username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Filtri di ricerca
  • La poesia contiene la parola
  • Nome autore

Poesie

“Uno sguardo vergine sulla realtà: ecco ciò ch'io chiamo poesia”
Edoardo Sanguineti


Le poesie dei nostri autori sono tutte raccolte qui.
Se vuoi inserire le tue poesie in una pagina a te riservata, iscriviti ora e scopri come fare!

elementi per pagina
  • 08 gennaio 2013 alle ore 9:27
    Vorrei

    Vorrei che una brillante corona
    adornasse la tua chioma
    come la notte ogni stella

    vorrei che la tua orbita
    brillasse di luce propria
    come Venere dea

    vorrei che il tenue rosa
    colorasse la tua bocca
    come madre Natura ogni faccia

    vorrei che le mie braccia
    abbracciassero la tua vita
    come madre l’amata figlia

    vorrei che la mia carezza
    si posasse sulla tua faccia
    come petali di rosa

    vorrei che la mia rima
    non fosse dimenticata
    subito come ora.

  • 08 gennaio 2013 alle ore 7:55
    Agognata libertà

    Far fiorire i propri desideri
    nell'abisso che esorta all'ascesa

    scavare dentro di sè
    per ritrovare le proprie radici

    senza provare rimpianto
    per gli errori compiuti

    ricordarli con piacere
    riconoscendoli frutto
    del raccolto di stagioni trascorse

    senza temere di umiliarsi
    e di offendere l'anima

    riconoscendo che ciò
    che vorremmo avere

    e che anche vorremmo sfuggire

    è solo un volubile abbraccio

    nel quale rifugiarsi 
    per liberarci dalle catene
    che ci attanagliano

    rimanendo
    noi stessi prigionieri
    di quest'agognata libertà
    .
    cesaremoceo

  • 07 gennaio 2013 alle ore 22:40
    Ti regalerò

    Ti regalerò dell'erica rosa
    tanto simile a un grappolo
    negli acini fiori di uva.

    Che ti inebri il suo vino
    donandoti quella dolcezza
    smarrita dall'ultimo bacio.
     

  • 07 gennaio 2013 alle ore 22:30
    Profumo antico

     
    Timida l' ombra d'un cipresso
    si specchia nel  mare opalescente
    disegnano gli occhi,
    una casa antica
    impastata di pietre e mattoni
    i glicini cadono pensierosi
    dipingendo
    il prato
    scherzoso  il venticello
    agita le fronde,
    riportando alla memoria
    ricordi semplici, ma cari!
    Entriamo...
    Il focolare è acceso
    scoppiettando i ceppi..
    nella pigna balbettano
    le caldarroste
    delizia dell' olfatto.
    fantasma vaga nell' aria
    l' odore del pane appena sfornato,
    fumano le fragranti pagnotte nella madia.
    Ubriaca, l' odore di vino rosso novello
    sulla tavola imbandita di ricordi.
    E' Domenica, la famiglia riunita
    si presta a desinare
    canti di  bimbi
    rallegrano la mensa.
    Il profumo d' un tempo..
    scende quatto quatto
    dalle scale che affiancano la casa
    Restera' per sempre nella stanza
    dove dormivo abbracciata
    a nuvole di sogni.. da bambina.
     

  • 07 gennaio 2013 alle ore 22:18
    Similitudine

    Rattrista il fiume in secca
    col fango rappreso
    che alle rive si sgretola.

    Lo rassomiglio all'ispirazione
    che se ne va in vacanza
    lasciandosi dietro parole
    senza senso nè musica
    d'un polveroso rumore.

  • 07 gennaio 2013 alle ore 18:57
    Tramonto

    Una nuvola viola
    innamorata del sole
    tutto lo occupa
    il tramonto fermandone.

    Spettatori lontani
    la conifera sempreverde
    e a fronte protesi i rami
    la betulla nuda di foglie
    guardano affascinati.

    Un alito di vento
    il velo dipinto scosterà
    e mostrerà il disegno
    dei monti alla sera.
     

  • 07 gennaio 2013 alle ore 17:09
    Quattro Amici

    Quattro amici che non sono amici
    Si recano in un ristorante che non è ristorante,
    Seduti su quattro sedie che non sono sedie
    Intorno ad un tavolo che non c’è,
    Divorano cibo che non è cibo
    Ma solo nutrimento dell’anima.
    In un giorno che non è giorno
    In una notte che non è notte,
    Dei quattro amici che non sono amici,
    Il primo è morto di una morte
    Che è morte,
    Il secondo è morto
    Che non è morte
    E vive di una vita
    Che non è vita,
    Il terzo è partito di una partenza
    Che è vera partenza,
    Il quarto è rimasto solo in una solitudine
    Che è solitudine,
    Tutta vera e vera veramente.

  • 07 gennaio 2013 alle ore 14:08
    Il Silenzio

    Innamorato di te
    per il suono di una tromba
    scorrono nelle vene,
    respiro nell'aria
    quelle note. 
    In penombra vicino a te resto,
    Silenzio, 
    strascico del mio passato.
    Nel presente
    ti guardo sopravvivere,
    sentimento affannoso,
    alle ansie e alle paure,
    nella schiavitù libera
    della mia solitudine,
    crudele destino
    dei miei giorni sempre uguali.
    Mi trasporti
    sulle note della tua musica,
    dolce e leggera,
    nelle mie artistiche performance,
    volando tra le nuvole del pensiero
    e sfidando
    le vertigini di un Nulla
    disperso nei meandri
    dei miei perenni affanni,
    a raccontare di mesti sorrisi
    senza amore
    e ripulire
    la mia anima immonda.
    La tua bellezza
    riempie la mia natura
    e col tuo fiato carezzevole,
    gioiosa armonia,
    rafforzi
    il nostro indissolubile legame,
    confortando l'insonnia,
    tra versi ispirati
    e passeggiate
    nei pietosi percorsi dell'Infinito,
    ad assorbire l'intima conoscenza,
    preziosa erba medicinale
    nella sconfinata prateria dell'Essere.
    .
    cesaremoceo

  • 07 gennaio 2013 alle ore 14:05
    ricordando mia madre

     

    Nella mente avida
    eterea immagine fluttui
    e il desiderio di te più forte incalza.

    Presto sfuggevole emigri
    e sentimenti di malinconica nostalgia
    m’invadono.

  • 07 gennaio 2013 alle ore 10:59
    Sta' terra mia

    Sento ancora stu dulor mentr prov ò vvott afor,
    e' parol so' sempe poche ma comunq' mo' ce prov,
    l'aria manc a chi nun ten chiù speranz
    ogni istant comm a nu cazzott rind a' panz,
    ò suror ormai è normal, ò sfuorz è diventat recidiv
    pe' chi se vulesse sentì ancor viv.

    parol, parol viaggen rint à cap,
    comm à nu treno ca nun tene chiù fermat,
    pensann à na storia continuament ripetut,
    comm' a nu film vist già nu milion e vot,
    ma stu pensier è pe sta terra mij,
    ca ormai se l'ha scurdat pur dij,
    cert c'è rimast ancor gent onest,
    ma sul chi è disperat cca ce rest...

    cert, è chien e contraddizion,
    cert, ca e' chiu' fort o' ricatt do padron,
    ma ij so' nat ca', e nun me ne vogl ij,
    allor resto pe cagna' sta terra mij..

    vola, vola, vola e nun se ferm,
    cresc prepotent comm a n'istint,
    ca nun puo' reprimer,
    nun a'puo' ferma' chest'anema,
    brill o' sol 'ngopp e' facc,
    ma a'cammor c'attacc comm a' nu lacc,
    scorr o' sang rint e' ven,
    ma scorr pur l'eroin.

    Nato in periferia di questa bella città,
    malata di una malattia che è difficil a sanà,
    pecchè comm a nu cancr ca infett a tutt quant,
    e po' tant a gent s'arrang,
    comm à semp fatt e vò continuà,
    e chi s'è rutt ò cazz allor se ne và.

    cert, è chien e contraddizion,
    cert, ca e' chiu' fort o' ricatt do padron,
    ma ij so' nat ca' e nun me ne vogl ij,
    allor rest pe lotta' e cagna' sta terra mij..

  • 07 gennaio 2013 alle ore 10:43
    Storia e' nu guaglione

    Chella ca ve conto stasera è a’ storia e nu’ guaglione,
    ca’ nonostante tutto parlava semp’e rivoluzione,
    e mentre ò munno cagnava isso restava eguale,
    e io mo’ ò canto ‘nmiez a gent, ‘nmiez all’at…

    O’ juorno e tutti e’ juorni accumenciaino e’ guai,
    à gente accumenciai a produrre chiù e chello che aveva cunsumato mai,
    e’ padrun prepotent speculaveno ‘ngopp ò sang da’gent,
    e nu’ messaggio alienante azzeccava à capa a tutti quanti..

    Crisciuti rint a quartieri arò se romme sulo,
    à guerra nun è assai luntana, cà se cammina cà paura,
    e nun basteno chiù e foss p’annasconnere e criatur,
    e nun basteno parole quando crisci senza futuro..

    Chella che ve conto stasera è a’ storia e nu guaglione,
    ca’ nonostante tutto parlava e fa a’ rovoluzione,
    riceva ca’ tutti quanti stevemo rint a stessa condizione,
    l’assenza e futuro tratto tipico e na generazione..

  • 07 gennaio 2013 alle ore 10:38
    disperato canto

    facc' chello c' posso,
    cammino p'à strada,
    rint à stu munno ch'è fa pe' ji annanz,
    scanzanneme e' fuoss cercanno speranze.
    e ò munn è na malatij, vota e gir aggio sempe è peggio ij,
    ca' songo uno comme a tant,
    disperato canto...

    l'impegno ca metto rint a ogni singolo difetto,
    ca' caratterizza sta strada,
    è à contraddizione e campa' rint a nu munno sbagliat.
    ogni vvota ch'è scur e m'arricordo ca' e vvot fa' ancor paur,
    m' rest impress o' rifless r'appiccia' à LUCHA.

    o' ricatt chiù fort ca me putiss fà,
    e dirm accir, deruba e perseguit si vuò campà,
    ma mentr ce pens te stai già arrubbann e pensier e ò mod p'ò ffà,
    e ij so' sul un comm a tant,
    disperato canto...

    l'impegno ca metto rint a ogni singolo difetto,
    ca' caratterizza sta strada,
    è à contraddizione e campa' rint a nu munno sbagliat.
    ogni vvota ch'è scur e m'arricordo ca' e vvot fa' ancor paur,
    m' rest impress o' rifless r'appiccia' à LUCHA.

    e ogni ingiustizia è pur a mij,
    dal Chapas alla Palestin,
    ogni candido sorriso,
    che si spegne sotto un carro armato.
    il capitalismo è fatto così,
    siamo solo numeri,
    però nuj ne simm tant,
    picciò cacc'à raggia e canta...

    l'impegno ca metto rint a ogni singolo difetto,
    ca' caratterizza sta strada,
    è à contraddizione e campa' rint a nu munno sbagliat.
    ogni vvota ch'è scur e m'arricordo ca' e vvot fa' ancor paur,
    m' rest impress o' rifless r'appiccia' à LUCHA.

  • 07 gennaio 2013 alle ore 10:26
    Canzonetta al potere

    sento disagio da tempo in ogni tempo studiando le ragioni dell’uomo,
    nel contesto più recente un elenco di motivi non distante, da quello dei miei avi…

    ci sono gli interessi, la vostra finta democrazia,
    il vostro concetto di sviluppo, legato solo all’economia,
    c’è l’arrivismo, c’è il capitalismo, la liberta’ solo del mercato…
    ma non manca la fantasia, manco la borghesia,
    forse  la liberta’ di stampa almeno solo in teoria…
    ma e’ quella d’espressione, di pensiero, di ragione
    che vien sempre più minata da una scatola illuminata,
    che del progetto criminale di far fuori tutto il dissenso,
    regola il compromesso dibbattendo solo dell’eccesso…

    spesso c’è chi resta lesso ma di tanto in tanto un crocifisso
    regala un po’ di speranza a chi vive per inerzia.

    le false idee, le finte ideologie, la repressione delle masse in tutte le liturgie,
    sempre canoniche, quasi apostoliche, il pastore dall’altare dà il giudizio da osservare
    e le pagine sempre più bianche si riempion di cazzate,
    e quand’è finita la messa che finisce sempre in rissa,
    quello che esce indenne dalla zuffa era quello in ultima fila,
    che ha concertato e concordato che lo scontro non equilibrato
    fosse poi trasformato in un epico episodio.
    bisogna criminalizzare chi lotta contro il potere
    perché c’è rischio che la rabbia non possa essere contenuta da una cella,
    c’è bisogno di rinforzi, visto che ne siamo molti
    ed è per questo che lo standard e metterci gli uni contro gli altri.

    c’è l’alfa, c’è l’omega, c’è la dignita’ e chi la piega,
    un dittatore e la sua stregua manca solo una tregua…
    c’è una terra di nessuno che qualcuno ha requisito,
    qualcun altro fa’ da cassa mentre la gente ci si ammazza,
    con la scusa del passato e l’appoggio della nato,
    ha distrutto e sterminato commettendo ogni reato.
    c’è la verita’ e poi quello che ci raccontano,
    il rischio grande e’ che ci convincano,
    grazie ad una scatola illuminata attraverso la quale ci controllano…

    spesso c’è chi resta lesso ma di tanto in tanto un crocifisso
    regala un po’ di speranza a chi vive per inerzia.

    cerco ancora nuove parole per raccontare vecchie storie
    che continuano ad agire sotto gli occhi di chi tace,
    le nuove generazioni, le nuove tecnologie,
    nuovi servi, nuovi strumenti ma vecchie monarchie,
    oggi manco tanto nascosti,
    non viaggiano più in mezzo ai boschi,
    fosse solo perché ormai li hanno venduti quasi tutti,
    la carrozza oggi è di metallo con assai più di qualche cavallo,
    col telaio rinforzato e il copertone rivestito ma resta sempre il blu il loro colore preferito.
    comandan grandi eserciti e giocano a far la guerra,
    non colonizzan più paesi, non allargano i loro confini,
    ma fanno opere affini a tutti i cittadini,
    chi si ribella è già perduto, perché di plexiglass lo scudo
    mentre il materiale dei manganelli assomiglia a quello dei martelli,
    sempre molta attenzione all’appoggio nobiliare che oggi per mestiere fa il banchiere.

    sento disagio da tempo in ogni tempo studiando le ragioni dell’uomo,
    nel contesto più recente un elenco di motivi non distante da quello dei miei avi…

    ci son padroni, ci sono schiavi, ci sono cose che si rovescian solo con le mani,
    ci son i sinonimi e c’è l’alternativa, c’è una parte che è ancora viva,
    c’è l’imu e pure l’iva, c’è di ribellarsi una necessità istintiva…

  • 07 gennaio 2013 alle ore 10:18
    C'ho l'amore

    c’ho l’amore, c’ho l’amore, questa malattia del cuore,
    c’ho l’amore, c’ho l’amore…
    le parole, le parole, servon a poco per spiegare,
    son malato da morire…
    c’è chi duole, c’è chi tace, chi differenzia e vuol decidere,
    ma l’amore non conviene,
    non conviene con la chiesa che ne fa del cielo ascesa
    e fomenta ancora odio per chi dell’amore non fa stereotipo,
    non conviene con quelli per bene che reprimon la passione,
    si l’amore, quello vero, non conviene…
    c’ho l’amore, c’ho l’amore, questa melodia che esplode,
    c’ho l’amore, c’ho l’amore…
    quell’odore, quell’odore, che ricorda prati in fiore,
    qui disteso potrei morire…
    non si finge, non mi convince, chi confonde e poi riflette,
    perché l’amore è un’azione fatta senza senza nazione nè differenza alcuna,
    nell’agire so di amare,
    e chi soffre, chi rimpiange, chi vorrebbe dimenticare,
    si ricordi, che anche quello, è amore…
    c’ho l’amore, c’ho l’amore, questo quadro d’autore,
    c’ho l’amore, c’ho l’amore…
    quel colore, quel colore, che riempie le giornate piu’ nere,
    mi ricorda che c’ho l’amore…
    c’ho l’amore, c’ho l’amore, e non servon piu’ parole,
    c’ho l’amore, c’ho l’amore…

  • 07 gennaio 2013 alle ore 9:09
    Quattro Cento Ventisette

    L'appuntamento al gomito di una via smanicata, nessun numero civico, non un divieto, i semafori spenti, i raccordi intasati come tubi satolli. Io la', puntuale e rosea, cacciatore lungo il perimetro biondo del nido. Prenderti così a noleggio il cuore, la foggia dolciastra del mento, il rapinoso sorriso, le mani e la schiena, urlare in una folla stupita e dal dialetto straniero: e' mio! Non toccatelo! Alla larga la conquista, il tentacolo, il tentativo. Scegliere dall'armadio la gonna senza merletto ed una gobba per fare affaticata la direzione alla luna e venirti incontro, sprovveduta e sprovvista. Solo per afferrarti con il vento della prima cosa che amasti ed avere di quella primizia la medaglia, il sollievo ed il fardello. 

  • 07 gennaio 2013 alle ore 9:04
    Quattro Cento ventisei

    Un rappezzo mostruoso non basterebbe a sanare la svastica del suo abbandono : incolmabile e' la misura dell'affondo con cui prende di mira l'esatta pulsazione del mio diletto, ingabbiato orpello e sanguigno. Schivarlo? Impossibile: non esiste stagione che sia al sicuro dalle sue mani, dalla fossa maliarda della bocca, dalla nodosa parure che ne abbino' le iridi ai lobi ed i lobi alla mascella. Così lascio che mi prenda le ultime resistenze: ciò che e' arreso, si e' arreso sorridendo. Ma se andasse via il suo assalirmi, mi piegherei al nemico peggiore che e' trascinarsi per sempre senza una sola, grondante ferita, un alveo senza sutura che ricordi il fatale foro d'ingresso del conquistatore. 

  • 07 gennaio 2013 alle ore 9:00
    Quattro Cento Venticinque

    Questo demonio non sfebbra e sale la china delle nostre dita con l'urgenza di un rigurgito secco, innaturale salasso che sugge iniettando, falena intabarrata fra la tenda della sanezza esibita ed il vetro delle nostre ossa agitate a lutto. A lungo portiamo selvaggio un eccitato verro fra il palmo e la pagina, schizzo senza recinto votato ad accrescere la fame con cui ci affama, nero oracolo a cui porgiamo le mani ed il feto di ogni parola. Pregando che il nascituro somigli prima di ogni altro a quell'instancabile seme cangiante.

  • 06 gennaio 2013 alle ore 21:53
    E' la poesia

    E' la poesia
    che libera la mente
    dalla razionalità.
    E' Lei
    che permette di sognare
    ad occhi aperti
    e continuare a farlo
    nelle pagine immortali
    dei pensieri scritti
    e disperdere
    nel vento dello spirito
    tutti gli strazi
    dei dolori patiti,
    che fan piangere
    lacrime amare
    le cui gocce unite
    formano
    quella collana di attimi
    di dolore e d'allegria
    che addobba i nostri giorni.
    E' Lei
    che aggrazia l'anima
    e plasma il pathos
    in sensazioni
    migranti verso l'infinito
    e dà la speranza,
    forse anche solo vana,
    di momenti di follia
    a riempire vuoti incolmabili
    nell'apparenza del vivere
    orientandoci
    in mille sentieri
    e in ognuno di essi
    vedere
    cosa ci riserva il futuro.
    .
    cesaremoceo

  • 06 gennaio 2013 alle ore 20:15
    L'Abbraccio

    Carezzare il sole
    che vita mi dona
    è il pensiero
    ultimo
    nella notte che scivola
    nell’esistenza che fu.

    Ma il mio amore
    con l’abbraccio a sé mi stringe
    e nel sognato mondo
    mi conduce.

  • 06 gennaio 2013 alle ore 17:53
    CLXI

    Quando l’animo riconquista pace
    la mente fine dell’uomo divino
    spacciandomi qual figlio del vicino
    Cile m’affida  a capitan’audace

    di  peschereccio di bandier mendace
    affinchè mi sbarchi, poi, oltre confino
    e m’accompagni, sua persona, infino
    in  Montevideo, a  villa  Treverace.

    Tempesta ci sospinge in alto oceano
    sferzando violente onde su fiancate
    ch’ogni nostro  sforzo riducon vano.

    Tre giorni dura, ahimè, l’immane lotta
    e vicina è ormai nostra sconfitta;
    che speme e nostre forze son’andate.

  • 06 gennaio 2013 alle ore 17:50
    CLX

    A conoscenza del vile misfatto, 
    per nostra casa innata simpatia
    e anche perch’io caduto  in apatia
    danno d’amicizia grande rispetto.

    Tre mesi resto steso dentro un letto
    e solamente Dio sa quant’io patia
    che mente da dritta e storta si dipartia
    non rispondendo più alcun concetto.

    Dì e notte m’accudiva la buona donna
    e mi cantava pure la ninna nanna
    come  faceva la dolce mia nonna.

    Per otto mesi mi danno lor cure,
    finchè mia mente sconfigge condanna
    ridando riso a quell’anime pure.

  • 06 gennaio 2013 alle ore 17:48
    CLIX

    Sette vite ritrovo accanto a me
    spezzate, inzuppate del loro sangue
    innocente; dall’or lo cor mi langue
    e mente mai scosta nefanda trame.

    Ma qui non sono a raccontare di me
    né di mia casa che sciagura estingue
    ma di due anime di bontate pingue
    ch’an vinto trame, nefandezza e fame.

    Dello  zio Gianni dico e zia Sisina
    e reco di loro a voi ambasceria:
    Sono sfuggiti a disumano eccidio,

    scampati, pure, ad un vile incendio,
    hanno perduto casa e pur cascina
    compreso vacche e tori e masseria.

  • 06 gennaio 2013 alle ore 14:31
    haiku n. 104 (spicca il volo)

    spicca il volo
    con ali di cartone
    la nuova alba

  • 06 gennaio 2013 alle ore 13:01
    La piccola notte

    La notte è piccola quando non torni
    il tempo trascorre cavalcando l'ansia
    indomita compagna di ore insonni.

    Trascino i miei pensieri nebulosi
    sino alle prime luci dell'alba
    stancamente tutto  si acquieta.

    Il sonno reclama e conduce lontano
    vincitore piomba con le sue ali
    impalpabile nell'estasi del riposo

  • 06 gennaio 2013 alle ore 11:40
    La Befana De Piazza Navona 2013

    Te ce porto, si stai bona
    a vedè quela funtana
    ce dev’esse la befana
    Propio là, a Piazza Navona.
    Quanno ariveremo in zona,
    anche si ce stà buriana
    la carzetta, la più strana
    te la fa nonna Simona.
    Cor soriso la pupetta
    dà la mano alla nonnina
    e ner mentre che cammina
    già s’inzogna la carzetta…
    -Smiccia,  quante bancarelle!
    Quanta gente! Da nun crede
    che ‘sta tutta quanta in piede
    e c’è odore de frittelle!-
    E la nonna va diretta,
    cerca er banco: “S’è spostato?
    Cià  lo zucchero filato,
    co’ li dorci e la trombetta…”
    Nun sé accorta, poveretta
    de li turchi e l’eggizziani
    tra kebab e giochi strani…
    Lì c’è un banco de porchetta!