username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Pompeo Arienzo

in archivio dal 09 giu 2006

07 giugno 1958, Ischia

19 febbraio 2007

I treni

Sul davanzale, appoggiato con il mento,
guardavo, da bambino assai contento,
dalla mia prima e tranquilla abitazione:
locomotive, treni, convogli, laggiù in stazione.

Sognavo ad occhi aperti appena ieri,
solo viaggi in luoghi nuovi ai miei pensieri!
Treni che lasciavano i binari verso il cielo
al far dei macchinisti: lavoro e zelo.

Ero sì del convoglio “azzurro” grande viaggiatore,
al tempo stesso, IO, Signore del Vapore.
Sbirciavo paesaggi ed Italici sentieri,
il mio naso schiacciato alla finestra, giorni interi.

Un fischio per l’arrivo o una partenza
un cartone, della colla, e tanta pazienza
riproduceano in casa tanta meraviglia
viaggi che coinvolgevano l’intera mia famiglia.

Sono cresciuto, e il tempo s’è preso i viaggi
con essi i sogni , gli interminabili meriggi.
Non prenderà di me gli acuti suoni sordi,
le palette rosse, i treni, i treni, i miei ricordi.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento