username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Raffaele di Ianni

in archivio dal 03 mag 2011

02 maggio 1983, Gaeta (LT)

mi descrivo così:
...o poesia o la corda di violino appena sfiorata dall'animo che fugge...

04 luglio 2013 alle ore 15:32

Big Eyes.

Goccia dopo goccia libare i momenti
vissuti tra le braccia e gli aneliti
quando morta la sera s’affaccia
sull’ardente bisogno mal celato.

Ed ho visto d’affanno emozionato
pregni, i tuoi occhi divenire specchi
di perle adornati e brillanti
immensi abissi di quiete passionale.

In segreti ho conservato i sussulti
delle ore calde e buie passate
navigando tra i sensi e le nostre idee
falotiche, svelate prima del tramonto.

Stretta cosi la tua ricerca riposata
al mio desio da tempo praticato
nel luogo dove ritrovata e vincente
la mente bacia il corpo
sublimando la gioia palesata
nella nostra Via di mezzo.

Raffaele di Ianni.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento