username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Filtri di ricerca
  • La poesia contiene la parola
  • Nome autore

Poesie

“Uno sguardo vergine sulla realtà: ecco ciò ch'io chiamo poesia”
Edoardo Sanguineti


Le poesie dei nostri autori sono tutte raccolte qui.
Se vuoi inserire le tue poesie in una pagina a te riservata, iscriviti ora e scopri come fare!

elementi per pagina
  • 25 ottobre alle ore 12:33
    Io, naufrago salvato

    Sagome di geni e di perdenti fanno rotta nel mio sonno con la prua assorta malvagia e intricata verso porti che non portano conoscenze ultime della loro inutilità vacui pensieri dove far divenire legge ogni violazione morale Così resisto nel mio nuotare libero tra quei flutti ricchezza d'amore vestita ancor d'intelletto forti bracciate a condurmi avanti là sulle spiagge celesti dove s'arena l'odio . Cesare Moceo poeta di Cefalù Destrierodoc @ tutti i diritti riservati

  • 25 ottobre alle ore 12:32
    Il mio umano incanto

    Nel desiderio della passione alzo gli occhi al mio cielo di nuvole distese con i loro lineamenti delicati d'un'espressione tenue quasi di sofferenza a formare ombre morbide e coatte che si accumulano e s'attorcigliano nella loro densità travagliata dalla divina volontà E in questa schiavitù dell'anima rimango attaccato alla mia pioggia e a quella malinconia mista a tristezza e bontà che il suo scroscio infonde E sogni poetici quasi mistici immolano ogni desiderio in ombre fredde e mute scuotendo suoni oscuri e vibranti a incrinare il silenzio delle ore a soggiogare lo spirito e incenerire i sogni ispirati da fantasmi e apparenze nell'insorgere acre di curiosità a mordere le bramosie del passato Allegri ricordi vissuti nel diletto e nel dispetto angosce a costringere le delusioni infliggere il castigo d'esasperare i desideri e portar via dall'anima i profumi che emanano i pensieri e anche il mio poetare . Cesare Moceo poeta di Cefalù Destrierodoc @ tutti i diritti riservati

  • 25 ottobre alle ore 12:30
    Matrimoni riparatori

    Riconosco risarcimenti di speranze alle miniature d'affetto create dalla mente al cuore e all'anima vittorie a scatenare missive di dolcezza da conservare al futuro classicismi che abbracciano passato e presente simboli d'eterni amori che nell'ascoltarmi assumono strane espressioni quasi di stupidità e anche d'ansietà E mi parlo con gli occhi dicendomi cose che m'offendono a parlarmi con l'insistenza di chi da fastidio al prossimo senza far alcun elogio M'addormento... con le ciglia inumidite forse bagnate dalle lacrime nate dai miei pianti interiori . Cesare Moceo poeta di Cefalù Destrierodoc @ tutti i diritti riservati

  • 25 ottobre alle ore 12:29
    Rivoli di vita

    Vado in questo mattino brullo e ventoso ripensando a come sciorino i miei giorni molte volte tirati come elastici al limite della tensione ai quali basta un attimo per tornare alla loro quiete E mi sventolano negli occhi tutti i veli della mia vita alcuni bianchi di purezza altri rossi di furore altri ancora neri color Nulla mentre il mio andare mi riporta al passato e lì mi lascia a urlare tutta la sua intensità . Cesare Moceo @ Tutti i diritti riservati

  • 25 ottobre alle ore 12:27
    Così vivo

    Porto la rivoluzione dentro quei pensieri dove mi sembra possibile esercitare fascino di fermento che pervade l'anima E me ne vado estatico con la fantasia trascesa in una dimensione diversa a distillare là i miei sensi di colpa carezzare d'affetto la mia coscienza invasa di peccati non commessi e invocare il perdono per travagli interiori e nostalgie E cosi'...vivo.

  • 25 ottobre alle ore 8:31
    E piove

    Resto ancora un po'
    su questa riva
    a farmi compagnia.
    L’orizzonte è una lacrima

    che s’inabissa
    a largo delle mie ciglia,
    il vento spazza via
    l'approdo delle labbra.
    Tutto tace
    dentro
    e fuori di me.
    Mi perdo
    nella geografia
    di questo vetro,
    Mi vedo tornare
    tremendo,
    senza tempo
    come una maledizione.
    E piove.

  • 24 ottobre alle ore 21:54
    L'agnizione dell'umiltà

    Morire e rinascere lasciando tra i morti le zavorre del passato istinto di vanità dispersa a ricordarmi il (dis)piacere di quel tempo nella saturazione di me stesso vizio sublimante che insegue ciò che ancor non conosco e darmi umile conto di quel che mi sta davanti e che non riesco più a vedere al risorgere nell'improvviso e inaspettato riconoscimento dell'identità . Cesare Moceo poeta di Cefalù Destrierodoc @ tutti i diritti riservati

  • 24 ottobre alle ore 20:51
    Frammento 36

    Un verso
    E le porte dell'universo
    s'aprono come per magia

  • 24 ottobre alle ore 14:01
    Cartine al tornasole

    Tesson l'eternità i gesti e gli scritti in sublimevoli giorni insicuri e smorfiosi colori accesi di parole a coprire attimi esausti di pene e tormenti consorterie grezze incise nel tempo lasciate là in silente attesa a divenire anime folli pregne di passioni e singhiozzi di Verità E restiamo qua a rifiutare degli altri ciò che rifiutiamo di noi stessi fermi immobili ad aspettare utopie che in quanto tali mai si realizzeranno . Cesare Moceo poeta di Cefalù Destrierodoc @ tutti i diritti riservati

  • Inebriato d'arte nel mezzo di certi confusi tumulti son qua condannato a raccattare frammenti di sogni con l'anima inquieta a smarrirsi mentre odo dentro me lo scoppio dei miei singhiozzi E piango d'un sorriso irritante d'ironia e d'accettazione per la pungente sorte toccata ai miei occhi scuri turbati d'ira e conformati nello sguardo da più alti e concreti impeti di risentimento a lacerare tutti i veli del mio pensare avviandomi ancora stuzzicante sui sentieri delle illusioni a soffrire per i tanti dolori subiti Cammino ancora sotto braccio alle emozioni per orientarmi tra le strettoie buie della mia senilità impregnata d'entusiasmi e di speranze che mi lasciano sospeso a brillare nelle passioni che mi sono abituali abbagliandomi nel mio apparire di saper cogliere gli attimi fuggenti che guardano oltre l'orizzonte e accettare il destino e tutte le sue stranezze come doni inaspettati al di la della vita E non so se perdonare chi non ha capito la mia sofferenza d'amarlo . Cesare Moceo poeta di Cefalù Destrierodoc @ tutti i diritti riservati

  • 24 ottobre alle ore 13:58
    Angelo custode

    Più volte arrivai sull'orlo d'una bassa soglia alla porta della città celeste lucido dei miei stanchi momenti nell'ambizione d'una povertà voluta dolorosa brutta copia d'aneliti e voluttà E restai pieno dentro anima solitaria incantesimo Divino d'una magia interiore . Cesare Moceo poeta di Cefalù Destrierodoc @ tutti i diritti riservati

  • 24 ottobre alle ore 13:56
    La mia verità

    Cala la sera e lascio cadere sull'anima lacrime fresche d'occhi vivaci sì da costringerla ancora con nuovi germogli a raccontare al mondo sfumature di dolore di certi amori e del loro destino permeate di maschere di passioni sublimi che nemmeno la morte potrá rivelare E non spezzate i petali di questi nuovi germogli lasciateli anzi vivere nel tempo e cadere silenziosi nei prati sino al riverbero del loro ultimo sole cosicchè un nuovo vento d'amore li possa portare in riva al mio mare o davanti al tramonto Sono un poeta e per questo vi prego zittite i silenzi e i vostri tormenti io li trasformerò in passioni e gioiosi momenti Mi ritrovo così ad essere un uomo che dice parole strampalate e contorte nella volontà d'appassionar mia sorte conseguenza di un'infanzia piena di solitudine delle tante troppe assenze e da una formazione interiore imposta da proiettili e bombe Reduce da quell'educazione e sopravvissuto alle sconfitte del mio tempo oggi vivo la soddisfazione della libertà conquistata dell'amore dato e ricevuto dei sorrisi elargiti con la purezza dell'anima del mio "sentire col cuore" che sorride all'amore della mia democrazia che mi fa scegliere prima le idee e poi l'apparire degli uomini del mio "pensare positivo" nel silenzio che aleggia tra me e il Cielo. . Cesare Moceo poeta di Cefalù Destrierodoc @ Tutti i diritti riservati

  • 24 ottobre alle ore 13:55
    Rose belle con petali informi

    Vedo uomini sull'orlo dell'abisso che sorridono a se stessi per addolcire gl'intenti e indurre la mente a non considerarli il fallimento più bruciante della loro vita E vivono celando gli spettri dei loro pensieri intriganti anche nella freddezza di una finta emotivita' consapevoli il più delle volte di rimanere in bilico tra l'intelligenza e la stupidità tutti presi dalla paura d'essere inghiottiti dai loro stessi tormenti Farfalle frantumate nel petto trafitte da sacrifici imperfetti livree di cerimonie in magna pompa che accompagnano l'andare a dare impronte d'una grande casata Atteggiamenti a vestire l'aspetto di vere piume nere nel carezzare i gesti e ravvolti in spire di disarmoniche ascensioni fruscii d'anime attratte da morbose voluttà allegorate di vittimismo rose belle con petali di nulla talvolta perfide spine di dolore del destino con un profumo fine e triste a infettare l'intimità di nuove miserie E Io che sogno ancora di risvegliarmi avendo innanzi agli occhi...la pace . Cesare Moceo poeta di Cefalù Destrierodoc @ Tutti i diritti riservati

  • 24 ottobre alle ore 13:54
    Lassù qualcuno mi ama (è colpa mia ?)

    "Se qualcuno cercasse di capire il tuo sguardo, Poeta difenditi con ferocia. Il tuo sguardo son cento sguardi che ahimè ti hanno guardato tremando." (A. Merini) Ancor più oggi sto a credere alla bellezza di questo Creato a premiare la mia libertà e dove purtroppo per loro uomini senza cuore piangono asciutte lacrime d'incoscienza nella coscienza dei quotidiani oblii che impongono al vivere Menti stanche d'incubi ognuna impegnata a ripulirsi d'immondi pensieri come piccioni stanchi dopo lunghi viaggi a beccarsi e perdere piume e patire d'invidia per chi impavido d'amore nella bontà del suo aver dato riceve misericordie divine. E guardatevi dentro Vi dico io e se non vedete di buon occhio il vostro vivere e il vostro Dio inforcate le lenti dell'amore quando ancora udrete il pianto e le vostre doglie eterne Oltretutto "Lui" non fa pagare alcun pegno . Cesare Moceo poeta di Cefalù Destrierodoc @ tutti i diritti riservati

  • 24 ottobre alle ore 13:53
    La nobiltà della sofferenza

    Sentirsi inutile e cercare a tutti i costi l'origine di quel sentimento pensando che forse possa essere proprio una verità dettata dall'inconscio e che fa sentire in colpa l'anima per pensieri o gesti battezzati inconsulti dal vivere E non ci vuol nemmeno professare tanta umiltà né chieder alcun perdono per far comprendere alla mente che sono ancora qua...vivo Passeggio per la mia strada costruendo pensieri che subito dimentico suoni di poesia che mi rombano nella mente a chiedere alla vita di non togliermi il fiato in questo mio vaneggiar di desiderio che fa rivivere il passato nel vibrar dei ricordi E in quei pensieri "sento" in me tutta la nobiltà della sofferenza . Cesare Moceo poeta di Cefalù Destrierodoc @ Tutti i diritti riservati

  • 24 ottobre alle ore 13:52
    Il mutevole universo delle passioni

    Ho smesso di maltrattare dolorosamente consapevole la mia indole malinconica con le abitudini che provocano emozioni e vuoti interiori Rimbalzo ora contro alte mura d'ipocrisia senza vergogna nè priorità nel mio bisogno folle d'accusare con sensi d'umorismo cinismi e storture abusando dei miei versi ancorché sfasati Nutro le mie viltá rendendole peregrine d'eroismo in un mix di buone azioni e di gesti dove tutto diventa bizzarro nella forza della stupidità che esprimo raccontando la mia storia al mondo e in essa le deficienze dell'anima costanti nel mutevole universo dei sentimenti e delle passioni . Cesare Moceo poeta di Cefalù destrierodoc @ Tutti i diritti riservati

  • 24 ottobre alle ore 13:50
    Ero sempre spaesato

    Ho ormai l'età giusta per cavalcare libero e a briglie sciolte tra le praterie dell'esperienza perdipiù esaltato dal lasciare ai desideri interiori la spontaneità di scorrazzare a libero piacimento Amo di me la mia espressione compiaciuta nella scelta delle mie rime quando con parsimonia cerco sempre la nobilta' della parola riconoscendole nuove prospettive significati mozzafiato nella volontà d'approdare a stupende mete interiori Ringraziando l'intervento divino tuttavia non e' difficile capire il perche' da questa malattia non son mai guarito rimanendo attaccato alla coda del mio crepuscolo da cui faccio fatica a liberarmi nel tentativo ogni giorno per altro ben riuscito di difendere i miei confini . Cesare Moceo poeta di Cefalù destrierodoc @ Tutti i diritti riservati

  • 24 ottobre alle ore 13:49
    Il talento è un dono divino

    Mi racconto ancora,davanti le mie frange di pudore,senza remore né paure nonostante sia convinto di non aver tanto altro da dire.Uomo vecchio stile,curo i miei amori come fossero bambini appena nati,frutti acerbi appena raccolti.E non penso mai d'essere arrivato,anzi tutto quel che accade diviene quasi una ripartenza.

  • 24 ottobre alle ore 13:47
    Il vivere interiore

    ...a Valentina Agosta e famiglia ringraziandoli per il lor gentil pensiero... Il vivere interiore Saggezza empirica invade il respiro nel meditare il riciclo delle emozioni sapide "insidie" degli anni che scorrono dei dialoghi intimi d'albe e tramonti al cui languore mi diletto senza oziarvi dentro E parlo abbandonandomi a me stesso tra i filari della mia meraviglia per regali inaspettati tra presenze di devozioni celesti significanze abituali e intense a esaltare il piacere della vita interiore . Cesare Moceo poeta di Cefalù Destrierodoc @ tutti i diritti riservati

  • 24 ottobre alle ore 13:44
    Virtuosi distacchi

    Fuso sospeso in un'intensa estasi d'esistenza pervertita dalla libertà di rimpinguarsi al fuoco dei bisogni della mente resto aggrappato ai miei sospiri scolpiti nelle oscure silenziosità del vivere lussuriosita' dell'anima divertita delicatamente bella a corrompere e spronare ogni dolore del mondo celando i miei in perplessità sparse nei continui mutismi che feriscono i fiochi barlumi della speranza E ho voglia ancora di mantenere viva la fanciullezza che ho in me la curiosità propria di quell'età nei desideri d'amore che cerco sempre d'accarezzare creando versi restandone fedele per evadere i tormenti e donare al mondo qualcosa di positivo un fuoco sacro che possa bruciare di passioni e non si spenga mai nel suo ardere anche sotto la cenere del tempo . Cesare Moceo poeta di Cefalù Destrierodoc @ tutti i diritti riservati

  • 24 ottobre alle ore 13:43
    Assisto impotente

    Senza volerlo alzo gli occhi al cielo e svicolo come a scansare gli strali celesti nel sentire strano quel non so che di distacco dalla coscienza incosciente specchio d'ignavia che a volte riflette l'altra faccia della mia anima E mi sovviene la necessità d'amare la mia desistenza i momenti del suo mentire e le radici stesse di questa menzogna M'acquieto scrivendo su fogli di vita le mie sofferenze cedute ai flutti di giorni in tempesta venduti a ingorde viltà e a vane agonie d'infiniti oblii . Cesare Moceo poeta di Cefalù Destrierodoc @ tutti i diritti riservati

  • 24 ottobre alle ore 13:42
    Muri di fiamme

    Fuoco che dai vita al dire rabbioso nel tuo fiorir di lingue e scintille orsù descrivi il tuo tramonto spegni l'ardire di certi respiri racchiusi soltanto in fiati sporcati di veleni e d'egoismi riduci in cenere dolori e conflitti senza sfiorar pensieri e follie Io brindo al tuo fumo qual nebbia soave ch'avvolga e dissolva angustie e tormenti . Cesare Moceo poeta di Cefalù Destrierodoc @ tutti i diritti riservati

  • 24 ottobre alle ore 13:40
    I valori della vita

    Il piacere d'abbracciare è questo il vero valore della vita avere intorno i desideri agognati stretti stretti al cuore sospesi nel tempo coltivati nei sogni E rinchiudersi nel proprio cielo sempre in movimento in quello spazio di speranze dove cercare affetti e sensualità contenti al pensiero d'un roseo futuro e con la volontà d'affascinarsi a quelle emozioni . Cesare Moceo poeta di Cefalù Destrierodoc @ tutti i diritti riservati

  • 24 ottobre alle ore 13:39
    Cammino di pace

    I miei pensieri abbronzati di vita senza etá soffiano forte sui giorni frettolosi e inquieti orchestrati dal destino derivati dalla natura dei miei viaggi interiori nella sofferenza che dona all'anima il suo svolgimento trionfale E torri d'avvistamento diventano le cime dei pensieri quando estendono il sentire oltre il loro stesso fruscío e invadono l'anima di emozioni e di silenzi e disagi Esilaranze a volteggiare nella mente fino a trasformarla in un posto incantato dove volare alto tra luminosi cieli di fantasie e brezze calde di passioni . Cesare Moceo poeta di Cefalù destrierodoc @ Tutti i diritti riservati

  • 24 ottobre alle ore 13:38
    Aspettative

    Sogno un mondo dove vivere i propri attimi volgendosi all'amore, alla vita, ignorando ciò che ci circonda, persino la miseria che abbiamo dentro; il nostro essere effimero nel desiderio di stupire, disegnando i confini sfuggenti e misteriosi della realtà mista all'utopia. Creo nella mia mente nitide immagini di me relegato nella forzata realtà, quasi compassionevole, delle mie aspirazioni morali. Godo al pensiero d'esser degno di queste fantasie, al contrario di gente che passa il tempo cercando in sè microbi di significazioni, senza comprendere che in quella assidua ricerca nel suo presente gli darà di volta il cervello . Cesare Moceo poeta di Cefalù Destrierodoc @ tutti i diritti riservati