username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Filtri di ricerca
  • Il racconto contiene la parola
  • Nome autore

Racconti

“Scrivere è viaggiare senza la seccatura dei bagagli”
Emilio Salgari


I racconti dei nostri autori sono tutti raccolti qui.
Se vuoi inserire i tuoi racconti brevi in una pagina a te riservata, iscriviti ora e scopri come fare!

elementi per pagina
  • 26 febbraio alle ore 13:11
    Cade la neve

    Come comincia: Pensavamo che le nevi dell'inverno fossero completamente scomparse, ma ci sbagliavamo.
    Mentre sognavamo attorno al fuoco, avvolti strettamente nei nostri pensieri, i fiocchi di neve erano raccolti dal loro stato di fusione bagnata dagli staia e dalle barche, dai cesti e dalle casse, in tutta il paese, le nevi bianche dell'inverno sono riapparse sugli alberi di pero, di melo,copiosi, vaporosi e puliti, la passamanerie degli angeli, il primo segno della primavera.

    E io, che mando sempre fiori bianchi per onorare i morti, ho sentito il grande silenzio vuoto che da molto oltre gli oceani mentre migliaia di anime si alzavano tra le nuvole bianche.
    Quindi pianto un fiore importante che si chiama la regina di primavera,è bianca e la pianto in fioriere e finestre che dal giardino si rovesciano sulla pietra.
    La loro fragranza galleggia nell'aria del pomeriggio.
    Con una bellezza delicata, sono fiori abbastanza coraggiosi da resistere a tutto il freddo che deve ancora venire - ciascuno sboccia una preghiera, ogni petalo un ricordo.

    Ho pensato che quando ero abbastanza grande avrei capito di più, pensavo che le candele della mia torta di compleanno avrebbero significato una saggezza.
    Ma ci sono misteri più enormi e domande più complesse di quanto avrei mai potuto immaginare quando riponevo la mia speranza nell'ampiezza dei miei anni.
    Così pianto e prego e mi tengo per mano con la terra.
    Mentre il mondo diventa bianco

  • 25 febbraio alle ore 8:36
    È tutta colpa mia [3]

    Come comincia: Nonostante tutto ancora conservo la mia ironia e la mia gioia di vivere. Un giorno incrocio nel cortile il figlio trentenne dell’amministratrice e lo saluto con un allegro “Buongiorno!, convinta che tutte quelle cattive azioni fossero dettate dalla bile di due pensionati un po’ fissati, ma certa che dei giovani come i figli non ne fossero coinvolti e che loro vedessero a quegli avvenimenti con la stessa ironia e benevolenza con cui li vedevo io. Quello non risponde e tira dritto. E qui mostro di nuovo la mia imprudenza e stupidità. Invece di tirare dritto in silenzio senza curarmene, nella mia ingenuità di voler portare quel condominio a rapporti normali e civili, dico qualcosa per sdrammatizzare. Quello mi fa minaccioso: “Signora, state attenta. Siete sul filo del rasoio. Noi mettiamo l’avvocato.” Nella mia ingenuità solo allora penso che la signora ha raccontato anche ai figli che io l’avessi picchiata e che mio marito ha rubato.
    L’avvocato a cui si è rivolto mio marito ha passato tutto ai figli: al maschio il penale, alle due figlie minori il civile. Purtroppo il giorno dopo vedo le ragazze e, ancora sconvolta, riferisco le parole che mi sono sentita rivolgere.
    Intanto Lorina, la figlia minore di zio Furio ha deciso di sposarsi. Mio marito riceve un plico da zio Furio che non apre. Ci convoca mio padre che ha ricevuto lo stesso plico e dice a mio marito che se avesse aperto il plico avrebbe trovato una bella lettera di mio zio in cui diceva che dovevamo tornare ad essere una famiglia e tante altre belle parole. Ma oramai so come agisce mio zio. Anche sua sorella, mia zia Liliana mi aveva avvertito: zio Furio commette la sua mascalzonata poi ha bisogno di qualcosa da te e viene da te con tante belle parole dicendo che siamo una famiglia, quel che è stato è stato e poi, quando ha ottenuto il perdono e quello che voleva da te, ti sferra un’altra coltellata godendo ancora di più per il tuo stupore e dolore. Dissi: “Papà, se zio Furio voleva presentarsi come la colomba con il ramoscello di ulivo in bocca, si sarebbe presentato con il ritiro di quella ridicola citazione contro mio marito e una bella lettera di scuse firmata da tutti i condòmini”. Ed in effetti lì sbagliai, oramai eravamo in guerra ed avrei dovuto combattere astutamente, avrei dovuto pretendere il ritiro della citazione ed una bella lettera di scuse firmata da tutti i condòmini in cui si attestava che non avevano nulla da eccepire sull’operato di mio marito. A quelle condizioni sarei andata al matrimonio. Ma sono sicura che non li avrei ottenuti.
    Al rientro da casa trovai il biglietto d’invito che respinsi.
    Come previsto, il giorno dopo il matrimonio mio marito riceve una raccomandata da un altro loro avvocato con altre pretese ed accuse a mio marito.
    Vediamo l’avvocato padre che si dimostra turbato per le minacce che ho avuto dal figlio dell’amministratrice e vuole scrivere una lettera di monito. Io dico di lasciare perdere. Ed invece, ci deve essere un malinteso, qualche mattina dopo vedo sul solito davanzale dove il postino lascia la posta una lettera indirizzata al figlio dell’amministratrice, mittente il nostro avvocato.
    Avrei voluto prendere quella lettera e distruggerla. Ma il rispetto delle norme era in me ancora troppo forte e la lascio dov’era. L’amministratrice è fuori in vacanza. Anche io prendo le ferie e me ne vado al mare. Quando riprendo il lavoro, anche l’amministratrice è rientrata da un paio di giorni. La voglia di mare è ancora troppo forte e quando nel tardo pomeriggio rientro dal lavoro, dico a mio marito di andarcene a mare e così facciamo. In quel periodo vado al lavoro in treno e la mia auto è ferma in cortile da almeno un mese. Il secondo giorno di lavoro dal rientro delle ferie rientro un po’ più tardi a causa di un ritardo del treno, ma ho ancora voglia di andare a mare e rientro con questa intenzione. Ma rientrando vedo il cofano anteriore della mia auto sporco di acqua e fango. È come se dalla finestra del primo piano, finestra corrispondente all’appartamento dell’amministratrice, avessero gettato una secchiata di acqua sporca. Avrei dovuto tenere la cosa per me e rientrare comunicando a mio marito la mia intenzione di andare al mare ed andarci. Invece lo sbigottimento è troppo grande e gli comunico quel che ho visto coll’idea di essermi sbagliata. Invece mio marito esce e conferma. Vuole pulire l’auto. Gli dico di lasciar perdere e di andare al mare. Lo sporco è ancora fresco e mio marito insiste a pulire prima che lo sporco s’incrosti. Allora rientro a cambiarmi ed a prendere degli strofinacci. Quando riesco, mio marito non è più accanto all’auto. Ristò un po’ sull’ingresso del palazzo, interrogandomi sul da farsi, quando arriva la figlia dell’amministratrice che prima mi spintona di lato, poi comincia a colpirmi in faccia, facendomi cadere gli occhiali, sulle braccia ed a darmi calci alle gambe. Quindi desiste e corre fuori. La seguo, temendo per mio marito, e, quando giro l’angolo, vedo mio marito indietreggiare di fronte agli attacchi dell’amministratrice e la figlia che accorre a dare man forte alla mamma. Accorro anch’io chiedendo a mio marito se devo chiamare i Carabinieri. Non ricevo risposta, ma la figlia e la mamma si rivoltano contro di me per cercare di strapparmi il telefonino. Mio marito si frappone e quelle, vedendo vani i loro tentativi, desistono e se ne vanno.
    Arriva settembre e mio marito riceve un’altra citazione. Mio zio (o forse il loro nuovo avvocato furbo) ha cambiato di nuovo idea. Questa volta afferma di aver sostenuto delle spese per il condominio, ma dimentica di dire, come aveva fatto nella precedente citazione che come “consolidata consuetudine” non versava le rate condominiali e che le rate gli erano state scomputate per quelle spese. Ora vuole essere (di nuovo) rimborsato e chiede €461. Inoltre l’amministratrice accusa mio marito di aver gestito €1400 senza averne l’autorità non essendo più l’amministratore. Evidentemente dimentica che erano stati loro a chiedere a mio marito, per favore, di occuparsene lui perché per la nuova amministratrice sarebbe stato troppo gravoso.
    E qui perdo la bussola[L1]  e dimostro sempre più la mia ingenuità[L2] . MI scandalizzo come non mi ero mai scandalizzata prima. Non mi ero scandalizzata di fronte a preventivi falsi, scritti per sottrarmi denaro, non mi ero scandalizzata di fronte alle innumerevoli versioni di zio Furio sui conti. Le avevo solo considerate estremamente seccanti per il tempo che ci faceva perdere. Ma qui li vedevo andare dal giudice sostenendo scientemente il falso. E allora? Lo avevano già fatto con me, mandandomi un decreto ingiuntivo per lavori che non erano mai stati eseguiti. Qual è la differenza ora? Forse è che allora avevano attaccato me. Ora attaccavano mio marito.
    E da allora comincio quasi a non pensare ad altro. Anche sul lavoro mi distraggo e non riesco a pensare ad altro. Penso a come difenderci. Era semplice: avrei potuto aspettare qualche mese e portare la loro fattura falsa alla guardia di finanza, così l’amministratrice avrebbe dovuto rispondere per non aver agito quale sostituto d’imposta. Ma quello forse lo sentivo come un attacco, ed io pensavo a difendermi non ad attaccare. E sono stata sciocca: perché concedere sconti quando loro avevano iniziato contro di noi una guerra senza quartiere?
    Io ancora m’illudevo di poter tornare a vivere normalmente in quel condominio e ristabilire rapporti civili. E dicevo all’ing. Ferruccio Soldini: “Scrivete una lettera di scuse e ritiriamo tutto”.
    [continua]
     
    Sono stanca questo racconto non continua
    volendo sapere altro partite dal punto g) verso la fine di:
    https://www.aphorism.it/linda_landi/racconti/saper_vivere/

  • 25 febbraio alle ore 8:30
    È tutta colpa mia [2]

    Come comincia: [segue]
    Il 16 marzo successivo ero contenta perché avevo fatto l’esame finale di un corso di specializzazione post-laurea che avevo seguito negli ultimi due anni. Ed il pomeriggio mi reco a casa dei miei genitori per condividere con loro la mia contetezza. Entro, ho le chiavi di casa, e trovo zia Susanna, la moglie di zio Furio, che sta facendo vedere i conti redatti da Pino (che avevano già approvato all’unanimità) a mio padre. Ed accanto a lei c’è mia madre che segue tutta interessata. E qui faccio un altro errore. Oramai l’esasperazione mi sta prendendo ed il mio comportamento è tutta una sequela di errori. Non mi avevano visto. Avrei dovuto tirare un profondo respiro, come ne avevo tirato tanti in passato, ed uscire silenziosamente come ero entrata. Invece esprimo tutta la mia indignazione per la sfrontatezza di quella persona. Fiato sprecato. Poi purtroppo riferisco quello che avevo visto a mio marito e Pino rimane indignato dalla scorrettezza dei miei genitori. Pensa che i miei genitori avrebbero dovuto dire a quei signori: “Se volete parlare dell’operato di Pino, dovete parlarne in presenza di Pino”.
    Intanto mio zio continua a rompere con i suoi conti contestando in continuazione con versioni sempre nuove i conti di Pino che lui stesso aveva approvato in assemblea insieme a tutti gli altri condòmini.
    Il condominio è sprovvisto di cassette postali ed io trovo la mia corrispondenza aperta con il vapore.
    Sono costretta a noleggiare una casella postale nel comune a 20km di distanza per tutelare il mio diritto alla riservatezza.
    Si sposa mia cugina Loretta, sorella minore di Poldo. Informo i miei genitori che sarei andata alla cerimonia, ma non al ricevimento. “Ma Loretta che c’entra!”, fa mio padre. “Appunto perché non c’entra, vengo alla cerimonia, altrimenti non sarei andata nemmeno a quella”. Dico a Pino: “Al ricevimento saremo soli”. Replica: “Io vado per stare insieme a tuo padre”, e così mi convince.
    Purtroppo oramai vedevo la pagliuzza nell’occhio dell’altro mentre avrei dovuto pensare alle mie travi.
    I tavoli erano stati sistemati in modo da avere un tavolo per i fratelli della sposa e relativi consorti ed un tavolo per ogni fratello del padre della sposa, mio zio Giulio, con relativi figli e generi e nuore.
    Il tavolo riservato a mio padre aveva 7 posti: mio padre, mia madre, mio fratello Giulfurio, la sua compagna, io, mio marito, mio fratello Alfredo all’epoca single.
    Ma mio fratello Giulfurio, grande amico di mio cugino Poldo, e la sua compagna, grande amica di Andreina, moglie di Poldo, pensano bene di volersi divertire e si sistemano al tavolo dei fratelli della sposa. E così due posti al tavolo riservato a mio padre rimangono vuoti.
    Mio fratello vive abitualmente a 300km di distanza. Lo so, avrei dovuto pensare alle mie travi e non esprimere giudizi sul comportamento altrui, ma non riesco a fare a meno di pensare: “Ma accidenti, conosci la malattia di tuo padre, tra poco ti trasferirai a Paestum ed avrete un mese intero da trascorrere con i vostri amici. Non puoi sacrificare il tempo di una cena per stare insieme con tuo padre?”.
    Per tutto il periodo dell’amministrazione di mio marito, zio Furio si caratterizza per un’altra peculiarità. Si mostra fisicamente e mentalmente incapace di prendere i soldi dalla tasca e darli a Pino per pagare le quote condominiali ordinarie. Zio Furio non ha mai pagato una delle quote mensili dell’amministrazione ordinaria. A fine 2004 si presenta a Pino e fa: “Vedi io ho pagato queste quote alla donna delle pulizie e al giardiniere, scalamele come rate condominiali”. Oppure si trattava di bollette della corrente elettrica e dell’acqua. E Pino, per quieto vivere, gli compila una ricevuta di 200 euro.
    A fine 2005 la stessa storia e Pino gli compila una ricevuta di 260 euro.
    A fine 2006 non si presenta. Presenterà in assemblea una spesa di circa 700 euro e Pino, previa approvazione dell’assemblea, gliele scomputa per le quote condominiali non versate.
    2007
    Pino è stufo e vuole dare le dimissioni da amministratore. Nessuno degli altri condòmini vuole prendere l’incarico e lo ostacolano. Zio Furio non è mai stato amministratore. Ha sempre voluto essere l’amministratore de facto, ma l’amministratore ufficiale è sempre stato un altro condomino. La distrazione di Pino gioca un altro scherzo. Pino ha sempre fissato le assemblee condominiali di venerdì sera. Nella prima metà del 2007 guarda il calendario di un altro anno e, senza volere, fissa l’assemblea di sabato invece di venerdì. Ad ogni modo si presentano tutti.
    Errare humanum est, diabolicum perseverare. Pino ora vuole fissare la prossima riunione di sabato, ma guarda sempre il calendario sbagliato e li convoca di domenica. È l’assemblea in cui vuole rassegnare le dimissioni. Dico a Pino: “Ritira la convocazione ed invia una nuova convocazione”. “Non posso”, fa Pino, “C’è un condomino ostile”. Avendo mal interpretato il mese della convocazione (o facendo finta di aver mal interpretato il mese della convocazione) si presenta un mese prima la vicina che abita sotto il terrazzo. Le dico: “Signora, parli con gli altri e chiedete voi una convocazione di assemblea prima della data fissata”. Ma la signora non ne fa niente. E qui sbaglio io, sarei dovuta andare da Soldini per attivare gli altri condòmini a chiedere prima la convocazione di un’assemblea, ma comunque credo non ne avrei ottenuto niente.
    Il giorno dell’assemblea, come previsto, non si presenta nessuno. E qui veramente sbaglio io. Mi aspettavo che non si sarebbe presentato nessuno, però provo ugualmente risentimento contro Poldo e Ferruccio. Non siamo degli estranei, siamo pressoché coetanei. Quando si erano visti la lettera di convocazione da lì a due mesi in un giorno di domenica, non potevano venire da Pino e dirgli, da amici: “Pino, ma che c…(parola che assomiglia a cassata) hai fatto?” E vedere di sistemare la faccenda? Ma qui dimostro la mia ingenuità. Fossero stati degli amici non si sarebbero fatti irretire dalle manovre di Furio e non si sarebbero presentati a controllare scontrini e ricevute.
    Ad ogni modo poco dopo, un sabato mattina si presenta Ferruccio alla porta perché vorrebbe un favore da Pino. Pino non c’è ed io, ancora irritata, stupidamente lo tratto con freddezza. Forse da allora inizia l’antipatia di Ferruccio nei miei confronti, ma penso fosse già iniziata da prima.
    Nel frattempo ricevo un altro duro colpo nella mia vita privata. Mi telefona mio fratello Giulfurio per dirmi che nostro fratello Alfredo, in vacanza in Irlanda, ha avuto una brutta ricaduta. Vedo realizzarsi le parole della dottoressa che voleva curare nostro fratello con una terapia alternativa: “Se vostro fratello continua con la terapia tradizionale, ogni due anni starà in una struttura sanitaria”. È da allora che sono presa da una brutta e stupida esasperazione contro Giulfurio, esasperazione che è la causa del mio futuro comportamento errato anche nel condominio. Avrei dovuto invece rintracciare la dottoressa e vedere se era possibile provare con la sua terapia con due anni di ritardo.
    L'ho capito solo adesso perché non l'ho fatto: avevamo messo "il padrone". Quella carogna di mio fratello maggiore da Roma pretendeva di comandare la situazione: lui, persona in gamba, era la testa e noi, deficienti, burattini che dovevamo solo ubbidire ai suoi ordini. Ed io ero entrata in quel gioco di condizionamento psicologico che ha portato ad una vita infame ed alla distruzione mio fratello minore ed anche me.

    Un mese dopo è il mio compleanno. Il telefono trilla. So che si tratta di mio fratello Giulfurio e la sua compagna che mi chiamano per farmi gli auguri. E qui comincio il mio pessimo comportamento nella mia vita privata. Non rispondo. Sono troppo arrabbiata con loro per non aver permesso che Alfredo fosse curato secondo la strada che ritenevo migliore. Ma ad ogni modo sbaglio. Avrei dovuto rispondere. Mio fratello e la sua compagna chiamavano per farmi fare gli auguri dal loro bambino.
    Due settimane dopo ci vediamo. È il compleanno di nostra madre e nostra madre vuole festeggiare offrendo alla sua famiglia un pranzo al ristorante al mare. C’è anche la suocera di Giulfurio che oltretutto da tre anni passa il mese di luglio alla casa al mare di mia madre. Al momento di pagare il conto, Giulfurio, la sua compagna e sua suocera si scambiano sguardi d’intesa e di derisione nei confronti di mia madre.
    Dopo un altro mese è l’onomastico di mio padre che c’invita tutti per un pranzo alla casa al mare. Sono risentita per quegli sguardi di scherno verso la loro ospite che oltretutto permette loro di fare una vacanza gratis ogni estate e decido di non andare. Questa volta mio marito non mi dice, ed avrebbe dovuto dirlo a maggior ragione in quell’occasione: “Io vado per tuo padre” e così faccio questa enorme corbelleria.
    Intanto Pino mi dice che vuole portare le carte del condominio in tribunale per inerzia dell’assemblea. Io gli dico che sembra brutto e Pino mi rinfaccerà per sempre di averlo fatto desistere.
    Passa un altro po’ di tempo e una vicina, dopo averlo oltretutto canzonato per iscritto, aggredisce verbalmente mio marito in giardino accusandolo di non convocare l’assemblea perché vuole rimanere amministratore. Gli dice pure che sarà lei, che è appena andata in pensione a fungere da amministratore. Furio l’aiuterà.
    E così ci incontriamo per l’ultima volta in casa mia. E qui continuano i miei errori seri. Avrei dovuto mostrare una calma serafica, quasi ascetica. Ed invece decido di comportarmi come si erano comportati loro. Mi mostro stizzita come sempre era stato l’atteggiamento della futura amministratrice, e lasciamo perdere il comportamento di zio Furio che aveva sempre dato in escandescenze. Tanto che Poldo chiede se mi ero scimunita. Chissà perché se ti comporti come loro, poi a loro non piace. “Ma come”, penso, “loro possono comportarsi così ed io no?”. Ad ogni modo nominiamo Furio e la vicina presidente e segretario dell’assemblea ed iniziamo i lavori. Furio ha le ultime rimostranze. Il consuntivo presentato dice che è debitore di €298. Come ha già fatto in passato, quasi si fa venire un collasso, salvo riprendersi quando parliamo di chiamare il 118, per asserire che lui è debitore solo di €33, ma gli altri 165 non li paga! Pino non è d’accordo, ma tutti e 5 i condòmini all’unanimità, incluso Furio, votano per addebitare a Furio solo €33 ed addebitare i rimanenti 165 in parti uguali tra i 5 condòmini.
    Non è finita. Pino rassegna le dimissioni. Ma ci sono ancora alcune pratiche da sbrigare per i lavori straordinari, tipo liquidare il commercialista ed altro. Furio suggerisce di non riempire di carte il nuovo amministratore e di passarle solo le carte che servono per terminare la gestione ordinaria dell’anno corrente, il 2007. Potrebbe Pino, per favore, terminare lui le pratiche dei lavori straordinari? Per la signora, nuovo amministratore, sarebbe troppo complicato occuparsene.
    La sera mio marito ed io andiamo a mangiare una pizza per festeggiare la fine di un incarico che si era rilevato così gravoso.
    Siamo quasi alla fine di agosto e vengo convocata dal nuovo amministratore per discutere sui preventivi pervenuti per lavori di manutenzione al terrazzo. Mio marito aveva fatto pervenire un preventivo e zio Furio avrebbe presentato un preventivo della ditta a lui cara.
    Non voglio andare più alle riunioni e chiedo consiglio ad un collega che si occupa di amministrazione di condominio. Mi dice: “Guarda, se tu non vai devono farti avere il verbale e se c’è qualche punto su cui non sei d’accordo hai 30 giorni di tempo per fare ricorso”. Pessimo consiglio. Avrebbe dovuto dirmi: “Liliana, datti un pizzico sulla pancia e vai alle riunioni. Meglio che vai a difendere i tuoi interessi in assemblea che rischiare di perdere tempo e soldi in un ricorso”.
    Così non vado, ma espongo come credo si siano svolti i fatti. Il preventivo della ditta presentato da mio marito risulta di €100 inferiore a quello presentato da zio Furio. Ma zio Furio non si scoraggia. Approfittando della nostra assenza scrive sulla linguetta della busta del suo preventivo: “Se scelto, verrà praticato un ulteriore 10% di sconto sul prezzo finale”. Così vince la ditta cara a zio Furio.
    Siamo ancora in agosto, non so ancora niente di tutto questo. Verrò a saperlo solo in seguito. Dobbiamo fare dei lavori in casa perché gli intonaci presentano delle lesioni. Nell’ultimo giorno dei lavori, torno a casa la sera dopo il lavoro e vedo segni di pedate bianche nell’ingresso della palazzina. Sono tracce lasciate dagli operai che hanno finito i lavori a casa nostra. Devo andare a fare la spesa, così dico a mio marito di pulire mentre io esco. Quando rientro non ci sono segni bianchi, ma vedo pedate nere che prima non avevo notato dato che l’attenzione era stata catturata dallo sporco di nostra responsabilità.
    Il giorno dopo, sabato pomeriggio, mio marito va a fare una visita di cortesia in casa di mio zio Furio, dato che c’erano stati problemi di salute in famiglia, e vede sulla porta del terrazzo che fronteggia la porta dell’appartamento di zio Furio un foglio che avvisa: “ASFALTO FRESCO”. Zio Furio dice a Pino che è venuta la ditta ed ha fatto i lavori. “Stavolta ci sono tutte le garanzie!”, dice.
    Un giorno della settimana successiva, rientro alle 10 di sera dalle prove del coro amatoriale di cui faccio parte e mio marito mi dice che era passata l’amministratrice a consegnare il verbale. Parto in quarta, preparo una ricevuta ed un foglio di attestazione della data di consegna del verbale e mi accingo a salire dall’amministratrice per consegnarle la ricevuta e farle firmare l’attestazione. Mio marito mi dice di non andare e m’informa che la nostra quota è di €240. Avrei potuto fermarmi: io pensavo ad un ricorso nel caso se ne fossero usciti con spese ben superiori. 5 anni prima mi ero lasciata sottrarre €600 senza quasi fiatare, figuratevi adesso se avrei fatto storie per €240! Ma oramai ero lanciata. Il verbale avrebbe potuto contenere altre cose! E vado. L’amministratrice mi accoglie con il sorriso di benvenuto delle persone false, ma poi fa la faccia di chi teme un tranello quando le spiego che non solo le ho portato la ricevuta del verbale, ma che le chiedo cortesemente di firmarmi l’attestazione della data di consegna. Tento di spiegarle che è normale amministrazione, ma la signora non mi ascolta nemmeno e afferma: “Mi rivolgerò a suo padre”. Ricordo l’aggressione verbale e le minacce che zio Furio aveva espresso per telefono a mio padre. Ricordo che mio padre ha fatto sapere loro che per ogni cosa del condominio non lo disturbassero più e che si rivolgessero a me. Ho dentro tutta l’esasperazione per il comportamento di mio fratello maggiore. Esasperazione che mi ha portato ad esasperarmi per tutta la maleducazione, le prepotenze, le villanie che dovevamo sopportare da parte dei nostri vicini. E avevo ancora nella testa la frase non punita di quella signora: “Se le cose continuano così, qualsiasi cosa ci sia qua sopra la prendo a la butto per terra!”. E con ironia esprimo una perifrasi di quella sua frase per dirle di non disturbare mio padre. Ma la signora non coglie l’ironia ed il riferimento alla sua frase. Capirò solo in seguito che per lei la frase che aveva detto e quella maleducazione e prepotenza che aveva espresso in casa mia erano normale amministrazione e nemmeno le ricordava. La vedo trasformare in un attimo. Fa una faccia cattiva, mi afferra per un braccio, me lo torce e mi spinge verso le scale, urlando: “Mi ridia il verbale!”. Arriviamo non so come alla porta del mio appartamento. La signora fa un bel po’ di baccano e non c’è bisogno di bussare perché mio marito apra. Mio marito le lancia contro il verbale dicendole: “Se lo prenda e se ne vada!”. Io rimango un po’ nell’ingresso tentando di riprendermi dalla sorpresa e dallo spavento. Sento che la signora fa ancora baccano per le scale. Sempre preoccupata che non disturbino mio padre, esco di nuovo e raggiungo la signora che è andata a bussare e piangere da mio zio e si trovano tutti lì per le scale. Mio zio con la faccia arrabbiata, ché avevano “toccato” la sua amica. Io, che avevo avuto le mani addosso, chiedo scusa alla signora per la mia espressione (a lei che non si era mai scusata) e tento di farmi ridare il verbale. La signora continua la recita e fingendo tremore fa: “No, io mi sono spaventata!”. Mio zio urla: “Voglio sapere di chi è l’appartamento!”. Avrei fatto bene a girare le spalle ed andarmene, tanto, avrei capito in seguito, mio padre, nonostante la malattia, era più che in grado di difendersi da solo. Invece risposi, da perfetta idiota che ero diventata: “È mio”, rivelandogli quello che avevamo tenuto nascosto per tre anni ed aprendo il fianco ai suoi successivi attacchi. La faccia di mio zio divenne furiosa e cattiva. Era stato ingannato! Ebbi un brivido.  In un istante capii che lui riteneva suo diritto avere il controllo su “la roba”, includendo ne “la roba” anche le proprietà dei suoi fratelli, e che avevo fatto un madornale errore.
    Mio marito avrebbe voluto portarmi al pronto soccorso e denunciare l’aggressione. Desistetti. E feci male. Il giorno dopo al lavoro il braccio ancora mi doleva.
    Un sabato pomeriggio sono fuori al balcone che dà sull’ingresso, quando vedo arrivare mia cugina Loretta con la bambina. Da 5 anni che ero lì non era mai venuta a trovarmi, ma non vi avevo dato peso, dato che non eravamo particolarmente amiche, però faccio una cosa stupida. Quando ero andata a trovarla prima del matrimonio mi aveva detto che le piaceva lo stile etnico. Io non ne vado pazza, anzi, però il pezzo principale nel mio salotto è un mobile che s’ispira allo stile etnico ed in occasione di quella visita glielo avevo detto. Così mi viene da dirle: “Loretta, entra ti faccio vedere il mobile”.
    Non l’avessi mai fatto!
    Poco tempo dopo, un altro sabato pomeriggio sento bussare alla porta. Vado ad aprire e mi trovo davanti mia zia Radaele, madre di Loretta e Poldo, e mia cugina Giulietta, sorella di Loretta e Poldo. In 5 anni che ero lì non erano mai venute a trovarmi! E questa volta ci avevo fatto caso, essendo Giulietta ed io cresciute insieme. “Siamo venute a farti gli auguri di Natale”, esordisce con aria sorniona mia zia. Entrano in salotto, lo esaminano e Giulietta dice che le piace come avevo sistemato quella stanza.
    Intanto passa più di un mese da quell’incidente con l’amministratrice e ricevo la convocazione ad una nuova assemblea. Non posso certo recarmi a casa di chi mi ha messo le mani addosso e chiedo che si cambi locazione. Non vengo accontentata e non mi reco alla riunione.
    Il giorno dopo ricevo il verbale con acclusa una relazione dei lavori svolti due mesi prima sul terrazzo.
    Sia il verbale che la relazione sono chiaramente dettati da mio zio Furio. Sia il verbale, fatto firmare da mio zio a tutti i condòmini, inclusi Poldo e Ferruccio, che la relazione sono un agglomerato di insulti e illazioni sull’amministrazione di mio marito, oltre che insulti e calunnie sulla sottoscritta. Risulta addirittura che sarei stata io a mettere le mani addosso all’amministratrice! Anche la relazione sui lavori è tutta un falso. A parte il fatto che l’amministratrice non era nemmeno presente essendo andata in vacanza da suo fratello, nessuno era venuto a rimuovere i fogli d’asfalto danneggiati e saldati dei nuovi. Tutto quello che era stato fatto era spalmare un po’ di catrame sulle parti lesionate. Costo? 100 o 200 euro.
    A due mesi dai lavori per la prima volta compare per iscritto il riparto dei costi: €240 a testa per un totale di €1200, IVA inclusa.
    Per la cronaca, i lavori come relazionati dall’amministratrice verranno eseguiti nel periodo di Natale di sei anni dopo. Sei anni dopo sentimmo il rumore della fiamma ossidrica venire dal terrazzo per saldare i nuovi fogli di asfalto, vedemmo lo sporco sulle pareti delle scale lasciati dai fogli di asfalto mentre venivano trasportati e le bombole per il cannello ossidrico ed i vecchi fogli di asfalto lasciati per settimane nel cortile.
    Mio marito è saturo e vuole rivolgersi ad un avvocato. Gli dico di lasciare perdere e che a quei signori avrei risposto io. Ma mio marito è inamovibile. Si rivolge ad un avvocato. La cosa migliore sarebbe stata di ignorarli: erano solo parole.
    L’avvocato consultato, senza che noi avessimo dato il nostro definitivo consenso, scrive all’amministratrice invitando lei e gli altri condòmini a moderare i toni. Nient’altro.
    In quel periodo mio padre telefona al fratello Furio per chiedere notizie sulla salute di un suo familiare. Si ritrova subissato di urla: “Mi ha fatto scrivere dall’avvocatoooo!”. La risposta che mio padre ha in mente è: “Veramente è mio genero che è stato scritto per prima da un avvocato”.
    Durante l’amministrazione di mio marito, mio zio Furio aveva fatto scrivere a mio marito da tre avvocati.
    Non era abitudine né di mio marito né mia quella di andare a piangere da mio padre né da nessun altro sulle scorrettezze e vessazioni di mio zio Furio&Co. Mio padre aveva saputo delle lettere dei tre avvocati dopo che mio zio Furio si era lamentato con mio padre di Pino.
    Invece zio Furio, mio cugino Poldo etc. avevano l’abitudine di lamentarsi con mio padre o con mio fratello maggiore, Giulfurio, non appena qualcosa non gli andava per il verso giusto.
    E così mia madre mi disse che mio fratello Giulfurio le avesse chiesto che cos’era quella faccenda di Pino e l’avvocato.
    Naturalmente lo aveva saputo da Poldo. Ma caro fratello, se tuo cugino si lamenta di tuo cognato, se vuoi sapere qualcosa, anzi è tuo dovere, perché non chiami tuo cognato invece di chiedere a nostra madre e/o accontentarti della versione di tuo cugino?
    E lì inizia quello che mi fa veramente male e sarà alla base di tutte le mie corbellerie future. Mio fratello si beve tutto quello che gli racconta mio cugino, si schiera dalla loro parte e si mostrerà sempre ostile nei miei riguardi.
    Idiota (io), oltre a tutta la combriccola dovevo ignorare anche lui.

    Sei mesi dopo mio marito riceve una citazione da mio zio Furio.
    Mio zio Furio ha cambiato idea rispetto all’ultima riunione dov’era Pino amministratore.
    Adesso dice che Pino aveva ragione: è vero lui era in debito di €198, in quanto come “consolidata consuetudine” non versava le rate condominiali, però, avendo sostenuto delle spese per il condominio (di sua iniziativa) avanzava un credito di €20. Inoltre voleva indietro la sua quota parte di €198 che erano state divise in parti uguali (qui fa un altro errore, in parti uguali avevamo diviso €165, non €198). In tutto vuole qualcosa come €58. Sì mio zio fa causa per chiedere €58.
    Due settimane dopo mio padre riceve una lettera, anche questa firmata da tutti i condòmini, inclusi mio cugino Poldo e l’ing. Ferruccio, in cui si insinua che mio marito abbia gestito €80000 per lavori straordinari senza mai aver dato conto della sua amministrazione. La lettera è inviata anche in giro nel parentado di zio Furio e zia Susanna. A parte il fatto che ogni lavoro era stato deciso all’unanimità dall’assemblea, zio Furio aveva chiesto e ottenuto le copie di tutte le fatture e di tutti i bonifici.

    Dato che i miei amabili vicini commettono un’altra scorrettezza nei miei riguardi, presento ricorso contro una loro delibera. Solo a seguito di questo ricorso, mi vedo recapitare, con 8 mesi di ritardo, la copia della fattura dei fantomatici lavori al terrazzo. La fattura è la n.1 del 09/09/2007. L’iva è al 20%, mentre avrebbe dovuta essere del 10%, non c’è la ritenuta d’imposta.  Sarei dovuta andare con quella fattura alla guardia di finanza, ma io ancora desidero riportare tutto sui binari della normalità e non ne faccio niente.
    Alla guardia di finanza ci andai sei anni dopo. Risultato: quella ditta aveva chiuso l’attività due anni prima e per tutto il periodo della sua attività non aveva mai emesso una fattura.
    [continua]

  • 25 febbraio alle ore 8:19
    È tutta colpa mia [1]

    Come comincia:  Con tutte le massime che trovo postate su FB, FB è diventato per me maestro di vita:  “Le azioni che gli altri compiono fanno parte della loro storia, come tu reagisci fa parte della tua”. [Da FB] “Chi sa perché, se agisci come loro, poi a loro non piace”. [Da FB] Tutte frasi che sembrano scritte apposta per ricordarmi che “È tutta colpa mia”.

  • 22 febbraio alle ore 11:03
    Quant'è bella giovinezza

    Come comincia: La Jaguar di Alberto M. viaggiava spedita lungo le strade che portavano in Svizzera sulla sponda sinistra del lago Maggiore. Anna M., vicino a lui, osservava con curiosità le espressioni del volto di suo marito, quei luoghi che stavano attraversando erano stati frequentati da Alberto da finanziere molti anni addietro ma, evidentemente, erano ancora ben saldi  nella sua memoria. Ogni tanto in coniuge rompeva il silenzio: “Qui ad Intra c’era una casa di tolleranza, non ti meravigliare, talvolta ‘ciccio’ era a secco e…” Fermata dinanzi ad una villa favolosa a Cannero: “Ho frequentato in questa casa: la padrona Emma, l’amante Elisa, una cantante di Ascona, la piccola Fru Fru una cagliolina anch’essa femmina e la bellissima figlia  Aurora  anche lei dai gusti particolari… Col mio aiuto voleva uscir fuori dalla sua condizione ma, né io né lei avevamo capito (eravamo molto giovani) che la natura delle persone non si cambia.” “Siamo  a Cannobio, qui sono riuscito a sequestrare ottanta chilogrammi di sigarette con l’aiuto di un tassista che le trasportava nella sua auto. C’eravamo messi d’accordo con segnali particolari  quando avrebbe trasportato sigarette  con a bordo relativo contrabbandiere. Per ricompensa io, di servizio al valico di Piaggio Valmara, gli permettevo di far il pieno di benzina al rientro in Italia, cosa allora assolutamente proibita. Alla mia vista il contrabbandiere, gambe in spalla, era sparito ed io trionfante avevo condotto tassì e tassinaro nella sede della Tenenza dove fui ricevuto dal tenente Sergio T. senza tanti complimenti perché, molto probabilmente, sarebbe stato ‘cazziato’ dal capitano perché il sequestro era stato effettuato da un finanziere, peraltro appartenente ad altro reparto e non dai suoi uomini. Ci scappò un elogio che mi aiutò ad accedere alla Scuola Sottufficiali .“  Dopo cinque chilometri: “A sinistra c’era una villetta dopo ho passato molte ore in compagnia di una gentile vedova e relativo cane ringhioso che mi odiava, lì è stato costruito quel palazzo che vedi. Più avanti a sinistra i locali delle caserme dei finanzieri di mare e di terra,  la Dogana, il Corpo di Guardia delle Fiamme Gialle e dei Martelloni (Carabinieri) e dell’ACI.” Entrarono nel bar. Dietro il bancone una giovane ragazza: ”Che vi posso servire?” “Sono Alberto M. e questa è mia moglie Anna, ho prestato servizio qui al valico negli anni cinquanta col grado di finanziere, ero amico di Ambrogio e di Anna proprietari di questo bar, che fine hanno fatto?” Un velo di tristezza negli occhi della ragazza: “Sono Alice cugina dei vecchi proprietari, Anna è deceduta per un tumore Ambrogio è stato pizzicato dai finanzieri con l’auto piena di orologi, non può risiedere a meno di dieci chilometri dal confine.”  Un silenzio profondo, la morte di Anna era un dolore ripercorso dalla cugina ma soprattutto da Alberto: “Anna era una giovane sempre allegra, simpatica, buona, disponibile, eravamo molto amici. Ho portato delle foto scattate insieme e che avrei voluto rivedere con lei.” Alice offrì loro la colazione ma non volle essere pagata, aveva compreso quali erano stati i rapporti tra sua cugina e l’allora finanziere. Alberto oltrepassò il ponte che divideva I’Italia dalla Svizzera, sotto un torrente impetuoso che proveniva dalle sovrastanti montagne e che si smorzava nelle acque placide del lago Maggiore. Si fermarono alla Dogana Svizzera, “Ai nostri tempi c’era molta armonia fra i finanzieri italiani ed i doganieri svizzeri con scambio di merci che costavano meno dall’una o dall’altra parte. Sicuramente non ci saranno più i vecchi doganieri.” Alberto si presentò ed ad una giovane guardia, descrisse un suo vecchio collega ed amico a nome Alessandro C. Il doganiere fece quasi un salto: “Io sono Marco suo figlio, mio padre abita qui vicino, posteggiate  e venite con me.”  Un vecchio signore era seduto in giardino e contemplava il lago, Marco presentò i nuovi venuti al padre, all’inizio Alessandro era confuso, si riprese subito ed abbracciò Alberto, lacrime da ambo le parti. “Non ci vedo più molto bene ma ti riconosco, sei sempre quel bell’uomo che faceva stragi…scusi signora…” “Non si preoccupi, conosco il mio pollo.” “Non restiamo qui, Alberto vorrà rivedere i luoghi in cui ogni tanto  faceva delle…puntate. Che bella macchina, un po’ costosa…” “Ale io sono stato sempre una persona onesta, è morta una mia zia che mi ha lasciato un gruzzoletto, mi sono tolto una soddisfazione.”  La strada del lungo lago portava a Locarno, al bivio di Ronco Sopra Alberto fermò l’auto: “Abita ancora in quella villa che si intravede una bella signora contornata da gatti, eravamo buoni amici.” “Alessandro so perfettamente che significato ha per mio marito la parola amica, ormai Alberto ha chiuso i battenti nes pas?”  Ad Ascona passarono dinanzi al Night Club dove la cantante Elisa si esibiva a suo tempo. Alberto chiese al portiere di entrare malgrado il locale fosse chiuso. “Grazie per la vostra cortesia, qui una volta cantava Elisa…” “È la padrona, la vado a chiamare.” Apparve una signora un po’ in carne vestita elegantemente e ben truccata, uno sguardo ai quattro poi: “Tu sei Alberto, ti riconosco malgrado gli anni passati, sediamoci, mi fa piacere vederti. Emma è deceduta e ha comprato questo locale a mio nome, Aurora è in Germania, si è sposata con una donna di Berlino, io son qua invecchiata.” Si avvicinò un cagnolino simile a Fru Fru di lontana memoria. “Questa è la quarta generazione di Fru Fru, non so che altro dirti, mi sono emozionata nel pensare al passato, permettimi un abbraccio.” La commozione aveva preso un po’ tutti. “Andiamo in terrazzo, troverai il lungo lago un po’ cambiato, a pranzo siete tutti invitati, penso questa sia tua moglie, non ti offendere se dico che potrebbe essere tua figlia, in ogni caso siete una bella coppia. Riconosco anche Alessandro vecchio doganiere svizzero.”A tavola un po’ di allegria, pranzo a base di pesce di lago e per il vino…Verdicchio dei Castelli di Jesi di Brunori. “Incredibile, il vino prodotto dal mio amico Giorgio.” “Una sera è passato di qui con un suo amico svizzero importatore di vini, è un simpaticone, siamo diventati amici e talvolta vado a Jesi sua ospite.” Il distacco fu fra abbracci e commozione. Erano le quattro del pomeriggio ed Alberto aveva in testa un’idea, rintracciare Nelly D. con cui aveva avuto un rapporto burrascoso.  Ricordava che abitava a Locarno in via Motta -  Al Portico. Giunto in quella località di fece indicare la via e…alzando gli occhi un tuffo al cuore: affacciata ad un balcone una bionda precisa spiccicata a Nelly, stava sbattendo un tovaglia da tavola. Un po’ stupidamente: “Ciao Nelly, mi riconosci?” La donna  circa quarant’anni ben portati guardò stupita Alberto, nel frattempo intervenne una donna anziana, a sua volta stupita, riconobbe l’ex fidandato di sua figlia, quella al balcone era Aurora la figlia di Nelly per ovvii motivi di età, le assomigliava moltissimo, Alberto se ne rese conto. “Sei Alberto…mi riconosci sono la nonna Marisa, questa è Chiara la figlia di Nelly, entrate.” Un po’ di imbarazzo: “Ti presento Alessandro ex doganiere, questa giovin signora è mia moglie.” Nonna Marisa prese in mano la situazione: “Quando Nelly ci ha presentato mi sei subito piaciuto, oltre che affascinante eri allegro sempre sorridente, saresti stato il tipo adatto a mia figlia sempre triste e scura in volto, il suo carattere (ereditato da suo padre tedesco) da quello che ho capito t’ha portato a lasciarla, ma è acqua passata. Il tran tran familiare in casa mia non va molto bene, quel…simpaticone di mio marito se n’è andato con una put…lla che potrebbe essere sua figlia, pare che ora sia di moda. Io e Chiara ci siamo rimboccate le maniche, lavoriamo ambedue e possiamo dire di essere felici. Parlami di te.” “Sono diventato maresciallo e questa è Anna mia moglie, non guardarla con occhi dolci, ha le unghie ben affilate! Ho portato con me delle foto scattate con tua figlia, te le lascio, per me non sono un bel ricordo.” Dopo altri convenevoli la carovana ripartì. Alessandro propose una cena in un locale di un amico vicino Brissago, amico cui aveva fatto molti piaceri quando era in servizio. All’ingresso si presentò un omone di stazza superiore alla media. “Anna e Alberto vi presento il padrone del locale Marco Antonio, ci conosciamo da molti anni e…” Alberto scoppiò in una risata seguito da Alessandro, poi capirete il perché.” Furono introdotti in un locale con un lettino, un divano, una tv ed al centro un tavolo imbandito (evidentemente Alessandro aveva avvisato il padrone.) Solita libagione a base di pesce di lago innaffiata da un ‘Carato doc.’ niente male a cui Alessandro fece molta festa tanto da essere decisamente brillo. “Marco Antonio ricordi quella coppia di palermitani Rosalia e Cateno…ne ho viste delle belle e poi dicono che i siciliani sono gelosi… pensi che i signori si potrebbero offendere se racconto…” “Non ti preoccupare,  siamo anticonformisti.”  “ In breve la storia: Cateno era un impiegato in un ufficio della parte italiana (non voglio dirvi quale) e prima di maritarsi lodava le virtù delle donne sue paesane che non uscivano di casa se non accompagnate come le ragazze arabe ma dopo qualche mese di permanenza al confine italiano la solfa cambiò. Cateno si presentò qui una sera con la consorte che sotto il cappotto indossava poca biancheria intima, riuscii a capire che si eccitava vedendo la moglie che scopava con altri uomini, feci la prova per primo io ed effettivamente Cateno durante il mio rapporto con Rosalia si masturbava bellamente. Questa stanza fu addobbata alla bisogna ed a turno invitai miei amici svizzeri, nessun italiano,  che ovviamente sborsavano bei quattrini (Rosalia era molto bella), soldi che dividevano in due. Una volta un inglese disse come veniva chiamato al suo paese quel genere si rapporto amoroso, forse ‘colding’.” Alberto lo corresse, “Si dice ‘cuckolding’  ma io non sono Cateno ed Anna non è Rosalia…” Risata generale poi rientro in Italia e pernottamento a Stresa in un albergo con stanza con vista sul lago Maggiore. Tappa intermedia a Salerno, rientro a Messina. Pensiero di Anna durante il viaggio:“Chissà cosa avrei provato nell’imitare Rosalia ovviamente con un ragazzo di mio gradimento.” “Non farti venire idee sconce!”Alberto aveva indovinato le fantasie della consorte!

  • 10 febbraio alle ore 23:24
    Vita normale

    Come comincia: Quando è finita la mia vita normale?
    Quando tornai a casa e mia madre mi disse: "Tuo fratello dice cose assurde"?
    Iniziava una nuova fase, ma io continuai la mia vita normale.
     
    Quando è finita la mia vita normale?
    Quando mio zio, mio vicino di casa, mi presentò un preventivo per lavori di manutenzione scritto con una Olivetti portatile uguale a quella che possedeva lui stesso? 
    No, gli ho dato i soldi che voleva ed ho continuato la mia vita.
    Quando è finita la mia vita normale?
    Quando pochi mesi dopo la vicina diretta interessata a quei lavori, amica di mio zio, venne a dirmi che aveva di nuovo problemi? 
    No. 
    Chiesi: "Scusate, ma la ditta che ha fatto? Che garanzie ha lasciato?". 
    E per due anni non ne sentii più parlare.
     
    Quando è finita la mia vita normale?
    Quando, con due anni di ritardo, capii che per mio fratello non si trattava solo di stress da lavoro e non bastava il nostro affetto e le nostre attenzioni, ma occorreva l'intervento di uno specialista?
    Si entrava ancora in un’altra fase, ma il mio cervello continuò a funzionare "normalmente".
     
    Quando è finita la mia vita normale?
    Quando per mio fratello si arrivò ad una prima diagnosi? 
    Inaccettabile dapprima, sia per il malato, sia per i familiari.
    E poi, perché inaccettabile? Se un professore universitario e premio Nobel per l'Economia aveva la stessa malattia, cosa c'era di inaccettabile o da nascondere?
    Inaccettabile comunque.
    Mio fratello iniziò una terapia, bene o male, ed io continuai la mia vita “normale”.
     
    Quando è finita la mia vita normale?
    Quando dopo dieci giorni di tira e molla tra il medico curante che diceva che mio padre doveva essere ricoverato e gli operatori delle strutture sanitarie che dicevano il contrario, mio padre fu ricoverato d'urgenza ed arrivò un'altra brutta diagnosi?
    No. Iniziava un'altra durissima fase, ma avemmo la fortuna che nell’ospedale della nostra città ci fosse un primario di Chirurgia di altissimo livello.
     
    Quando è finita la mia vita normale?
    Quando l'altro mio fratello (quello sano) mi aggredì con odio perché secondo lui non avevo capito che dovevamo telefonare noi all'ospedale per sapere quando mio padre doveva iniziare la terapia e non il contrario?
    Sì, la mia vita normale ebbe un cedimento. Ma mi ripresi e recuperai la mia vita ‘normale’.
     
    Quando è finita la mia vita normale?
    Quando mio padre dopo un mese di sofferenze, che chi lo aveva operato imputava alla terapia, fu di nuovo ricoverato d'urgenza in un altro ospedale, anche a causa delle incomprensioni sorte con chi lo aveva operato?
    E il nuovo primario mi disse: "I chirurghi hanno valutato la situazione. Il tumore ha invaso lo stomaco. I chirurghi propongono di levare il duodeno e fare un by-pass. Ma si deve rendere conto che si tratta di una situazione palliativa"?
    Mi crollò il mondo addosso, ma con l'aiuto di mio marito riuscii a rimettere in moto il cervello per capire cosa fosse meglio fare.
    E con l'aiuto dei due primari riuscii a convincere mio padre a farsi trasferire di nuovo all'ospedale dove era stato già operato.
     
    Quando è finita la mia vita normale?
    Quando mio fratello (quello sano), appena arrivato dalla capitale, di sabato, dopo tre giorni che io facevo la spola tra i due ospedali per capire cosa stesse succedendo e cosa bisognasse fare, si volta verso di me e fa: "Se papà muore, è colpa tua."?
    Fu un altro subitaneo choc, ma in quel momento dovevo pensare al trasferimento di mio padre.
     
    Quando è finita la mia vita normale?
    Quando il giorno dopo trovai mio fratello (quello sano) affranto sul divano che diceva a mio fratello (quello malato) che pensava di prendere il treno il giorno dopo e rientrare nella capitale per poi tornare per i funerali?
    "Ma come", pensai, " non può sacrificare nemmeno un giorno delle sue preziose ferie per aspettare che il padre si operi?".
    Tirai un respiro e cercai qualcosa da dire per indurlo a rimanere.
    E non mi venne in mente nient'altro che: " Guardate che il dottor XXX ha detto che la situazione è grave ...".
    Mio fratello (quello sano) balza in piedi e mi sovrasta costringendomi ad indietreggiare: "Lo so che la situazione è grave!", mi sbraita in faccia, " è per questo che me ne vado! [o qualcosa del genere, n.d.r.]. Cosa dovrei fare? Rimanere qua ad aspettare che il tuo prezioso chirurgo lo operi?" "Ora mi colpisce", pensai. Ma mio fratello (quello sano) sembrò riuscire a trattenersi ed invece di colpirmi in faccia, come mi aspettavo, mi dette uno spintone alla spalla. Caddi all'indietro. Fortuna dietro di me c'era un altro divano.
    Afferrai le mie cose ed uscii di corsa.
    Sì. La mia vita normale finiva allora. Ma in sordina.

    All'ansia per mio padre si aggiunse la paura delle reazioni di mio fratello (quello sano).
    Mio padre si riprese alla grande ed io, dopo aver passato il resto dell'estate a leccarmi le ferite causate dagli attacchi di mio fratello, ripresi la mia vita normale.
     
    Ma mentre ci occupavamo di mio padre avevamo distolto l'attenzione da mio fratello.
    E mio fratello ne approfittò per interrompere la terapia.
    Iniziò una nuova fase. O meglio riprendemmo una vecchia fase. Mio marito ed io la sera stavamo sul chi va là. Non era insolito che mio padre ci telefonasse per chiedere aiuto. E noi correvamo.
    Fino a quando mio padre provvide al ricovero di mio fratello.

    Quel ricovero inaspettatamente avrebbe potuto segnare la svolta positiva.
    Il 2 giugno mio marito ed io, come avevamo fatto tutti i giorni in cui eravamo liberi dal lavoro, ci recammo a far visita a mio fratello in ospedale, a 100 km da casa.
    L'altro mio fratello (quello sano) era sceso dalla capitale con la sua famiglia e ne approfittò per un pomeriggio al mare.
    Mentre eravamo con mio fratello nel reparto, mio fratello cominciò ad andare in agitazione. Intervenne una dottoressa, non con un'iniezione, ma riportando mio fratello alla correttezza ed alla logica con la parola. La dottoressa interrogò anche me. E non appena tendevo ad essere evasiva o a svicolare, mi costringeva ad essere precisa e diretta.
    Poi promise a mio fratello che l'avrebbe dimesso. Ora non poteva perché era finito il suo turno. Ma all'inizio del suo prossimo turno, alla mezzanotte della domenica, lo avrebbe dimesso.
    Quindi prese accordi con me e mio marito che avremmo dovuto andare a prelevare mio fratello. Ma non solo. La dottoressa aveva intenzione di affidare mio fratello a noi, che, disse, si vedeva eravamo persone affidabili e continuare a curarlo con la terapia della parola anche dopo le sue dimissioni.
    Ebbi fiducia in quella dottoressa. Vedevo in lei un vero interesse umano e professionale per mio fratello. Non un interesse pecuniario. 
    "Se vostro fratello continua con i farmaci, ogni due anni starà in una struttura sanitaria", ci avvertì. Però lei poteva lavorare solo in quella circoscrizione, a 100km da casa nostra. Andava benissimo. Solo le facemmo presente il problema che noi eravamo fuori casa per l'intera giornata. "Ci penso", replicò la dottoressa. 
    Un altro problema, ma non lo dissi alla dottoressa, era lasciare mio fratello (e la mia casa) in balia dei nostri parenti e vicini infidi. 
    E confermammo l'appuntamento. Finalmente, mi sembrava, stavamo imboccando la direzione giusta.
    Arrivammo vicino casa. La mia intenzione era di andare a casa e telefonare ai miei genitori per dire loro che mio fratello stava bene. Tutto qui. Mio marito invece se ne uscì che dovevamo andare a casa dei miei a dare la bella notizia. "No", replicai, "si metterebbero in mezzo ed abbiamo già visto che non sono capaci". Mi riferivo a quello che era successo l'anno precedente, quando se avessi lasciato fare a loro, mio padre sarebbe stato squartato per levare un'inesistente metastasi allo stomaco, mentre era stato operato in laparoscopia per levare un esistente calcolo della colecisti che lo aveva fatto soffrire terribilmente per un mese ed alla fine gli aveva causato un blocco delle vie digestive.
    "I genitori devono sapere", insistette mio marito e non demorde dalle sue intenzioni. 
    Il diavolo si stava nascondendo nelle vesti della persona di cui più mi fidavo: mio marito.
    Sapevo come sarebbe andata a finire: mio fratello (quello sano) si sarebbe opposto.
    Eppure mi arresi. E lasciai che mio marito facesse come voleva.
    Mi arresi. 
    Per stanchezza, per vigliaccheria.
    Fatto sta che smisi di lottare.
    E fu allora che finì la mia vita normale. 
     
    E mio fratello (quello sano) si oppose nella maniera più infingarda che poteva: telefonò all’ospedale senza dirci niente, senza consultarci. Ed impose, sbraitando e minacciando, che mio fratello (quello malato) continuasse ad essere curato con i farmaci.

    Abbandonai mio fratello malato, il fratello che si fidava di me, nelle mani di chi riteneva di essere più in gamba di me e mio marito.
    Lo abbandonai nelle mani di chi, pur non vivendo vicino e quindi non potendo garantire che mio fratello seguisse il piano farmacologico, imponeva che mio fratello fosse curato con i farmaci.
    Lo abbandonai nelle mani di chi, per stare tranquillo, preferiva che iniettassero al fratello la calma, la calma opaca, come ho letto ieri in un articolo su Alda Merini.
     
    Mi arrabbiai, anche. Mi arrabbiai con mio fratello (quello sano) e sua moglie che s’intromisero in maniera così infingarda. Mi arrabbiai con mio padre che si fece raggirare ed appoggiò la loro strada.
    E nella mia mente, dove risuonava (e risuona ancora) quel “Se papà muore, è colpa tua” scattò qualcosa come: “E va bene, siete più in gamba di me? Vedetevela voi!”
     
    Un attimo di debolezza che ha distrutto tante vite. Quella di mio fratello per prima. Poi la mia. Ed ha reso infelice la vita dei miei cari.
     
    A undici anni di distanza neurologi, psichiatri, psicologi mi hanno detto che non abbiamo la prova contraria: non sappiamo se mio fratello sarebbe stato meglio con l’altra terapia. Lo so, risposi, ma dovevamo provare. Dovevamo rischiare.

    "Se avessi, se potessi, se fossi erano tre fessi", ripete un proverbio sulle targhe che si vendono ai turisti.

    Uno psichiatra mi ha chiesto anche da dove venisse questo mio delirio di onnipotenza. Gliel’ho spiegato: dal fatto che un anno prima avevo avuto ragione a far operare mio padre da chi diceva che mio padre aveva un calcolo e non da chi diceva che aveva una metastasi allo stomaco.
     
    Nel momento in cui pensai: "Va bene, siete più in gamba di me? Vedetevela voi!", credevo di riprendermi la mia vita.
    Invece la mia vita normale finiva lì. 
    Ma me ne accorsi anni dopo.

    Un anno prima, quando, con mio padre ricoverato per la seconda volta, avevo scostato mentalmente mia madre e mio fratello (quello malato, quello sano per fortuna non c'era) con un braccio pensando: "Levatevi di torno, ora il capofamiglia sono io", ero diventata all’improvviso adulta. Ora tornavo ad essere bambina.
    E reagii male: tenendo il broncio, come fanno i bambini.
     
    Due anni dopo mio fratello stette di nuovo male. Ma in realtà non stava mai bene.
    Ed io, invece di riprendere in mano la situazione, confermai la mia esasperazione.
    Divenni esasperata contro mio fratello (quello sano) e sua moglie che avevano imposto la strada dei farmaci. Mi esasperai contro i miei vicini e parenti che continuavano con i loro raggiri e prepotenze.
     
    Ma, chissà perché, se ti comporti come loro poi a loro non piace.
     
    E la signora che, ospite in casa mia, aveva minacciato di buttare a terra gli oggetti che erano sopra il tavolo, mi malmenò.
    E mio zio dettò un verbale di insulti e illazioni contro me e mio.
    E mio zio citò mio marito per avere 58 euro. Ma questo, sarebbe avvenuto comunque, dice mio marito: "Tuo zio ha mandato in tribunale la sorella, ti aspettavi che non mandasse in tribunale me?"
    Ed io ricevetti un decreto ingiuntivo per 240 euro per lavori mai eseguiti.

    E mio marito ed io fummo aggrediti nel cortile di casa. Da amici dei miei parenti. 
    Mio fratello (quello malato), il fratello che io avevo abbandonato nelle mani di chi voleva farlo curare con i farmaci, mi chiese se doveva andare a parlare con il figlio di chi ci aveva aggrediti.
     
    Mio zio, consigliato da un avvocato, cambiò versione e, contraddicendo la sua precedente citazione, citò mio marito per avere 460 euro.
    Mio fratello (quello sano) piombò in casa mia e minaccioso, senza nemmeno sedersi, mi fece il terzo grado.
     
    E mio fratello, il fratello che avevo abbandonato, due anni dopo ancora si ritrovò di nuovo in una struttura sanitaria, come aveva detto la dottoressa. Io ero lì con lui, chiamata da mio padre. Ancora vigile, ma non abbastanza per pensare di riportare mio fratello da quella dottoressa, anche se con 4 anni di ritardo.
    Nel frattempo avevo sprecato e stavo sprecando le mie energie ed il mio cervello per difendere mio marito dagli attacchi dei miei parenti e per evitare che mi venissero addebitate tutte le spese del condominio.
     
    Dopo altri due anni, a seguito di un aborto, causato forse anche dalle persecuzioni dei miei parenti e vicini, vado in depressione che, unita a diagnosi sbagliate, interventi sbagliati ed una serie di imprudenze, mi manda in ipocondria.
    E lì finì anche la parvenza di una vita normale.
    Da allora mio fratello si è ritrovato in una struttura sanitaria ogni anno.
    Ma ancora poteva dimostrare di che pasta era fatto.
    Io stavo male. O almeno credevo di stare male.
    Mio fratello (quello malato) mi accompagnò in banca, dal medico e si occupò della revisione della mia auto.
    Otto mesi dopo ero ancora in ipocondria e non dormivo da due anni, ma mi occupai del ricovero di mia madre che era caduta (frattura del femore e dell'omero), dormivo la notte da mio padre che aveva bisogno di assistenza, mi occupai del ricovero di mia suocera che era da dieci mesi a letto dopo la frattura del femore ed, il giorno dopo, del ricovero di mio fratello che era tornato dal Nord dove lavorava e stava di nuovo male. 
    Intanto andavo al lavoro (11 ore fuori casa). 
    Mio fratello e mia suocera erano nello stesso ospedale in reparti diversi. Appena stette meglio, mio fratello (quello malato) si vestiva ed andava a fare visita a mia suocera, senza dirle che era anche lui ricoverato.
    Da quando ero in depressione ed in ipocondria non vedevo nessuno al di fuori del lavoro. Sentivo il bisogno di parlare con qualcuno, di un po' di conforto. 
    Telefonai a mio fratello (quello sano) che viveva sempre nella capitale. Mi disse: "Sei una fallita."
     
    Cominciai a pensare di ricontattare la dottoressa, anche se in notevole ritardo, di rivolgermi all'ordine dei medici per trovare dove lavorasse ora.
    Sarebbe bastato telefonare allo stesso ospedale. Ho scoperto solo adesso che è ancora lì.
    Ma già per me ogni giorno era una scommessa.
     
    Un anno dopo, a grave prezzo, guarii dall'ipocondria.
    E mio marito mi portò lontano.
    Ma ancora avrei potuto fare qualcosa per mio fratello. Quante volte nell’ultimo anno ho pensato di dirgli di prendere i farmaci, di seguire i consigli dei medici, che oramai li prendevo anch'io (5mg, la dose pediatrica, dice il mio medico), ma non l'ho fatto, visto che anch'io ancora cerco di farne a meno?

    Stavo cercando disperatamente di riprendere in mano la mia vita 'normale'. 
    E mio marito mi aveva creato altri problemi, falsi problemi che non avrebbero dovuti essere creati, con cui combattere.
    E sono certa che questi falsi problemi abbiano avuto un negativo impatto anche sulla psiche di mio fratello.

    Ed avevo ora due figlie da proteggere.

    Ed ora è troppo tardi.
    Mio fratello non c'è più.
     
    Nessun colpevole, nessuno innocente.

  • 09 febbraio alle ore 16:34
    IL DIAVOLO

    Come comincia: Sicuramente saprete che il Diavolo Belzebù è il principe delle tenebre e degli spiriti malvagi, secondo solo a Lucifero e comandante di una schiera di 6666 demoni. In fondo non doveva essere così malvagio se, secondo il Nuovo Testamento si rivolge a lui Ocozia, re d’Israele, per una sua malattia. Perché questa premessa? Lo capirete in seguito.
    Correva l’anno 19.., il tenente della dei Carabinieri VA. umbro di Perugia
    era in servizio a Varese. Non poteva dirsi che ci fosse molto da fare in quanto a delinquenza ed il cotale passava la maggior parte del tempo fuori servizio al cinema o con qualche gentile signorina in una casa chiusa (allora la Merlin non aveva ancora rotto i zebedei con la sua legge). Un giorno gli capitò sotto mano un volantino in cui v’era un invito agli umbri della città di residenza per un ballo fra paesani. Era un sabato estivo, dopo la mattinata passato sul lago, sonnellino nel pomeriggio e, vestito elegantemente, si presentò nel locale da ballo dove era riconosciuto e non ebbe bisogno di presentare i documenti di riconoscimento. Ebbe una delusione, pensava di incontrare giovin fanciulle sorridenti ma la maggior parte delle femminucce era in là con gli anni e non particolarmente avvenenti. Al bancone del bar notò una donna piuttosto giovane che da sola beveva una bibita. In mancanza di meglio, si presentò: “sono VA. di Perugia tenente dei Carabinieri, non mi risulta di averla mai vista a Varese.” La cotale, anche lei annoiata: “Sono LU. professoressa di lettere, sono sola, mia madre è rimasta a casa, non sta bene.” A VA. la cosa non interessò gran che, chiese a LU. di ballare nel frattempo cercava di inquadrare la cotale: piuttosto alta, sguardo non accattivante anzi un po’ annoiato e allora le propose di uscire dal locale. Il lungo lago era incantevole  e l’atmosfera tra i due migliorò tanto che LU. prese sottobraccio la nuova conoscenza.; parlarono della città di origine di ambedue e riscontrarono che alcune persone erano amiche di famiglia. La serata finì con VA. che accompagnò a casa LU. Che con un bacio appena sfiorato sulla guancia congedò la nuova conoscenza. VA. prese a frequentare casa di LU. solo tre volte alla settimana perché i restanti quattro giorni le due donne si dedicavano all’ordine ed alla pulizia di casa, cosa che, purtroppo per lui,(si trattava di un disturbo ossessivo compulsivo) non gli fece drizzare le orecchie! Stanco della vita in caserma, VA. chiese a LU. di fidanzarti e poi decisero di ritornare alla città di provenienza e di sposarsi, cosa annunziata ai genitori per telefono. Caricati i bagagli sulla Fiat 110/103  di VA. i tre, suocera RO. (vedova) compresa, giunsero a Perugia nel tardo pomeriggio. Mentre ME. Madre di VA.  donna gioviale d un po’ ingenua fece delle feste ai nuovi conoscenti, AR. da vecchio conoscitore di donne capì che c’era qualcosa che non andava ma ormai era tardi di chiedere a suo figlio di fare marcia indietro. Si accollò tutte le spese non proprio lievi della cerimonia dal collocamento in albergo dei parenti venuti da lontano sino al loro vettovagliamento. Da vecchio funzionario di banca aveva qualche picciolo da parte ma avrebbe fatto volentieri a meno di sborsarli, ma i figli…Nel frattempo VA. era stato trasferito a Napoli col grado di capitano e ‘io, mammeta e tu’ si insediarono in una abitazione al Vomero. La prima notte VA. andò in bianco con la scusa della stanchezza del viaggio della sposa, come inizio…
    La seconda notte  VA fece il suo dovere di novello sposo ma rimase un po’ male quando si accorse che non aveva fatto molta fatica…la sposa si giustificò affermando che, secondo il suo ginecologo aveva un imene elastico…elastico un corno era stata fidanzata per anni con un lontano parente che, venendo a conoscere a fondo LU, si era ritirato in buon ordine. Come inizio…ma VA. evidentemente faceva parte della schiera dei Calandrino (ricordate il Decamerone del Boccaccio?), fece il suo dovere quasi tutte le sere sino a quando il grande annuncio da parte della novella sposa: “Sono incinta!” Da quel momento la situazione precipitò: “Non voglio che tu faccia male al bambino!” e così niente più sesso fra i due coniugi con la cacciata dal talamo coniugale di VA. e l’esilio in una stanzetta con letto singolo. Da quel momento lotta senza quartiere da parte dei due coniugi: dispetti a vicenda in tutti i campi e decisione da parte di  VA. anche lui cattolico praticante (aveva pure questo difetto!) che si  rivolse  alla Sacra Rota per avere l’annullamento del vincolo  matrimoniale. Spese un fottìo di denaro con la conclusione: matrimonio valido! Nacque una deliziosa bambina cui venne apposto il nome di FE. in onore di un nonno furbastro che durante la prima guerra mondiale, per non correre rischi, rischi, tramite raccomandazioni, riuscì a farsi assegnare ad un incarico amministrativo ma male gliene incolse lo stesso in quanto durante il tragitto caserma – ufficio postale fu centrato da una granata austriaca. Purtroppo per FE. Le liti coniugali si riversarono su di lei che fu ‘sballottolata’ fra la genitrice ed i genitori di VA. che nel frattempo, approvata la legge Gaslini-Fortuna potè divorziare ma ancora una volta male gliene incolse: complessato in campo femminile sposò TI. una napoletana grassa, anche volgare e fumatrice accanita. Passa un giorno, passa l’altro ( non centra il prode Anselmo)i due coniugi passarono a miglior vita VA. per un diabete ribelle e TI. per un ictus. Dal loro ‘incontro’ venne fuori RO. giovane che, purtroppo per lui, era poco dotato intellettualmente per cui fu costretto a fare l’operaio. In seguito per la crisi generale fu licenziato ed il povero RO. fu costretto a sopravvivere con una piccola pensione della Previdenza Sociale, ovviamente niente auto né moto solo una bicicletta con cui si recava nella mensa di una chiesa per fare pulizie ricevendo in cambio il vitto giornaliero. Un particolare: RO. Era diventato obeso e gran fumatore e niente femminucce, un disastrato. Un passo indietro di anni: unico rimasto della famiglia originaria AL. che non riuscendo a vincere concorsi per l’Accademia dei vari Corpi di Polizia, (non aveva nessuno che lo raccomandasse) si accontentò di fare l’allievo finanziere in quel di Roma nella caserma di via XXI aprile. Abituato da gran signore nella famiglia originaria (nel frattempo AR. e ME. erano deceduti), strinse i pugni ricordando le raccomandazioni di nonno AF.: mai dichiararsi volontario per qualsiasi incarico e non fidarsi nemmeno della propria ombra, consigli preziosi! Gli istruttori erano o giovani sottobrigadieri stronzi ovvero vecchi brigadieri silurati alla promozione di maresciallo, tutti acidi  pronti a prendere per i fondelli i poveri allievi. Esemplificando: “Chi di voi sa suonare il pianoforte?” A due sprovveduti che si presentarono: “Andate al circolo ufficiali al pian terreno e trasportate il pianoforte al terzo piano a casa del Colonnello Comandante.” Altra boutade: “Chi di voli ha un titolo di studio di media superiore?” Ai sei presentatisi: “Andate a pulire le latrine delle tre Compagnie, due per piano.” Al. fu notato che se ne stava sempre in disparte da un vecchio brigadiere. “Ah fai il furbo? Hai un bottone sbottonato, cinque giorni di consegna.” Togliere la libera uscita ad AL. era la peggiore punizione che potesse capitargli perché non poteva recarsi in a piazza di Spagna non per ammirare i monumenti ma, più prosaicamente,  per frequentare delle signorine dentro una casa chiusa. La sua salvezza fu un capitano di Perugia cui si presentò facendo presente la sua situazione, da quel momento libera uscita tutte le sere! Indossate le fiamme di finanziere, AL. fu costretto a farsi trasferire in ‘reparti situati ai confini di terra' conditio sine qua non poter accedere alla Scuola Sottufficiali. Vinto il concorso indossò nel 19..i gradi di vicebrigadiere ed assegnato alla sede di Messina. Qui trovò il solito stronzo superiore di grado, piccolo e brutto che lo prese in antipatia affidandogli i compiti più ingrati. AL. Studiò la situazione e la risolse in modo brillante congratulandosi con se stesso: fece domanda per ottenere la qualifica di ‘capo laboratorio fotografico’ (era stato sempre un appassionato di foto) e, una volta ottenutala, si presentò a quel superiore poco simpatico con in mano una circolare in cui si prescriveva che chi fosse in possesso della qualifica suddetta non potesse essere trasferito ad altri incarichi, tieh! La sua vita ovviamente cambiò in meglio, per eseguire servizi fotografici aveva a disposizione una un’auto targata G. di F. con cui percorreva le province di Messina, Catania, Siracusa e Ragusa imbarcandosi anche sulle  motovedette e sugli elicotteri, una pacchia. Ovviamente nel frattempo non si fece mancare …la materia prima, non aveva difficoltà di conquiste femminili, era alto un metro e ottanta e attirava il sesso femminile anche per la sua simpatia. AL. Si era scoperto anche scrittore, aveva pubblicato un romanzo sulla sua vita e quasi ogni settimana ‘sfornava’ un racconto, spesso di natura erotica, ormai era arrivato a cento. Fece pubblicare un trafiletto su una rivista nazionale ed ebbe un discreto successo. Troppo bello per durare, il suo dio protettore Hermes, in altre faccende affaccendato, si distrasse e un messaggio giunse sul computer di AL.: “Sono tua nipote FE. figlia di VA., ti ho rintracciato tramite I racconti che hai pubblicati su l’app.’APHORIM, mi piacerebbe allacciare un rapporto con te, siamo rimasti in pochi che portano il nostro cognome anche se francamente devo dirti che tuo fratello mi ha rovinato la vita.”Come premessa non era delle migliori. AL. Un po’ sorpreso rispose alla mail  e così cominciò un passaggio di notizie sulle proprie posizioni in vari campi, non ultimo quello religioso che era basilare per FE. decisamente meno per AL. Il quale nei suoi racconti aveva chiaramente dimostrato  la sua contrarietà ad incomprensioni, fanatismo e puritanesimo. Una frase di FE. lo colpì: “Non c’è sesso senza amore!” tuttavia ritenne opportuno non sottolineare i rispettivi punti ti di vista e si scambiarono notizie sulle loro vite passate forse però FE. non comprese quanto grandi fossero le differenze che li dividevano. AL. fece chiaramente capire i suoi punti di vista in fatto di sesso raccontando l’episodio di quando, davanti alle prorompenti tette della cognata  (sua moglie le aveva più piccole) gliene tirò fuori una dal reggiseno fra gli applausi  dei presenti. In seguito ad altra corrispondenza FE. scrisse ad Al.una mail di fuoco coinvolgendo anche la figlia CH., degna di sua madre, che fece altrettanto. Al. infine rispose facendo presente che non intendeva offendere nessuno e che voleva che la cosa finisse lì ma come risposta? Indovina, indovina: “Sei il diavolo!” Quella era l'espressione di una fanatica religiosa e quindi non degna di risposta. Non raccontò l’episodio alla dolce consorte An., erano una coppia talmente affiatata, anche se con una grande differenza di età, si poteva usare la parola amore. Cambiando argomento, la piccola AN. aveva un solo difetto, usava spesso per acquisti la carta di credito ma sicuramente era una delle donne più eleganti di Messina ed AL. ne andava orgoglioso. Avrete capito che Il diavolo è il concetto che si lega all’inizio del racconto, AL. Ricordava una barzelletta in cui un uomo interrogato se preferisse andare in Paradiso o all’Inferno rispose: “in Paradiso si gode di una bella aria ma all’inferno ci si diverte di più.” Sicuramente non avrà fatto ridire qualche fanatica religiosa ma poco me ne cale. Per finire una osservazione: in casa d FE: i maschietti contavano pochissimo, quelli presenti e forse anche quelli futuri, molto probabilmente potevano assimilarsi a Calandrino, senza offesa per nessuno!
     

  • 08 febbraio alle ore 16:06
    Ricordi.

    Come comincia: Un nome, in una telefonata, li risvegliò. Cominciarono ad uscire lentamente dalla memoria, come se fossero tutti frammenti collegati che scivolavano fuori da un bicchiere a calice, simili alle bollicine eteree dello spumante.
    Era per una questione di lavoro, eppure quando la persona si presentò le venne fatto subito di chiedere:
    -"Montanari? E' un cognome che ricordo molto bene, quello di un medico caro amico di mia madre e di mia zia... Tullio? Le dice qualcosa?"-
    Risultò che sì, si trattava di un parente stretto.
    -"Il figlio è medico. Lui era fratello di mio padre, insomma, siamo cugini"-
    Immediatamente, come prima bollicina, sentì il solletico che le procurava la barba di lui, medico, quando le auscultava le spalle. Disse:
    -"Era molto più grande di me, io una bambina, lui aveva l'età di mia madre, più o meno"-
    Poi tornarono all'argomento della telefonata, tuttavia dentro di lei, scrittrice, qualcosa cominciò a ronzare, come sempre le accadeva quando "sapeva" che la circostanza fortuita, verosimile se non vera, si sarebbe tramutata in racconto. Verosimile, se non vero? Ma la storia, che non avrebbe mai e poi mai raccontata alla persona dall'altro capo del filo, era vera.
    Ecco: riuscì a rivedere la madre, con quel vestito molto elegante, ma non eccessivo, che aveva indossato alla prima comunione della figlia di quella che lei chiamava "zia Olga", sin da bambina. La gonna blu, il corpetto azzurro, in cui si inserivano, ritagliati e ricamati, miriadi di fiorellini col bordo blu. Le belle braccia della mamma ancor giovane, seppure l'aveva partorita a circa 36 anni e lei, nella foto(c'era una foto) ne aveva certamente almeno quindici.
    C'era zia Olga, sua madre, suo padre (che l'avrebbe lasciata troppo a breve), la piccola coi riccioli neri e l’abito da prima comunione ed il padre di lei.
    Ricordava le rare volte in cui si erano trovate a casa di questa zia, laddove il marito, magro, piccolo, si vedeva raramente. Come si chiamava la piccina? No: non lo ricordava. Forse Fiorella. Ma poteva trattarsi di una associazione mentale.
    Frasi, come bollicine scoppiavano nelle memoria e lei si ritrovava a riallacciarle e a rendersi conto che, sì, fin da piccola aveva capito che alle spalle di quella zia Olga c'era un mistero.
    Zia Elena (zia vera, la sorella della madre), doveva avere l'abitudine di parlare liberamente davanti a lei bambina, senza comprendere che i bambini hanno strane orecchie, munite di registratori e per le cose che non comprendono al momento, c'è poi un seguito in cui si riascoltano i ricordi, si collegano tra di loro, si comprende quello che non era stato compreso subito. Attenti, dunque, a ciò che si dice in loro presenza, o quanto possono, in qualche modo, ascoltare.
    Dunque: la piccola, molto carina, dalla carnagione scura, gli occhi neri, brillanti, aveva i capelli che crescevano gonfiandosi di riccioli verso l'alto. Fatto che costringeva la madre a tenerglieli corti. Raccontava la zia.
    A pensarci bene lo diceva come se fosse qualcosa che nascesse da un segreto, da un fatto che non doveva essere spiegato in quanto chi parlava sapeva che l'ascoltatrice (mia madre), avrebbe capito. Somiglianze.
    La mamma raccontava spesso di come lei stessa, piccola di statura e rossa di capelli, camminasse a braccetto con l'amica Olga, alta, bruna e riccioluta (a pensarci bene, cosa che spiegava, senza altri misteri i capelli della figlia e anche la carnagione e lo sguardo bruno). Correvano e "chi passa currenno nun o' vere" (chi passa correndo non se ne accorge), scherzava la mamma, ricordando quelle passeggiate amicali per le strade di Napoli in cui lei appariva elegante perché lei "si cuciva addosso" i vestiti con grande bravura, stretti in vita in modo da porre in luce i fianchi e il seno ma qualche volta li indossava non proprio finiti,  per cui li fermava con "le spille di nutriccia" e nessuno se ne rendeva conto. Le spille che usavano le balie (e le mamme), per fermare i pannolini dei bambini. Spille di sicurezza le definiremmo oggi.
    Dovevano essere state davvero belle, così differenti, quelle due ragazze vissute ai primi del 900. Attiravano gli sguardi dei giovanotti. La mamma diceva:
    -"E' un bene camminare con una amica bella, si è guardate di più. Stupido essere gelose delle amiche belle, servono ad essere ammirate, specialmente quando sono diverse da noi."-
    Ma zia Olga aveva un segreto. Con questo torniamo alla telefonata e a quel Medico Montanari e alla sua barba che le solleticava la schiena. Lei aveva sette o otto anni, lui la visitava perché era stata ammalata, o lo era, forse, ancora. La sua figura alta si stagliava sotto la porta. Doveva essere un bell'uomo di cui in realtà ricordava ben poco oltre la barba, se non fosse stato, oggi, per le bollicine che si erano collegate e esplodevano nei ricordi. Diceva la zia alla madre, riferendosi all’amica comune:
    -"Porta con sé la figlia quando si va ad incontrare con lui, poi la fa uscire fuori il balcone e la lascia li."-
    Oggi comprende: la piccola ricciuta all'epoca doveva avere pochi anni, quindi non capiva (o avrebbe poi capito?). Eppure oggi si chiedeva con quale coraggio (o disperazione), una madre, per fare l'amore con quello che considera l'uomo della sua vita (forse anche il padre della bambina? La somiglianza? I capelli ricci? Il colorito?), chiude una piccola di circa quattro anni fuori al balcone? Di dove? Di una casa? Di un albergo ad ore? Ed era poi sposato questo Tullio Montanari? La figlia seppe poi di non essere nata da quello che considerava il padre? Ebbe modo di dialogare con il padre naturale? Ebbero modo di seguire l'uno la vita dell'altra? Lui di aiutarla nella crescita?
    Lei, oggi, non lo sapeva. Il padre della piccola vendeva scarpe. La casa era grande e vecchia. Lei, oggi, poteva rivedere chiaramente tutti loro grazie a quella foto nel vecchio album in cui si ritrovava elegante, ben pettinata, come in realtà poi non aveva mai amato tanto di essere.
    Che fine fecero poi quelle persone, scomparse si potrebbe dire, dalla sua vita (ovviamente da quella di sua madre), da un momento all'altro?
    La risata di zia Olga, il volto dalle gote gonfie, lo strano modo di parlare, intercalato di silenzi.
    Tutto scompare. Da qualche parte ci deve essere il ricordo di una morte. Quella di lei? Di lui? Del marito di lei?
    Non lo sa. Le bollicine si sono sgonfiate e non danno più volume ai ricordi.
    In ogni caso quella telefonata ha funto da ponte, riallacciando il presente con il passato, dando almeno una risposta:sì: anche lui doveva avere una famiglia, perché l'uomo al telefono aveva detto:
    - "Il figlio è medico come il padre."
    Che strano conoscere, dall'esterno, fatti così intimi di una persona che ci è passata a fianco senza quasi sfiorarci, se non nel ricordo di una visita medica alle spalle e di un insieme discontinuo composto con frasi percepite, che non erano state dette a te. Una storia per cui forse una moglie gelosa non ha dormito la notte, chiedendosi la ragione del marito distratto, sempre occupato nel lavoro. Sensazioni che certamente avevano reso perplesso un marito, le cui amiche della moglie, al suo arrivo, sembravano imbarazzate, tacevano per qualche momento e poi cambiavano argomento. Strappi nell'animo di una ragazzina, poi cresciuta con l'ambivalenza del sentirsi, sapersi, non essere certa di chi sia il padre, con ricordi infantili di un balcone, di un essere estraniata, di non comprendere il prima e il dopo dell'incontro e dell'avere ricevuto forse qualche caramella da quel bell'uomo che la madre incontrava e di cui -certamente- le era stato imposto che non dovesse fare cenno con il padre. La considerazione che poteva avere avuto per un padre che la cresceva, ma forse non era il suo e a cui doveva tacere qualcosa che intuiva grave.
    Strappi nell'animo di quella donna bruna che rideva, ma non doveva essere davvero felice. Poi c'era il vago ricordo di un altro figlio, più grande, il maschio malato di non si sa bene cosa e di come doveva avere vissuto nell'ambiente domestico non certo felice, in qualche modo aiutato dall’amico medico della madre.
    Di lui ricordava ben poco.
    Sofferenza, nascondimento, timori, bugie, amore, passione, stravolgimenti di vite. Tutto così vano, polveroso, finito. Marchi nei corpi, morti assieme a quelli, di cui non restano che bollicine di ricordi nell'animo troppo sensibile di una scrittrice che ha tutto appena lievemente sfiorato, pur avendo con la sua presenza e un breve scritto, dato loro una memoria.
     

  • 27 gennaio alle ore 3:48

    Come comincia: - L'ABISSO -
    Questa è solo una testimonianza e non una lettera rivolta a qualcuno che tanto non la leggerà mai. E' una testimonianza... La mia. Perché ogni tanto si sente il bisogno di svuotare l'anima da ogni dolore nascosto, da ogni paura e anche da tutti quei pensieri sbagliati e inquietanti che spesso con il tempo si insediano in noi rendendoci più difficile il cammino e oscurandoci la giusta via. Ho sofferto e tanto. Ho toccato il dolore in un modo talmente profondo che riesco a ricordarne per sino l'odore da quanto mi ci sono immersa dentro. L'ho toccato e gli ho permesso di impossessarsi di me, di umiliarmi e calpestarmi senza riuscire a difendermi. Era un dolore padrone il mio, uno di quelli che parte dal cuore. E mentre il dolore mi lacerava e a fatica restavo in piedi, attorno a me ho assistito alle rappresentazioni teatrali dei miei aguzzini. Ho assistito al loro pietoso giustificarsi. Alle loro dichiarazioni di sensibilità ed empatia. Ho ascoltato le loro testimonianze dichiarare quell'altissima capacità di immedesimarsi negli altri. Li ho visti passare da vittime con ancora il coltello tra le mani e mentre urlavano al mondo il proprio finto dolore sola ti lasciavano... E io sola e in silenzio continuavo a restare ferma, subire e morire. Mentre morivo dentro poco a poco continuavo a camminare solo per istinto, solo perché la vita me lo imponeva e nel cammino ho visto persone darmi addosso, calpestarmi, insultarmi e prendersi ancora gioco di me. I loro sguardi compiaciuti nel vedermi barcollare non mi sono sfuggiti e me li ricordo tutti... Uno ad uno! Li ho contati e ben memorizzati nell'anima. Ognuno di loro ha lasciato un fregio profondo che ha alimentato il mio dolore. Ci sono arrivata sul quel fondo che in molti dicono di aver toccato. Ci sono arrivata calma e rassegnata. Ho alzato gli occhi verso la luce, ma era troppo lontana per me, troppo alta la scalata e troppo poche le mie forze per percorrerla. E mentre sul quel fondo ci morivo ho continuato a tacere e a fare finta di niente. Non era orgoglio il mio, ma semplice rassegnazione di fronte alla mia morte apparente. Dopo aver visto persone pugnalarmi senza scrupoli conoscendo le mie ferite a niente mi sarebbe servito parlare... O almeno così credevo! Ho conosciuto la paura e giorno per giorno limitava i miei passi. Giorno dopo giorno li rendeva più insicuri e incerti. Ho avuto paura anche dell'aria che respiravo, fino ad aver paura solo al pensiero di averne ancora troppa da respirare. Ho avuto così tanta paura del dolore che sentivo che ormai smettere di respirare era per me l'unica via di uscita. Ho avuto paura di non farcela a risalire fino alla luce, convinta che nel momento in cui ci avrei provato le signore malvagità e cattiveria mi avrebbero di nuovo spinta sul fondo... di nuovo e ancora... Sono arrivata ad essere paralizzata dal dolore e ingabbiata dalla paura. E mentre mi lasciavo morire adagiata sul fondo di chissà quale abisso la mia mente elaborava cose assurde. Era arrivata a pensare che niente in me fosse giusto, che io fossi una persona sbagliata e priva di qualità. Auto stima non ne avevo più. Avevo o... Avevano fatto a pezzi tutto ciò che ero. Io non ero più una donna, non ero più nemmeno una persona, ma un bozzolo completamente vuoto che aspettava la sua fine inconsapevole che con le mosse giuste avrebbe potuto diventare farfalla. Sono arrivata a pensare che mi dispiaceva che quelle persone avessero avuto la sfortuna di incontrarmi, che il mondo sarebbe stato migliore senza di me. Sono arrivata a pensare che per non far soffrire nessuno dovevo chiudermi in fondo a quell'abisso. Mi guardavo allo specchio e vedevo "Qualcuno" non me, ma semplicemente qualcuno e credetemi se molto spesso faticavo a sapere chi fosse. Non ero più una persona, ma un involucro vuoto che respirava ossigeno. Ho avuto così tanta paura che la notte ho smesso di dormire, perché quando non dormi le tue energie si bruciano più in fretta e tu la tua fine la vedi più vicina. La mia unica meta era diventata la "FINE". In quel maledetto fondo però non c'è solo l'abisso, il buio e il vuoto. In quel fondo non c'è solo la luce lontana e praticamente irraggiungibile... C'è anche qualcos'altro! Su quel fondo, tra te e il fondo c'è una cosa che si chiama "Istinto di sopravvivenza"! Ne avete mai sentito parlare?! Io l'ho conosciuto proprio là in fondo a quell'abisso e non vi so spiegare la potenza che nasconde in se'... Posso però dirvi che se mai vi trovaste su quel fondo e quell'istinto dovesse mai bussasse alla vostra anima aprite quella porta e lasciatelo entrare. E' come indossare un paio di occhiali che vi mostreranno le cose in modo diverso, più semplice e meno doloroso. In realtà quello che è chiamato istinto di sopravvivenza non è altro che la risposta che cercavate. E se scatta è il vostro grido alla vita... A non volerla lasciare andare. Credetemi che è un grido potentissimo, così forte da far tremare l'intero tunnel in cui vi siete persi. Un grido disperato che parte da dentro. Qualcosa di quasi "Disumano", ma presto capirete che quel grido è molto più umano di tutte le persone, fatti e circostanze che vi hanno spinto là in fondo. Afferratelo forte, stringete i pugni, chiudete gli occhi...
    Avete un'energia nuova dentro, ma se pensate che il peggio è passato, pensate male. Il peggio comincia proprio nel momento in cui prenderete per mano il nuovo alleato, ossia L'istinto di sopravvivenza! Lui vi porterà a sorreggervi di nuovo in piedi e vi insegnerà di nuovo tutte quelle piccole cose che avete completamente dimenticato. Così è stato per me... Lui prima mi ha mostrato che la maggior parte di ciò che ero diventata era dipeso più da me stessa che dagli altri. E mi ha fatto male... Mi ha fatto male capire che il 70% della responsabilità di ciò che ero arrivata ad essere in realtà apparteneva a me. In fondo, le persone possono deluderti, i fatti metterti in difficoltà, la vita porti prove faticose e la cattiveria ferirti, ma sei TU e sempre tu che scegli se permetterglielo o meno. E quando capirai che non hai reagito e non ti sei amato abbastanza, ma hai fatto il loro gioco finendo inconsapevole il loro lavoro non sarà facile accettarlo. Aspetta! Non sederti di nuovo su quel fondo, non allentare i pugni e non aprire i tuoi occhi. Pensa... Pensa a come eri prima di cadere così in basso. Pensa che nella vita non hai incontrato solo gente sbagliata, ma anche qualcuno che ti ha voluto bene davvero. E così... Tenendo ancora ben stretti i pugni, ho cominciato a pensare. Ho visto mia madre abbracciarmi stretta, mio padre insegnarmi i valori e mio fratello condividere con me il suo tempo. Ho pensato alla scuola, all'asilo e a quel primo giorno di scuola in cui mi veniva da piangere perché la mia migliore amica dell'asilo,Claudia, 
    non era stata messa nella mia stessa classe in prima elementare. Sorrisi... Sorrisi di fronte a quel pensiero, la prima grande delusione, il primo scalino da superare. La prima volta in cui dovetti trattenere le lacrime imponendomi forza, perché ormai ero diventata "Grande". Sorrido ancora, mi faccio tenerezza, ma la tenerezza è un sentimento. Un sentimento che porta emozioni ed io di emozioni non ne avevo più da molto. Capisco in quel momento, mentre una lacrima scende che sono viva... Dentro di me io ancora esisto e forze non è tutto perso. Penso ancora e ricordo le scuole medie e le scuole superiori. Ricordando quanto mi sono divertita in quegli anni. Spensierata e piena di vita. E anche li non erano mancati amori sbagliati, delusioni e lacrime. In fondo è un percorso che affrontiamo tutti, ma non avevo toccato quel fondo all'epoca. Cosa avevo sbagliato questa volta?! Avevo semplicemente perso di vista la cosa più importante, la consapevolezza di me stessa, della persona che sono e delle mie capacità. Avevo smesso di credere in me stessa dando ragione agli altri. Eccolo il mio errore... Non so per quanto tempo io abbia tenuto gli occhi chiusi e i pugni stretti, non so dirvelo credetemi... So che il peggio non era ancora arrivato ed io ero stremata, ma tenevo stretto ancora quell'istinto e il mio grido era ancora forte e disumano. Mi vibrava dentro al petto, nello stomaco, nel cervello... Ovunque. E mi sembrava di impazzire, ma tenevo duro! Dovevo cambiare tutto, dovevo cambiare me stessa e dovevo ricostruirmi... Eccolo il PEGGIO! Ricostruirsi, perché per farlo servono pezzi da mettere insieme e io non avevo più niente di me. Niente da raccogliere, da riordinare, da ricomporre per poter ricostruire. Allora uno pensa che è finita e che una via d'uscita non c'è, ma se è così perché quel grido disumano ancora mi esplode dentro?! Ancora più forte e questa volta è colmo di rabbia. Quella rabbia non va sottovalutata sarà il vostro primo tassello. E' il momento di riaprire le vostre mani e così feci pure io... Aprii i palmi e presi quella rabbia e cominciai a plasmarla con le dita, piano e poi sempre più forte, senza fermarmi mai! La rabbia poco a poco mutò divenendo forza! Avevo fatto il mio primo progresso, avevo imparato a tramutare la rabbia in forza. Nel caso fossi riuscita a risalire da quel maledetto fondo, sapevo di essere in grado di difendermi. Nel momento in cui mi fosse capitato di incontrare ancora qualcuno pronto gratuitamente a gettarmi fango addosso con lo scopo di ferirmi, non avrei provato rabbia e se mai mi fosse capitato di provarla, mai più mi sarei fatta sopraffare da essa, ma avrei saputo tramutarla in forza... Nella forza dell'indifferenza. Quell'indifferenza che puoi provare verso qualcosa che non ti appartiene e che ti suscita solo pena. 
    Quella forza non va mollata, ma bisogna continuare a plasmarla. E' troppa ancora per essere lasciata libera e voi non siete ancora in grado di gestirla. Qui comincia il cambiamento e quella forza vi darà modo di rialzarvi e risalire un pezzo dell'abisso. Risalii anch'io... Ecco che risalendo per un tratto, ho cominciato a guardare di nuovo le persone negli occhi, non con lo stesso sguardo di un tempo, è cambiato. Adesso ho uno sguardo duro e diffidente, ma ben proporzionato e attento. Ed è con quello guardo che comincio di nuovo a muovere qualche passo ed è camminando che ritrovo alcuni pezzi di me a terra. Alcuni integri, altri distrutti e irrecuperabili e qualcuno leggermente modificato. Li raccolgo uno ad uno e li riordino dentro me. Prendo di nuovo forma, almeno apparente e risalgo un altro pezzo del mio abisso. C'è confusione adesso in me, troppa e comincia un'altra fase, quella del riordinarsi l'anima. Prendo i pezzi non recuperabili e irrimediabilmente distrutti e li ripongo nel cassetto delle esperienze passate. Accettando le sconfitte e i cambiamenti, comprendendo e imparando che vivere e crescere significa anche questo. Prendo i pezzi di me mal conci e un po' modificati e li appoggio da una parte e guardo quei pezzi ancora integri. Li guardo bene uno ad uno e comincio a ridare loro un posto. Ecco che ho di nuovo la mia capacità di ascoltare, la mia intelligenza e la mia positività. Ritrovo anche i miei valori principali, la mia dignità di persona e quella sana vena di follia che amavo a dismisura. Finito questo lavoro torno a guardare quei pezzi modificati e tento continuando a camminare di trovar loro un nuovo posto, un giusto senso e di adattarmi ai nuovi cambiamenti. E mentre lo faccio qualcosa mi sfiora il viso... La luce. Avevo risalito tutto l'abisso... Ero fuori e finalmente ero baciata di nuovo dalla luce del sole, ma non era finita ancora, adesso dovevo mettere in pratica tutto ciò che l'abisso mi aveva insegnato. Prima di proseguire e cominciare a vivere la mia seconda possibilità c'era una cosa ancora che dovevo fare... Per mettere al suo posto i miei pezzi ritrovati avevo estirpato da me stessa il dolore, la rassegnazione, i fatti e tutte le persone che là in fondo mi avevano condotto e me le ero messe in una tasca in attesa di decidere che cosa farne. Nell'altra tasca avevo riposto un pezzo di me che ancora non ero stata in grado di ricollocare, mi era sconosciuto. Ora vedendo la luce avevo capito cosa fare. Infilai la mano nella prima tasca ed afferrai tutto ciò che da me avevo estirpato... Mi voltai un'ultima volta indietro e lo getta giù... Nell'abisso. Un volo libero fino a raggiungere quel maledetto fondo. Un volo da cui ero certa mi sarebbero risaliti, perché chi vive nell'ombra... Nell'ombra muore. Infilai la mano nella seconda tasca per riprendere quel pezzo che ancora non avevo saputo ricollocare e aprendo il palmo della mano lo riconobbi. Era il mio SORRISO... Mi voltai verso la vita e indossandolo me ne andai. 
    - Tratto da "Un giorno nuovo" -

  • 26 gennaio alle ore 17:38
    Un sensuale effluvio

    Come comincia: “Abbracciami forte” le parole di Anna erano rivolte ad Alberto i cui pensieri erano rivolti altrove. Una nebbia, a tratti intensa, stava invadendo i monti Peloritani che sovrastano Messina facendo sparire dalla vista il paesaggio. La vista dei fusti degli alti pini si dissolveva pian piano, in lontananza si intravvedeva appena il viottolo inghiottito dalle brume e una casa diroccata nelle cui vicinanze Alberto aveva posteggiato l‘auto. Il paesaggio surreale veniva talvolta illuminato dai fari di qualche automobile di coppiette in cerca di solitudine. All’interno della Opel i vetri si stavano appannando impedendo viepiù la visuale. Alberto abbassò il vetro dello sportello dalla sua parte per contemplare, affascinato, il panorama.  Era abbastanza inusitato che in Sicilia, nel mese di aprile, si appalesasse un tempo così invernale, sembrava che la natura volesse ovattare la sua particolare storia d’amore.
    Non era nuovo ad avventure ’galanti’ per dirla in stile ottocentesco ma andando avanti negli anni gli capitavano storie sempre più particolari.
    Si girò verso Anna ventenne dal seno impertinente e dal ventre piatto dalla bocca deliziosamente infantile e dai verdi occhi ora sorridenti ora tristi ma che in ogni caso gli facevano provare sensazioni di tenerezza, di rimpianto dei suoi quarantotto anni di età, molto ben portati ma che cominciavano a dare i primi segni di futuri ‘acciacchi’.
    “Sei signorile, elegante, hai personalità, ti sposerei subito, dove lo trovo un ragazzo che mi soddisfi: i miei coetanei sono insulsi, pensano solo al sesso ma ad un sesso vuoto. Tu mi dai calore, sicurezza e gioia di vivere, quando ti abbraccio mi si riempiono gli occhi di lacrime e quando mi distacco da te sento un vuoto profondo, vorrei tornare indietro…
    Siamo venuti qua a guardare il panorama? Ti prego toccami il seno, mi fa tanto male, sai le pillole…, in fondo il sacrificio lo faccio per te…” “Per noi” corresse Alberto.” “Va bene per noi ma toccalo delicatamente anzi bacialo mi piace di più.” Il piccolo seno di Anna si muoveva delicatamente su e giù per il respiro affannoso, Alberto cominciò ad accarezzarlo ed a baciarlo dolcemente tutto intorno come piaceva a lei provocando mugolii di soddisfazione. “Toccami per vedere se sono bagnata sotto.” Anna era sempre bagnata ‘sotto’ quando era con Alberto. “Mi basta sentire la tua voce per telefono ed anche quando siamo fra la gente, se mi guardi in un certo modo, anche senza toccarmi…” aveva confessato la baby, un tipo unico. “La mia amica Cettina ci mette molto tempo, a suo marito lo fa ‘lavorare’ tanto e poi si fa male, me lo dice lei, io invece…” La natura è strana pensava Alberto la genitrice di tanta delizia, Mara, donna dura non apprezzata di certo da un marito grasso e piccolo non solo di statura, conformista e con i santini sparsi per casa non poteva di certo averle trasmesso quella natura sessuale che già a dodici anni la scuoteva tutta. “Coma fa una donna a non amare il sesso? È meraviglioso, mi distende, mi rende allegra, mi bagna le parti intime,  mi piace tanto!” “Non fare la razzista all’incontrario” diceva convinto Alberto “Non pensi a quello che dicono le frigide, perlomeno di prenderesti della puttana.” “Mi piace essere mignottella” gorgogliava Anna. Non era facile fare un ragionamento razionale con lei. “Va bene se preferisci la nebbia a me scendo dalla macchina.” Una ventata gelida le fece cambiare opinione, ora sedeva buona buona al suo posto, Alberto non era il solito fidanzato, c’era qualcosa in lui che la attirava in modo notevole. “Tua moglie, hai avuto da dire con tua moglie?” “Non è in città, è da sua madre a Milazzo altrimenti non saremmo qui.” “Ma allora che d’acchiappa, non mi vuoi più bene, dimmelo, ti prego, lo sai che non potrei vivere senza vederti, quando sei andato a Roma da tua cugina…non voglio pensarci, un giorno stavo per prendere l’aereo, lo sai quanto sei importante per me.” I due amanti si erano incontrati circa un anno prima in un circolo di nobili frequentata da gente un po’ snob: i mariti annoiati parlavano fra di loro, talvolta venivano interrotti dalle legittime consorti per un giro di danza, qualche vecchio pensionato, in vena di follie, si buttava con le ultime energie rimaste su qualche giovin pulsella che non riusciva a dir di no a quel brutto satiro. Alberto lontano dalla legittima consorte, annoiato,  girava per i locali. Alle pareti quadri di cattivo gusto, forse dipinti da qualche frequentatore del circolo che lo facevano sorridere. Stava accendendo la pipa quando si trovò fra le braccia una fanciulla uscita di corsa  dalla toilette delle signore; I fili incandescenti  del tabacco si erano sparsi sul vestito dalla signorina ed anche sul suo smoking. Dopo aver spento i vari ‘focolai’ Alberto guardò in faccia Anna, serafico lui, arrabbiatissima lei che aveva preso fiato per aggredire il suo astante ma, guardando la sua espressione, aveva desistito. Il silenzio ed il modo di guardarla  tra l’incuriosito ed il divertito le avevano impedito di dare la stura ad una delle sue solite sceneggiate aggressive. Nel frattempo Alberto aveva preso fra le sue le deliziose diafane mani di Anna e, guardandola negli occhi: “Ma così corrono solo le gatte, qualche parente fra i felini?” Fare ammutolire la ragazza non era impresa facile, ma lei non sapeva che dire, ogni frase che le passava nella la mente le sembrava inadeguata alla situazione e poi si sentiva imbarazzata. Ritirò le sue mani da quelle di Alberto e, senza guardarlo in viso, rientrò in sala. “Ehi gatta non ti sarai offesa!” Maledizione le dava pure del tu, mi ha chiamato gatta, ora gli faccio sentire le unghie del felino. Si girò di scatto con lo sguardo fiammeggiante della vendicatrice sospinta da una giusta ira ma la risata di Alberto la colpì bloccandola. “Mi scusi signorina sia per la bruciatura che per l’appellativo di gatta, vede io sono un istintivo e dico sempre quello che mi passa per la mente, non la chiamerò più così, lo giuro, l’appellerò alla francese ‘chatte’” “Questo seguita a prendermi per i fondelli, chi crede di essere, maledetto sfrontato, borioso e impertinente!” Ma la frase era rimasta nel suo pensiero, non aveva ancora pronunziato verbo, cercava qualcosa d’effetto che potesse trarla d’impaccio ma non trovava nulla, meglio il silenzio. “Signorina è la tecnica migliore, lo faccio anch’io quando sono impacciato. “Accidentaccio questo mi legge pure nel pensiero, lo odio…” Stava di nuovo allontanandosi quando si sentì afferrare per la vita, “Anna questa volta era molto infuriata, questa non gliela perdono” Stava per reagire quando si trovò stretta al petto di Alberto, gli occhi di lui la scrutavano dall’alto del suo metro e ottanta, occhi seri, tristi, anche questa volta non reagì. Alberto la lasciò andare, uno accanto all’altro rientrarono in sala accolti da una musica sud-americana, Alberto la prese fra le braccia e cominciò a ballare.  “Lei è l’uomo che non deve chiedere mai, non mi piacciono i presuntuosi.” Si sciolse dall’abbraccio e si allontanò sculettando deliziosamente.
    “Alberto dimmi cos’hai, te lo chiede la tua chatte, ti sento lontano.” Il più non giovin signore rientrò nella realtà, la nebbia si era fatta ancora più fitta ed il buio della notte avanzava. “Ho un po’ di paura ti prego di stringerti a me, ne sento il bisogno, lo sai che ti voglio un bene dell’anima.”  Alberto invece aveva voglia, una voglia sessuale violenta che gli stringeva lo stomaco come una morsa, tolse le scarpe ad Anna, poi i collant e lo slip, intravide nella penombra le morbide deliziose cosce e affondò la bocca nella deliziosa ‘chatte’ già bagnatissima. La baciò a lungo. Sentì qualcosa di vischioso sulle labbra e sulla barba. Anna si era lasciata andare completamente e respirava forte, ogni tanto si lamentava sommessa e si mise sopra di lei penetrandola facilmente. Sentì che i loro umori si univano, lei si muoveva freneticamente. Alberto sentì che ‘ciccio’ si ritirava lentamente. “Una volta duravo più a lungo, ora…” “Non ti cambierei con un giovane, hai tutte le qualità che desidero, sono molto  innamorata di te, talvolta ho paura che tu sparisca dalla mia vita. Ricordo quando ci siamo rincontrati per la prima volta dopo la festa da ballo, era un anno addietro, siamo andati al mare, era aprile, il tempo nuvoloso. Avevo accettato l’invito senza convinzione mi hai fatto delle foto in bianco e nero ed a colori, mi dicevi: guarda verso il mare, meno pensierosa, sorridi meno forzatamente soprattutto con gli occhi, va bene, mi piaci anche seria, imbronciata sei deliziosa; era venuta gente. In macchina al ritorno sentii il desiderio di raccontarti qualcosa di importante della mia vita, non ero più vergine, mia madre mi ucciderebbe, mi ha inculcato l’idea che la verginità è un bene supremo. Ero impiegata presso lo studio di un ingegnere, io geometra  lavoravo anche fuori orario. Un pomeriggio, assente la moglie, mi invito a mangiare in casa sua, forse per il troppo spumante ingurgitato non mi sono quasi accorta che quel maledetto mi aveva spinto sul divano e mi aveva violentato. Giunta a casa mi sono rifugiata a letto con la scusa che mi sentivo male. Dopo una settimana mi sono recata da un ginecologo che mi ha confermato che c’erano delle lesioni sulla mia…” Anna rammentando il triste episodio sembrava riviverlo nella realtà, Alberto l’abbracciò e la baciò a lungo cosa che parve calmare la poverina che rispose ai baci e riuscì anche a sorridere poi “Ho capito da tempo che vuoi una giornata completa per noi, organizza tu la…spedizione!”
    Alberto ricordò che in passato aveva favorito la direttrice di un albergo in sede di verifica, andò a trovarla. Era una bolognese simpatica: ”Maresciallo a disposizione, la Cesira non dimentica gli amici.”  “Dovrei passare qualche ora con una mia conoscente, mi occorre una stanza dalla mattina alla sera.” “Ben bada ben mi indichi la data, sarà servito.” Anna disse a sua madre che voleva passare un giorno a casa di una sua amica, la vecchia per fortuna ci credette e così la baby ebbe via libera un sabato. Alberto la stava aspettando all’interno dell’albergo in compagnia di Cesira che volle la carta di identità di ambedue: “Non vi registrerò ma se viene la polizia…” Quando apparve, la deliziosa era vestita molto elegantemente e dimostrava tutta la sua giovane età. Cesira: “La differenza tra uomini e donne è che se un maschietto si prende un’avventura è un conquistatore, una femminuccia come me una…lasciamo perdere.” La direttrice era stata di parola, la stanza era la migliore dell’albergo e c’era anche un mazzo di fiori. Alberto mise in frigo la ‘mangereccia’ che aveva portato e rimase sbalordito quando Anna apparve nuda dal bagno. “Sei una visione!”  la prese in braccio e la depositò sul letto, ovviamente Ciccio era già in posizione, la Gatta istintivamente lo prese in bocca e poco pochi minuti rimase quasi affogata da un mare di sperma; si rifugiò in bagno e riapparve…”Scusami  ma non ho mai avuto un’esperienza simile, voglio solo abbracciarci prima di…” La stanza era dotata pure di filodiffusione e Cesira pensò bene di immettere musica romantica, un’atmosfera rilassante e romantica. Alle dodici Alberto aprì i pacchetti contenenti cose buonissime da mangiare. “Basterebbero per un battaglione…” “Mi piace il tuo paragone militare…mia cara mi sto innamorando di te e non so…” “Io lo sono da un bel po’ quindi siamo pari.” Celiò la baby. Dopo un riposino Alberto partì all’attacco, Ciccio sembrava più grosso del solito ed ebbe qualche difficoltà a penetrare la gatta la cui padrona si guardò bene dal protestare anche se aveva provato un po’ di dolore. Dopo un po’ Anna cominciò a respirare sempre più affannosamente sino ad emettere dei prolungati ulularti di piacere, Alberto capì che forse aveva trovato il punto G della deliziosa la quale seguitava imperterrita sino a quando, esausta, pian piano smise e girò di spalle a…suo marito. Ci volle circa un’ora ad Anna per riprendersi, si stirò da vera gatta e si posizionò sopra l’Albertone: “Sembriamo un panino imbottito.” La baby aveva anche il senso dello humor. Dopo un pranzo innaffiato, poco, da un Lambrusco doc restarono in camera sino alla sera. Erano le diciannove quando i due si rivestirono e nella hall ritirarono le relative carte di identità. Un velo di tristezza li avvolgeva , la favola breve è finita, il vero immortale è l’amor (Jaufré Rudel). Per fortuna di ambedue questa volta Hermes, protettore di Alberto, si impegnò al fine che la ‘favola breve’ non fosse più tale e, dopo molte peripezie i due felicemente maritati vissero…vi risparmio il resto. Amici lettori auguro anche a voi tanta fortuna in tutti i campi, specialmente in quello amoroso.

  • 24 gennaio alle ore 12:25
    L'amore che rimane

    Come comincia: Due amici, cresciuti nello stesso quartiere per diverso tempo, si rincontrano dopo più di quindici anni e iniziano a parlare tra loro, come fosse la prima volta. E per uno strano scherzo del destino, quei due bambini che adesso si ritrovano quasi adulti, dal tanto parlare e scherzare, si ritrovano invaghiti l’uno dell’altra. Quando però succede che si innamorano, non sono pronti per vivere i loro sentimenti. L’amore sembra essere qualcosa di semplice, ma loro complicano tutto con i loro rispettivi caratteri. Una storia nata e cresciuta tramite messaggi sul cellulare; quello che prima è un dialogo tra i due protagonisti, diventa poi un monologo. Quanto tempo passerà prima di diventare concreta, reale? Il destino sembra essere contro questo amore: succede sempre qualcosa che non li farà mai incontrare di persona. L’imbarazzo di fare i conti con la propria coscienza e la paura di credere alla loro storia offusca tutto, rendendo il solito lieto fine non tanto poi così scontato.

  • 23 gennaio alle ore 8:44
    Aspettando il mio turno dal dentista

    Come comincia: Mentre aspettavo il mio turno dal dentista, per passare un po’ di tempo, mi vado a leggere alcune poesie di Alda Merini su internet, mentre ero raccolto nella mia lettura, provando una profonda emozione per quel che leggevo, sento quello che è accanto a me russare mentre dorme seduto sulla sedia, non potevo fare a meno di ridere sotto i baffi, è stata una sensazione curiosa perché passai da un tipo di emozione ad un'altra.

  • 23 gennaio alle ore 8:20
    Ho tolto la barba a Dio

    Come comincia: Un bimbo uscito dalla fredda razionalità di una guerra, dove apprende che la bomba, che stava scendendo, ha preso la casa vicina e non la sua. Quel frantumarsi di vetri, la sabbia dai sacchi su di noi, urla, pianti. All'uscita dal rifugio, in via Casaregis, un enorme cratere colmo d'acqua: la casa dei nostri vicini e non la nostra. Poi, la fuga a Villa Adela. Il contatto fisico col nemico. Solo il segno della croce e un bacio alla “Madonnina”, prima di dormire, imposto da mamma. A fine guerra, due anni dalle Suore Cabrini, a Genova. Mi raccontano una religione, che non capisco. Importante è inginocchiarsi tutti a tempo, al suono della campanella, evitando le urla della suora guardiana. Non ridere! Dio? Chi sarà mai? Sì, è quel vecchione barbuto, là in cima, tra le nuvole della cappella. Sotto ci sta una suora, la Beata Cabrini. Tutto qui. Le preghiere sono litanie ripetitive, con le ginocchia che hanno dolore. Alzarsi, inginocchiarsi, alzarsi, il segno di Croce. E l'ho partata dietro, con me, questa religione insegnata per anni. Ma Dio con la barba dove mai si era cacciato? Un pomeriggio, a Busios, in Brasile, inizio a camminare per una spiaggia infinita. Alla mia destra un intreccio di mangrovie mi separano dal mondo, a sinistra, l'oceano. Non è più il mare delle mie vacanze, ma è l'oceano, poderoso, immenso, sonoro, tumultuoso. Siamo in due, io e lui. Ho un brivido, un'angoscia, un timore a limite con la paura. Toh! Ma che l'oceano fosse Dio? E' Dio. Un Dio senza volto e barba. E sarà, di seguito, sempre Dio, l'alba di colori, il Cervino, immenso, che mi domina a Chamoi, il fiore, che nasce sul mio balcone, il sorriso di mio figlio, il pulsare delle mie tempie, a notte sul cuscino.

    E le preghiere? Dove le hai mai lasciate?

    “Pregare non è dire preghiere” leggo in Adriana Zarri, in Tutto è Grazia.

    Giusto, mi ci ritrovo. Adriana, che verità hai mai detto! Io più di una volta, a letto di un malato, sofferente, coinvolto dal suo dolore e impotente, io miscredente, mi sono detto, quasi vergognandomi: “Mi sa che sto pregando.”

  • Come comincia: Il 7 dicembre 1972 l’equipaggio della missione Apollo 17 fotografò per la prima volta il pianeta azzurro in tutta la sua bellezza e rotondità. Una visione unica di un pianeta unico: dallo spazio quasi una carta d’identità che racconta di un unico popolo, di un unico confine, di un’unica frontiera.
    Incredibile ed evanescente, eterea e immobile, la Terra si mise quasi in posa, mostrandosi accarezzata da nubi leggere, quasi un velo da sposa, attraversata da venature azzurre sopra un viso diafano e color terracotta, un viso indifeso e appena ombreggiato da pensieri offuscati e dolori taciuti. Il continente africano appariva liscio e splendente e siccome era quasi il solstizio d’inverno anche l’Antartide era colpito dalla luce.
    Il Sole si trovava proprio dietro la navicella Apollo 17 e per la prima volta la Terra era tutta illuminata, completa, senza angoli nascosti, senza zone dimenticate e straniere, senza esclusioni.
    Oltre quel silenzio opalescente era nascosto alla vista un turbinio di eventi, drammi, storie e gioie che ne facevano un libro aperto.
    La fotografia della signora Terra venne chiamata “Blue Marble” cioè “Biglia Blu” e fece in breve tempo il giro del mondo lasciando tutti senza fiato. Non ci si stancava di guardarla, non  ci si stanca di ammirarla.
    La scattò l’astronauta Harrison Jack Schmitt verso le dieci del mattino, a circa cinque ore dal momento del lancio. La navicella era diretta verso la Luna e in quel momento si trovava ad una distanza dalla Terra di circa 45.000 chilometri. L’astronauta usò una macchina fotografica analogica, di quelle che oramai non se ne vedono più. Non sapeva quell’astronauta che quella foto sarebbe diventata in assoluto la fotografia più riprodotta di tutti i tempi. Fu la prima e l’unica volta in cui il mondo su cui corriamo e respiriamo divenne casa, quartiere, guscio, nido, coperta e tetto sotto cui ripararci. La prima e unica volta in cui il buio era “là fuori” e noi tutti umani eravamo sulla “nostra” barca, al sicuro dall’ignoto, dai cattivi. Eravamo nella nostra casa sospesa sull’albero al riparo dai mostri sconosciuti. Fu la prima e unica volta in cui una fotografia cancellava ogni differenza, ogni diversità, ogni disagio. La Terra e noi il Mondo.
    Non sapeva quell’astronauta che per pochi istanti la terra divenne Patria per miliardi di abitanti, dove un’unica lingua e un’unica razza si fondevano in un linguaggio universale: quello dell’immortalità. Poi l’istante svanì, il silenzio riprese il suo vorticare e quello scatto si frantumò di migliaia di frammenti che come lame taglienti ferirono uomini e storie, anime e menti.
    Quella dell’Apollo 17 fu l’undicesima missione americana e l’ultima missione umana sulla Luna. Da quel momento nessun essere umano ebbe più la possbilità di scattare una fotografia in cui la Terra appariva totalmente e completamente esposta all’obiettivo.
    Oggi si scattano ogni due minuti migliaia e migliaia di fotografie, superando di molto quelle scattate in tutto il 1800, il secolo nel quale si inventò la fotografia. Ogni mese novanta milioni di video vengono caricati su Youtube.
    Si vive di fotografie, ma non nel senso classico: si scattano selfie. Ognuno racconta il proprio “io” per dimostrare agli altri di essere “vivo”, di esistere. Ogni fatto, ogni evento, è lo sfondo alla nostra personale esistenza, ognuno di noi documenta una storia, ma queste miliardi di storie non riescono a trovare il proprio spazio, il proprio tassello. Sono come prigioniere di una scatola con il coperchio chiuso. Come una prigione, dove non si resce a vedere nient’altro che uno spicchio di quell’universo stellato e celeste sotto cui viviamo. Ed ecco allora che tutto è distorto, frammentato, disuguale. Ognuno di noi racconta il proprio Mondo. Ci siamo dimenticati del Mondo che ancora attende uno scatto. Quello immortale ed eterno. Lo scatto che narra un’unica Storia. La storia univerale di un popolo. (Quello umano).
     

  • 22 gennaio alle ore 17:20
    U cafetteri

    Come comincia: Ricordo che quando ritornai a Melito, dopo tanti anni vissuto fuori, incontrai un vecchio comunista detto “'u cafetteri” che, conosciutomi a malapena e solo dopo avergli detto “sugnu ‘u figghjiu 'i Sciavè “u pintu” mi abbracciò con forza e mi disse : -ciao, "compagno"-.
    Da quanto tempo che non sentivo la parola "compagno"...
    Un paio di decenni di sicuro...appunto dal 1968 e immediatamente, nel vedere e nell'abbracciare il vecchio "comunista", rivedevo le sezioni invase dal fumo, le discussioni che duravano fino a notte fonda, la passione che noi giovani e loro, gli anziani del partito, mettevamo in ogni cosa, in tutte le battaglie, in tutti i discorsi.
    Mi tornano in mente "il centralismo democratico", "la via italiana al socialismo", i discorsi dei membri della direzione, del"comitato centrale” (Ingrao, al cinema “Dattola”), l'eskimo, i capelli lunghi (!), le marce (più a Reggio, per la verità) contro la guerra in Vietnam, il "sessantotto", gli anni di piombo, gli scioperi all'Università, il "movimento della pantera" (che io lo ritenevo giusto ma un po’ violento), l’unione e la solidarietà tra operai e studenti, Moro, Berlinguer, Almirante, Craxi, Ingrao, Lama e tanti altri protagonisti di quegli anni.
    Quanti sforzi e quante battaglie per dimostrare che il comunismo italiano era diverso da quello sovietico; quanto impegno per la libertà, l'uguaglianza, la solidarietà.
    Magari litigavamo su una frase di Pajetta o di Amendola ma poi ritornavamo ad abbracciarci.
    Volevamo un mondo migliore, una scuola più libera e più aperta, volevamo la pace in tutte le parti del mondo, lottavamo contro la fame, rifiutavamo il razzismo, volevamo l'uguaglianza di tutti gli uomini, di tutte le razze e di tutte le religioni.
    Negli occhi del “cafetteri” ho visto quello che da tempo percepivo in mio padre, morto nel marzo del 1979: la sconfitta lasciato dalle tracce profonde dovute a queste delusioni e la notai soprattutto sul suo volto ormai vecchio e stanco.
    Tanti che come lui credevamo negli stessi ideali abbiamo svenduto la nostra anima e salvato il corpo perché adesso abbiamo la macchina bella, qualcuno magari la villa favolosa, un bel conto in banca, ma non abbiamo più quell'anima.
    Il “cafetteri” allora mi salutò con gli occhi lacrimanti; io l’ho abbracciato e l’ho baciato perché gli volevo bene come tutti i vecchi amici di mio padre e a tutti quelli come lui che avevano sofferto e vissuto sulla propria vita tutte le negazioni e le incoerenze da essa ingratamente regalate ma che comunque, fino alla fine, non si arresero mai.
    È stato bello per quelli che hanno e abbiamo vissuto quel periodo ma adesso è andato.
    Viviamo un' altra realtà...diversa...un’altra società.
    Certo quel periodo ha cambiato tantissimo la società ma ora bisogna confrontarsi con la realtà odierna e smetterla definitivamente di guardarsi indietro, perché si sa, tante cose possono ritornare ma il passato, quello proprio no.

  • 12 gennaio alle ore 19:07
    Caffè doppio

    Come comincia: «Buongiorno!»
    «Buongiorno!», rispose il barista.
    «Vorrei un caffè doppio!»
    «Sì certo subito, un bel caffè corretto!», attestò il barista.
    «No, scusi!»
    «Prego?», domandò indifferenze il barista, celando un'inquietante impazienza.
    «Non ho chiesto un caffè corretto!», risposi insofferente.
    «Ah! Allora un cappuccino?»
    «No, forse non mi sono spiegato. Vorrei semplicemente un caffè doppio!»
    Il barista mi osservò dubbioso. Saranno stati i bagordi della sera precedente, dove l'unica bevanda che gli tornò in mente fu un Martini più lungo che doppio, mentre gli occhi erano puntati sul davanzale della morona conosciuta in discoteca. Preso da estasianti pensieri, versò un Martini doppio in un bicchiere e, senza tanti preamboli lo posò sul banco.
    Un altro cliente accanto dall'aspetto abitudinario, visto la naturalezza con cui si muoveva nel locale, sembrò molto coinvolto dalla scena che stava assistendo con molto interesse.
     
    «Ehm scusi, credo che lei si stia confondendo, mi ha dato un Martini doppio!», sostenni innervosito.
     Mi stavo agitando. Non capivo se si stava prendendo gioco di me o, veramente la sua mente era rimasta incollata a chissà quali pensieri.
    Nel frattempo al cliente accanto, gli fuggì una sonora risata. Il barista lo guardò sinistro, poi rivolgendosi a me, ribatté con aria trasognata. «Che differenza c’è tra un Martini doppio e, un caffè doppio al mondo d'oggi? »
    «Mah... », cercai di replicare.
    «Suvvia è sempre doppio!», insistette il barista. Poi sporgendosi dal bancone con aria spropositamene famigliare continuò. «In confidenza le dirò, da quando faccio questo mestiere, ho visto più gente bere alcolici di mattina che caffè, anzi il caffè se lo bevono dopo, forse per riprendersi.»
    «Senta, è ridicolo! », replicai confuso ma, trattenendo il controllo che era una mia caratteristica in situazioni imbarazzanti o, particolarmente combattuti. «Sono entrato in questo bar per ordinare un caffè doppio!»
    «Sì, doppio!», replico l'habitué accanto, con aria ironica.
    «È così difficile averlo?»
    Le mie tempie pulsavano, sentivo il sangue correre su e giù in un ingorgo che da lì a poco, sarebbe eruttato come un vulcano.
    «Bastava dirlo», replicò il barista.
    A questo punto l'intruso intervenire, asserendo che quello che aveva appena detto il barista era vero, e di far parte anche lui della stessa cerchia.
     
    «Quale cerchia?», chiesi attenuando i nervi tesi.
    «Della prima cerchia, è ovvio!», rispose convinto l'intruso.
    «Sì sì! », confermò il barista.
    «E lei, lei di che cerchia è?», chiese l'intruso.
    Mi guardai attorno smarrito. Poco più in la c'erano degli operai che stavano ingurgitano ogni ben di Dio, accompagnato il tutto da caraffe di birra. Esaminai l'ora sull'orologio appeso a muro, rilevando che erano le 11.30. Al mio fianco, una coppietta bisbigliava parole con gesti affettuosi. Li osservai più attentamente, notando le sue mani cercare quelle di lei che si divertiva a fuggirgli, per poi tornare docile in cerca delle stesse; un gioco di mani che attirò la mia indiscrezione per vari secondi. Presupposi che era una coppia affiatata; dalle occhiate in sintonia, le attenzioni e, soprattutto da come si cercavano rubando ogni istante il filo dei loro sguardi, come se volessero immortalare ogni frazione di vita.
     
    «Ehi! Allora di che cerchia sei?», insistette impaziente l'intruso, mentre sorseggiava il vino.
    Non diede peso alle parole. La mia attenzione si posò su una coppia di anziani seduti accanto, atteggiandosi come due adolescenti. I loro occhi brillavano di una luce intensa e, un fiume di parole li circondava in un mondo, dove nessuno sarebbe potuto entrare. Chissà – pensai, da quanto tempo erano li. Parlavano senza sosta, come se avessero il tempo contato; forse rammentavano il loro primo incontro o, forse parlavano dei figli, dei nipoti, delle disavventure, dei momenti di gioia. Comunque di qualsiasi cosa parlassero, tra di loro c'era complicità e, nonostante gli anni piovuti addosso, tanta tenerezza che mi colpì il cuore. Mi venne il dubbio: chissà magari non erano vecchi sposi che navigavano tra i ricordi di un passato ma, amanti. Sì amanti, che si leccavano le ferite sperando di avere il tempo di riprovare quelle emozioni, trascinate nella nebbia dal fiume della vita.
     
    «Ehi? Sei connesso? Allora, mi vuoi dire di che cerchia sei? », perseverò l'intruso.
    Di che cerchia sono? Pensai. Forse della prima.. ma non di quelli abituali, una via di mezzo. Ci fu un periodo, dopo che Sandra mi lasciò portandosi via ogni cosa, tranne una fotografia che ci ritraeva assieme – e che fu motivo di dolore più forte di tutto il resto; guardare ogni giorno quella foto dove credevo che lei fosse felice e che un giorno avremo costruito un futuro assieme più disegnato, magari mettendo al mondo un pargolo da coccolare, aumentava il dolore delle ferite che non si rimarginavano, e iniziò la mia odissea. Iniziai a farmi un drink prima di pranzo, a volte anche più di uno. Nei momenti di pausa scendevo al bar e ordinavo un prosecco, notando con il tempo, che la gente mi osservava bisbigliando tra loro. Capì che mi stavo tagliando le gambe e di quel passo la mia serietà sarebbe andata a farsi fottere nonostante i motivi personali ma, che non dovevano intaccare con la mia professionalità. Così decisi che finché non avessi superato quel periodo di dolore e sconforto, mi sarei allontanando in un locale fuori dalla struttura per lenire la sofferenza che mi attanagliava all'improvviso, facendomi rotolare nel ricordo del tempo che fu. Ma il destino è un arlecchino e non sai mai quale maschera indosserà, come agirà: sempre pronto a colpirti quando meno te lo aspetti. Fu cosi, che una mattina decisi di allontanarmi in un bar più distante.
     
    «Dottò!» esclamò un tizio che ricordo di avere operato, a cosa o dove non mi sovvenne. Colpito e affondato - pensai.
    «Glielo offro io un drink! Sa, le devo farei miei più sinceri complimenti!»
    «Ah grazie ma le pare!», risposi esternando un sorriso a trentadue denti.
    «Lei è il miglior mago dei bisturi! Pensi che la cicatrice si vede appena, e il mio ginocchio è più agile di quello di Roberto Bolle!»
    Allora pensai - gli avrò ricostruito la lunula, si forse gli usciva la rotula. Però, non mi aspettavo tal elogio.
    «La mia rotula è diventata una pallina da ping pong, reagisce perfettamente a ogni mio movimento.»
    «Sono molto contento per lei, così finalmente avrà ripreso le sue attività!», risposi a tanta gratitudine.
    «Beh dottò, sono ancora disoccupato.», sostenne calando il tono di voce.
    «Oh mi dispiace, ma vedrà che la ruota della fortuna girerà dalla sua parte!», dissi poco convinto.
    «Sì sì, come diceva mia nonna, la speranza è l'ultima a morire. E poi ora mi sento sicuro, forte, potrei tirare su un tir!»
    «Beh magari non esageri, ah ah!»
    Bevemmo il drink e il mio ex paziente si offrì per pagare, nonostante mi opponessi lui, insistette. «Dottò, una promessa è una promessa, questo glielo offro io!»
    «La ringrazio, speriamo di incontrarci in tempi migliori.», risposi avvicinandomi per stringergli la mano.
    «Sì dottò, mi ha fatto molto piacere rivederla. Allora al prossimo giro!»
    «Quale giro? », chiesi.
    «Una bevuta!», rispose guardandomi sottecchi. Forse lui sapeva più di me cosa cercavo in quel momento e in tanti altri: evasione, dispersione.
    «Guardi che è un caso isolato.», dichiarai.
    «Certo certo, la capisco benissimo. Sempre a lavoro, concentrazione, responsabilità, e mica è uno scherzo! Ogni tanto ci vuole un po' di tregua! »
    «Le ripeto che lei si sbaglia. », insistetti.
    «Dottò non si preoccupi, sarò muto come un pesce, ero spacciato con questo ginocchio. Lei è un maestro, una persona cordiale, no come alcuni che se la tirano solo perché sono dottori e ti guardano dall'alto in basso. E poi se gli domandi spiegazioni, ti rispondono con parolone, e se gli chiedi di spiegarti più semplicemente il problema o, ti guardano con aria d’insufficienza o ti fanno capire che sei troppo stupido per comprendere e, girano i tacchi voltandoti le spalle. A volte mi chiedo perché lo fanno e, se lo fanno solo per i soldi e per la carriera. Insomma non so come spiegarmi, alcuni sono acidi, anche se vai a pagamento, sa? Lei è diverso e le fa onore. Quindi, se capiterà da queste parti, sarà sempre mio ospite!»
    Volevo tagliare corto, la conversazione mi stava irritando, anche sebbene la persona che avevo davanti, nonostante fosse di origini modeste, o almeno presumevo, aveva intuito e sapeva cogliere i miei pensieri celati dietro un camice che mi conferiva una certa importanza. Per quanto il paziente fosse gentile, mi aveva classificato nella cerchia. Appunto la cerchia.
    Per non imbattermi nel tizio alquanto prolisso nonostante la buona fede, mi allontanai in un bar più distante per non inciampare in qualche altra conoscenza. Inventai subdolamente assenze improvvisate, che con il tempo divennero abitudini di cui non potei più rinunciare. Le mie bevute aumentarono, trovando conforto nell'ebrezza dell'alcool. Poi di seguito due caffè, per riprendere un aspetto conforme, sveglio. Le occasioni si susseguivano e sapevo che sarebbe arrivato il giorno, che avrei dovuto interrompere quella strada viziosa che mi avrebbe portato al degrado. Ma il pensiero di Sandra mi assillava, mi pugnalava, mi stordiva, facendomi cadere in una forte angoscia che solo grazie all'alcool si attenuava. Il tempo passò, e le mie uscite al di fuori della struttura ospedaliera divennero più frequenti, finché un giorno mi chiamarono dall'ospedale, e una voce severa mi rammentò i miei obblighi; un paziente era in attesa in sala operatoria. Di corsa uscì dal bar proiettandomi al reparto, ma quando arrivò il momento di operare le mie mani tremarono, cominciai a sudare e capì che non sarei riuscito a intervenire sul paziente. L'anestesista mi guardò con aria interrogativa, e così le infermiere e l'assistente. La testa cominciò a girare, persi il controllo e caddi a terra.
    Fu un giorno che rimase stampato nella mente come una vite conficcata, che scavò il mio cervello frenando quella corsa verso l’autodistruzione, in un’insana meschina e falsa quotidianità.
    Di mia iniziativa chiesi le ferie, inventando un’apparente morte di un caro cugino. Scelsi una meta a caso e volai sul Mar Rosso, per cercare di ritrovare me stesso, l'uomo sicuro di se: il dottore. Invece per giorni mi lasciai andare dai bagordi, quando una mattina ritrovandomi ai piedi del letto, capì che era giunta l'ora di riprendere le redini in mano. Mi curai e tenni duro, riscoprendo la fermezza delle mie mani. Specchiandomi sul piccolo specchio ritrovai un volto più sereno e, notai che il mio stomaco si era sgonfiato come un palloncino. Riacquistata una certa sicurezza, feci le valige e tornai a casa.
    Ripresi a operare, i miei interventi ebbero successo, la mia dignità era riconquistata. Tutto procedeva per il meglio, quando una mattina uscendo dall'ospedale incrociai Sandra: un tuffo al cuore. Lei non mi vide, non si accorse di me che la seguì fino al reparto ortopedia. La vidi entrare in una stanza, sedersi accanto a un letto e baciare teneramente un uomo ingessato dalle gambe in giù. Era finita, le mie ultime speranze caddero in un pozzo senza più speranze. Mi sentì un cane, un perdente, pensando dove avessi sbagliato. Ma ormai qualsiasi cosa pensassi, non avrebbe avuto risposta se non logorare, straziare, ulteriormente il mio dolore ancorato al cuore.
    Uscì a passo veloce dalla struttura dirigendosi automaticamente in un bar, più che convinto di farmi un drink, ma per quale strano motivo a me sconosciuto, ordinai un caffè doppio..
     
    «Oh ci sei?», perseverò l'intruso e, petulante cliente con un’intimità che non ritenni giustificata.
     
    I miei pensieri confusi annegarono in un mare rispecchiando un’amara realtà. Strattonato dall’insistenza del tizio, tornai sulla terra. Guardai il barista e il Martini doppio e, la mia mano lo afferrò bevendo tutto in un sorso. Poi rivolgendomi all’intruso risposi leggermente inebriato. «Della prima cerchia!»
    «Ah ah! Lo sapevo, ti ho notato da quando sei entrato, ho l'occhio clinico io!», disse pavoneggiandosi nella sua materiale intuitività.
    «Già», risposi. «e ora mi faccia un caffè doppio!»
    Pagai e salutai quelli che sapevo, sarebbero divenuti compagni di distrazione e me ne andai sapendo che sarei presto ritornato. Prima di uscire mi voltai e, sorridendo amaramente ancora in conflitto con me stesso dissi. «Alla prossima! »
    Il barista fece l'occhiolino all’habitué, che ricambiò maliziosamente.

  • 07 gennaio alle ore 1:17
    Viva la semplicità

    Come comincia: Mi capita spesso con gli amici d' infanzia, soprattutto con quelli che lavorano lontano fuori Melito e che ritornano per trascorrere insieme ai parenti le festività natalizie o le ferie estive, di ricordare con nostalgia le nostre vacanze sia natalizie che estive che passavamo qui a Melito...soprattutto quelle estive. Devo dire... bei tempi passati...stavamo bene veramente e più in acqua che fuori. Facevamo il bagno persino col mare in tempesta, rischiando un pò e quando le onde ci sbattevano a riva, ridevamo a crepapelle e a lungo, come degli scemi. Devo dire la verità...vorrei una bacchetta magica per poter fare tante cose...per eliminare, per esempio, tante brutte cose che tutti possiamo immaginare ma la vorrei anche per poter tornar indietro e rivivere quei tempi, di tornare indietro nel tempo in quella Melito, allora piccolo paese, dove sono nato e dove ho trascorso la fanciullezza e la giovinezza fino a quasi 20 anni. Adoravo il vecchio bar Martorano dove ho bevuto il caffè più buono della mia vita con il suo aroma che aleggiava nell'aria quando si passava di là per incontrarci ed avviarci per la "spiaggia del "Checco"". Oltre a vari bar e negozi di vario genere che c'erano sulla strada che portava al mare vi erano anche gli alberi del viale così grossi e alti da far fresco, d'estate, all'Ospedale "Tiberio Evoli" ch'era stato costruito proprio sul quel viale intitolato a Giuseppe Garibaldi...semplici alberi ma bellissimi. Sì...niente di più bello che la semplicità della natura e, senza dubbio, grazie a quel viale che ritenevo bello, ho imparato nel tempo che le cose più belle sono, veramente, le cose semplici. Purtroppo, noi uomini, spesso non apprezziamo la semplicità. Infatti quei bellissimi alberi sono stati eliminati per far posto a delle palme che sì...saranno anche belli ma non hanno la naturalezza degli altri, antichi di secoli e perché no...per me magici.

  • 31 dicembre 2017 alle ore 9:59
    La supposta e il razzo

    Come comincia: Cosa accade nel cervello di una persona, nel caso il mio, svegliarsi la mattina e, ancora insonnolito, ripetere stancamente col pensiero un mantra tipo: ‘che differenza c’è tra una supposta ed un razzo?’ Che non sono una persona normale ed io a questo punto tale non mi ritengo ammesso che al tempo d’oggi tale parola abbia un significato, con quello che si vede e si sente in giro…In ogni caso non vi tedierò col raccontarvi la barzelletta, che tra l’altro non è nemmeno tanto spiritosa ma anche un po’ volgare. Mi giro nel letto e m’inebrio del profilo della mia consorte, inondato da un bel sole messinese. La cotale un po’ più giovane di me, diciamo molto più giovane che  ha voluto sposarmi ad ogni costo ventiquattro anni addietro quando ancora non ero ancora disastrato come ora per aver compiuto il…simo anno di età (sono coetaneo della mia suocera) e bisognevole talvolta di una aiutino, si quello che avete immaginato, oggi, per fortuna,  la farmacopea  dà una mano ai non più giovani. Talvolta non ne avrei bisogno come questa mattina ma mai svegliare la dolcissima nel pieno del sonno, mal me ne incoglierebbe; mi limito a bearmi del suo profilo dolcissimo perchè quando si incazza… (è un leone ascendente leone!) Mi ficco sotto la doccia ma il rumore dell’acqua sveglia la non più dolce Anna che: “Non potevi aspettare… manco la domenica…” Per farmi perdonare vado in cucina e preparo una sostanziosa colazione con la quale spero di addolcire Keeta (leggi Cita, non ditele che la chiamo così, era la scimmia di Tarzan). Suo stiramento degli arti superiori ed inferiori, stropiccio degli occhi per riprendere la realtà: “Talvolta sei meno… del solito” Ho volutamente tralasciato l’aggettivo che, detto da lei,  considero normale non offensivo. “Quante belle cose madama Dorè, o hai qualcosa da farti perdonare o vorresti…hai presente il colore bianco, è quello in cui andrai incontro per avermi svegliato.” La miglior risposta è il silenzio, non so chi l’abbia detto ma faceva al caso mio, cercai di cavarmela con una battuta: “Allora mi vesto a vado a Messa.” “Ma se ti hanno buttato fuori dal collegio dei preti per le vignette e le battute anticlericali che hanno trovato nel tuo diario, non ci credo nemmeno se ci fosse una giovane monaca arrapata, dì piuttosto che vai al circolo ufficiali a farti una partita a carte!” Io Alberto M. sono un ex colonnello dell’Artiglieria ma l’appartenenza a quest’arma non era a mio favore. “Come artigliere sei un po’, dico un po’ per aiutarti,  fuori allenamento…” Era tutta una sceneggiata, Anna M. mi voleva un bene da pazzi ed era anche gelosa; quando durante una festa danzante al Circolo Ufficiali qualche vecchia signora si strofinava troppo con lo scrivente, la fulminava con lo sguardo e riprendeva possesso della mia persona! Ma non finiva lì: per mortificarmi agganciava qualche giovane Tenente e faceva finta di divertirsi un sacco alle battute, magari insulse, del bamboccio, pensava di vendicarsi e farmi ingelosire ma io, da vecchio anticonformista  non me la prendevo proprio a mi recavo al bar a parlare col barista giovane romano dè Roma come me. “A’ Romolè so quasi tutte nonne incartapecorite, esclusa ovviamente mia moglie ma tu…” “Quarcuna c’ià provato con me, magari se sganciano qualche migliaia di Euro…” “A lì mortè te metti a fa er macrò…” “Non so si ce la farei, con tutta quella pellancica che c’ianno, bah!” Un giorno una novità:  mia cugina Silvana va in palestra che ne dici se ci vado anch’io?” Non c’era nessuna scusa per negare il consenso anche se istintivamente…”D’accordo fai come vuoi.” L’istinto non aveva sbagliato: dopo circa dieci giorni qualcosa era cambiato nel comportamento di Anna: non era più allegra come prima, parlava e sorrideva poco, talvolta la trovavo a letto, quando mai la mattina restava in casa, andava sempre in giro negozio negozio ma ora… e poi anche sessualmente…Pensai che non era il caso di fare domande dirette dato che aveva poca voglia di parlare e per non metterla a disagio ma fu Silvana che scoprì l’arcano. “Alberto sai quanto voglio bene a te e ad Anna ma ti devo dire che tua moglie..non te la prendere con me che l’ho portata in palestra ma…”Ho capito con chi se la fa?” “Col coach, è un giovane fusto affascinante che piace un po’ a tutte le ragazze.” Dopo mangiato, pipa in bocca: “Che ne dici se mettiamo in atto quello che abbiamo sempre sostenuto, rapporti di sincerità fra di noi, mi puoi dire la verità, non sono il tipo che crea casini.” Dopo un lungo silenzio:”Hai parlato con Silvana? Penso proprio di si, è difficile spiegarti l situazione, tu mi sei molto caro…” “Lascia perdere lo zucchero e vieni al dunque.” “Ho avuto rapporti con Massimo il mio istruttore, non pensavo mai che sarebbe accaduto una cosa del genere ma…è accaduto, qualsiasi decisione prenderai per me va bene.” “Non ho alcuna intenzione di perderti, cerchiamo una soluzione anticonformista, niente pannicelli caldi come dicono i politici, invita il tuo…amico a casa nostra, lo sorprenderai, digli che ho spiccato il senso dello humor, anche se ho qualche dubbio in questo caso e che non sono un tipo violento. Evidentemente Anna aveva molto faticato a convincere l’amante a venire a casa mia dato che erano passati quindici giorni dal nostro ultimo colloquio. “Che ne dici se domenica faccio venire Massimiliano, vorrei mangiare a casa nostra e non al ristorante, potrebbero esserci delle chiacchiere, che ne dici?” “La fatica sarà tutta tua perché dovrai cucinare e non ordinare cibi già pronti.” Almeno volevo risparmiare sulla spesa ed infatti la baby, dopo essersi recata in giro ad acquistare cibare da cucinare per il pranzo, la domenica mattina si alzò molto presto e si mise ai fornelli. In verità fece una bella figura ma di questo ve ne parlerò dopo. Il giovan signore si presentò tutto azzimato a mezzogiorno, posteggiò la sua Mini verde classica, auto inglese anche nel colore e bussò alla porta di casa mia. “Per favore vai tu, sto cucinando.” Una scusa per vedere come si metteva la situazione tra i due maschietti. Il cotale era vestito in modo sportivo, all’ultima moda e qui, pensò Alberto, lo stipendio della palestra doveva essere consistente, a meno che il giovane non avesse un altro genere di entrate…“Signor Alberto buon giorno, io sono Massimiliano…” “La conosco di fama, si accomodi in salotto Anna sta cucinando e la cucina è off limits. Caro Max io da buon romano sono per  l’empatia, possiamo darci del tu, dimmi come sei giunto a Messina dato il tuo accento bolognese, mi sbaglio?” “No son proprio di Bologna, a Messina è stato trasferito a suo tempo mio padre impiegato di banca e ci sono rimasto.” Poco dopo apparve la mia consorte reggendo una cofana fumante (non sapete cos’è una cofana? Gnurants) con dentro delle lasagne al sugo forse in onore del suo amico(è un piatto tipico di Bologna). Riempì i nostri piatti del succulento cibo e, sorpresa sorpresa, toltosi il grembiule di cucina apparve vestita con corta minigonna in rosso con una scollatura abissale , capelli a chignon, un colpo d’occhio al quale il bolognese rimase per un attimo come imbambolato. “Cara se ti presenti così invece di mangiare ci fai pensare al altre piacevoli cose, che ne dici Max?” “Sua moglie è affascinante, non so che altro dire.” Meglio così pensai brutto maiale che ti trombi la qui presente consorte, come se non l’avessi mai vista nuda!  Seguirono portate di gamberi arrosto, alici marinate, sgombri già spinati, insalata di vari colori e, dulcis in fundo cannoli alla siciliana che penso che baby abbia acquistato in pasticceria. Il Verdicchio dei Castelli di Jesi del mio amico Giorgio Brunori non poteva mancare e, insieme, con i dolci, lo spumante veneto Merlot.  “Mes amies dopo pranzo sono abituato a fumare la pipa, siccome Anna non sopporta il fumo me ne vado in strada, con permesso.” I due amanti sicuramente erano rimasti sorpresi di tanta, come dire, generosità da parte mia, ma faceva parte della strategia, volevo metterli in difficoltà nel constatare tanta benevolenza da parte di un marito cocu. Portai fuori Pucci, a proposito non vi avevo detto di possedere un cane pastore tedesco e tornai dopo circa un’ora facendo entrare in casa prima il mio cagnolone per avvisare i due del mio ritorno. Li trovai un po’ rossi in viso mentre ballavano al suono di una musica brasiliana. “Vedo che avete i miei stessi gusti, per me il Brasile e soprattutto le sue femminucce mi fanno impazzire, anche a voi?” Massimiliano decise di averne avuto abbastanza e, con una scusa, si levò dalle balle. Anna si sedette sul divano, apparvero le sue mutandine rosse come il vestito. “Cara ma non siamo a Natale che ci si veste di rosso ad ogni modo stai molto bene e soprattutto sei molto sexy.” Anna andò in cucina ed apparve dopo circa mezz’ora. “Non ho capito cosa volevi concludere con questa sceneggiata, Max era molto sorpreso ed anch’io.” “Non ricordo chi disse ‘semper satisfare uxorem tuam’, ho messo in atto il detto latino…” Anna scappò in camera da letto e quando la raggiunsi la trovai piena di lacrime. “Ho fatto il classico ed ho capito il tuo messaggio ed ho pensato che…era il tuo amore che ti spingeva a comportarti in modo almeno inusuale per un marito tradito, io ti voglio ancora molto bene e ormai ritengo che la mia sia stata solo una sbandata sessuale che deve finire qui, sempre che tu lo voglia.” “Amore mio questa volta te lo dico in italiano: talvolta le corna servono per  migliorare un legame affettivo, penso che sia così o mi sbaglio?” Un lungo bacio, la storia di Anna  e Massimiliano  era finita, l’amore aveva trionfato, forse la frase è troppo pomposa ma rispondeva alla realtà. A proposito del razzo e della supposta: il primo va in cielo mentre la seconda…ciao a tutti.
     

  • 30 dicembre 2017 alle ore 16:53
    Adriano il lupo

    Come comincia: Adriano il lupo
     
     
    C’era una volta, un bellissimo lupo dagli occhi di una cangiante tonalità viola scuro, di nome Adriano.
    Dal carattere dolce e sincero, nobile ed idealista, grande sognatore, adorava lui dipingere il mondo attorno con la sua poesia, amante del festoso dondolio delle lucciole all’aria aperta, del danzare lieve dei fiori coi loro colori, del brillio della luna in cielo, fiero nel suo incedere, perennemente col muso rivolto verso l’alto, forte e coraggioso.
    Acquazzone/si vestono di luna/i papaveri ricamava nel suo cuore i propri haiku, animo sublime, ritenuto proprio per questo suo modo di fare, un tipo allorché eccentrico, dagli altri componenti del branco, che non vedevano di buon occhio questo suo poetare, apprezzando ben altre virtù in un lupo della sua età, adatte alla continuazione della specie, ed il proliferare del gruppo, quali l’adoperarsi per trovare una buona compagna e crescere insieme a lei dei bei cuccioli sani, lasciandolo per questo motivo spesso solo, ed in disparte.
    Ma docile ed altruista, lui sorrideva alle loro parole, senza remore.
    Perduto il dono di poter mangiare frutta fresca, melone, ciliegie, more, e qualsiasi alimento contenesse zuccherini, il lupo, non si era mai perso d’animo, e anche se costretto a nutrirsi di semi e tanta, tanta acqua, non aveva mai smesso di comporre poesie da ululare alla luna, attento al suo stile di Vita, prediligendo altro cibo, cercando di muoversi un po’ in più, con regolarità, come la sua condizione gli imponeva, ugualmente orgoglioso di riempire coi propri ululati il creato.
    “Ma senza poter mangiare more!” giungevano voci al suo orecchio “Senza divorare noci croccanti!”, “Ma non si può guarire?”, “Mai?”
    “No…ed è bene invece, tenere sotto controllo lo stato degli zuccheri nel sangue, con continuità e usare buoni accorgimenti!” replicava lui per tutta risposta “Scegliendo il giusto di cui nutrirsi!” drizzava le orecchie “E continuare così a ululare!”
    “Ma se i semi un giorno dovessero scarseggiare?”, “Se tu non riuscissi  a trovare altro?” e lui a quelle domande, ringhiava grattando la nuda pietra con gli artigli, guardando loro straniti.
    “Ma come si fa a vivere?”, “Non puoi mangiane zucchero proprio mai, mai?”, “Non ti manca?” e lui ululava, facendo risplendere il cielo, rimarcando “Posso scegliere di tanto in tanto, magari di mangiare, la frutta che contiene minor quantità di zuccheri!”
    “Mi sembra che non sia mai stato invitato ad alcuna Festa, organizzata nella Foresta!”, “E come sarebbe potuto essere il contrario?”, “Deve fermarsi così di frequente per dissetarsi!”, “Ma beve proprio tanta acqua?!”, “E poi come avrebbe mai fatto ad affrontare un cammino così lungo?”, “Deve fare tanta pipì!”.
    E di colpo nel mezzo di quel ciarlare, salendo sulla roccia, con un solo salto, la bella Alba, lupa dagli occhi d’ambra, correndogli di fianco, storcendo il muso, tirandogli giocosamente l’orecchio, gli chiese scodinzolando “Me lo reciteresti un haiku, Adriano?”
    Compagna di giochi del lupo, conosciutisi ancora cuccioli, intenti a ruzzolare lungo la vallata, con le zanne non ancora aguzze, divertendosi insieme a nascondersi dietro gli alberi, i due non si erano lasciati mai più, restando uno accanto all’altra, con gioia infinita, condividendo lo stesso indomito amore per la poesia, componendo haiku, guardando ben oltre quel cicaleccio.
     “La poesia è un gesto di pace!” ripeteva lei, strusciando il naso contro quello di lui “Ricordi, il giorno in cui mi parlasti degli haiku per la prima volta? …insegnandomi a dividere le sillabe?” sorrise.
    E lui ricambiando la sua dolcezza, annuì “Tu non pensi all’acqua che mi fermo a bere?...allo zucchero che non divoro…alla tanta pipì…alle volte in cui esausto sto così male… e ti sono d’intralcio?”
    “Dovrei?...fa differenza?” si chinò lei a leccargli le zanne bianche, come piaceva ad entrambi “Vorrei tu mi recitassi un haiku…”
    E lui, guardandola con Amore infinito,  ululò alla luna “Vento/pensieri dal vecchio fico/a sgocciolare”
    “La poesia è l’Amore che abbiamo dimenticato...l’Amore a prescindere, l’unico compenso dell’Amore!” si accoccolò Alba, contro il pelo del lupo, senza considerarlo diverso, per il modo che aveva di dover mangiare, per il suo bere così frequente, per la quantità di zuccheri aggiunti che scorreva nel suo sangue, per i momenti di stanca. Sorda ai commenti altrui.
    “Fosse per me non ti cambierei di una virgola!” gli confessò, aprendogli il cuore, la lupa.
    Ed insieme Adriano e Alba, quella notte si diressero verso la grotta, uno di fianco all’altra, scoprendosi a dividere lo stesso giaciglio, innamorati. Ed al sorgere del nuovo giorno, i due lupi non si separarono più, e vissero per sempre felici e contenti.
     
     
     
     
     
     

     
     
     
     
     

  • 30 dicembre 2017 alle ore 10:51
    Alberto il Magnifico

    Come comincia: “Intitolare un insieme di racconti con un titolo esageratamente altisonante…  lascia perdere!” Chi parlava era il mio alter ego; io, da buon ateo, non ho un angelo custode come i cristiani ma un rompi c…i .che non si fa mai i cazzarelli suoi. Lo so che ‘il magnifico’ era detto il sultano turco Solimano ma stavolta lasciatemi esagerare. Giunto all’….mo anno di età, qualche licenza penso di potermela permettere anche per incoraggiarmi un po’: uno che da giovane era considerato per il suo fisico il ‘bell’Apollo’ (viva la modestia!) e ‘conquistatore di donne a getto continuo'(Petrolini)’ all’apparire di rughe sul viso, perdita della muscolatura, colonna vertebrale tipo slalom, dolori sparsi un po’ in tutto il corpo, perdita della memoria e qualche… defaillance permettete che sia almeno un pò giù di morale. Anche passare il tempo in caserma fra ex colleghi (sono un ex maresciallo delle Fiamme Gialle) non migliora la situazione, il discorso va spesso a finire sulle malattie o peggio sul decesso di qualcuno dei nostri, una tristezza… L’unica consolazione una frase di mia moglie (molto più giovane di me) che mi ripete: “Sei sempre l’amore mio!” “Sarai sempre l’amore suo ma è un amore tutto sfasciato” il pensiero di Alberto. Ti pareva che l’alter ego non si immischiasse peggiorando la situazione, str…o! Col mio senso dello humor riesco in parte a sollevarmi lo spirito. Talvolta mi capita di accompagnare Anna (il suo nome) a fare delle compere e vengo interpellato da qualche commesso: “Le piace quello che ha scelto sua figlia…” oppure qualche vecchia signora amica che, per darmi un po’ di corda: “Alberto non dimostri assolutamente la tua età! “ (pietosa bugia). Il peggio è avvenuto quando ho preso a sfogliare il mio album di foto, lì è stato il crollo finale. Ora basta con i piagnistei (peraltro inutili) e, se volete, leggetevi i miei racconti ed anche il mio romanzo ‘Tato il libertino ed il sapore di Venere’, edizione Albatros. Qualche critico (bontà sua) l’ha definito: ‘originale,piacevole, pregno di emozioni, a tratti erotico. C’è nostalgia miscelata a dolce ricordo di un’esistenza che viene gustata di nuovo attraverso la memoria.’ Buona lettura.
     

  • 20 dicembre 2017 alle ore 16:03
    Romeo il lupo

    Come comincia: C’era una volta, un giovane lupo dagli occhi di una cangiane tonalità viola scuro, di nome Romeo.
    Dal carattere dolce e sincero, nobile ed idealista, grande sognatore, adorava lui dipingere il mondo attorno con la sua poesia, amante del festoso scorrere dei ruscelli all’aria aperta, del danzare lieve dei fiori fra l’erba fresca, del brillio della luna in cielo, fiero nel suo incedere, forte e coraggioso.
    Acquazzone/sgocciola fra i rami/l’allodola ricamava nel suo cuore i propri haiku, animo sublime, ritenuto proprio per questo suo modo di fare, un tipo allorché stravagante, dagli altri componenti del branco, che non vedevano di buon occhio questo suo poetare, apprezzando ben altre virtù in un lupo della sua età, adatte alla continuazione della specie, ed il proliferare del gruppo, quali l’adoperarsi per trovare una buona compagna e crescere insieme a lei dei bei cuccioli sani, lasciandolo per questo motivo spesso solo, ed in disparte.
    Ma docile ed altruista, lui sorrideva alle loro parole, senza remore, perennemente col muso rivolto verso l’alto, perso nei suoi pensieri.
    Cucciolo timido e introverso, quanto energico e vivace, ricevuto in dono alla nascita, sotto la zampetta sinistra, un disegno a forma di cuore, diviso  a metà, grande era stato l’augurio che aveva accompagnato la sua venuta al mondo “Che tu possa trovare la compagna della tua vita!” “E che tu possa riconoscerla attraverso questo cuore a metà, che al momento opportuno si congiungerà alla sua parte mancante, che solo la lupa per te avrà  sotto la stessa zampa! Riconoscendo in lei, e solo in lei,  la tua compagna!”.
    Ma divenuto adulto, perso nei suoi haiku, Romeo non aveva mai trovato in alcuna lupa, quella magia adatta a fargli battere il cuore, e trascorrendo i giorni a puntare la luna, componendo poesie nel suo animo, non aveva mai dato  più di tanto, importanza alla cosa.
    E una notte mentre era intento a girovagare per la Foresta, silenzioso, componendo nuovi haiku, di colpo fu sorpreso da una tremenda tempesta,  e spaventato, cercando alla svelta riparo, saltando una roccia resa precaria dalla pioggia, lanciando un guaito straziante scivolò, rovinando al suolo, con una zampa ferita, inerme, ormai perduto .
    “Non ti muovere o potresti finire col peggiorare la situazione!” gli si accostò una lupa dagli stupendi occhi d’ambra ed il pelo zuppo, che incurante della tormenta, in fuga col suo branco in cerca di asilo, nel vedere lui cadere dalla roccia, ferendosi malamente, non aveva esitato a lasciare i suoi compagni per corrergli in aiuto, raggiungendolo “Non ti muovere!”
    E udendo le parole di lei, attutite e lontane, ormai stravolto dal dolore, il lupo, inspirando forte l’odore della bella lupa, riconoscendolo buono, perse i sensi stremato.
    Ma la creatura consapevole del rischio che lui stava correndo, ridotto in quello stato, senza porre tempo in mezzo, chinandosi sullo sventurato, lo addentò morbidamente per la collottola, e trascinandolo di peso, cercò con tutte le sue energie, sfidando la furia degli elementi, di portarlo al sicuro.
    “Scappa! Scappa bella lupa! Non pensare a lui!” gli urlò contro, fuggendo, l’alce nero, anche lui in cerca di un rifugio, vedendola trascinare il lupo, impedita, con tutta la sua forza “Non riuscirai a salvarti da questa bufera, se porti con te anche lui, riverso in queste condizioni!” sparì lui, con un solo salto.
    Ma lei senza porre orecchiò alcuno alle sue parole, continuò a fatica, senza lasciarlo, riuscendo a trovare una grotta di fortuna, seppur sfinita e col fiato corto. E raggiante,  adagiando il lupo sopra un giaciglio di foglie secche ed asciutte, leccandogli la ferita sanguinante, disinfettandola, restò a scaldarlo col calore del suo fiato, senza muoversi dal suo fianco.
    Al suo risveglio lui, non percependo più alcun dolore dilaniargli la zampa, voltandosi adagio, scorgendo la bella lupa, sorridergli dolcemente, rapito dallo sguardo disarmante di lei, intuendo quanto fosse successo, sentì il cuore balzargli in petto, come mai gli era successo.
    E abbassando lo sguardo, lo stupore di lui fu enorme nello scoprire sotto la  zampa sinistra di lei, la stessa identica macchia a forma di cuore che aveva anche lui, anch’essa a metà, e prendendo fiato a tratti, articolando a fatica ogni sillaba, scosse la testa stranito. “Quella macchia… che hai sotto la zampa…” buttò in un sol respiro, tremante.
    E lei a quella domanda, gli sorrise timida “Questa macchia …” soffiò “Ce l’ho dalla nascita! Perché ti spaventa?” si meravigliò.
    E lui sorridendo a quelle parole, strusciò d’istinto il suo muso contro quello di lei incurante, provando per la prima volta un sentimento d’amore, mai sentito prima di allora.
    Indietreggiando a quel gesto così puro e forte, la lupa chinò il capo smarrita, senza riuscire a proferire parola, e grattando la nuda pietra con gli artigli, lo guardò con tenerezza “Questo cuore a metà, mi fu disegnato sotto la zampa sinistra alla nascita!” inghiottì, ricordando la sua venuta al mondo  “Che tu possa trovare  il compagno che ti renderà felice! Lui e lui soltanto! Il lupo che ti amerà sopra ogni cosa! Sin dal primo istante! Senza il bisogno di conoscere nemmeno il tuo nome! Il lupo che ti porterà già con sé nel cuore alla nascita!”
    E Romeo mostrandole a quelle parole, lo stesso pezzo di cuore, che aveva sotto la zampa sinistra, guardandola negli occhi con amore infinito, le chiese il suo nome. “Elettra!” arrossì lei “Il mio nome è Elettra!” guaì stringendosi a lui, ed il lupo accogliendola, a sua volta gli fece eco “Il mio è Romeo!”
    Ed Elettra a quella scoperta, stranita, scodinzolando, sgranò gli occhi “Il poeta? …chi lo avrebbe mai detto?” e riscoprendosi nello stesso cuore, i due restarono a scrutarsi impacciati, nel medesimo battito a formarne uno soltanto, melodia d’amore, assordante, d’impareggiabile bellezza.
    E dividendo il giaciglio quella notte, ritrovandosi innamorati, si strinsero l’uno all’altra, al riparo dalle intemperie, colmi di gioia “Me lo reciteresti un haiku?” le chiese lei, leccandogli le zanne bianche, come piaceva ad entrambi, e lui tirandole l’orecchio in modo giocoso, le recitò la sua poesia più bella “Luna di pioggia/a dondolare nel cuore/ una piuma”
    Ed al far dell’alba i due lupi, contemplando l’aurora più splendente che avesse mai svegliato la Foresta, facendo brillare il creato attorno, in mille bagliori di rugiada scintillante, finito il temporale, uniti, Romeo ed Elettra non si separarono mai più, e vissero per sempre felici e contenti.
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     

  • 17 dicembre 2017 alle ore 14:50
    Buon Natale anche a te

    Come comincia: Quando Fausto aprì la finestra era già mattina inoltrata e un tepido sole si affacciava in cielo. Meglio così, pensò. Un Natale col sole era quello che ci voleva per lui. Niente strane indesiderate malinconie, nostalgie, quadretti di quartieri innevati con alberelli stracarichi di luci, ninnoli, e via dicendo. Da tempo il Natale non aveva alcun fascino su di lui, da quando era morta sua moglie, sì, più o meno da allora, ma già da prima lui aveva cominciato a covare una certa indifferenza verso le feste, tutte le feste, una indifferenza che era diventata insofferenza, ma che nascondeva molto bene per non deludere lei. Adesso ormai non aveva più bisogno di fingere, lei non c’era più. Fausto chiuse la finestra e andò in cucina a fare il caffè. Come al solito lo berrò da solo, pensò, tanto lui non ci sarà, ma provò lo stesso a chiamare suo figlio: il caffè è pronto. Gli rispose un silenzio di assenza. Non è rientrato, pensò Fausto. Non andò a guardare in camera del figlio, non lo faceva mai, anche perché spesso capitava che lui fosse in compagnia di una donna, sempre una diversa, naturalmente, e Fausto non voleva sentirsi in imbarazzo. Le situazioni imbarazzanti l’avevano sempre messo molto a disagio e così aveva imparato ad evitarle. Si sedette al tavolo di formica della cucina e pensò, mentre sorbiva il caffè, che niente era più freddo della formica, distante, malinconico. Potrei metterci sopra una tovaglia, anzi, un bel tappeto spesso, di quelli che si usano anche quando si gioca a carte, magari allegro, colorato, ma poi perché? Cosa me ne importa? Così il tavolo si pulisce in fretta, due passate di straccio e via. Sul tappeto, se poi rovescio qualcosa, devo lavare, poi magari le macchie non se ne vanno. Viva la formica. Stabilito che il tavolo sarebbe rimasto così, nudo e freddo, si alzò e lavò bicchiere e cucchiaino. Guardò l’orologio a muro, erano le 11. Non era abituato a dormire al mattino, il suo lavoro gli piaceva, mai un’assenza, mai un ritardo, era soddisfatto di sé, però oggi era il 24 dicembre, la vigilia di Natale, e lui si sentiva inquieto, non sapeva cosa fare, nessun lavoro a salvarlo dai suoi fantasmi, dall’insoddisfazione, dai pensieri che lo tormentavano. E il suo tormento era il figlio. Un figlio di 27 anni che non si era nemmeno diplomato, mentre lui avrebbe desiderato un figlio con una bella laurea, magari di quelle importanti che danno tanto lustro: medico, avvocato, e forse addirittura magistrato. E invece eccolo lì, questo figlio! Non studiava, non lavorava, non parlava col padre. Però era molto bene educato, mai una rispostaccia, mai una litigata, quando il padre gli proponeva delle occasioni di lavoro, lui opponeva un semplice e pacato “non sono interessato”, così pacato, così indifferente che Fausto si sentiva esplodere, ma poi non diceva niente. Certo le madri sono diverse, le madri sono ostinate, assillanti, non si arrendono, scavano e osservano, affrontano i figli. Eh, quando c’era lei era tutto diverso, lui non era mai riuscito ad entrare in contatto col figlio e col tempo si era rassegnato. In fondo il suo stipendio bastava per tutti e due, e magari le cose prima o poi sarebbero cambiate. Decise di uscire, l’aria di casa era opprimente e la giornata sarebbe stata lunga. Camminò tutto il giorno, ma non lungo i marciapiedi intasati da gente in cerca degli ultimi regali, delle ultime compere per il cenone e poi il pranzo del 25 e poi, già, bisognava pensare anche a S.Stefano, insomma una corsa pazza e sconsiderata agli acquisti di ogni genere. No, lui camminò a lungo nei giardini pubblici, si sedette su panchine silenziose e si perse a guardare il mondo che più amava, quello che gli presentava la natura nella sua meravigliosa semplicità. Tornò a casa tardi, quando si era fatto buio già da un bel po’. Sulla porta, entrando, quasi si scontrò col figlio che stava uscendo il compagnia di una ragazza. Fausto restò allibito: tacchi altissimi, calze a rete, minigonna vertiginosa, un nero attorno agli occhi così pesante che sembrava fosse stata truccata da un pugile. In testa una foresta che sudava gel. Santo cielo, pensò Fausto, questa le batte tutte.
    -Papà, lei è Shelley.
    -Piacere
    -Ciao- e Shelley scese per le scale di corsa.
    Entrato in casa Fausto riuscì soltanto a sospirare e a pensare, ma solo per un attimo, che quella era la notte di Natale. Guardò fuggevolmente la fotografia della moglie sul comò, e se ne andò a dormire. Quella notte sognò la grande chiesa della sua infanzia, tanta gente, tanto aroma d’incenso, e sua moglie che gli sorrideva dal soffitto: sposami Fausto, sposami! Ma come faccio a sposarti, io sono un bambino, non posso sposarti! Sposami Fausto, sposami! Fausto si svegliò di soprassalto e accese subito la luce. Ogni cosa era al suo posto, il silenzio era il solito, solo il tendone che nascondeva la finestra si muoveva leggermente, come capita sempre dove c’è un calorifero acceso. Prima ancora di guardare l’orologio, avvertì un profumo che inondò la camera da letto. Ma sto ancora sognando? No, quello era profumo di caffè, caffè vero. Fausto si mise addosso qualche indumento e uscì dalla stanza con prudenza e circospezione, sapeva che probabilmente avrebbe incontrato suo figlio o qualche amica. Non ricordava che qualcuno degli amici del figlio avesse mai fatto il caffè, tanto meno lui, lui sarebbe uscito e l’avrebbe bevuto al bar. Si fermò sulla soglia della cucina: no, non era suo figlio, era una ragazza, che in quel momento gli voltava le spalle. Di lei Fausto poteva vedere una lunga innocente coda di cavallo, una maglietta rosa e un paio di pantaloni neri alla caviglia. Calzava scarpette basse tipo cenerentole.
    Lui accennò un lieve colpo di tosse. Buongiorno. Lei si voltò, e, con un gran sorriso lo salutò: Oh, buongiorno. Bevi un po’ di caffè?
    Fausto arrossì violentemente di fronte a quel “tu” così disinvolto, ma si fece coraggio.
    -Sì grazie, mi fa molto piacere, ma tu chi sei?
    -Ma sono Shelley, non mi riconosci?
    Fausto guardava Shelley e non la riconosceva. Davanti a lui c’era una ragazza con la faccia priva di trucco, il sorriso gradevole, gentile. Sembrava giovanissima.
    -Ah!
    Shelley rise divertita. Tutto quello che sai dire è “ah”? Ciao, mi presento, mi chiamo Irma.
    -Ah!
    -Sì, Shelley è per la sera, quando andiamo in giro.Vieni, bevi il caffè, chissà che ti venga in mente qualche parola che non sia “ah”.
    Fausto si avvicinò al tavolo per bere il caffè e intanto rifletteva che questa ragazza era davvero troppo giovane, non era che il figlio se la faceva con una minorenne. Gli venne un brivido al solo pensiero.
    -Bene, ciao Irma, quanti anni hai?
    -Finalmente una frase intera. Ho 25 anni, sì lo so che ne dimostro di meno, però sono 25.-Senti Fausto, ti chiami Fausto, vero? Ho visto che nel frigorifero c’è un po’ di roba. Potrei preparare qualcosa da mangiare per mezzogiorno, tanto oggi rimango qui.
    -Fai pure, non mi disturba, ma ricordati che qui non c’è niente da festeggiare, il Natale non mi interessa.
    -Non preoccuparti, si tratta solo di mangiare qualcosa.
    Irma rise di nuovo e Fausto capì che niente avrebbe potuto smuovere il buon umore della ragazza. La guardava mentre lei si muoveva veloce in cucina, leggera e canticchiando. Pensò che era simpatica, ma chissà se era una nullafacente come suo figlio! Ricordava i vecchi proverbi: chi si assomiglia si piglia. La studiò un po’ in silenzio, e poi non ce la fece più.
    -Cosa fai tu? Studi? Lavori?
    -Lavoro, faccio la traduttrice per una azienda, e poi altri lavoretti che mi capitano, sempre concernenti le traduzioni. Non avevo molta voglia di studiare ma me la sono cavata e sono indipendente. Allora faccio io? Decido io per il pranzo?
    -Ma sì certamente, se proprio ne hai così voglia, fai pure tu. Io vado in camera mia a mettere in ordine, a più tardi.
    Fausto si chiuse in camera e si sedette sul letto. Guardò sua moglie che gli sorrideva dal comò, e le restituì il sorriso. Si sentiva bene, di buon umore. Hai visto? Abbiamo un’ospite, una ragazza, pare che trascorrerà la giornata con noi, e non mi dispiace. E’ strano che non mi dispiaccia, non credi? Se penso a quando l’ho vista ieri sera... se l’avessi incontrata di notte mi sarei spaventato. Beh, sembra che voglia cucinare. Io adesso esco così li lascio più liberi, lei e nostro figlio. Fausto fissò ancora un attimo la fotografia prima di chiudersi la porta alle spalle. Salutò Irma uscendo da casa, e sentì la voce di lei che lo inseguiva:
    -Non preoccuparti, vedrai che pranzetto! Me la cavo, cosa credi!
    Fausto pensò che avrebbe dovuto rientrare per l’ora di pranzo, non avrebbe potuto starsene tutto il giorno sulle panchine dei giardini. Comunque si sedette e cercò il suo stato d’animo ideale, come al solito, ma non riusciva a godersi la solitudine. Continuava a pensare a quella ragazza che stava cucinando per lui e suo figlio, così allegra, così diretta. Si rese conto che aveva voglia di tornare a casa. Non mi piace, pensò, non mi piace per niente. Provò a cambiare panchina e poi addirittura si diresse verso un parco che era piuttosto lontano, ma non poteva mentire a se stesso, non aveva nessuna voglia di andarci. Tornò allora verso casa e attraversò il centro del paese. La piazza era affollata, la gente era lì per l’aperitivo, come si usava dalle sue parti. La pasticceria gremita, ed anche il bar di fronte. Qualcuno lo fermò per stringergli la mano e fargli gli auguri. Lui li subì di malavoglia, ma sorrise compiacente. E poi, all’improvviso, un’idea. Non poteva certamente tornare a casa senza portare nulla. Niente di natalizio, si consolò, delle paste, sì un vassoio di paste andava bene, gli sembrava doveroso, almeno per i ragazzi. Sì, era doveroso.
    Quando entrò in casa sentì subito il chiacchierio dei ragazzi. Depositò sul tavolo della cucina il pacco con le paste, e rimase impietrito. La tavola era apparecchiata per quattro. Perché per quattro? Deve arrivare qualcuno? Guardò Irma, e lei timidamente rispose che no, aveva apparecchiato anche il posto della mamma. Fausto era furente, ma come ti è venuto in mente!
    -Scusa Fausto, sparecchio subito. Io ero abituata così, non ho pensato di darti un dispiacere. Quando è morto mio padre la mamma ha sempre apparecchiato anche per lui e non ha mai parlato di lui al passato. Lui faceva parte della nostra vita, lei diceva sempre: papà dice che, papà pensa che... Scusami.
    Fausto si rese conto di essere stato troppo violento e cercò di rimediare.
    -Non importa, lascia stare così, non mi dà fastidio.
    Ma la piazza, gli amici, gli auguri...Fausto era profondamente turbato. La mente gli rimandava immagini di tempi spensierati, di progetti, speranze, di mattine di Natale quando lui prendeva il suo bambino per mano e lo portava fuori per permettere alla moglie di completare tranquilla i suoi preparativi per la festa. Lei ci teneva così tanto! Poi, verso mezzogiorno tornava a casa e lei si faceva trovare pronta, sempre elegante, con quel filo di rossetto che le illuminava il sorriso, con i suoi capelli di seta ben pettinati e profumati di buono, e poi andavano anche loro in piazza a sorseggiare l’aperitivo insieme agli amici, per poi tornare nella loro casa odorosa di vaniglia e arance.
    Fausto si rese conto che il Natale gli stava camminando sull’anima con gli scarponi pesanti, e il nodo in gola lo stava soffocando: riuscì solo a mormorare torno subito.
    In camera lasciò che tutto il dolore sgorgasse dai suoi occhi, senza cercare di fermarlo. Nascose la faccia nel cuscino per timore di essere sentito. E dopo tornò a tavola. Sorrise al figlio come non era capitato da tempo, sorrise a Irma, sorrise al posto vuoto, era pronto? Non lo sapeva, ma certamente si sentiva accogliente, leggero.
    -Perché Irma non sei con tua madre, oggi?
    -Mia madre ha l’ alzheimer. E’ ricoverata. Vado a trovarla oggi nel pomeriggio. Se non ti dà troppo fastidio Fausto, io un panettone ce l’ho e anche una bottiglia, me li ha dati l’azienda. Potremmo anche fare un brindisi.
    Fausto capì che Irma non voleva parlare della madre, non ancora. E accettò il brindisi, accettò “Buon Natale” e lo ricambiò, volentieri, con sentimento.
    Tardi, la sera del 25, Fausto stava leggendo un libro quando gli apparve Irma, no, non era Irma, era Shelley.
    -Ragazza mia, mi hai spaventato, stasera sei più terrificante di ieri sera.
    -Ci vediamo, Fausto.
    Non disse altro, i ragazzi uscirono e la porta si chiuse dietro di loro. Fausto avvertì tutto il vuoto del silenzio che avevano lasciato dietro di loro e sentì che aveva bisogno di qualcosa, di una speranza, una certezza forse sarebbe stata troppo, ma una speranza sì, poteva anche permettersela. E così andò in camera del figlio: la camera era perfettamente in ordine. Pose lo sguardo su ogni cosa e ad un tratto, bene appoggiati su una sedia, vide la maglietta rosa, i pantaloni neri, e per terra accanto alla seggiola, le scarpette basse.
    Richiuse la porta e andò in camera sua, si sedette sul letto come era solito fare e guardò sua moglie. Le sorrise. Hai visto? Shelley ha lasciato qui Irma, credo che tornerà.
    Il sorriso di sua moglie era sempre uguale, immutabile, però lui aveva scoperto che se fissava a lungo la fotografia, il viso sembrava animarsi, il sorriso diventare più confidenziale, intimo, e le labbra sembravano muoversi, proprio come quella sera mentre gli sussurravano: Buon Natale.
    -Grazie cara, Buon Natale anche a te.
     

  • 12 dicembre 2017 alle ore 12:10
    Colme gli occhi di una bimba

    Come comincia: Un passo dopo l’altro, l’aria distratta di chi non ha fretta. Passeggiavo, tra vicoli stretti, vestiti di luci. Lo sguardo verso il cielo, l’azzurro limpido tutto invernale, le mani in tasca.
    Avevo l’impressione di poter leggere i pensieri di chi abitava nelle case sulla strada e riuscivo a vedere le luci dell’albero che tingevano le pareti. Un gatto passeggiava, sui cornicioni. Più in alto, il fumo usciva tra i tetti.
    Non potevo fare a meno di incantarmi ad osservare le vetrine, gli occhi come quelli di una bambina e le guance arrossate dal freddo pungente.
    Avevo scelto con cura una panchina, dalla quale avrei potuto anche sbirciare tra i ritratti degli artisti di strada. Avrei voluto essere ritratta anche io. Da lui. Vedermi con i suoi occhi.
    Sarebbe arrivato in serata. Con quel suo strano modo di camminare, l’aria distratta di chi non ha fretta, di chi ha negli occhi molto più di quel che vede.
    Nell’attesa, ho rivolto lo sguardo ancora una volta verso il cielo e proprio in quel momento un piccolo bianco fiocco mi ha baciato il viso.

  • 08 dicembre 2017 alle ore 16:45
    Quel dolce brivido di speranza che è Natale.

    Come comincia: Un brivido di speranza
    A volte arriva presto. Un brivido momentaneo che fa sobbalzare i nostri sensi in una mattina di dicembre altrimenti insignificante. Chiudiamo gli occhi per prenderlo nel momento in cui evapora, lasciandosi alle spalle una sfumatura sbiadita di grigio ghiaccio e verde. Forse lo sentiamo passare come un ricordo, trascinandosi disinvolto sulle note di una vecchia canzone familiare. Istintivamente, la nostra anima protende, ma è improvvisamente scomparsa, scomparsa come un vapore di nebbia di neve. Un trillo lontano di campanelli della slitta, una certa sfumatura di rosso. Non sappiamo mai quando un accenno di esso arriverà di corsa, solo per ridurre rapidamente prima che possiamo rivendicare tutta la magia che offre. Ma ancora, riconosciamo. Ancora ricordiamo lo spirito del Natale.

    Ogni Natale era una fantasia quando eravamo bambini. Non abbiamo mai pensato a Spirito natalizio, non ci siamo mai chiesti quando, o se, sarebbe arrivato su di noi. Babbo Natale. Babbo Natale. Il bambino nella mangiatoia. Biscotti di zucchero con granelli  scarlatti, regali, vestiti di velluto. Ogni singolo elemento della stagione delle vacanze era un incanto tangibile e si muoveva e tutti insieme, creavano un magico incantesimo di bontà e speriamo di non averlo mai messo in discussione. Era sempre degno di fiducia, mai mercuriale; sapevamo che sarebbe venuto come sicuramente sapevamo che le pagine del calendario si sarebbero trasformate, a riempire i nostri cuori e inondare le nostre menti con un calore ineguagliato per tutto il resto dell'anno.

    Ma l'età adulta porta, e occasionalmente ruba, molte cose. Abbiamo più responsabilità e meno innocenza. Sappiamo dove sono nascosti i regali perché siamo noi a nasconderli. A volte nel turbinio di biglietti natalizi e pasta per biscotti, improvvisamente ci fermiamo e ricordiamo quel vecchio sentimento d'infanzia. Tornerà da noi quest'anno? E se l'intera stagione scivolasse senza di essa? Che cosa succede se il Natale diventa solo un'altra serie di compiti di dicembre da completare, semplici oggetti su una lista di lavori domestici, anche se festivi? Potremmo disperare al pensiero, se solo avessimo il tempo.

    Ma poi una sera ci ritroviamo seduti in una cappella piena di candele e piena di ceri e proprio mentre una bambina lotta per colpire la nota più alta in O Holy Night, lo sentiamo. Quasi casualmente, come un sussurro, ritorna come mai prima d'ora. Il vecchio stupore, il ben noto buon volere. Il brivido della speranza è il regalo del Natale. Chiudiamo gli occhi e ricordiamo la sua dolcezza. Raggiungiamo la mano dei nostri amati seduti accanto a noi mentre rievochiamo di nuovo la ragione di tutto il colore e la luce, i regali e l'amore.

    La fantasia del Natale di un bambino non è persa per noi da adulti. Forse più calmo, e più sereno, fluttua verso di noi sulle brezze della memoria. Non lo diamo mai per scontato adesso. Attraverso le lenti lunghe delle nostre vite, lo vediamo come il tempo del bene supremo che porta la bellezza in un mondo stanco.
    E così leghiamo archi sontuosi. Noi appendiamo ghirlande.
     Non desideriamo altro Natale di quello al nostro tavolo
     e sentiamo la sua presenza come una fiamma di candela nelle profondità più oscure della nostra anima.
    Se fosse in mio potere, darei un regalo a ciascuno di voi.
    Quel dolce brivido di speranza che è Natale.
    Che tu possa sentirlo di nuovo quest'anno

  • 05 dicembre 2017 alle ore 11:25
    Faccetta nera

    Come comincia: Che strano, nel telefonino c’era un messaggio di Anna, sua seconda e deliziosa consorte. Alberto M.  ex maresciallo della Guardia di Finanza si trovava in caserma a Messina per stampare delle foto (in servizio era capo laboratorio fotografico) e per intrattenersi con gli ex colleghi giocando a carte. “Non mi troverai a casa, sono partita con un mio amico che è diventato il mio nuovo amore, cose che succedono, è successa a me, fattene una ragione, gli anni passati insieme sono stati magnifici ma tout passe, tout lasse, tout casse, ho portato con me i miei vestiti e La Twingo, non dovresti avere molti problemi sei agiato e di fiche nel mondo… ti lascio, per ricordo, solo il mio profumo preferito. “Alberto era sbiancato in volto, i colleghi: “Ti portiamo in infermeria, cosa t’è successo?” “Non vi preoccupate, mi sto riprendendo.” Quella che Alberto andò invece a riprendersi fu la sua Jaguar x Type al posteggio ‘Cavallotti’. Arrivò quasi senza accorgersene alla  sua villetta lungo la panoramica, Anna aveva detto la verità, Alberto aveva ereditato da parenti senza figli un sostanzioso gruzzoletto in contanti, in abitazioni ed in terreni ed in quanto a fiche…perché aveva voluto usare una vocabolo volgare e poi chi poteva essere il cotale con cui…Quella notte fu la più lunga notte della sua vita, mille pensieri: “Anna si era stancata di aver vicino un marito più vecchio di trenta anni con… ovvie conseguenze sessuali ed aveva preferito un ’toy boy’ tanto di moda ma chi poteva essere, sicuramente uno della loro cerchia di amici ma chi? Alle otto telefonò a Pippo M., carissimo amico abitante in una villa vicina di professione ortopedico che l’aveva operato già tre volte. “Pronto chi cazzo rompe a quest’ora? Chi sei?” “Alberto, Anna mi ha lasciato…” “…Vengo subito, Loredana mi vesto, oggi non vado all’Ortopedico, mi prendo un giorno di vacanza, non avevo interventi.” Anche Pippo aveva avuto la stessa sorte, la prima consorte si era ‘involata’ con un tale più giovane di lui ma aveva avuto la fortuna di trovare in Loredana una catanese ex modella, piacevole e molto elegante. Alberto aveva lasciato la porta d’ingresso aperta e andò a farsi una doccia ed a sbarbarsi, aveva stretto i pugni, stava mettendo in atto il suo motto ‘mai lasciarsi andare’. “Pippo sono in bagno, fatti un caffè e mangia quello che vuoi.” “Cavolo sembri invecchiato di un secolo, sto pensando come risolvere i tuoi problemi; fra qualche giorno, i primi di agosto, vado in vacanza, verrai con noi in barca.” “Dimmi la verità sapevi che Anna aveva una relazione extra?” “Io e Loredana abbiamo quasi litigato per metterci d’accordo se renderti edotto che Paolo S. era l’amante di tua moglie, abbiamo deciso di no sperando che…ma vedo che …” “Mon ami troppi che, sai che mi ha scritto Anna nel  messaggio telefonico con cui mi ha comunicato la sua partenza che il mondo è pieno di fiche, in fondo ha ragione: ‘vita non est nisi unus ita vixit ut optimus’ quando sono in crisi mi rifugio nel latino magari maccheronico, grazie di essere qui, vai a sbrigare le tue cose a fammi sapere quando ritieni di partire con la barca.“ Più che una barca quella di Pippo era uno yacht: due vele e con motore ausiliario, destinazione Malta. “Da medico previdente ho portato con me pillole per il mal di testa, non si sa mai…”battuta spiritosa di Pippo. Loredana si era ‘infilata’in un costume brasiliano: tette col solo  capezzolo coperto, più in basso una specie di francobollo sulla cosina depilata e dietro un filo…Guardando la moglie Pippo: “Vedi che ho fatto bene a portare le pillole contro il mal di testa…” “Mom ami, per me le mogli degli amici sono come gli angeli di cristiana memoria, non hanno sesso.” Purtroppo Nettuno non fu loro favorevole, a bordo tutti e tre si davano da fare ma un forte vento spinse lo yacht sulla costa tunisina verso l’isola di Djerba. Avvicinatisi alla banchina col motore ausiliario i tre furono ‘agganciati’ da un indigeno che aveva vinto la concorrenza di suoi colleghi. “Je suis Mohammed-Al Mokki, vingt Euro au jour.” Affare fatto, i tre non ingoiarono quasi nulla, il mare forte aveva rivoluzionato lo stomaco, restarono a riposare: Pippo e Loredana in un cabina con letto matrimoniale e Alberto un una con due letti singoli, quella degli ospiti. La sera tutti e tre ‘ripresero le penne’ come si dice a Roma, città natale di Alberto e,  messisi sull’elegante si fecero indicare da Mohamed dove trovare un locale notturno. Furono indirizzati all’hotel Green Palm al cui interno v’era ‘Le Cyclone’.  Musica orientale con tanto di ballerine dedite alla danza del ventre. Ad un certo punto Alberto si mise a ridere. “Finalmente ! Cos’hai trovato di tanto divertente?” “Ritornando agli studi classici ha ricordato che quest’isola era nell’Eneide quella dei lotofagi, mangiatori di loto pianta che fece loro dimenticare il passato tanto si non voler più ritornare ad Itaca, spero mi faccia lo stesso effetto!” L’orchestra passò alla musica occidentale e alcune coppie di stranieri presero a ballare. Alberto adocchiò un tavolo con un arabo bassotto, panzone e faccia da crapulone circondato da due ballerine e vicino a lui, seduta a terra, una ragazza vestita di nero col solo viso scoperto. I suoi occhi erano molto belli ma tristi, il resto del viso piacevole, molto giovane. Si avvicinò e le chiese di ballare in italiano. Palla di lardo in francese: "Si vous  voulez vous  pouvez l’acheter, est mon esclave, donne moi trois mille Euro.”
    Alberto dal francese che aveva studiato a scuola capì la richiesta e, ritornando al tavolo si fece dare da Pippo duemila €uro, li aggiunse a mille dei suoi li diede al panzone e, presa per mano la schiava, la portò con se al tavolo; i  suoi amici avevano gli occhi di fuori (in senso traslato.) “Torniamo alla barca, ti spiegherò.” Vicino allo yacht trovarono il guardiano che a gesti fece capire che la ragazza non poteva salire a bordo, bastarono cento Euro…Poi la spiegazione di Alberto senza alcun commento da parte di Pippo e di Loredana la quale prestò una camicia ed una vestaglia da notte alla ragazza che si era presentata. “Mon nome est Amina Sawsan, je suis soudanaise.” L’atmosfera era diventata surreale, tutti a letto sino alle sette di mattina quando Pippo: “Albè ci siamo incasinati, che ne facciamo della ragazza, non puoi portarla in Italia senza documenti. Anche se è abbastanza chiara di carnagione si vede subito che non è italiana.” “Pippo tu fammi sbarcare a Messina, per il resto me la vedo io.” Venti favorevoli, giunsero nella città dello Stretto nel tardo pomeriggio del giorno seguente. Alberto telefonò al guardiano delle villette: “Salvatore sono Alberto (si davano del tu), vai a casa mia, prendi le chiavi della Jaguar e raggiungici al molo dinanzi alla Prefettura. All'andata aveva usato un tassì. Caricati sulla auto sia i bagagli che i passeggeri, presto arrivarono alle rispettive abitazioni. Salvatore era tutto un punto interrogativo che rimase senza risposta sino al giorno dopo. “Amico mio, quella ragazza è sudanese, non ha documenti ma è bellissima e la voglio… regolarizzare in Italia, qui ci sono duecento €uro, per favore non farne cenno a nessuno a vacci a comprare qualcosa per mangiare.” La convivenza con Amina era diventata una commedia in primis per via della lingua: Alberto cercava di parlare il miglior francese di sua conoscenza traducendo poi le parole in italiano per insegnarlo ad Amina con la quale divideva il letto matrimoniale ma..ognuno dalla sua parte. La ragazza fu fornita di qualche vestito e scarpe da parte di Loredana ma in seguito fu accompagnata da Alberto nel miglior negozio di Messina  dove una commessa: “Signor M. chi è la ragazza?” “È una mia cugina di Parigi, parla solo francese.” La balla non fu creduta dai vari appartenenti del negozio che nel frattempo si davano da fare per accontentare la nuova acquirente che, prima di acquistare un vestito o un paio di scarpe chiedeva, con gli occhi, l’approvazione del suo anfitrione. I giorni passavano scanditi solo dalle lezioni di italiano che Alberto impartiva ad Amina la quale, da ragazza intelligente, in poco tempo migliorò il suo idioma italico. Dietro consiglio dell’avvocato  Nino A. Alberto con lo sborso di 10.000 Euro fece avere alla ragazza un falso passaporto sudanese col quale si recò all’Inps dall’amico Ferdinando F. per una pratica di badante. Il cotale, malgrado i buoni rapporti, era piuttosto perplesso: “Alberto sei sicuro di questo passaporto, la ragazza ha venticinque anni, nella foto ne dimostra molti di meno non vorrei…” “Vorrai, vorrai mon ami, ti ricordi quella statuetta che hai visto nella gioielleria Strano di viale S.Martino? È ancora là in attesa di un acquirente…” Le cose in un certo senso erano state sistemate solo un punto mancava, si proprio quello, il sesso. I settanta anni si facevano sentire in quel campo e allora? Alberto decise di andare in una farmacia dove non era conosciuto, recentemente ne aveva notato una nuova lungo la circonvallazione, si presentò al titolare un giovane medico coadiuvato da un aiutante: “Dottore sono Alberto M., settanta anni, ho bisogno di un aiutino…riservato.” “Sono Alfio T. e questo è Turi S., le prescrivo la Spedra da 100 mg. da assumere mezz’ora prima di…sempre che abbia a disposizione la materia prima!” “A proposito di materia prima mi dia anche degli assorbenti igienici per donna ed una confezione di pillole anticoncezionali.” “Età della signora: cinquanta?... Quaranta?... Trenta?...Venti?” “Venti.” “Questa è Azalia, auguri e…ci vada piano.” Era un consiglio o l’espressione di una punta di invidia? Chissene… A casa Amina era intenta a guardare una trasmissione della tv, riguardava Roma ed i suoi monumenti. “Molto bella Roma, mi sembra tua città.” Ci sono nato e l’ho lasciata a 19 anni, ci tornerò volentieri con te, intanto cerco un albergo a Roma, non voglio disturbare il figlio di mia cugina unico parente rimasto in vita.” A dir la verità Alberto aveva in mente ben altra situazione…voleva ‘assaggiare’ la cosina di ‘Faccetta Nera’, che nel frattempo assumeva la pillola Azalia, ma preferì accontentarla. Al computer cercò  l’albergo ‘Hotel Relais dei Papi’ vicino al ristorante ‘Cencio la Parolaccia’ dove voleva cenare e poi, sistemato il navigatore satellitare partenza  prima sul traghetto a poi sull’autostrada per Roma. Lungo il tragitto  grande euforia di Amina che durante le soste l’abbracciava con grande entusiasmo e curiosità da parte di persone vicino a loro (un vecchietto vicino ad una giovane e bella perdipiù negretta!) Arrivarono nel pomeriggio, sistemazione in albergo, piccolo riposino, trucco della baby e rasatura per lui e poi ingresso al ristorante ‘La parolaccia’ subito circondati da camerieri con gli occhi di fuori felici di poter sfottere una coppia fuori del comune. Alberto: “Je voudrais
    une table pour deu.” Voleva vedere sino a che punto si sarebbero spinti i camerieri con gli insulti, gli improperi e le parolacce. “ ’n vedi , ‘n vecchio rincoglionito cò ‘na mignotta negra, je portamo spaghetti al viagra!” Alberto “Mè sa che er Viagra serve a te, eppoi me sembri pure ‘n po’ frocio, nun sei dè Roma ma burino lavoratore strappato a la tera” “Er nonnetto è romano damoje solo seconni che viso pallido non conosce, che ne dichi de: osso buco, coda alla vaccinara, scaloppine al limone, saltimbocca alla romana e abbacchio al forno. Poi portamo n’ananàs pè fa digerì er vejardo nun vorrei che ce resta secco.” Alberto fece buon viso a cattivo gioco, diede una sostanziosa mancia ai tre camerieri che, capita l’antifona, non ruppero più le scatole. Amina mangiò un po’ di tutto sporcandosi le mani, ogni tanto abbracciava con trasporto ‘er vejardo’ con ovvia curiosità degli altri commensali. Alberto assaggiò appena il vino  Trebbiano di Soave cui invece fece un po’ troppo festa Amina con la conseguenza che, una volta rientrati in albergo, la baby stecchita su buttò sul letto ed finì nelle braccia di Morfeo e non in quelle ‘der vecchietto’ il quale si rassegnò sperando nel domani ricordando con tristezza il: ‘Carpe diem quam minimum credulus postero’ e facendo un pensiero sugli ultimi avvenimenti: ‘acquisto’ di una schiava, rientro al proprio focolare e per l’agognato desidero nulla più che qualche bacio, un po’ poco! Amina la mattina si svegliò per prima, prese possesso del bagno ed uscita bella e profumata (aveva usato il profumo di Anna il Mit Ciu Quo baciò Alberto con una novità: “A Khartoum ero a scuola d'’arte, e vorrei visitare i monumenti di Roma.” Porca vacca, questa proprio non ci voleva ma, more solito, il buon Albertone si piegò ai desiderata della futura ‘consorte’ e, dietro consiglio del portiere dell’albergo, chiamò un tassì, sarebbe stato difficile girare per Roma e posteggiare con la Jaguar. Gli capitò il classico romano: “Dottò 'ndò annamo?” “Come te chiami?” “Romoletto.” “A’ Romolè io sono Alberto, mia moglie vuole visitare i monumenti, facce girà pè Roma.” E così fu sino all’ora di pranzo che Alberto preferì consumare nel ristorante dell’albergo, non aveva nessuna voglia di essere investito da parolacce varie. Dopo pranzo Amina guardò Alberto negli occhi e inaspettatamente: “So quello che tu volere, dopo riposo sono tutta per te.” Essere al settimo cielo era l’espressione adatta per il settantenne prossimo amante della baby. E così fu: finalmente sotto la doccia Alberto poté rimirare il flessuoso corpo di Amina, una bellezza da modella, a letto un cunnilingus con relativo finale  e, passata la mezz’ora preconizzata dal farmacista tutto come quando aveva quaranta anni. Tralascio e vissero a lungo felici anche se così fu con invidia di tutti tranne che di Pippo e di Loredana con cui spesso  pranzavano ed andavano in gita. ‘Viva l’Italia’ espressione che non c’entra gran che con la storia ma fa tanto patriottico!