoc @ Tutti i diritti riservati

  • 28 gennaio alle ore 20:50
    Se tu fossi qui

    Se tu fossi qui con me
    saprei cosa dire,
    le parole suonano meglio
    quando incontrano gli occhi.
    Se tu fossi qui,
    il mare dei miei pensieri
    in burrasca
    saprebbe calmarsi 
    insieme al mio cuore.
    Ti penso da giorni, sempre
    anche quando non ci penso.
    Sei come musica in sottofondo
    dentro un locale affollato.
    Sei l’ombra nelle mie pupille
    alla luce e al buio.
    Se tu fossi qui,
    non mancheresti nell’aria.

  • 28 gennaio alle ore 18:25
    Tremore

    Ti ho
    sentita
    vibrare.

    Tutta
    la tua femminilità
    in quello sguardo fugace

    D'intensa complicità

  • 28 gennaio alle ore 15:11
    La valigia

    Sta, piccolo
    nella valigia
    al buio dei lamenti.
    Laghi le palpebre
    si svuotano delle carezze avute
    e bambino
    culla non più cullato
    la paura a digiuno, ampia
    cento volte la gabbia al cuore.
    Bussano, cercano
    un segno di bambino
    riverbero al legno
    ma la cura si aggrava
    di voci contro
    di rabbia 
    annuncio di abitacoli.

    Ispirata al film Nackt unter Wölfen (2015), regia Philipp Kadelbach 
     

  • I cervi s'avvicinano zoppicando nonostante se stessi hanno capito già che la loro vita non ha più alcun valore e bramiranno forte forte per inghiottire veloci il liquore fluido della morte E diverranno trofei d'orrore subito le loro corna ricordo di tormenti da appendere alle pareti a perenne riposo dai dolori patiti . Cesare Moceo poeta di Cefalù Destrierodoc @ Tutti i diritti riservati

  • 27 gennaio alle ore 22:44
    I silenzi dell'ironia

    Eredità inaspettate nell'intuito infantile nascoste dal tempo senza alcuna storia alle spalle Spiaciute visioni di viaggi sconvolgenti testimonianze importanti prive dell'interesse del mondo dolori taciuti Canta il mio dire a cullare il pensiero fluido dei miei versi e mostrare l'irritazione nascosta tra le parole ridotte a matasse aggrovigliate che non riesco a dipanare Ristagno claustrale a me stesso a piangere sui miei fazzoletti su passi da vagabondaggio che interpretano i miei mutevoli umori e dentro il mio sorridere ironico inutile nel cercare slanci di speranza soffrire in memoria di Te . Cesare Moceo poeta di Cefalù Destrierodoc @ Tutti i diritti riservati

  • 27 gennaio alle ore 22:43
    Mai più

    Quant'è bello passeggiare in compagnia di me stesso di primo mattino a pensare vedere sorgere l'alba sentire dolci melodie nel rumore delle onde del mare e godere di questo in silenzio senza parlare solo con la memoria dei sensi e con l'anima che non ha voglia di essere triste in mezzo ai pensieri d'ogni giorno sempre uguali opachi inutili E sognare di fuggire lontano verso isole vegetanti d'amore verso altri sentimenti dove percorrere senz'affanni strade in salita che s'inerpicano in certe nuvole che soffocano la vita dove incontrare le anime nobili sacrificate all'odio ignorante E stringerci tutti in abbracci di libertà . Cesare Moceo poeta di cefalù Destrierodoc @ Tutti i diritti riservati

  • 27 gennaio alle ore 22:42
    La nostra compagnia

    Vivo la mia solitudine in compagnia di mia moglie nell'aver imparato insieme a goderci i momenti di solitudine perché ci raccomandano di star vicini l'uno all'altra Viviamo la monotonia della vita affinchè ogni cosa che accade risvegli in noi il piacere della meraviglia fino a che anche questo non diventa ancora solitudine condivisa così da celebrare nella sua novità tra rughe colme d'amore la ricorrenza continua dell'eterno romitaggio nel ricordo di Noi reso indelebile dal tempo . Cesare Moceo poeta di Cefalù Destroerodoc @ Tutti i diritti riservati

  • 27 gennaio alle ore 22:40
    L'uomo dal cuore di ferro (arrugginito)

    Gocce di pianto fertile cadono infelici sull'anima a dar boccioli di poesia germogliati tra rivoli d'amore e giurando fedeltà alle passioni nei loro fondali profondi venti di primavera a soffiare tra pensieri emotivi la cui intensità ricurva rischia di farli appassire E io relegato in fondo al capire a chiedermi il perchè a guardare la mia ombra evocare la vita recito le mie poesie calde e chiare al piacere soave d'anime patriottiche dolci e senza tornaconti a rammentare al mio ansimante respiro il diritto di tutti gli uomini a stare liberi in questo mondo . Cesare Moceo poeta di Cefalù Destrierodoc @ Tutti i diritti riservati

  • 27 gennaio alle ore 22:39
    Giorni d'inverno

    Resto in corsa verso il destino al di qua dei vetri che mi separano dai miei fantasmi gocce di pioggia fremente cadono sull'anima germogliando boccioli di poesia tra rivoli d'amore tra ricordi d'emozioni con l'intensità ricurva che rischiano d'appassire E io...là relegato in fondo al capire a guardar le mie ombre evocar la vita a recitare le mie poesie e rammentar al mio respiro che ansima di stare in questo mondo assieme ad altri uomini . Cesare Moceo

  • 27 gennaio alle ore 21:54
    Nascondi i sogni

    Ho pianto lacrime così amare che mi hanno oscurato il cuore.
    Il buio e il silenzio si associavano  al vuoto.
    Fingersi senza sentimenti, per nascondere la sofferenza e lasciare andare chi ti ha deluso, per non pensarci più.
    Tutto ciò che ci ha ferito non vale la pena di essere rivissuto.
    L'ho accantonato in un angolo ben nascosto, dove non c'è più posto per certi ricordi.
    I sogni si vivono finché c'è un sorriso a motivarli...poi si lasciano andare...

  • 27 gennaio alle ore 21:54
    Il mio ego

    Nelle lunghe notti fredde e solitarie
    il mio pensiero non sarà più per te.
    Ho scelto la solitudine.
    Ho chiuso il mio cuore.
    Ho smesso di illudermi.
    Di cercare.
    Di sperare.

    Ho vagato per valli inaccessibili, alla ricerca dell'ignoto.
    Di qualcosa che mi scaldasse il cuore.
    Di una speranza insperata.
    Di un sorriso illuminante.
    Di un cuore che mi fosse donato.

    Adesso è il vuoto intorno a me.
    Un vuoto accettato.
    Un vuoto consapevole.
    La fine di un'illusione.
    Il mio ego che ricompare.

  • 27 gennaio alle ore 21:20
    Haiku

    Le antiche querce
    Sulle strette trazzere
    Nei campi erbosi

  • 27 gennaio alle ore 21:20
    Haiku

    Le antiche querce
    Sulle strette trazzere
    Nei campi erbosi