username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Filtri di ricerca
  • Il racconto contiene la parola
  • Nome autore

Racconti

“Scrivere è viaggiare senza la seccatura dei bagagli”
Emilio Salgari


I racconti dei nostri autori sono tutti raccolti qui.
Se vuoi inserire i tuoi racconti brevi in una pagina a te riservata, iscriviti ora e scopri come fare!

elementi per pagina
  • 13 maggio 2015 alle ore 11:46
    24 ottobre 2014

    Come comincia: Non avevo mai creduto a stupidaggini come il colpo di fulmine o l'amore a prima vista.
    "Che stronzata!Come ci si fa ad innamorare di qualcuno se nemmeno lo si conosce?"
    E' questo che mi colpisce di te,hai il potere di farmi cambiare sempre idea su ogni cosa.
    Dal momento in cui ho incrociato il tuo sguardo,qualcosa si è mosso dentro me.
    Non so cosa tu abbia di così speciale,in fin dei conti non sei diverso dagli altri,eppure per me lo sei e il fatto che io non capisca nemmeno il perchè mi rende nervosa!
    Ok,forse l'amore a prima vista esiste,ma giuro che la prossima volta cercherò di ricordarmi di tenere la testa bassa e continuare a guardare il pavimento!

  • 13 maggio 2015 alle ore 11:45
    24 ottobre 2014

    Come comincia: Non ho niente di speciale,non ho niente di diverso da mille altre ragazze che puoi aver conosciuto.
    Io non sono perfetta,non sarò sempre vestita in modo impeccabile,non avrò sempre i capelli in ordine e il mio trucco non dura poi così tanto tempo,però una cosa posso assicurartela:io ci sarò sempre per te,sarò sempre lì quando avrai bisogno di conforto,sarò sempre disposta ad ascoltarti e ad aiutarti,non ti mentirò mai,anche a costo di farti arrabbiare,io con te sarò sincera.
    C'è anche un'altra cosa che posso dirti,forse troverai milioni di persone migliori di me,più belle di me,più simpatiche e con il sorriso sempre stampato sulla faccia,ma stai pur certo che nessuna di loro potrà amarti quanto in questo momento ti amo io.

  • 13 maggio 2015 alle ore 11:44
    24 ottobre 2014

    Come comincia: Mi piacciono quelle persone che non hanno bisogno di troppe parole,di lunghi discorsi,di serate eccezionali.
    Mi piacciono quelle persone spontanee,con le quali puoi passare una bella serata senza dover fare grandi cose,con le quali ti diverti anche solo passeggiando.
    Mi piacciono quelle persone con le quali è facile ridere,pensando ad una figuraccia o ad un ricordo felice.
    Mi piacciono quelle persone che ti fanno star bene anche solo stando al tuo fianco,che rendono i momenti più semplici indimenticabili.

  • 13 maggio 2015 alle ore 11:42
    24 ottobre 2014

    Come comincia: Devi fare attenzione mentre sogni, perchè puoi fare il sogno più bello della tua vita. Il sogno che ti fa sorridere anche se stai dormendo. Puoi sognare la cosa a cui tieni di più al mondo e che non può essere tua. Puoi sognare, puoi sognare sì certo, però ricordati che prima o poi arriva sempre il momento in cui ti devi svegliare, aprire gli occhi e affrontare la realtà senza avere quella cosa. 
    E lì è dura. 
    Quindi evita, evita, di sognare. 
    Scaccia anche questi piccoli sprazzi di falsa e momentanea felicità e cerca, prova a vivere la realtà.

  • 13 maggio 2015 alle ore 11:29
    27 ottobre 2014

    Come comincia: Non mi lamento di nulla, ho una bella famiglia, degli ottimi amici che mi vogliono bene. Devo proprio dire che da quel lato va tutto alla grande, nessuno mi crea problemi. Vorrei parlare di te, di quanto sei stronzo! Di te che mi hai reso la vita un inferno, che mi hai fatto sentire inutile. Vogliamo parlare anche di tutte le lacrime che mi hai fatto versare ingiustamente? Di tutte le persone che mi sono messa contro pur di stare con te? Ma vattene a fanculo!

  • 13 maggio 2015 alle ore 11:27
    27 ottobre 2014

    Come comincia: La vita ti mette sempre a dura prova, spesso ti trovi davanti a degli ostacoli da superare, c'è chi non li affronta tirandosi indietro e chi, invece, persiste e li affronta proseguendo il cammino, anche se con grande fatica, pur essendo consapevole che troverà sempre delle difficoltà e sa che le cose non sempre vanno bene come spesso le aveva programmate. A volte alcune scelte costano caro e una volta raggiunte ti fanno star male, ma la tua caparbietà ti porta a farle lo stesso. Le esperienze negative ti portano a soffrire, ti fanno star male da morire, ma sono anche quelle che ti aiutano a guardare in faccia la realtà e ti fanno maturare. Con il tempo capisci che non sempre c'è chi ti aiuta e che su molte cose devi rimboccarti le maniche e cavartela da sola/o , devi avere fiducia in te stessa/o. E' necessario pensare che ce la devi fare, che non devi abbatterti o arrenderti al primo ostacolo che ti si presenta davanti, anzi devi combattere per le cose che ti stanno a cuore e devi imparare a farti rispettare. La vita è una continua lotta, solo i più forti e i più astuti vincono, gli altri, invece, non sono capaci di sopravvivere a certi dolori e se lo fanno, vivono rinchiusi nella gabbia dei loro ricordi. Tutto quello che ho imparato nella vita è questo: è necessario lottare sempre per quello che ti sta cuore, non permettere più a nessuno di sconfiggerti e di calpestare i sogni a cui aspiri, devi contare sempre, solo ed esclusivamente sulle tue forze, non devi appoggiarmi a nessuno, in questo modo anche se sbaglierai nessuno avrà il diritto di giudicarti. Tutto questo ti serve per non permettere più a nessun coglione e a nessuna troia di distruggerti in futuro.

  • 11 maggio 2015 alle ore 14:23
    2013

    Come comincia: L'amore e' farsi le coccole sullo stesso divano.
    L'amore e' fare cose strane pur di far ridere.
    L'amore e' fare facce buffe pur di strappare un sorriso quando si e' arrabbiati per motivi disparati.
    L'amore e' condividere una piccola coperta pur stare vicini l'uno accanto all'altra.
    L'amore e' andare a fare la spesa e cucinare insieme.
    L'amore e' avventurarsi in ogni piccola cosa.
    L'amore e' fare tutto insieme con passione.
    L'amore e' voler stare insieme ogni giorno perche' ami il suo sorriso che ti illumina il viso quando lo vedi.
    L'amore e' essere amici e amanti per sempre.
    Quando trovi l'amore vero vivi un vero e proprio paradiso sulla terra.
    L'amore e' irrevocabile.
    L'amore e' un uomo e una donna che vogliono stare insieme fino alla fine dei tempi.

  • 11 maggio 2015 alle ore 11:17
    Francesca Spada o della disillusione di partito

    Come comincia: Quando si è diretta verso la porta, sua figlia l’ha inseguita a piccoli passi e le ha stretto le gambe forte, all’altezza delle cosce. I bambini sentono sempre ciò che sta per accadere.

    Ora, sale verso i Camaldoli, lungo i tornanti trafficati. Ai semafori lancia uno sguardo ai muretti a secco invasi dalle erbacce, alle scritte che inneggiano all’amore libero. La conosce: è la sua Napoli in disuso, stanca come una vecchia in pantofole. Ma Francesca guarda ormai tutto questo senza disgusto. E’ bella ancora, la ruga tra le sopracciglia non appesantisce il suo sguardo, che resta curioso come quello di un bambino. Fa caldo, nonostante si sia lontani dall’estate. E’ un giorno di ricorrenze e giaculatorie nelle chiese. Sente le mani incollate al volante.
    Sudano come quelle di sua figlia quando gliele ha strette sulla porta di casa dicendole solo, senza guardarla negli occhi: Torno subito.
    Un ragazzo in motorino le taglia la strada, tra le labbra gli penzola una sigaretta, alza le mani in segno di scusa. La frenata brusca la riporta alla realtà, per un attimo si riprende, si dice: ‘Va’ da loro, ti aspettano, cosa cazzo stai facendo’. Ma poi è proprio il pensiero di Renzo a farla andare avanti. E’ convinta di aver interrotto fin troppo il suo cammino, intralciandoglielo come avrebbe fatto una donna qualunque. Allora prosegue, pigiando forte il piede sull’acceleratore e svolta a destra, verso casa sua. E’ l’ultima volta che il suo sguardo si posa su quegli incroci, sulle piazzole di sosta, sulla tettoia del distributore di carburante, lesionato dal vento. Eppure sembrerebbe ancora tutto da fare: la vita, i progetti.

    C’è un posto che è l’ultimo, nel territorio in cui si è deciso di vivere e questo, lei, lo sa bene. Come Renzo, che ha scelto il luogo definitivo della coerenza. Con Renato ne hanno discusso spesso, e sempre parlavano di determinare la propria vita a costo di ogni sofferenza. Discutevano pure di musica: era un modo come un altro per riconoscere – e accettare – la loro mancanza di uso del mondo. Renzo li guardava scuotendo il capo, l’espressione conciliante, ma erano stati momenti di intensa felicità. E pure Renato, dov’è andato a finire? In un buco senza fondo, nello spazio bianco, dentro l’infinito smarrimento della morte. Non credo in Dio, le diceva, credo nell’eternità e anche su questo loro due erano d’accordo. Perciò la scomparsa di Renato non era stata solo un evento doloroso e inaspettato. Era stata, piuttosto, un segno, un messaggio, una rivelazione. Suonavano il piano seduti uno accanto all’altra, le mani che si sfioravano, gli occhi chiusi, lei col capo inclinato verso di lui, lui assorto in un’assenza. La politica, i discorsi intellettuali, le domande pressanti sulla società, su dove stesse andando il Partito, ogni cosa si faceva lontana, in quei momenti. Al liceo Francesca studiava solo quello che le piaceva, ma scrivere l’appassionava e, nonostante il suo carattere ribelle, era molto amata dai professori. Le piaceva Euripide, la storia simbiotica tra Alcesti e Admeto. Quando un argomento catturava la sua attenzione non c’era più niente da fare. Lo aveva tradotto in modo mirabile, il testo, tant’è che il professore s’era pure complimentato con i suoi genitori, aggiungendo qualcosa a proposito della sua incostanza.

    Poi arriva sotto casa e cerca freneticamente le chiavi sul fondo della borsa. E’, anche questo, un ultimo gesto. Ancora tutto potrebbe essere rimescolato, come carte sul tavolo da gioco. Perciò, forse, il pensiero dei volti amici l’afferra: come se anche chi è già morto sia ancora lì, a ricordarle la vita che è stata e che non sarà più, a darle il coraggio di tentare un ultimo salto, attraversando il ponte che separa la vita dal nulla. Poi trova le chiavi, le tiene nel palmo della mano, chiuse nel pugno, e resta ferma, i piedi inchiodati al pavimento. In giardino ha reciso delle rose che tiene strette al petto, avvolte in un foulard. Lascia che le spine la graffino, in un dolore meraviglioso. Ecco che avanza, ora. Senza guardarsi intorno. E’ bene abituarsi all’invisibilità. Anche le scale le sale come se fosse un fantasma, temendo di incontrare qualcuno. Poi gira le chiavi nella toppa ed entra nell’appartamento in cui ristagna un odore di chiuso e di muffa. Tutto, nel palazzo dagli intonaci scrostati, è silenzio. I suoi passi risuonano sul pavimento di marmo, spaventandola. Tergiversa, poi si dirige verso la camera da letto e, d’un tratto, ha paura di non farcela. Tira fuori dall’armadio la coperta fatta all’uncinetto, con le rose e le pagode cinesi. La stende sul materasso con cura, e già le mani le tremano. Spruzza del profumo di colonia che ha trovato sul cassettone mangiato dai tarli. Il buon odore quasi la consola, assieme a quello dei fiori, così struggente e diverso. Chissà perché, apre le rose con le mani, premendo sui petali finché non cedono. Li sparge sul letto con un’indolenza spaventata e muta, poi vi si sdraia sopra, ancora con le scarpe ai piedi. ‘Così non va bene’, pensa. Ha messo in borsa una camicia da notte di seta, la tira fuori, a lungo ne accarezza la consistenza. Dopotutto, si tratta delle ultime cose da fare. Allora si spoglia, la pelle tremante, sentendo il freddo dell’appartamento chiuso da mesi. La pelle delle sue spalle è liscia, senza macchie. Francesca è bella. Si guarda nello specchio della toletta di fronte al letto e si vede. E’ stata sempre una donna desiderabile. Agli uomini piacciono le irregolari come lei, che non calcolano. Sono donne comode e scomode allo stesso tempo, perché non sanno mettere radici. Fanno domande che riguardano la vita, ignorano le querimonie quotidiane, girano le pagine, non restano attaccate. Non ce l’ha col Partito, Francesca. Non più. Hanno detto di lei che era macchiata. Tutti quei figli, la fatica per tenere assieme i fatti, le fughe da casa: queste non sono che piacciono agli uomini del P.C.I. Perciò Renzo meritava di più, più di una come lei, di quella misera esistenza. Gliel’hanno sempre fatto capire. Riprende coraggio, si sdraia sul letto. Accanto a sé ha la copia del libro di Rilke. Non lascia altro, a Renzo. Ma sa che lui capirà.

    E’ quasi fatta. Prende il flacone con mani tremanti, versa l’acqua nel bicchiere. Coordina i gesti con calma, lei che è sempre stata famosa per i suoi scatti d’ira. Due, tre, sette pillole. Hanno un sapore amarissimo. Inizia con uno stordimento, un giramento di testa, quella cosa. Adesso sa cos’è. Il cervello pare spostarsi più in là del cranio, delle mani, del seno. Bene. Dunque è così. Poi avverte un dolore lancinante allo stomaco, e sudori freddi lungo la schiena, la fronte. I volti, certe frasi, s’accavallano dentro la sua mente. Se non fosse tanto doloroso. Stringe i pugni così forte da tagliarsi i palmi delle mani. Non durerà a lungo. Non lo vuole quel dolore che la lega al corpo, a tratti. Il corpo non c’entra niente, non vuole star lì, e inizia a contorcersi. Stende le gambe in un crampo che la taglia in due, prova a scendere dal letto, ma i piedi non riescono a toccare terra. Guarda la stanza con gli occhi chiusi, adesso, in una smorfia che immagina orribile. “Torna presto”, le aveva detto, perentoria, sua figlia, sulla soglia di casa, la bocca imbronciata. Nel momento in cui le appare quel piccolo volto, Francesca smette di pensarlo. E’ solo un attimo, l’ultimo respiro.
     

  • 10 maggio 2015 alle ore 8:50
    2007

    Come comincia: Ho capito che ogni tanto
    bisogna bendare gli occhi per
    non vedere ciò che ci fa male..
    Ho imparato che non bisogna per
    forza avere le ali per volare lassù..
    ... Ho imparato che basta davvero poco
    per cambiare la tua vita.
    Ho imparato che l'amicizia è davvero
    un tesoro prezioso (se vera)...
    Ho imparato che non tutto ciò che
    sembra vero e sincero lo è...
    Non tutto ciò che luccica è oro...
    Ho imparato che tutto ciò che
    è vero non finisce mai,
    che il volersi bene supera
    tutto, ogni ostacolo e ogni problema.
    Ho imparato a medicare da sole le mie
    ferite....Quelle ferite che non vedi ma che
    senti dentro, un dolore che ti lacera...
    Ho imparato che se stai male,
    solo chi ti vuole davvero bene non ti
    lascia solo....
    Ho imparato a rialzarmi ogni volta
    che cado ...Forse più forte di prima!

  • 10 maggio 2015 alle ore 8:43
    2010

    Come comincia: Dimentica chi sparla alle tue spalle, chi ti prende in giro, chi umilia, chi ti ha mentito, chi ti ha ferito, deluso, tradito, condannato. Dimentica chi non ti ha mai voluto, chi ti ha fatto soffrire, chi prometteva e non manteneva. Dimentica chi non ti ama, chi ti punta il dito contro, chi non aspetta altro che un tuo sbaglio. Dimentica i brutti periodi,coloro che non valeva la pena avere nella tua vita, le parole di conforto che hai detto a chi non le meritava. Dimentica il male che ti hanno fatto...goditi la vita!

  • 10 maggio 2015 alle ore 8:42
    2010

    Come comincia: Ci sono momenti in cui guardi le persone che ti circondano alcune sono entrate perchè hanno trovato di meglio, altre vanno e vengono senza motivo. Ma le persone vere sono quelle che sono rimaste nonostante tutto e tutti, tra gioie e amarezze, tra sorrisi e lacrime, che ti accettano così come sei, che sopportano i tuoi difetti e apprezzano i tuoi pregi.

  • 10 maggio 2015 alle ore 8:41
    2010

    Come comincia: Ho imparato a mandare via gentaglia che per me non ha valore e a piangere solo per chi merita le mie lacrime, il mio dolore e a vivere con un sorriso anche se a volte è difficile davvero. Ho imparato che e’ bellissimo vedere star bene le persone a cui voglio bene. Ho imparato a godere delle cattiverie gratuite che ricevo dagli infami, provo una gran pena per loro che, giorno per giorno, li vedo divorati da tutta quell’invidia che covano. Grazie a loro ho capito quanto valgo!

  • 10 maggio 2015 alle ore 8:37
    2010

    Come comincia: La vera donna si differenza dalla massa
    perchè prima di amare qualcuno ha imparato ad amare se stessa,
    perchè sa che per rispettare gli altri deve avere rispetto di sè
    perchè sa trasmettere dolcezza e tenerezza 
    ma dentro è forte e indistruttibile.
    La vera donna non vuole stupire la gente ma solo l'uomo che ama.
    La vera donna non aspetta che il destino arrivi a lei, 
    ma fa di tutto per attirarlo a sè.
    La vera donna non si concede, ma si dona senza mai perdere se stessa.

  • 10 maggio 2015 alle ore 8:32
    2010

    Come comincia: Vorrei una Macchina Fotografica incorporata agli occhi. Sarebbe incredibile, poter racchiudere ogni attimo dal mio punto di vista, rivedere quel sorriso incredibile o quel tramonto mozzafiato in qualsiasi momento, proprio come lo vidi di persona. Senza dover mettere il flash o impostarla su tramonto. No, la mia macchina fotografica dovrebbe vedere essattamente quello che vedo io, in ogni piccolo dettaglio. Dovrebbe anche fare dei video interminabili. Così potrei ricordare tutta la mia vita, con un semplice 'Play' .

  • 10 maggio 2015 alle ore 8:14
    2010

    Come comincia: Capita spesso di ripensare ai momenti passati, è come se fossero dipinti permanentemente nella nostra memoria, belli o brutti che siano. E anche contro la nostra volontà, quando ne hanno voglia, affiorano nella nostra mente, più o meno graditi. Quando siamo tristi, ci vengono in mente tutti i momenti peggiori della nostra vita, tutti i pensieri più negativi, i momenti più bui. Se siamo fortunati ad essere felici, allora ecco che si fanno vedere tutti i momenti più belli, le grandi gioie e le conquiste della vita. Quindi gente, cerchiamo di essere più felici possibile, perchè non solo la nostra mente ce ne sarà grata, ma anche noi stessi lo saremo, dopo, quando ci ripenseremo.

  • 10 maggio 2015 alle ore 8:13
    2010

    Come comincia: Lo so a volte sono una bambina.Sono molto permalosa, un pò ingenua, tendo a fidarmi di tutti, a volte sono anche capricciosa, vorrei avere tutto.Sono testarda non cambio idea facilmente.Sono sincera e quando mento mi faccio scoprire immediatamente perchè non so fingere.Quando sono innamorata do tutta me stessa ma se mi fai del male sei fuori dalla mia vita.E poi che dire amo divertirmi, mi piace scherzare e sono molto romantica, amo la musica, credo ancora nel lieto fine, penso che tutto in questa vita abbia un senso, le persone che incontriamo servono a donarci qualcosa. Non mi credo migliore di nessuno ma so quanto valgo. Quando si tratta della vita degli altri so essere molto ottimista, ma poi quando si tratta di me sono molto pessimista XD Il mio sogno? Vivere un amore grande, un vero amore, potrei dirvi tante altre cose ma mi fermo qui non voglio annoiarvi..

  • 10 maggio 2015 alle ore 8:12
    2010

    Come comincia: Odio la mia sensibilità mi rende vulnerabile, specialmente quando inizio a piangere mi sento debole e indifesa. Mi odio quando dopo tutto il male che mi ha fatto una persona riesco sempre a perdonarla. Mi odio quando sono troppo buona e ingenua e gli altri se ne approfittano.

  • 10 maggio 2015 alle ore 8:11
    2010

    Come comincia: Ci sono momenti in cui avrei tante cose da dire, ma non lo faccio perchè preferisco starmene qui da sola in silenzio, perchè so che nessuno mi ascolterà. Preferiscono starmene da sola, pur sapendo che ci potrebbe essere qualcuno pronto ad ascoltarmi e a sapere come sto, ma non ho voglia di far nulla per nessuno perchè mi sembra inutile farlo. Ho solo voglia di starmene qui ad aspettare... aspettare una persona che abbia voglia di ascoltarmi o forse questa attesa è inutile perchè non arriverà mai nessuno qui per me che sia disposto/a a capirmi o a capire i miei problemi. Sai la maggior parte delle persone sono egoiste e menefreghiste, perciò tutto quello che dici, che fai, che pensi non gliene frega niente a nessuno. Nessuno mai verrà a chiederti:" Come stai? Di cosa hai bisogno?"

  • 10 maggio 2015 alle ore 8:02
    2010

    Come comincia: Io una realtà senza amore non riesco a vederla, non riesco più a pensare ad una vita senza una persona che mi ami, che mi sia vicina, che colga i miei momenti di fragilità senza parlare, che sappia regalarmi un sorriso quando ne ho bisogno, non riesco ad addormentarmi senza pensare che quella persona sia la mia metà, la mia ala mancante, il mio cuore, ho voglia di amare ed essere amata, senza limiti, senza doppi fini, ma ho paura... paura che sia solo un bellissimo sogno.

  • 10 maggio 2015 alle ore 8:01
    2010

    Come comincia: Le delusioni, sono sempre dovute ad altri, a qualcuno che che ti volta le spalle, che ti tradisce, che ti giudica, a qualcuno che non ti capisce e di conseguenza agisce facendoti del male, a qualcuno che credevi amico invece lo è stato fino a che gli ha fatto comodo, a qualcuno che si è approfittato della tua ingenuità per arrivare ai propri scopi e poi quando non servi più ti gettano in pasto ai leoni, a qualcuno che dice di amarti, ma che invece dimostra tutt'altro, ecco queste sono le delusioni, il sentirsi ignorati, il sentirsi di troppo.

  • 09 maggio 2015 alle ore 11:11
    Dammi un nome

    Come comincia: Sono l’evento che sancisce la purezza dell’ Amore. Sono il piacere della Mente e la comprensione  dell’ Esistenza. Sono la sconfitta delle paure e la nascita dei Ricordi. Sono il male assoluto della Materia e l’estasi dello Spirito. Non ho rivali, non ho concorrenza, sono l’essenza pura del tormento e del godimento. Sono la fonte della Sapienza e la meta dell’ Ignoranza. Sono la luce della Ricerca e il buio della Sostanza; sono la Calma della tempesta e la bufera della Quiete. Sono il foro nell’ Universo e il nascondiglio nella Terra. Chi mi sente mi Odia, chi mi vede mi Ama. Tu che sei passante tra l’odio e l’amore dammi un nome perché la gente mi brami o mi tema.
     
     
     
     

  • 07 maggio 2015 alle ore 18:52
    6 novembre 2014

    Come comincia:  Non c'è cosa più bella al mondo di due persone che si amano.
    L'amore è quando due persone condividono insieme ogni cosa.
    Quando si perdono in un abbraccio e non pensano al resto del mondo.
    Quando ridono come pazzi e stanno troppo bene insieme.
    Quando due persone si amano tutto diventa possibile, due persone che si amano si prendono cura l'uno dell'altra, si cercano, si proteggono, perchè l'amore lega più di ogni altra cosa. Due persone che si amano di un amore vero, lo fanno incondizionatamente, perchè l'amore è sentirsi liberi di amare veramente.

  • 07 maggio 2015 alle ore 18:49
    2012

    Come comincia: Ogni giorno, ogni momento, mi chiedo cosa succederà quando mi stuferò di lottare, di inseguire un sogno sempre troppo lontano. 
    Quando smetterò di sperare in qualcosa di irreale, quando il mio cuore sarà stanco di battere a ritmo del tuo. 
    Mi chiedo cosa succederà quando smetterò di sorridere per nascondere una lacrima, quando non dirò più "sto bene" ma inizierò a dire "sto male",
    quando non mi basterà più chiudere gli occhi al calar del sole, per rivivere i ricordi più ricchi di colore.

  • 07 maggio 2015 alle ore 18:48
    2012

    Come comincia: Penso ancora che la vita sia un enorme pesce d'aprile, solo che nessuno si è ricordato di avvisarmi.
    Penso ancora che la vita sia un grande incubo, che ogni giorno combatte con i sogni, ed ogni giorno si riconferma campione.
    Penso ancora che le cicatrici smetteranno di bruciare quella mia tenera pelle, solo per vendetta, solo per farmela pagare.
    Penso ancora che l'amore trionferà, che il "per sempre" esisterà, che ogni vita è un po' una favola e che alla fine tutto si aggiusterà.
    Penso ancora che le lacrime siano inutili gocce scese da un cielo troppo nuvoloso, ma che alla fine il sole ritornerà a splendere.
    Penso ancora che il mio cuore faccia da cuscinetto, che attutisca quelle dispute troppo violente per essere lasciate in disparte.
    Penso ancora che riuscirò a non piangere guardando una tua vecchia foto, ed invece le lacrime sono già là che scorrono.

  • 07 maggio 2015 alle ore 18:40
    25 ottobre 2014

    Come comincia: Non esisteva un giorno in cui le nostre parole non sguazzavano nella voglia di sicurezza, di trovare delle risposte e nella ricerca di promesse. Scappavo quando mi chiedevi se saremmo rimasti "per sempre" insieme, non per colpa tua, non perchè ero insicura e neanche per il mio continuo lottare tra amore e destino. Evitavo l'argomento semplicemente perchè a quel per sempre non ci volevo pensare. Non volevo pensare a noi due mano nella mano mentre raggiungevamo l'altare con il mio bellissimo abito da sposa, non volevo pensare alla cerimonia di nozze. Non volevo pensare al futuro, al numero di figli che avremmo avuto e alla scelta del nome avremmo dato loro. Non volevo pensare a nulla neanche ai periodi neri che attraversavamo, ai nostri litigi, alle nostre sfuriate, ai nostri "basta finiamola qui". Non volevo pensare a nulla, nè volevo rispondere alle tue domande. Semplicemente non volevo guardare al futuro. Volevo solo pensare al presente, a noi due, a quello che stavamo vivendo, ai momenti magici che regnavano fra noi in quell'indimenticabile periodo, che hanno colorato la nostra storia. Quel "per sempre" richiedeva tempo e adesso non esiste più per noi.