username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Filtri di ricerca
  • La poesia contiene la parola
  • Nome autore

Poesie

“Uno sguardo vergine sulla realtà: ecco ciò ch'io chiamo poesia”
Edoardo Sanguineti


Le poesie dei nostri autori sono tutte raccolte qui.
Se vuoi inserire le tue poesie in una pagina a te riservata, iscriviti ora e scopri come fare!

elementi per pagina
  • 17 aprile alle ore 20:40
    Stanotte,in mezzo alla tempesta

    Vago nel mio passato
    e nel presente

    in questa notte e nel suo silenzio

    e nei suoi tuoni roboanti
    spesso miei complici

    M'imbarco passionevole
    in navigazioni solitarie

    in compagnia dei miei pensieri

    nella mia eta'
    e nei suoi ormai tenui colori

    mettendo a nudo la mia anima
    contro ogni avversita'

    ogni limite ogni ostacolo

    dentro il coraggio dei sentimenti

    dove nulla mi fa piu' paura
    dell'assenza delle stelle

    nell'infinito che mi circonda

    E vivo la mia vita
    nella liberta' e l'audacia degli attimi

    talismami senza tempo

    che avvolgono le mie paure
    e le mie ali
    .
    Cesare Moceo destrierodoc @
    Tutti i diritti riservati

  • 17 aprile alle ore 20:38
    Anima e corpo

    Ho sempre pensato
    nella mia vita

    di non avere molta fantasia
    ma solo sogni irreali

    e ho riadattato nel tempo

    i miei momenti ai miei attimi
    nella competizione con me stesso

    Piccoli giardini poetici trascurati

    nella stanza di quelle battaglie

    hanno deturpano la magia dell'anima

    nel suo destino
    segnato fin dalla nascita

    da quando scoprii da solo

    che la mia gara contro il tempo
    era persa gia' alla partenza
    .
    Cesare Moceo destrierodoc @
    Tutti i diritti riservati
     

  • 17 aprile alle ore 12:10
    Frammento 1

    Senze parole.
    Solo la melodia dei nostri corpi

  • 17 aprile
    I miei cuginetti

    Cercavo altre quattro persone,
    ma ho trovato solo volpi…
    di voi invece posso fidarmi!
    Con voi fiorisco in mezzo alle ombre.

    C’era una ragazza che come me
    amava i videogiochi e gli anime…
    e mi aveva preso il cuore,
    per poi sputarmelo addosso.
    Solo voi due mi siete stati davvero vicino,
    solo voi due mi avete davvero aiutato,
    solo voi due eravate persone sincere!

    Parlano dei fatti vostri?
    Sono fatti così, o magari solo fatti…
    non vi interessa, non ve ne sbatte, non ve ne frega,
    perché la vostra felicità insieme
    vale molto più dell’invidia altrui.

    Non vi auguro solo un buon compleanno,
    ma tutto ciò che di bello la vita può offrirvi,
    perché siete speciali e lo meritate.
    Vi voglio bene e ve ne vorrò sempre!

  • 16 aprile alle ore 21:26

    Amo essere "Qualcosa" che non conoscerai mai fino in fondo. Mi piace restare come un'incognita agli occhi del mondo e non permettere a chiunque di aprirsi un varco e sbirciare nel mio mondo. E' giusto pormi in modo educato e rispettoso verso chiunque, intraprendere conoscenze con alcuni di loro, ma ho imparato a concedere solo a pochi eletti e sottolineo "POCHI" un posto dentro a quello che è il mio mondo.

  • 16 aprile alle ore 20:35
    Lettera ad un poeta

    Brutta e' l'insonnia

    ma per il poeta

    è un momento di riflessione
    e spesso di creatività

    Il tempo fugge

    scivolando via tra le dita

    e spesso si rischia
    di perdere le cose più importanti della vita

    i momenti legati agli affetti

    che una volta persi
    non si recuperano più

    Cesare

    per te
    dormire è tempo perso

    Tu

    commuovi sempre

    sei proprio

    un cercatore di conchiglie
    nella spiaggia della vita

    Sublimi sono i tuoi versi

    adrenalina che scalda le vene

    musica

    che viaggia senza confini

    che fa sentire veramente vivi

    Antonella Cristina Z. Lidia Salvatrice
    (Pout pourrì di commenti)

    Cesare Moceo destrierodoc @
    Tutti i diritti riservati

     

  • 16 aprile alle ore 20:33
    Il mio percorso umano

    Il mio percorso umano
    Atti di rivoluzione non cercati

    incontri umani

    nella mia educazione
    legata alla mia infanzia

    nel mio viaggio esistenziale

    vertigini bruciate velocemente

    con obbedienze dovute
    alla fiducia nel futuro

    Un susseguirsi di emozioni
    da scoprire dentro

    nell'infinita scelta
    di strade da percorrere

    Ogni giorno una sfida

    un'avventura diversa

    occasioni da cogliere
    energie da liberare

    Conoscermi

    e riconoscere ogni centimetro
    del mio passato

    e vivere e rivivere
    come se nulla fosse

    i segreti piu' intimi
    del mio universo
    .
    Cesare Moceo destrierodoc @
    Tutti i diritti riservati

  • 16 aprile alle ore 20:32
    Duetto in amore

    Di specchi sono fatta
    E di mani sconosciuta
    Sete ho di te
    Ma la tua lingua è cieca

    Io bramo dissetarmi alla tua fonte
    Saziarmi del tuo nettare
    Inoltrarmi tra i sentieri della tua intimità

    E sentire così i nostri corpi intrecciati
    Sui fili sottili del desiderio

  • 16 aprile alle ore 20:31
    I miei pensieri

    I miei pensieri
    raccontano chi sono
    esprimono le mie passioni
    i miei amori
    la mia liberta'
    Desideri
    da regalare a chi mi vuol bene
    a rendere indelebili
    gl'incontri
    le amicizie
    le emozioni
    ognuna nel piacere
    del suo attimo speciale
    a raccontare la vita
    i tormenti
    le ambizioni
    .
    Cesare Moceo destrierodoc @
    Tutti i diritti riservati
     

  • 16 aprile alle ore 20:30
    E meno male che ci sei tu,Poesia

    Non ho voluto mai
    scrivere d'altro

    se non di te

    nella volutta'
    di ricordare al mondo

    il mio presente

    Con te
    ho ritrovato il mio vivere

    la mia dimensione

    il mio "tutto"

    Sei diventata
    la mia luce e il mio tormento

    il mio mal d'amore

    il mio fuoco e la mia cenere

    la forza che riempie
    tutto il vuoto che ho dentro

    Cosi'

    con te

    la mia anima
    ha rivissuto la sua bellezza
    .
    Cesare Moceo destrierodoc @
    Tutti i diritti riservati

  • 16 aprile alle ore 20:28
    Vita... sei guerra, sei dolore

    Vani monologhi

    rimproverano silenzi e poesie

    muta

    attonita

    l'anima sta
    senza piu' voglia di donarsi

    Simile a uccello di rovo
    intona la sua nenia schiava di se'

    mentre intorno
    sbocciano gladioli e rose bianche

    ...e la malvagita' le appassisce
    .
    Cesare Moceo destrierodoc @
    Tutti i diritti riservati

  • 16 aprile alle ore 20:27
    I ricordi del mio passato

    Sempre vivo

    vaga per l'aere
    il mio appagamento

    icona importante
    dell'unione tra la terra e il mio cielo

    sospinta dal fascino della vita

    Momenti belli di pensiero

    a farmi divenire
    un uomo senza tempo

    e rendermi cosciente

    d'aver un privilegio
    nella mente

    in quei ricordi sbiaditi
    dei valori del mio passato
    .
    Cesare Moceo destrierodoc @
    Tutti i diritti riservati

  • 16 aprile alle ore 20:26
    Tutto torna

    Cercare
    le ragioni dell'abbandono

    alzando alte mura
    alla trasposizione dell'anima

    mettendola al servizio dell'uomo

    tra il fascino d'offrirsi agli altri
    e il piacere di questa soddisfazione
    .
    Cesare Moceo destrierodoc @
    Tutti i diritti riservati

  • 16 aprile alle ore 20:25
    Momenti al culmine degli affett

    Malesseri

    dallo sguardo svagato

    si dolgono di vana leggerezza

    mentre pregano

    sperano e sognano

    lenti sospiri

    entusiasmi e orgogli dell'anima
    .
    Cesare Moceo destrierodoc @
    Tutti i diritti riservati

  • 16 aprile alle ore 15:32
    Briciole incandescenti

    Quanto sia vera
    questa colonna alta
    luce vuota di immagini.

    Quanto non sia, vorremmo, mentre 
    la gola stringe dove si strappa il sogno
    e non fa più primavera 
    vedere i fiori rossi nel bruciare
    da civiltà in preghiera 
    dove si affaccia un astro 

    poi va a svanire dietro fantasmi lievi
    -volano in vesti di bambini-
    e ninnoli che allietavano il sonno
    lasciano a terra briciole 
    incandescenti. Quelle, 
    non spegnetele mai.

  • 16 aprile alle ore 10:58
    Estemporanea

    Non mi pento di desiderarti
    Mi piace desiderati
    E ti desidero!

    ​(con Bia Cusumano)

  • 14 aprile alle ore 19:24
    Cos'è amare?

    Amare è più che abbracciare;
    amare è pure più che baciare.
    Amare non è altro che amare;
    cosa non molto facile da fare.

     

  • 14 aprile alle ore 11:25
    Quel giorno a Parigi

    Unica certezza 
    la penombra che scivola 
    sembra di condividere
    lo stelo con il fiore del muschio
    soffice tutto quanto si allinea al respiro
    un pertugio di spigoli
    e più ampio resiste 
    il cerchio da compiersi ai sensi
    ai sogni a soggetto 
    dopo occhi vivi prestati alla luna,
    a viaggiare sui bordi mi cadranno
    battiti di ciglia stupiti
    da occupare lo spazio pendolare. 
    Quel giorno a Parigi mi porti 
    a vedere un abito nuovo della bellezza 
    alle spalle vuoti di forma 
    essendo soli -ovvero 
    con una piccola valigia 
    migrati da due memorie, e un filo.

  • 14 aprile alle ore 0:26

    Chiamami scontrosa se mi acciglio di fronte ai tuoi comportamenti stupidi e da bambino. Chiamami incapace quando sbaglio e infantile quando piango. Feriscimi e umiliami pure se non sai su chi scaricare le tue frustrazioni e dammi anche della possessiva se osservo che tutto hai, tranne l'aria di qualcuno che ha occhi per una sola donna. Prova a distruggermi se mi difendo e calpestami pure se ti serve per sentirti migliore. Sono piccola e inutile se vuoi, trasparente e insensata se ti fa comodo, ottusa e capricciosa se credi...
    sappi però che di fronte a tutto questo, agli occhi miei TU appari tutto tranne che UOMO. 

  • 13 aprile alle ore 21:27
    Le mie preghiere, i miei scongiuri

    Fusi in una sola cosa
    l'anima e il cuore
    spesso arrancano
    stridendo e gorgogliando
    tra le afflizioni
    e il rullio della mente
    E m'impegno ogni giorno
    per evitare d'esser scontato
    e rendere cosi'
    omaggio al mio ingegno
    aiutandolo
    a sopravvivere nel tempo
    con metafore utili
    a arricchire la vita
    con simboli cercati apposta
    per accedere dritto al Cielo
    E lavoro per questo
    a stretto contatto con la mia storia
    cercando di unire arte e spiritualita'
    e poter dire alla noia...
    "...non cercarmi più
    ti prego
    e non venirmi più in mente
    ti scongiuro"
    .
    Cesare Moceo destrierodoc @
    Tutti i diritti riservati

  • 13 aprile alle ore 20:51
    Il più bel gruppo

    Mi pregio d'avvenimenti rilevanti

    col piacere di conservarli nella parole
    e salvarli dall'oblio

    rinchiudendoli
    nello scrigno eterno della poesia

    e nella gloria immortale
    che ad essa arride

    E mi piace pensare
    a noi nel nostro futuro

    a celebrarci nella nostra amicizia
    dilettata al suono dei versi

    e ricordarci nel tempo

    della fortuna che Dio ci ha dato
    del reciproco amore

    che fonde le nostre candide anime
    .
    Cesare Moceo destrierodoc @
    Tutti i diritti

  • 13 aprile alle ore 20:41
    Vivi e ama

    E tu

    che hai fatto dell'umilta' e prudenza
    i colori della tua bandiera

    a impregnare d'incenso i ricordi

    unica speranza
    che dona forza ai desideri
    e rallegra l'anima

    vivi capace...e ama
    .
    Cesare Moceo destrierodoc @
    Tutti i diritti riservati

  • 13 aprile alle ore 20:40
    I ricordi del mio passato

    Sempre vivo

    vaga per l'aere
    il mio appagamento

    icona importante
    dell'unione tra la terra e il mio cielo

    sospinta dal fascino della vita

    Momenti belli di pensiero

    a farmi divenire
    un uomo senza tempo

    e rendermi cosciente

    d'aver un privilegio
    nella mente

    in quei ricordi sbiaditi
    dei valori del mio passato
    .
    Cesare Moceo destrierodoc @
    Tutti i diritti riservati

  • 13 aprile alle ore 20:38
    Giorni che non so

    Giorni veloci

    conseguenti tra loro

    uno dietro l'altro a ancheggiare
    nel mio tempo

    a divenire rapaci
    come cicloni tempestosi

    e ondeggiare tra fluttuanti ore

    in pensieri spasimanti
    e speranze miseramente fallite

    E restano solo giorni

    dipinti con i colori della terra
    esaltati dalla malinconia

    nel desiderio represso
    di chiudersi dentro i ricordi

    in quest'unico rifugio sicuro
    .
    Cesare Moceo destrierodoc @
    Tutti i diritti riservati

  • 13 aprile alle ore 20:37
    La mia strada è lastricata di libri

    Incroci

    attraversati senza cercare alcuna strada

    senza preoccuparsi
    dell'oscuro volgere dei giorni

    E prendere a calci ogni bivio

    nella speranza di capire il presente
    e il perche' dell'esser duro con se stessi

    in pensieri perniciosi

    a voler uscire dall'adolescenza dolorosa

    fuggire da quel passato
    e attraversare ancora nuovi incroci
    .
    Cesare Moceo destrierodoc @
    Tutti i diritti riservati